HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

IL CATALOGO E' QUESTO


lunedì 25 ottobre 2010
    
Giorni fa, grazie all'iniziativa dell'ATC 16 Pistoia, alla Borsa del Turismo Sportivo di Montecatini Terme, si è parlato degli aspetti  che collegano l'attività venatoria con le varie attività economiche e sociali, turismo compreso. Ritengo sia utile ritornare sull'argomento.

Quando si parla di turismo collegato alla caccia, in primo luogo si pensa al “turismo venatorio”, in Italia e all’estero. Se il riferimento è l’Italia si pensa comunque a “gente che va a caccia”, che cerca alberghi, ristoranti, magari fa acquisti,  ma è il “luogo di caccia”, preferibilmente garante di risultati, al primo posto. E' innegabile che fra le varie attività turistiche c’è anche questo “mercato”, non insignificante se consideriamo solo il numero di Aziende Agrituristico-venatorie, con annessi commerciali, produttivi,  ricettivi.

L’esplosione del patrimonio faunistico costituito dagli ungulati (a parte il cinghiale, caprioli, daini, cervi: la più ricca regione italiana e fra le più d’Europa) porta oggi in Toscana appassionati da ogni parte d’Italia. La ricerca mobile della migratoria, oggi limitata per tanti motivi e comunque più “povera” , è affiancata dall'interesse per il trofeo, che comporta permanenze in loco, anche più lunghe.

Ormai quasi vent’anni fa, del resto, uno studio condotto da illustri professori dell’Università di Firenze certificò in diversi miliardi (corrispondente a circa un terzo del prodotto agricolo vendibile in regione) il movimento economico messo in circolo, direttamente ed indirettamente, dalla caccia in Toscana.
 
Questo tipo di turismo, che non deve essere sottovalutato, è comunque solo una delle forme di turismo riconducibile al mondo della caccia e più in generale della gestione faunistica operata in gran misura dai cacciatori, dalle loro organizzazioni, dalle strutture di gestione dove i cacciatori siedono e lavorano.
 
Sovente, troppo sovente, il concetto di “turismo verde” o “ecologico” è esclusivamente legato ad una visione della natura immobile, ad un ambiente solo da osservare  il più da lontano possibile e non da vivere, modalità che considerano l’uomo, fruitore da sempre delle risorse naturali rinnovabili, quasi un intruso, un estraneo che rischia di far deperire un equilibrio che regge solo se l’uomo stesso ne resta fuori.
 
Questa visione porta automaticamente (fino ad oggi ha generalmente portato) a neppure immaginare che possano esistere qualificatissime occasioni di turismo nella natura fortemente connesse al mondo della caccia e della gestione faunistica e  venatoria, connessione determinata sia dal fatto che tantissime di queste occasioni sono oggi delle realtà soltanto perché sono state ricreate o mantenute o migliorate dai cacciatori, sia perché i cacciatori sono spesso i soli, grazie alla frequentazione che ne hanno, a conoscere situazioni estremamente interessanti, a poter “guidare” un appassionato a scoprire la natura in momenti e luoghi altrimenti ignoti.
 
Un aspetto di particolare rilievo è che spesso queste occasioni sono collocate in aree cosiddette marginali e svantaggiate, non inserite in alcun itinerario turistico, poco segnalate anche per eventuali appassionati di riscoperte gastronomiche o di antiche attività legate al mondo agricolo e forestale: aree dove oggi la sola presenza continuativa “esterna” è quella dei cacciatori, che le frequentano sia per l’attività venatoria propriamente detta, sia per le azioni ad essa propedeutiche (censimenti, realizzazione di colture dedicate, etc), sia per una vera e propria opera di manutenzione ambientale che dura tutto l’anno.
 
Il pensiero comune è che  se si cercano occasioni per poter osservare un cervo, o gli uccelli acquatici, o altri animali che frequentano i nostri monti ed i nostri boschi bisogna andare in un’oasi del Wwf, o in un parco, comunque in un’area interdetta alla caccia e dove i cacciatori non hanno ruolo e cittadinanza. Nella realtà, invece, sono molto più numerose e ricche le tante  situazioni legate alla caccia.
 
E quando dico legate alla caccia, mi riferisco sia a aree dove la caccia si esercita sia a aree dove i cacciatori svolgono attività di gestione faunistica  anche con finalità venatoria, ma dove la caccia non si esercita (Zone di ripopolamento, Zone di rispetto).

Fra l’altro,  la stagione di caccia va da settembre a fine gennaio, ma la gestione delle aree dura tutto l’anno così come la presenza, secondo i loro cicli biologici e le loro caratteristiche, delle specie selvatiche, che stanno in quei luoghi non per magia ma perché ben gestiti, appunto, tutto l’anno.
Gli ungulati ovviamente ci sono sempre, i migratori acquatici solo in determinati periodi. Non sempre, ovviamente, possono essere avvistati né è opportuno disturbarli.
 
Diamo qualche nome alle cose di cui stiamo parlando. Nomi che consentono a tutti di immaginare occasioni di turismo ecologico, nella natura, alla scoperta o riscoperta di immagini, gusti, conoscenze, piaceri, situazioni, emozioni dimenticate o mai provate.
 
- Ambienti naturali o rinaturalizzati (nel senso di ripristinati o ricreati dall’uomo nel corso dei secoli) come zone umide (in Toscana: padule di Fucecchio, Bientina, Massaciuccoli, laguna di Orbetello) o i laghi di caccia (piana di Firenze, Prato) dove gli appostamenti di caccia sono luoghi di sosta e nidificazione di decine di specie che altrimenti in queste plaghe non si troverebbero più.
 
Appostamenti fissi alla selvaggina migratoria di collina o ai colombacci, con l’assetto vegetazionale coltivato, curato e mantenuto  adatto ad ospitare ed alimentare avifauna di tante specie.
 
Aree di caccia di selezione, ricche di ungulati osservabili ed “ascoltabili” (il bramito del cervo nel periodo degli amori).

 Le ricordate Zone di ripopolamento e Zone di rispetto, con specie di fauna cosiddetta nobile stanziale altrimenti difficile da vedere allo stato naturale per un non cacciatore, ad esempio: come lepri, starne, pernici, fagiani.
 
Tutti luoghi che possono ovviamente essere frequentati in compagnia e sotto la guida dei cacciatori. E che se vissuti da un visitatore profano nella giusta atmosfera, non possono altro che far capire la reale importanza della caccia per l'equilibrata presenza della fauna selvatica sul territorio.
 
Sena dimenticare anche tutte quelle attività strettamente  connesse alla caccia, come  le prove cinotecniche, le fiere degli uccelli, i “musei naturalistici e della civiltà contadina” come il Museo Venatorio Itinerante, che aprono uno spaccato per molti nuovo, poco arcadico e molto vissuto e faticoso, sulle campagne e sulle attività che da sempre le caratterizzano; le “imprese economiche” legate alla gestione faunistica, come gli agriturismi venatori che sono anche luoghi di gastronomia.
 
Il  tutto arricchibile con iniziative tematiche mirate, secondo scelta ed interessi: degustazione, ma anche lezioni di cucina della selvaggina e sulle sue proprietà; riconoscimento delle impronte dei mammiferi o del canto degli uccelli; riconoscimento di erbe spontanee commestibili, perché non ci sono solo funghi e  tartufi; e l’elenco è lunghissimo, fino all’allevamento, l’addestramento (e in tanti casi la reimmissione in natura) di falconi e rapaci.
 
Queste realtà già esistono, ne esistono i “curatori gestori” (singoli, a gruppi, di natura sociale o privata), sono a disposizione per visite, osservazioni, esperienze che vanno dal birdwatching all’ascolto del bramito, dalla visita guidata con il tradizionale barchino di padule all’appostamento per vedere il daino o il capriolo o quant’altro.
 
Ci sono esperienze, ad oggi di nicchia, che hanno disvelato e dimostrato il potenziale di questo mondo, fruibile da parte di una utenza non abituale. A Fucecchio con i barchini nei canali e nei chiari di caccia, a Prato sul bramito del cervo, in Garfagnana per scoprire la marmotta, nell’alto Mugello per osservare cervidi in libertà e scrutarne comportamenti e abitudini in natura, non allo zoo o nei semizoo. I laghi di caccia della piana di Firenze sono stati meta di scolaresche entusiaste.
 
Possiamo pensare che mettere a sistema tutto questo corrisponda anche ad un obbiettivo di interesse generale quale è quello di generare ricadute economiche che, visto lo scenario in cui si collocherebbero, diverrebbero anche motivo di rivitalizzazione di realtà marginali, nelle quali però la gente vive ed ha le sue attività, fra cui quelle ricettive, di ristorazione, di prodotti tipici?

E che tutto ciò possa diventare uno scenario interessante anche per un particolare  comparto del turismo, gestito come si deve, dalla elaborazione dell'offerta (i cowiddetti pacchetti), alla loro proposizione, diffusione, gestione?
 
Il mondo della caccia dispone della conoscenza, l’esperienza, i rapporti col territorio sia per individuare situazioni interessanti dal punto di vista naturalistico/faunistico (con la consulenza in tutto il percorso di docenti e ricercatori universitari che ne validano la rilevanza) sia per fare la propria parte di operatori;  servono competenze diverse, professionali con specifico know how per verificare l’esistenza delle altre condizioni richieste, dei requisiti  per poter parlare di proposte veicolabili ad un pubblico vasto e per far si che queste proposte soddisfino esigenze diverse ( esempio banale: ascolto il bramito, ma devo dormire, mangiare, magari sapere se nelle vicinanze c’è un museo, o un concerto, o una sagra, o un luogo storico, o che altro) fino a poter parlare di “offerta turistica” davvero tale ed organizzarla.
 
Lancio una proposta: perchè non realizzare un catalogo delle opportunità fruibili in Toscana per un visitatore che cerchi emozioni del tipo di quelle sopra  sommariamente richiamate? Le basi ci sono tutte, in parte anche con informazioni organizzate e disponibilità verificate. Un catalogo con schede che, per ogni singola opportunità, ne descrivano le peculiarità, l’ubicazione, il periodo, le modalità, i servizi, le eventuali necessità o limitazioni per la fruizione, il contesto circostante, la possibile coincidenza con altre occasioni nelle prossimità, e via dicendo.

E' un'idea forte, utile a veicolare un'immagine propositiva della caccia e dei cacciatori, che ad esempio Federcaccia Toscana è pronta a mettere in pratica con tutti coloro che vorranno dedicarvisi, in primo luogo con gli operatori del settore. In poco tempo, con poche risorse di partenza, si può fare un ottimo lavoro.

Perchè non provare?

Massimo Cocchi
Leggi altri Editoriali

12 commenti finora...

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Intanto la Brambilla, invece di darsi da fare per incrementare il turismo, attravreso tutte4 le opportunità, compresa quella che le potrebbe offrire la caccia, spara cazzate in Televisione. Oggi al TG2 delle 13 l'ennesima marchetta garantita grazie al marchio di fabbrica "berlusconi". Sarà mica per sviare l'attenzione dalle varie Roby di turno? sara mica, perchè anche lei, la BRAMBA, come la BB, di frnote alla prorompente giovinezza di minorenni che si contendono il materasso, vede scorrere il tempo e si rifugia nel suo buen retiro(in Provenza) circondata da cani da l... e da asini da... Neanche nel migliore dei soui sogni, la svampita di Lecco avrebbe mai potuto prefigurarsi un futuro da ministro... che fortunatamente sta per svanire, insieme all'astro Silvio, senza peraltro non lasciare macerie in un settore che è la seconda voce del nostro PIL.

da Barnaba' 30/10/2010 18.13

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Checchè se ne dica, è impossibile cancellare del tutto il passato. Anzi, sarebbe controproducente. Tuttavia, grazie anche agli ATC si potrebbe trovare una mediazione vantaggiosa per tutti. E ricordiamoci, che dove ci sono ladri, ci sono anche quelli che permettono ai ladri di fare i ladri.

da Melampo 28/10/2010 11.07

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Caro Fabrizio, non c'è molto da "incazzarsi" gli animal/ambientalisti fanno la parte da leone e si accaparrano tutte le incazzature, chiarito questo, ti dirò, non sei il primo a proporlo, (vedi Fromboliere) e come già espresso in precedenza, ed ora ribadisco in modo sintetico, se ciò avvenisse, sarebbe più giusto che i nostri soldi arrivasero ai proprietari dei fondi, e non ai tanti ladri che ci lucrano sopra senza portare benefici per il mondo venatorio.

da Nato cacciatore 26/10/2010 12.39

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

so che ora faro' incazzare molti amici cacciatori, ma SE fossimo noi cacciatori a chiedere l' abolizione dell' art. 842 del C.C. ??? intanto toglieremmo ai nostri nemici uno dei loro principali alibi per fare propaganda, poi anche la il regime della proprieta' della fauna selvatica dovrebbe necessariamente cambiare e diventare eguale a quello degli altri paesi europei, per cui il proprietario della fauna selvatica e' il proprietario del fondo. La stragrande maggioranza dei proprietari di aziende agricole credo che sarebbero ben lieti di consorsiarsi e stipulare convenzioni con gli ATC per permettere l' attivita' venatoria nei loro fondi, e ottimizzarli a tale scopo. E' solo un' idea. Voi che ne dite?

da Fabrizio 26/10/2010 12.19

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

già un elenco dove siano riportate tutte le situaziuoni eccellenti collegate alla caccia, non solo in Toscana ma in tutto il paese, metterebbe in evidenza quello che i cacciatori e il sistema mettono in campo per la società, per ll'economia, per il buon andamento della gestione del territorio. Sul turismo, punterei soprattutto sulla gastronomia. Cinghiale e ungulati, in particolare. Ma anche lepre, fagiano pernici, ricercando la costituzione di un marchio doc. Ammesso che ci siano i numeri. Altrimenti la grande distribuzione non ci prende in considerazione. Altrimenti, bisogna limitarsi agli agriturismi, al commercio dei prodotti locoali a km zero, alle soluxzioni salutiste. Se i nostri cacciatori, inoltre, si rendessero disponibili, dopo appositi corsi di aggiornamento specifico, a mettere a disposizione le loror conoscenze per scolaresche turisti "eco" e giovani in genere (vedi campi scuola, vacanze lavoro etc etc) allora sì che dimostreremmo chi davvero è l'elemento indispensabile per la gestione faunistica e ambientale in Italia

da Rino P. 26/10/2010 12.01

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

in Emilia già lo fanno, mi pare

da Lucano 26/10/2010 10.04

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Provare? Bisogna farlo! E ci sono anche altre Regioni che lo possono fare.

da ANTONIOESSE 26/10/2010 8.28

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Ben venga tutto quello che porta conoscenza. Visto che la mancata conoscenza è il nostro vero male. Male nel quale chiunque può raccontare tutto e di più in disprezzo della caccia senza neppure sapere cosa realmente sia, seguendo mode e TV.

da Silvano B. 25/10/2010 19.32

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

MI FA UN PO PAURA,PERCHE? PERCHE NON VORREI CHE SI FINISSE PER TROVARSI (se il business tira) CIRCONDATI DA CARTELLI CON SU SCRITTO "AZIENDA FAUNISTICO VENATORIA" OSSIA A PAGAMENTO CON BUONA PACE PER CHI NON PUO FARLO,NATURALMENTE E UNA MIA OPINIONE....

da max1964 25/10/2010 19.02

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Ecco un idea moderna e che può far uscire il cacciatore da quel cono d'ombra dove ormai lo hanno relegato molti attori della politica e della società civile. Nel mio piccolo mi metto a completa disposizione. Bravo Massimo e brava FIDC Toscana.

da Marco Bigozzi 25/10/2010 14.57

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

Caro Massimo Cocchi, una volta realizzato un simile progetto, auspicabile e sicuramente utile alla nostra causa, dato che ci darebbe modo di farci conoscere sotto una luce diversa da quella con cui ci dipingono, (falsamente) animal/ambientalisti, oltre che istruttivo e altamente emozionante per tutti gli eventuali futuri visitatori non abituali, vuoi per le scoperte di flora e di fauna, che per persone nate e cresciute nelle grosse città alveare, molto spesso sono delle vere e proprie primizie, non avendone ne conoscenza fotografica e tantomeno per sentito dire, vuoi per le giornate passate all'aria aperta immersi nella natura, godendone i benefici oltre che culturali anche salutare dal punto di vista fisico. Quando parlo di ignoranza agrosilvopastorale da parte di cittadini, lo faccio in quanto mi consta personalmente da vicino, esempio di domanda postami da una mia nipotina che non sa cosa sia la campagna, non per colpa sua ovviamente, e nonostante il nonno materno sia un contadino; zio se l'insalata non la porta il nonno chi la "costruisce"?. Sicuramente l'aspetto di un ritorno economico, non è da sottovalutare se si considera che settori di nicchia soffrono per grossi disagi socio/economici, e simili iniziative sicuramente darebbero una scossa in grado di rivitalizzare queste realtà un po' fuori dai canali commerciali abituali. Consentitemi un piccolo consiglio, una volta realizzato il progetto, regalate una settimana di vacanza al "nostro caro" ministro del turismo, in modo tale che almeno avrà cognizione del mondo rurale/ventorio, nella speranza che non si lasci più andare agli sproloqui a cui siamo abituati. Saluti e in bocca al lupo

da Nato cacciatore 25/10/2010 11.13

Re:IL CATALOGO E' QUESTO

l' idea e' semplice ma brillante. Replicare con la verita' dei fatti alle misficazioni dei nostri nemici. Bravi ATC 16, bravo Cocchi !! la caccia salva dall' abbandono molte aree agricole ormai marginalizzate e permette la sopravvivenza di molte piccole aziende e di molte famiglie rurali.

da Fabrizio 25/10/2010 10.40