HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
UNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI


lunedì 6 giugno 2011
    
Resto lì, incantato per ore, ogni volta che qualche parente o conoscente, giunto alla fine della sua carriera venatoria per età avanzata, mi racconta episodi di caccia in palude appartenenti a più di mezzo secolo fà. Mi sembra di trovarmi nel pieno di quei racconti, respirando odore di palude, camminando per sconfinate distese di acquitrini, con stormi di anatre che volteggiano sulla mia testa, pavoncelle intente a pasturare e saettanti beccaccini che tagliano l’aria come fulmini. Finiti i racconti ritorno tristemente alla realtà del 2011.
 
Perché non abbiamo più la caccia che avevamo prima, che cos’è che è cambiato? Beh faremo prima a dire che cos’è che non è cambiato in tutti questi anni. Come tutti noi ben sappiamo, ogni forma di vita riguardante la flora e la fauna, necessita di un proprio habitat. Nel caso specifico, mi riferisco alle zone umide. Per zone umide si intende luoghi naturali, dove sosta in maniera permanente o temporanea l’acqua, del tipo palude, pantano, acquitrini, torbiere, distese d’acqua naturali o artificiali, ferma o corrente, dolce, salata o salmastra e acque costiere fino a sei metri di profondità con la bassa marea. Queste zone garantiscono la sopravvivenza di numerose specie animali e vegetali, oltre che tutelare la biodiversità, mantenimento e regolazione delle falde freatiche, regolazioni delle maree, regolazioni delle acque in piena e del microclima locale. Nel caso della caccia, queste zone in Italia forniscono un serbatoio indispensabile per la sosta della migratoria, lo svernamento e la riproduzione di anatidi, limicoli, trampolieri  caradriformi ecc...,  garantendo ai cacciatori, votati a questo tipo di pratica venatoria, un sicuro prelievo, sempre nel rispetto delle norme, un’accessibilità comune ma soprattutto un ricambio se non un aumento della ricchezza faunistica. Il tutto è stato rovinato dalla parola “progresso”.
 
Attualmente in Italia abbiamo circa 190.000 ettari di superficie formata da zone umide, di cui 140.000 circa lungo le coste. Basta pensare che questa superficie è solo un terzo di quelle esistenti nel dopoguerra. Infatti proprio nel dopoguerra tantissime di queste zone sono state distrutte dalla famosa bonifica, perché esse erano ritenute inutili alla produttività agricola e per di più pericolose per la malaria. Nel corso degli anni a far compagnia alla bonifica si sono messe le nuove forme di agricoltura e di acquaculture intensive, quantità indecifrabili di cemento per quanto riguarda le costruzioni, specialmente nelle zone di turismo, che vedono più da vicino le zone umide, una non corretta gestione del territorio da parte di persone incompetenti, che hanno favorito l'atrofizzazione dei molti territori rimanenti e, non ultimi, i problemi legati all’inquinamento da parte di scarichi nei corsi d’acqua  di materiale chimico di industrie, grandi prelievi d’acqua, inquinamento acustico, inquinamento luminoso ecc..  
 
Fortunatamente  là dove qualche pozzanghera di acqua e qualche prato allagato c’è rimasto, hanno fatto oasi o area protetta. Per chi invece aveva nascosto la speranza del mare o del fiume, ci ha pensato la legge quadro. Signori miei, la caccia agli acquatici in Italia si riduce a qualche laghetto artificiale chiamato appostamento fisso, a grandi distese di acqua artificiali chiamate valli private e qualche riserva dove si può trovare qualche specchio d'acqua con anatre germanate su richiesta ed in qualche fortunatissima zona invece rimane qualche briciola solo per i residenti. Ovviamente queste possibilità venatorie  fanno si che solo pochi eletti ne possano usufruire, mentre per tutti i cacciatori italiani resta invece soprattutto quel gusto amaro di sentirsi additati da parte dell’opinione pubblica come distruttori di un bene, l'incommensurabile patrimonio di fauna acquatica, che se ancora frequenta quei pochi ambienti residui non è certo merito di chi ci denigra.

Giuseppe Renella*


* Giuseppe Renella è un giovane, giovanissimo appassionato di caccia agli acquatici, che affronta con passione un argomento che pur non esaurendosi nelle sue semplici ma sentite considerazioni  necessita della massima attenzione anche da parte dei responsabili del nostro mondo. Soprattutto perchè le zone umide si collocano per la massima parte in aree di pianura e costiere. Territori massimamente appetiti dalla speculazione non solo edilizia. Se vorremo ancora  godere della bellezza delle multiformi schiere di anatidi e trampolieri, ci dovremo impegnare sempre di più nella salvaguardia di questi preziosissimi ambienti.         
                                                                                                          
Leggi altri Editoriali

18 commenti finora...

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

@wetland italia.e tu pensi che lo abbiamo fatto...ma non sarai mai come cacciare sul mare o in palude.per quanto riguarda fare un appostamento la fai troppo facile,prendere un terreno in affitto o comprarlo non è niente in confronto a quello che vai incontro poi.tu sai benissimo che non vengono più rilasciati appostamenti,ammenochè non muore qualcuno ho,qualcuno rinunci.ammesso che ci sia una capienza,ci vuole consenso del propietario,fare la domanda alla regione che poi viene un comitato tecnico per vedere dove vuoi fare l'appostamento,misurando le distanze da case,strade,e parchi o aosi.se tutto va bene ti rilasciano l'autorizzazione.devi comprare le tabelle,devi fare un mazzo tutto l'anno per ammazzare quanti acquatici.....ammesso che stai su un buon affilo.ecco perchè la gente preferisce l'estero.poi ricorda che da noi le marzaiole non le cacci.saluti

da max 60 12/06/2011 17.34

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Ciao caro Amico dal nome altisonante: Wetland Italia; il discorso che fai non coglie perché purtroppo non sei inserito nel nostro contesto sociale, e così e facile sparare consigli. Ti dirò il problema del terreno e presto risolto e basto anche solo io come cacciatore in quanto ho di proprietà più di cinque ettari di terreno, ed anche avendo la possibilità non ho mai fatto un viaggio all'estero dove la caccia diventa una sparatoria e non senti più l'ebbrezza dell'abbattimento di un capo stanato a fatica o atteso con ansia; premesso questo ti invito in Campania dove leggi e norme sulla caccia sono assai controverse e semplici iter burocratici diventano montagne insormontabili, no credere che non ci sia chi ha pensato di coalizzarsi ma la nostra realtà è diversa.

da Alf84 10/06/2011 23.47

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Invece di piangersi addosso fate quello che hanno fatto migliaia di cacciatori nel centronord:vi unite in dieci persone,invece di fare il viaggetto all'estero e spendere 2500 euro cadauno affittate cinque ettari di terreno agricolo e ci fate un lago con appostamento fisso. E' troppo facile la solita lamentela ed i soldi portati all'estero,abbiate il coraggio di fare quello che è stato fatto in Italia,migliaia di ettari ripristinati e conservati dai cacciatori con sacrifici ed impegni economici.

da Wetland Italia 10/06/2011 20.43

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Colgo l'occasione per convenire a pieno con quanto scritto da Giuseppe,sono con lui e spero ke tanti altri col cuore CACCIATORE possano essere dalla nostra parte,non solo con l'animo ma con l'impegno effettivo di ki vuole cambiare l'attuale situazione della CACCIA che sembra avere un destino oramai così irrimediabilmente segnato;mi piace vivere con il sogno e la speranza che tutti prendano coscienza del boicottaggio procuratoci dalle nostre stesse istituzuioni,e che tutti assieme possiamo cambiare le cose,se non per noi stessi,perlomeno per i nostri figli CACCIATORI!!!!

da Alf84 09/06/2011 4.50

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

bei ricordi andrea,io non ho mai cacciato in mare,ma sempre in palude,ma penso che l'emozione e l'amore per questa caccia sia lo stesso.peccato......però con qualche sacrificio si può sempre provare queste emozioni,andando all'estero,dove la caccia chiude a fine febbraio se non a marzo,e ti trattano con rispetto.alla faccia di tutti gli animalari di casa nostra.

da max 60 08/06/2011 0.25

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

8000 kilometri di costa, le marzaiole che spuntavano a fine febbraio, grandi e piccoli stormi, il mare spumeggiante sotto la tramontana sferzante e gelida, i binocoli sempre appannati, gli spruzzi delle onde che ti entravano dal collo, spesso zero gradi in coperta e tanta tanta passione che non ti faceva nemmeno rendere conto del pericolo di affondare, questa era la nostra caccia a mare............ce la hanno tolta in nome di non si sa ancora che.!!! paese di m....

da andrea ge 07/06/2011 19.47

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

infatti Vittorio... con un paio di mille euro ti ritagli una vacanza da sogno in qualsiasi parte d'Europa...( non ti dico dove vado io..troppo bello) e lo metti in quel posto agli ambientalisti italiani...in ogni caso, in Veneto con un permesso di 15/20 euro ed un caro amico si può accedere alla caccia in valle nel territorio libero..dove per fare 10 anatre è quasi un miracolo ... ma si può... ah ah ah ...

da mart 07/06/2011 17.06

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Discorsi purtroppo tutti veri.....,ma fin che posso, anche se poco e in futuro anche meno, io non mollo!

da JamesBrooke 07/06/2011 12.10

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

in effetti hai quadrato a pieno quella che è la situazione venatoria ed ambientale in Italia caro Giuseppe.Ma quello che mi fa ogni volta sempre più rabbia è la criminalizzazione dei cacciatori da parte dell'intera società non sapendo che le stragi anche se invisibili le commettono proprio questi uomini ovvero il progresso che man mano fanno si che le zone destinate alla sosta degli uccelli scompaiano sempre di più.sono sempre di più oggi giorno gli inviti da parte di amici per vacanze venatorie all'estero ma il mio principio o cultura mi fanno dire perchè io devo espatriare per vivere quelle emozioni che mi danno le anatre e perchè quello che qui è supervietato altrove è la pura normalità...?

da VITTORIO 07/06/2011 11.47

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

sarà finita solamente quando la legge italiana lo dirà altrimenti andrò a caccia anche solo se aprono per un giorno , solo per non dare soddisfazioni agli animalari.

da 100%cacciatore 07/06/2011 9.48

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

è già finita caro fox.......

da max 60 07/06/2011 0.41

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

quel che resta della caccia in toto ,non solo agli acquatici. tra parchi, oasi,leggi assurde e minchiate varie, dove dobbiamo andare a caccia? CACCIAEAMBIENTE , altrimenti cari colleghi, e' finita.

da fox 06/06/2011 17.11

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Non è vero neanche questo. Le aziende faunistico venatorie palustri sono soprattutto nelle valli del Veneto (e Friuli),[e in qualche plaga del sud], dove sono sempre state precluse alla caccia fin dai tempi della Serenissima. negli ultimi vent'anni esiste in effetti - almeno mi pare - un contenzioso con demanio e agenzia delle entrate, ma questa è un'altra storia. Altre zone palustri sono state precluse alla caccia in quanto parchi. Resistono tuttavia ampi spazi dove è possibile ancora la caccia programmata (anche nelle valli venete e dintorni) o a gestione sociale. Poi c'è il numeroso firmamento dei laghi artificali e allagati, soggetti ad appostamento fisso. Non è molto, ma in ogni caso - grazie a sacrifici economici e impegno a suon d'olio di gomito, un certo numero di cacciatori tengono viva anche questa specialità venatoria. Qualcuno si diverte ancora. Basta che si sacrifichi e - se non ha la possibilità di impegnare un patrimonio, ma è sempre stato così, almeno per gli acquatici - si accontenti.

da chinonsicontentanongode 06/06/2011 16.25

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

bhe a dire il vero abbiamo delle bellisime zone di caccia esclusive dove per una stagione di caccia devi sborsare dai 30.000 ai 100.000 euri... e spari più che in Argentina o in tutti i posti del mondo... quel che resta mi sembra un titolo sbagliato . Facciamo cosi, quel che resta nel territorio libero... ah ah ah ... poco...

da mart 06/06/2011 14.59

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

sì, è vero, la civiltà avanza. quella degli animalisti che sono sempre più consumeristi (mangimi per cani e gatti, cappottini e impermeabilini per fido, e infine l'immancabile bara per il giusto riposo eterno, per esempio)ma sempre meno attenti ai veri pericoli che incombono su tutti noi, a causa di scelleratezze varie, considerate magari di stampo metropolitano, ma che incidono su tutto l'ambiente. E agli animali, quelli veri, non ci pensano neanche, se non per screditare il cacciatore, che è l'unico che oltre a preoccuparsene, s'impegna sul campo tutto l'anno per la salvaguardia delle popolazioni selvatiche e degli ambienti dove queste transitano e sostano. o vaglielo a dire alle rosse festaiole di Lecco.

da Paolo Limi 06/06/2011 14.57

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

Caro Giuseppe sei messo male se ti piace la caccia agli acquatici, perchè le zone idonee per tale attività vanno sempre più scomparendo sotto i centri commerciali e i capannoni.

da Tordo toscano 06/06/2011 12.41

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

nascosto tra le canne al bordo dei chiaretti nel buio della notte silenziosamente aspetti. con l'orecchio teso a carpir ogni rumore senti solo il tam tam del tuo batti cuore. si ode un sibilo lontano è l'inconfondibile volo del germano lo senti lontanissimo nel silenzio della notte e fa sobbalzare chi è dentro la botte. robusta e slanciata e la sua figura è veramente una bella creatura. se vola in branco fa un chiacchiericcio sommesso ma questo purtroppo non capita spesso. creatura del freddo che vien da lontano a popolare i sogni di ogni padulano. e questo sentimento di amor particolare che il cacciatore sta al freddo ad aspettare. con il cuore in gola al canto delle nane che han gli occhi buoni e lo l'han visto arrivare. ma in questo rapporto di amor e dinamite che il germano finisce in padella e il cacciator con l'artrite.

da max 60 06/06/2011 12.27

Re:QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI

non solo agli acquatici ma in Italia qel che resta della caccia in generale ?

da peppe 78 06/06/2011 10.36