HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

CHIARI AVVERTIMENTI


lunedì 15 settembre 2014
    

A pochi giorni dall'alluvione nel Gargano, che si è lasciata alle spalle due morti e danni per decine di milioni, suona ancora più urgente il monito dell'Onu sul disastro climatico imminente. “Sappiamo con certezza che il clima è in procinto di cambiare e che i fenomeni meteorologici stanno diventando sempre più estremi a causa delle attività umane'', ha detto Michel Jarraud, segretario generale dell'Omm, l'agenzia meteorologa mondiale delle Nazioni Unite. Purtroppo in Italia le prove di questo cambiamento sono sempre più evidenti.

E' la frequenza degli episodi “straordinari” ad allarmare. Rinfreschiamoci la memoria: ad agosto la piena improvvisa del torrente Lierzache uccide quattro persone nel trevigiano, a luglio un affluente del fiume Serchio allaga la Valfreddana tra Camaiore e Lucca (con danni a case e infrastrutture), ancora a luglio straripa il fiume Seveso a Milano, allagando vaste zone dei quartieri Niguarda e Isola, a maggio è il turno della provincia di Ancona, dove gli straripamenti del fiume Triponzio e del Misa, lasciano nel fango interi paesi e uccidono 3 persone. A gennaio invece erano esondati il fiume Era a Pisa ed il fiume Secchia a Modena (si scoprirà poi che l'argine ha ceduto a causa delle tane delle nutrie). L'evento più catastrofico si registra in Sardegna due mesi prima: 18 morti per le esondazioni di fiumi, torrenti e canali nelle province di Olbia e Nuoro; la causa più evidente è l'abusivismo edilizio, che ha coperto di cemento in maniera dissennata l'originale alveo dei fiumi. Altri episodi rimasti nella memoria sono le alluvioni che hanno colpito la Liguria nel 2011 (altri 18 morti) e quella di Messina del 2009 (36 dispersi), anche qui l'abusivismo edilizio ha giocato un ruolo chiave.

Gestire l'emergenza è ormai divenuta una consuetudine in Italia. Ogni volta il copione è sempre lo stesso: i riflettori si accendono sui luoghi colpiti, arriva la protezione civile, fanno sopralluoghi ministri, governatori e assessori e infine si concede lo Stato di calamità, che permette di accedere a fondi straordinari. I danni vengono coperti solo in minima parte e la zona in questione torna nell'oblio generale. Il tutto per qualche giorno è condito dalle immancabili polemiche per l'assenza di una vera pianificazione idrogeologica del nostro paese (che, fatto incontrovertibile, oggi produce effetti collaterali devastanti, ingigantendo la portata delle precipitazioni), e dalle accuse reciproche dei politici per l'urbanizzazione selvaggia, in molti casi abusiva, tollerata per tutti questi anni. Si fa un po' di cagnara, come tradizione vuole, perché nulla cambi davvero. Per far sì che l'approccio a questi problemi cominci a essere diverso, occorre responsabilizzare chi dalla politica passa a gestire i soldi pubblici. Dobbiamo dire basta alle speculazioni e al malaffare. E chiedere conto a chi ci governa, in ogni singolo comune, di ciò che è stato fatto per mettere in sicurezza i nostri territori. Ma non basta se non si fanno prima riforme di sistema. Servono pene certe e più severe per chi delinque, procedimenti più snelli, controlli serrati e molta programmazione. Un'opinione pubblica più informata e un attivismo ambientalista che sia realmente tale, magari non più asservito alle logiche cerchiobottiste che conosciamo bene, sarebbero certamente propedeutici al cambiamento. Una volta per tutte.

I problemi legati al cambiamento del clima, anche se l'argomento interessa poco, sono qualcosa di estremamente serio e di cui occorre occuparsi. Per la verità sono molti anni che sentiamo appelli e ultimatum simili a quello dell'Onu di pochi giorni fa. Ma stavolta sembra sia in ballo una sorta di irreversibilità ormai vicina, che deve metterci in guardia. Gli oceani, viene detto dai massimi esperti sul clima, non sono più in grado di assimilare la quantità di anidride carbonica prodotta dalle attività umane, sono diventati più acidi. E sulla terra ci sono sempre meno foreste, dobbiamo quindi fare a meno di parte del loro prezioso ossigeno, a fronte di un continuo aumento di Co2. Nel 2013 si è registrato il maggior incremento in un anno di Co2 dal 1984. Secondo i valori riportati dal bollettino dell'organizzazione meteorologica mondiale la concentrazione di Co2 in atmosfera ha raggiunto i 396 ppm, che corrispondono al 142% rispetto al livello preindustriale, mentre metano e ossido di azoto sono rispettivamente il 253 e il 121% rispetto ai livelli prima del 1750. Per effetto dei gas serra la capacità della Terra di trattenere la radiazione solare invece di disperderla nello spazio è aumentata del 34% rispetto al 1990.

Eppure, ancora, nulla si muove. Ci sono altre questioni più rilevanti: la guerra, la politica economica, l'occupazione. Della serie: vorremmo tanto fare qualcosa, ma non è il momento. Non possiamo certo reagire in periodo di crisi, bisogna dare una spinta all'occupazione. Tolleriamo le produzioni a basso costo ma ad alto impatto ambientale, la deforestazione per far posto a nuovi allevamenti intensivi. Andiamo avanti a produrre più di ciò che siamo in grado di consumare e più di quanto le risorse a nostra disposizione lo consentano. Come se non facessimo anche noi parte di questo delicato equilibrio ormai in bilico. Negli USA si consumano 120 kg di carne pro capite l'anno, da noi 90: è proprio l'allevamento intensivo una delle prime cause di aumento di Co2. Ma anche un consumo più consapevole di energia avrebbe il suo effetto benefico. Diceva alla radio giorni fa il meteorologo Maracchi che basterebbe ridurre i condizionatori di casa a 18 gradi in inverno e utilizzare più intelligentemente i condizionatori d'aria d'estate, per ridurre considerevolmente il danno.

Una cosa è certa: bombe d'acqua, trombe d'aria, cicloni e tempeste stanno entrando con irruenza nella vita di tutti noi
. Il che vuol dire che il pianeta ci sta dando dei segnali più che chiari: se non cambieremo rotta, se non torneremo  a modelli di sviluppo più ragionevoli, presto tutto cambierà da sé.

Cinzia Funcis


Leggi altri Editoriali

15 commenti finora...

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

nato ?ma sia quanti continenti completamente vuoti ci sono???!! sai quanto spazio c'è libero? per altri 10 miliardi di persone. poi si dovrà andare sullo spazio...ma ne io ne tu ci saremo più! Stai sereno e goditi la caccia!!

da Frank 18/09/2014 16.38

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Ormai sul pianeta si contano 7 miliardi di esseri (in)umani, con previsioni che nel breve volgere di qualche decennio arriveremo prima a 9 e successivamente a 11 miliardi. E vero che con le previsioni qua fanno spesso figure barbine, ma almeno questo è un dato costante e invariabilmente in crescita. Detto ciò, la domanda è: Quanto pensate che il nostro pianeta sia ancora in grado di sostenere una specie come la nostra, che in fatto di distruzioni fa apparire le peggiori catastrofi mai verificatesi sul nostro pianeta come semplici punture d'insetto? Beh, io credo, e spero di sbagliarmi che la natura piano piano, si stia attrezzando per eliminare un bel po' di ospiti fastidiosi e irriconoscenti.

da Nato cacciatore 18/09/2014 9.39

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

d'accordo lisandru, soprattutto sullo scriteriato potere dei... potenti. che guardano solo al tornaconto immediato e poi, esaurito il filone, cambiano continente. difficile sarà per loro, però, da qui in avanti, cambiare pianeta. se poi, come immagino, sei stato attento agli eventi, in questi ultimi dieci anni almeno il clima da noi è totalmente cambiato. basta pensare ai nubifragi che da tempo colpiscono la liguria (e genova). e anche, che l'anticiclone delle azzorre fa sempre più spesso le bizze. ovvero non fa il suo mestiere, in estate. se colleghi tutte queste anomalie al picco per esempio di co2, o al consumo scriteriato di petrolio e carbone, la risposta ti dovrebbe venire....naturale.

da j. rifkin 16/09/2014 15.18

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

A proposito di ipotesi dettate dagli scienziati , nel 2003 in Sardegna fu una stagione talmente siccitosa ke gridarono allarmi esagerati,stavamo diventando desertici,in nn so' quanto tempo , ci aspettava una regione arsa dal sole........be' da allora nn ha mai piovuto tanto in Sardegna!!!!!!!! Finch'ella certe cose faranno comodo ai potenti o chi cavalca tali tesi con fini personali,nn cambiera' niente, sara' solo la povera gente a rimetterci!!!!!!!!

da Lisandru 16/09/2014 10.29

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Il catastrofismo fa il gioco del nemico, secondo me. Ma se si affronta il tema sotto il profilo millenaristico, la nostra presenza sulla terra è poco più che uno sputo in un oceano. Gli esseri viventi che stanno sul pianeta da milioni di anni, e ce ne sono, quando scompariremo non faranno una piega. La natura, però, a noi come ad altri, ha affidato il compito di sopravvivere a noi stessi, facendo figli e sani e capaci di primeggiare. Se, come cacciatori, vogliamo prefigurare il nostro futuro, dobbiamo pensare diversamente, con un modello mentale che va oltre il banale calendario venatorio, la lista delle specie cacciabili della direttiva UE, le deroghe. insomma, dobbiamo concepire una deroga, una derogona al nostro ordinario modo di intendere il nostro ruolo nella società.

da M. Sallemi 16/09/2014 9.20

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

E chi se ne fotte se la terra ci inghiottirà!!!!! Ci rimetterà la minoranza, ma il lato positivo è che inghiottirà anche tutte le menti malate che vedono la caccia come il male assoluto del pianeta. Avanti terra , avanti meteoriti ripulite questo merdaio perché non sono degni di te.

da Fine 16/09/2014 6.33

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

vero, il primo inquinatore in senso assoluto e relativo sono gli USA. segue a ruota la cina. il demone che sarà difficle sconfiggere è il denaro, che non ha confini. cinquant'anni fa, gli scenari dei futurologi prevedevano che la discarica del pianeta fosse l'australia. come al solito, futurologi e economisti non c'azzeccano mai. ma poteva essere anche un diversivo per lasciare lavorare in pace i sogniri della guerra (atomica, guerrigliata, economicia e finaziaria). come hanno fatto col petrolio (e con il nucleare). dovevano chiudere decenni fa e ancora siamo a scavare pozzi (con terremoti inclusi) e fabbricare centrali. la nostra stirpe (quella di caino) vince sempre, ma forse se non fa bene i conti, torna all'età della pietra. continueremo a cceiderci, col la clava. o forse con la mente, teletrasportando uno strumento che uccide.

da clarck t. 15/09/2014 16.32

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Si, colpiscono la Cina F.D.! Sarebbe come se da domani in Italia iniziassero a colpire ogni sorta di grande che fa la pipì grandemente ed allegramente fuori dalla tazza e la finissero di accanirsi contro i piccoli che magari spargono ogni tanto qualche misera goccia qual e la per sopravvivere, non per accumulare immani ricchezze per pochi a discapito di molti.

da Ezio 15/09/2014 14.36

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Siamo alla fine di un era, l'asse terrestre come ha sempre fatto si sposta ed il clima varia, noi non centriamo per nulla, si deve certamente ridurre l'inquinamento ma i paesi da colpire sono in primis la cina che usa qualsiasi cosa e se ne frega dell'ambiente.

da F.D. 15/09/2014 14.18

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

pardon - volevo scrivere :" la maggior parte dei climatologi e degli scienziati mondiali afferma (disinteressatamente, dato che non ricevono finanziamenti per le loro ricerche dalle agenzie ONU) che i mutamenti climatici NON DIPENDONO DALL' UOMO.

da Fabrizio 15/09/2014 13.35

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

che il cambio del clima del pianeta sia causato dall' uomo e' un' ipotesi che mi pare ben poco realistica. Forse fa il gioco di un certo ambientalismo allarmista e sempre pronto a "battere cassa". La maggior parte dei climatologi e degli scienziati mondiali (del tutto disinteressatamente, visto che non percepiscono finanziamenti dalle agenzie ONU per le loro ricerche) affermano che il cambio del clima e' attribuibile all' uomo. L' unico dato di fatto oggettivo e' che le ere climatiche e i cambi di clima CI SONO SEMPRE STATI del tutto indipendentemente dall' uomo.

da Fabrizio 15/09/2014 13.31

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Interessante tema,ma troppo ambizioso per sperare che qualcosa venga programmato e messo in cantiere. Primo il territorio che ci sta intorno,che viviamo che va messo in sicurezza ,ma non con il miraggio di arricchire qualcuno( mose) .fonte di altra speculazione Secondo, sistema produttivo, le liberalizzazioni hanno creato un po di fame in chi non la conosceva,e sfruttamento in chi viveva di povera agricoltura, per produrre enormi quantita' di merce -senza valore- con offerta superiore alla domanda,vendute i centri co mmerciali dai costi di gestione pazzeschi che si riversano sul prodotto,e che sono riusciti dalle mie parti ad uccidere i centri storici ed i negozi a conduzione famigliare. Ma con un nuovo centro commerciale- che rimarra deserto- il comune ci ( dovrebbe) guadagnare..Terzo ,produzioni ad alto impatto ambientale,-ma chi se ne frega- vanno fin che vanno-poi chiudono ,perche' non di trova la quadra tra salute e lavoro.Tanto poi produce la Cina senza regole?.

da Toni el cacciator 15/09/2014 12.22

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

Gli avvertimenti sono chiari, ma si aspetta sempre che succeda, prevenire mai !! cordialità

da jamesin 15/09/2014 12.15

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

ma i nostri ambientalisti dove sono. e la brambilla...

da nones z. 15/09/2014 10.10

Re:CHIARI AVVERTIMENTI

"CHIUDIAMO LA CACCIA!!!!" Facile la soluzione dei problemi, no??!!

da Ezio 15/09/2014 9.22