Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di Dna Marco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA


martedì 26 aprile 2016
    

Francia aree protette Si parla da tempo dalle nostre parti di revisione della legge sui parchi, dell'emergenza ungulati e altre specie selvatiche, di necessità di un migliore controllo delle popolazioni animali e di un recupero degli equilibri fra le diverse specie di fauna selvatica.

Tanto per non andare troppo lontano, ecco cosa succede in Francia. Dove, attraverso schede tecniche frutto della collaborazione de l'Ufficio Nazionale per la caccia e fauna selvatica (ONCFS) e della Federazione Nazionale dei Cacciatori, sono state evidenziate le peculiarità dei diversi istituti di protezione in relazione alla caccia.

Vediamoli brevemente insieme, attingendo direttamente alla fonte (ONCFS).

In primo luogo, per evitare ogni discussione, l'ONCFS assicura che  le disposizioni comunitarie declinate nella legislazione francese non escludono rigorosamente l'esercizio della caccia in aree protette, al contrario. Nel conciliare la pratica dei vari attori che operano per il mantenimento della biodiversità, la maggior parte dei sistemi giuridici delle aree protette non vieta la caccia, ma la inquadra applicando  condizioni diverse.

La direttiva "Habitat"  ha portato alla creazione di una rete ecologica europea coerente di zone speciali di conservazione denominata Natura 2000, che si sovrappone alle zone di protezione speciale degli uccelli ''). Queste linee guida non impongono agli Stati membri  aree chiuse alla caccia; esse possono legalmente essere regolamentate dal diritto nazionale. La Corte di giustizia dell'Unione europea ha recentemente condannato la Francia per aver adottato una legge dove si diceva che la caccia regolamentata non costituisce attività di disturbo. Ma l'applicazione della sentenza  non porta a vietare la caccia e altre attività collegate nelle areee di Natura 2000. Al contrario, il regolamento prevede già che la dichiarazione degli obiettivi deve proporre misure di ogni tipo, funzionali a uno sviluppo sostenibile del sito, cosa compatibile con le attività dei cacciatori.

Parchi nazionali

In queste aree protette, l'amministrazione "può riferirsi a un particolare regime e, se necessario, vietare la caccia e la pesca parco ..").
Il divieto copre la maggior parte dei parchi nazionali, con la notevole eccezione del Parco Nazionale delle Cévennes per il quale il regolamento stabilisce un regime speciale, che potrebbe essere interessante vedere esteso ad altri parchi.

Le riserve naturali

Nazionali  o regionali, il Codice Ambientale sottolinea che l'atto di costituzione "può riferirsi a un particolare regolamentazione o, se del caso, vietare" qualsiasi azione, tra cui la caccia e la pesca, che possa mettere in pericolo la riserva naturale. Nel caso in cui l'atto di classificazione non prevede norme specifiche riguardanti l'esercizio della caccia, sono i prefetti che adottano i provvedimenti. Ove sussiste il divieto di caccia,  è chiaro che dovrebbero comunque essere  previste operazioni di controllo per preservare l'equilibrio biologico, attraverso eventuali attiività di prelievo di tipo venatorio, molto più efficaci che   un divieto totale. In effetti, questa opzione può aiutare ad organizzare attività di caccia in modo che siano compatibili con i requisiti di protezione,  regolando le popolazioni delle specie che possono alterare gli obiettivi della riserva. In quasi la metà degli atti di classificazione delle riserve nazionali  la caccia è esplicitamente o implicitamente vietata. Nell'altra metà atti di costituzione di riserve  l'esercizio della caccia è autorizzato o regolato da una varietà di condizioni determinate da situazioni specifiche.

I biotopi

Dal momento che lo status di specie protetta ai sensi dell'articolo L. 411-1 del Codice dell'ambiente richiede, il prefetto può emettere un ordinanza di protezione del suo habitat. Questa disposizione può essere ritenuta necessaria in funzione  delle esigenze biologiche delle specie interessate, e riguardare le attività come il campeggio, il trekking, lo sci, la caccia, la circolazione di veicoli a motore ... Le misure di protezione possono essere adottate per un tempo determinato o meno, a seconda delle circostanze locali (protezione solo durante i periodi di vulnerabilità).

Le riserve di caccia e fauna selvatica

La caccia è in linea di principio del tutto proibita. Tuttavia, il Codice ambientale prevede la possibilità di eseguire in quelle riserve "esecuzione di di  piani di gestione della caccia, quando è necessario per mantenere gli quilibri biologici e agro-forestali -cinégétici. Le condizioni di attuazione dei singoli  piani devono essere compatibili con la tutela del patrimonio faunistico. approvate ogni anno, a seconda dei casi, in relazione al piano di caccia. Ciò può portare a una riduzione del divieto di caccia nelle riserve, che è positivo nel momento in cui, in adesione allo spirito della norma, che prevede  la regolamentazione delle popolazioni in eccesso, che influenzano l'equilibrio agro-silvo-venatorio.

Le violazioni

Nei parchi nazionali, per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla pratica della caccia, sono previste sanzioni, monetizzabili, fino a un massimo di 1500 Euro. Allo stesso modo, la detenzione e/o l'uso di mezzi o sostanze non non autorizzati.

Così nelle riserve naturali e nelle Riserve di caccia e di tutela per la fauna selvatica. Mentre nei biotopi, la sanzione si riduce a un massimo di 750 Euro.

Certe aggravanti per atti commessi nelle riserve naturali, nei parchi nazionali e nelle riserve naturali, comportano fino a un anno di detenzione e un esborso di 15.000 Euro,  fatte salve le ulteriori sanzioni come il ritiro della licenza di caccia.

Come si vede, in Francia si conferma anche per quanto riguarda la tutela del patrimonio faunistico e ambientale un diverso atteggiamento nei confronti della caccia e dei cacciatori. Sia considerando questa attività compatibile e complementare nell'azione di tutela, sia valutando in maniera assolutamente più ragionevole l'azione sanzionatoria.

Potrà servire ai nostri legislatori? Speriamo.

Piero Andreani

Leggi altri Editoriali

13 commenti finora...

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

non solo il cinghiale è una risorsa rinnovabile, ma tutta la selvaggina, cacciata come dio comanda, in quasi tutta europa. in italia, c'è chi sventola la bandiera dei danni, come gli agricoltori ma non solo, perchè vuole avere diverse parti in commedia. la Briano, a prescindere dal suo credo politico (che peraltro ne denota serietà e coerenza) è un punto di forza a Bruxelles e in Italia. Ce ne vorrebbero a decine come lei. Invece c'è ancora qualcuno che per interesse di bottega, non solo politica, fa di tutto per sputtanare, non capendo purtroppo che sputtana se stesso. E qui sta il guaio. Siamo una massa di minorati mentali

da Basaglia 11/05/2016 10.01

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

La caccia non è uno sport, non è una malattia, non è una perversione, enon è un pericolo. Tu non sai cosa è una passione = caccia ! Noi uccidiamo selvaggina che mangiamo = carne buona buona ! Tu uccidi le verdurine per mangiarle, per cui quello che hai detto sotto fattelo riflessivo e siamo pari.

da jamesin 30/04/2016 17.48

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

traduzione: Sport "la caccia è una malattia, una perversione e un pericolo e deve essere riconosciuto come tale. Le persone che ottengono il loro 'divertimento' da caccia e uccidere animali indifesi possono essere affetti solo da un disturbo mentale. In un mondo con opportunità sconfinato per il divertimento, è detestabile che chiunque avrebbe scelto per ottenere brivido di uccidere altre persone che chiedono nulla dalla vita, ma la possibilità di rimanere in vita.

da jamesin 30/04/2016 17.40

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

"Sport" hunting is a sickness, a preversion and a danger and should be recognised as such. People who get their 'amusement' from hunting and killing defenceless animals can only be suffering from a mental disorder. In a world with boundless oppourtunities for amusement, it's detestable that anyone would choose to get thrills from killing others who ask for nothing from life but the chance to remain alive.

da Roger 30/04/2016 0.08

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

La congrega animalambientalista e da oltre 30 anni che è collusa con la politica e l'informazione altrimenti non si spiega perchè possono così facilmente infrange e aggirare al legge che prevede un massimo del 30% di zone interdette alla caccia senza che nessuno faccia chiarezza e dove serve pulizia.

da Il Cacciatore 29/04/2016 15.59

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

Secondo me, anche se può essere veritiero che se non è zuppa è pan bagnato, in Francia l'approccio "ambientalista" tiene conto di un principio: la caccia è parte della soluzione del problema, non il problema. Inoltre, le decisioni di regolamentare la caccia all'interno dei parchi è delegata in massima parte alle comunità locali. Le cosiddette Riserve di caccia, dove la caccia è proibita, non sono a mio avviso niente di più niente di meno che le nostre ZRC . Questo a prescindere dai partiti al governo. Per tornare da noi, la parcomania imperante per oltre un trentennio è la conseguenze di una bulimia pubblico-privata creata ad arte da chi voleva perseguire il costante magna-magna a spese delle comunità.Le inadueguatezze, enormi, fra teoria e pratica, sono state attribuite all'ingerenza non gradita del fenomeno caccia da parte dei proprietari terrieri, che pur di non ospitare gli indesiderati cacciatori (842 c.c.) si sono tagliati i cosiddetti per far dispetto alla consorte. Oggi punterebbero a un recupero della disponibilità della selvaggina di pregio (soprattutto ungulati, ma non solo: leggi anche colombacci, beccacce, lepri ecc.tordi). Per questo si riparla di modifica della legge 394 nei parchi. Adesso l'enorme mole di ungulati che popola parchi e aree protette fa infiniti danni che i cacciatori ovviemente non pagano, e perdipiù il loro "controllo" (non chiamiamola caccia, per carità) potrebbe rimpinguare i bilanci di enti pubblici (aree protette) e aziende private (con operatori singolarmente nominati, ovvero paganti) che insistono nell'area. In più, infine, sono finiti i tempi delle abbuffate e dei gettoni a gogò. C'è da fatica'. Ergo: potrebbe essere che stavolta la legge si cambia davvero. Ma a vantaggio di chi?

da Augusto T. 27/04/2016 8.49

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

Grazie per la risposta;il "problema"parchi o aree protette è molto sentito in Italia in quanto su questa anomalia tutta italiana si sta giocando una battaglia fondamentale per la sopravvivenza della caccia stessa in quanto la "parcomania dilagante" o moda degli ultimi 20 anni si è andata man mano estendendosi a volte e spesso anche abusivamente senza motivi tangibili e sicuramente con dei forti interessi dietro.La moda della parcomania nasce oltre 25 anni fa quando dopo i famosi e dispendiosi referendum falliti dei soliti noti,qualcuno degli allora figli dei fiori(radicali,verdi, pseudo ambientalisti etc...)si accorsero di aver scoperto il vaso di pandora semplicemente cercando di annientare la caccia in un modo quasi legale:inventandosi le aree protette , e riuscendo di convincere tutti che quello che si stava portando avanti era l'inizio di una nuova era improntata alla salvaguardia dell'ambiente.Si è fatta la 394 e da allora la legge è stata sempre calpestata e mai osservata tant'è che in tutte le regioni d'italia si sono superate tutte le soglie che la stessa legge prescrive e si continua con questo andazzo senza che nessuna delle autorità intervenga(e ne abbiamo di numerose autorità in italia.Quaesto è un piccolo spaccato della problematica parchi e ci sarebbe da scrivere un libro.Saluti

da ettore1158 26/04/2016 18.01

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

Caro bastille,(hai cambiato ancora nome) anche con i parchi è meglio che non citi la Francia noi in Italia ne abbiamo 150 vai a vedere in Francia quanti sono. In più alcuni si sono presi la briga di uscire fuori dal seminato oltrepassando il 30% di aree protette e non ostante le diffide fatte ( non quelle della tua associazione) se ne fregano di rientrare nella legge. Le rimostranze le devono organizzare le associazioni incominciando dalla tua ! A parte che con oltre 1.000.000 di voti in mano dei cacciatori potrebbero presentarsi anche davanti al Padreterno ( si fa per dire) per avere giustizia. Stiamo messi male, male, male, male.

da jamesin 26/04/2016 17.52

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

ettore mi pare che dall'articolo ,l'andazzo è uguale anche in francia.Se poi ,dei paesi vogliono togliersi dai parchi è un loro problema e dei loro amministratori.A livello centrale,non vedo alcuna intenzione di modificare la legge attuale,e per quanto riguarda le rimostranze o l'interesse dei cacciatori,non mi pare che questi abbiano mai smosso masse o spostato voti.Nella sostanza i cacciatori non impensieriscono,ne impressionano i legislatori o i governanti.Per il resto del suo discorso,non so cosa risponderle,non essendo mai stato in una riserva, ne ha ore comode,ne scomode.

da bastille 26/04/2016 17.38

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

Buonasera,vorrei rispondere a Bastille che il problema parchi riguarda solo il ns paesello.Ormai sono tanti i comuni che dopo aver scoperto la fragatura dei pseudo parchi ne vorrebbero uscire,sospinti dalle popolazioni locali che non ne vogliono più sapere di questi musei dove è preclusa ogni attività umana che da quando esiste l"uomo è sempre esistita.Certo chi invece di noi pratica la caccia nelle riserve private ,nelle ore calde e comode tutto questo non intetessa,ma per la stragrande parte dei cacciatori e" fondamentale

da ettore1158 26/04/2016 16.01

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

jamesin,io non debbo preparare nessuna valigia.L'articolo qua sopra fotografa una situazione similare a quella italica,e tu dimostri di non averci capito una mazza,come al solito.Ora prendi la tua borsettina di scemenze e vai a piagnucolare da quelli dello SVI che ti hanno promesso la luna.é il destino dei senza arte ne parte la vostra.....

da Bastille 26/04/2016 15.32

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

Ne parlano tutti i cacciatori ! E adesso anche i cittadini che stanno nei parchi che non le vogliono queste aree protette. Infatti nel parco del cilento Salerno, il comune di Ottati è uscito dal parco. Incomincia a prepararti la valigia.

da jamesin 26/04/2016 13.57

Re:PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA

L'italia non è la Francia ,per cultura e legislazione.Non ho capito chi è che sarebbe a voler parlare di revisione sulla legge sui parchi ed aree protette in italia,perche mi pare che a livello governativo,non ne sia mai stata fatta menzione.Inutile che si voglia far sognare il modello francese che tale è.Noi siamo in Italia,con le nostre leggi ed i nosti parchi...Bisogna che qualche sognatore se ne faccia una ragione.

da Bastille 26/04/2016 10.36