HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)


lunedì 26 luglio 2010
    
Volevo scrivere  ancora ‘due’ cose,  qualcuno penserà: “ma sei di nuovo qua?” E' vero, si potrebbe pensare che sono una persona vanitosa, forse la sono, anzi la sono, ma scrivere e raccontare quelle che per me sono anche emozioni, me le fa vivere e rivivere.
 
Credo che sia anche colpa di un  mondo, che mi pare, abbia smesso di girare, o che forse ha invertito il suo moto, traumaticamente, e che per sopravivergli ci porta a rinchiuderci  interiormente, alla ricerca di qualcosa che puoi trovare nei meandri della tua esistenza, presente o  passata, qualsiasi essa sia, cercando una delle tante cose belle che ognuno di noi ha dentro, che ti trasfigurano a pensarle e magari a raccontarle o a scriverle. Penso che a scuola ero un somaro e ad una poesia  che ero riuscito ad imparare, solo perché mi faceva pensare alla caccia.
 
La caccia fa miracoli. Pensi ad una cosa e la vuoi ricomporre, cercando di ricostruirla, rintracciando, nella memoria, ogni pezzo che il tempo ha rimescolato e man mano che ricomponi il mosaico questa cosa la vedi, si rianima, la rivivi e piano piano ci torni dentro. Ho sempre vissuto di entusiasmi, spesso ne sono stato vittima, ma penso che scoraggiarsi sia come buttar via qualcosa di se stessi e questo non deve succedere, non si butta via niente e si accettano le sfide, con l’entusiasmo di sempre, anche a costo di rompersi le ossa.
 
Ecco perché, complice la bellezza di questo portale, e la tragedia che la caccia oggi vive, improvvisamente, vi sono capitato tra i piedi e a furia di parlare di questo vecchio amore,  mi ci sono ricongiunto. La caccia è un patrimonio enorme, enorme, che più cresce di valore quanto peggio si guasta il ‘mondo’ intorno a noi.  Un patrimonio che deve essere difeso, strenuamente, che deve essere riconquistato, perché molto ce ne è già stato tolto.
 
Di come io sia nato cacciatore non ne sono tanto sicuro, unico tra 5 fratelli; lo era mio nonno, mio zio, ma non me li ricordo nemmeno, mia madre e tutte le donne di casa amavano la caccia, bravamente, in cucina e mio padre era di mare, ma io questa passione me la sono elaborata da solo, fin da piccolo, senza modelli, cacciando nelle immense praterie dell’immaginazione infantile. Da quei tempi ad oggi nella mia mente sono cambiate parecchie cose ma l’immaginazione è rimasta, per me una garanzia dalle delusioni. Mia moglie, due figli, tutti contrari, uno obbiettore di coscienza l’altra simpatizzante animalista, per ora, anche se sarà dura. Vedete, il passato a favore, il futuro contrario. Eppure, qui sta il nocciolo vero della questione, chi è cacciatore nel passato, lo rimane per tutta la vita, è uno stato mentale che perdura nel presente, allora merita di essere esternato, ancor meglio rivissuto, per il futuro, più siamo meglio è.
 
Se osservi la natura intorno a te l’associ e ti viene  spontaneamente, all’animale selvatico che ci potresti trovare, pensare d’abbatterlo? E' l’ultima cosa che ti viene in mente. Pensi solo d’andarlo a cercare,  di vestirti, al mattino presto, di mettere i pantaloni preferiti, gli stivali, la cacciatora rammendata, sempre la stessa, sentirti addosso gli abiti ruvidi, e una vaga sensazione di ansia, di disporre le cartucce, ben scelte,  in ordine nella cartucciera, il fucile in spalla, pulito, oliato e andare a respirare la bruma, ascoltare i rumori e riempirti dei profumi della terra. Poi cercherai di tendere un agguato o percorrere sentieri e tracce e avvicinarti fino al covo di quella che tu vorresti far diventare la tua preda, fino a quando il colpo di fucile romperà il silenzio, attraversando l’aria, rintronando nella valle, tra gli alberi,   intorno a te. 
 
L’esito della caccia è che alla  fine gli  animali ci rimettono la vita e questo schiaccia le coscienze, se accade sparando. Quando stai seduto a tavola e degli animali ti riempi la pancia e li fai diventare la tua forza,  nutri con essi il tuo cervello e i tuoi muscoli, ci tiri su i figli, o ne fai la ragione di un convivio, allora anche la coscienza trova scampo, perché degli animali, si pensa, che sono troppo buoni e per lo meno, di non averli uccisi. Bene, se qualcuno me lo chiede, anch’io amo gli animali, per questo me li mangio, come fanno in parecchi e come si deve fare, per far questo alcuni li uccido di persona, se ci riesco, andando a caccia, tornando oggi, alla caccia, dopo tanti anni.
 
Mi va di considerare che io ed il selvatico abbiamo una grande fortuna, se  sparo male so che a pancia vuota non ci rimango, una fortuna che la modernità ha reso reciproca. Si può però anche dire che entrambi, alla stessa maniera, condividiamo anche il rischio di essere e spesso le siamo, vittime impotenti di questa modernità, che certo può essere una subdola assassina, molto meno rispettosa di un colpo di fucile.  Ieri mi hanno dato il porto d’armi rinnovato, oggi mi sono ordinato un sovrapposto: un fucile che non ho mai avuto, un’arma italiana, low cost.
 
L’ho comprato a vista, senza provarlo, poco m’importa della piega del calcio, della bilanciatura, del peso, del rinculo e di tutta la tecnologia: voglio un ferro che spari tutto, da ricaricare anche le cartucce, sempre che la ricarica non la proibiscano da domani e che si scolorisca in fretta. Ecco qua, tanti credono che la passione per la caccia sia chissà che cosa,  in realtà, dietro ad essa, molti di noi celano solo l’amore per una casa, una regione, il rispetto per la scienza ed i gesti dei loro vecchi, per la  campagna, gli alberi e i campi, e tutti i frutti che dalla natura provengono, così come lei ce li mette a disposizione, senza troppe interferenze. Vado di nuovo a caccia e se sbaglierò un colpo sarà sempre una fortuna poter almeno tirare fuori la cartuccia dal fucile e sentire l’odore del fumo.

Fromboliere
Leggi altri Editoriali

26 commenti finora...

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

e come ha detto il Crozza Napolitano leggendo fra le massime dei suoi dieci saggi quella del PDL (berlu): donna nana, tutta ta..... Questo è il livello dei nostri interlocutori

da F. Tussi 03/04/2013 18.42

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

L’esito della caccia è che alla fine gli animali ci rimettono la vita e questo schiaccia le coscienze, se accade sparando. ----------------------------------------------------------- Ecco, dopo aver letto l'editoriale di Fromboliere di Luglio 2010, che mi era sfuggito , ho trovato la frase che dà lume a tutto lo scritto ; soprattutto le tre ultime parole della stesa:....... SE ACCADE SPARANDO. Sono convinto che se al posto del fucile usassimo qualcosa che non è così visibile e rumoroso le cose andrebbero diversamente. Forse ho detto una castroneria, ma non ne sono tanto sicuro .

da Renzo 03/04/2013 11.01

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

x fromboliere,io sono 7 anni che l'assicurazzione la faccio privata,basta perdere un po di tempo,io pago 52 euro compreso il mio cane,ti pui rivolgere ad allianz ass ,vedrai i risultati a proposito non mi hai dato una tua opinione in merito a madre natura ,saluti.

da bred67 31/07/2010 13.35

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

E soprattutto non dimenticare di dedicarci uno dei primi colpi. Hasta luego Amigo

da trinità 30/07/2010 11.46

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Anche nella mia famiglia, tutti contrari tranne me. E' una battaglia difficile, a volte mi sembra impossibile. Hanno cercato di convincermi ma io non mollo, ho cercato di convincere loro ma è cosa vana. Conviviamo, ma capisco che è come se mi tollerassero. Anche i vicini, tranne due vecchi cacciatori, fanno battute acide. Mi rivedo nel passato e nella nostalgia, ma il futuro in Italia purtroppo non è roseo.

da Andrea 30/07/2010 11.39

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Ciao frombo, quasi mi trasmetti la tua impazienza, e non ti nascondo che mi piacerebbe esserti vicino il primo giorno del tuo ritorno con il fucile in spalla, per cogliere l'emozione sul tuo viso nel momento che imbraccerai dopo tanto tempo il tuo nuovo schioppo. Ciao e buone vacanze.

da Nato cacciatore 29/07/2010 19.07

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Quello che ho fatto l‘ho fatto per me e oggi ne traggo personalmente i frutti, domani è un altro giorno, ma non ho paura che arrivi, succeda quel che succeda: per non andare più a caccia la devono abolire in tutto il mondo. Ho scritto con la mente di uno che sta per fare le valigie, pensando che finalmente, dopo undici mesi di quattordici ore quotidiane di computer, stacca e se ne va. Quest’ anno, nei miei bagagli, c’è qualcosa di diverso dagli altri anni, qualcosa che mi fa sentire perfino una nuova persona, il mio fucile. E anche questa vacanza sarà una vacanza diversa, nuova, perché alla fine andrò a caccia e questa cosa mi rende felice ed impaziente, come un bambino. Quindi buone vacanze a tutti e in bocca al lupo per l’apertura. Senza mai dimenticare che il lupo viva.

da Fromboliere 29/07/2010 18.12

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Che ognuno la pensi come meglio crede. Io ho già capito da tempo che parole sono foglie morte. Oggi sono andato a fare la polizza venatoria: abito in un capoluogo di regione, ho contattato 5 compagnie assicurative, due non mi hanno risposto, una non fa la polizza, la quarta la fa ma solo abbinata ad una polizza capo famiglia, il che tutto assieme costa cento euro, con le associazioni venatorie potrei spendere anche solo 40 €, ebbene non mi va. La quinta compagnia mi ha fatto la polizza, oggi posso dire di essere un cacciatore libero. Agisco e penso quindi liberamente, chiunque di voi non condivida le mie idee è libero di farlo e io lo rispetto, ma da me certezze non potrete certo avere, pensate quindi pure che io possa essere un illuso. Io combatto la mia piccola battaglia e lo faccio solo per me stesso..... perché non c'è altro da fare. Vi saluto.

da Fromboliere 29/07/2010 15.31

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Frombo come vorrei fosse vero quel che dici, ma ricorda che le querci non fanno limoni

da PALOMA 29/07/2010 13.28

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

x fromboliere caro amico,ultimamente ne sto vedendo di cotte e di crude,io come cacciatore ,e amante della natura, sono disgustato dai troppi interessi,sia politici,di ambientalisti,sia associazzione venatorie,x motivi di tessera,tu e io parliamo di caccia, questa gente di caccia se ne fregano ,perciò ho parlato di (madre natura)solo lei ci eviderà di entrare nel sacco caro amico fromboliere,cosa ne pensi??.

da bred67 29/07/2010 13.04

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

XPALOMA. E' più probabile che ognuno di noi, votato all'estinzione in quanto fine della vita, cesserà d'esistere... per motivi anagrafici e questo fa parte della natura. La specie no. La caccia verrà stravolta, oppressa, forse anche soppressa per poi essere reinventata e i suoi geni non si estingueranno mai, inculcati nell'animo umano, inestinguibilmente. Oggi è cacciatore il politico, che cerca voti, è perfino cacciatrice la Brambilla, la Prestigiacomo e tanti altri che perseguono nella vita il loro obbiettivo con la stessa pervicacia che ha un cacciatore verso la sua preda. E' la stessa passione. Lo stesso seme, caduto in terreni diversi, che da frutti malati, avvelenati o anemici, che produce guerrieri e non cacciatori, ma quelli caduti nei terreni sani presto fioriranno e i frutti arriveranno, prima o poi.

da Fromboliere 29/07/2010 10.34

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Ciao Frombo, che dire, ormai sei una delle poche certezze che abbiamo. Ti comprendo quando parli di una famiglia che ti è "avversa" nella tua passione: provo lo stesso quando con amici discutiamo perchè vorrebbero toglierci questa nostra bellissima passione, perchè disturbiamo, perchè non capiscono l'abbattimento di "un povero animale" e magari te lo spiegano mentre si mangiano di gusto una bistecca per non dire un pollo e perchè una bella orata. Sai per i pesci è diverso. Diversi sono loro, accecati non sò da quale bigottismo che li porta a delirare su un argomento di cui non conoscono nulla. Fromboliere mi dispiace non sai quanto ammettere che te e noi tutti Cacciatori apparteniamo ad una specie in estinzione. Un caro saluto a tutti

da PALOMA 29/07/2010 9.42

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

X BRED67: chi lo fa cerca di farlo solo per il proprio tornaconto, la tragedia sta nel fatto che poi troppa gente gli crede. Sta per certo che lottare è necessario, sempre e comunque. Se non lo vuoi fare per la caccia lo devi comunque fare per altri obiettivi. Oggi siamo arrivati a mettere tutto dentro al sacco, io ci voglio mettere, nel sacco non ci voglio finire.

da Fromboliere 28/07/2010 14.50

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

SI PARLA DI SALVARE LA CACCIA ,LA CACCIA SI SALVA DA SOLA PERCHè ,CHI DECIDE ,è SOLO MADRE NATURA,E NESSUNO PUò GIUDICARE,CHI LO Fà EVIDENTEMENTE,NON HA CAPITO NIENTE DELLA VITA.

da BRED67 28/07/2010 13.33

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Alcun altra parola da dire se non: vero! Un caro saluto, comunque, a tutti.

da Fromboliere 26/07/2010 20.12

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Ti ho letto. E tutto in un respiro ma invece di togliermelo man mano che ti leggevo me lo hai aperto, quel respiro. Tu da quel treno Amico mio sei sceso ed ora ristai. Con tutti noi e più.

da Silvano B. 26/07/2010 18.40

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Mentre carico le cartucce x il giorno x,vi leggo e vi applaudo.Forse stessi anni,forse stessi baffi,certamente stessa passione.Continuate.

da Pietro IncazzatoSchiappaHunter Vico FR 26/07/2010 18.24

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

pensa frombo, che ogni apertura, una lacrimina e un groppo alla gola mi scende sempre, anche ora, pensando al passato e a chi non c'è più. Perchè in ogni tuo gesto, in ogni tua caccia fai tesoro dell'insegnamento dei vecchi e magari ripensi a quei sacrifici che hanno fatto per portarti con loro che di padelle e sfrullate te ne hanno fatte fare a bizzeffe! lottiamo per noi e soprattutto per insegnare ai nostri figli ciò che più è innato e semplice nell'uomo! complimenti frombo un'editoriale che mi ha saputo far tranquillizzare dopo le ultime news! V I V A M A R I A

da verremaremmano 26/07/2010 17.58

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Redazione BigHunter Magazine. Tutto Ok. Cordialità.

da Nato cacciatore 26/07/2010 16.29

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

.......pur non imbracciando il fucile. Quando Fromboliere mette giù un editoriale così realistico nelle emozioni e nella realtà della caccia moderna, lo fà da vero traduttore, un traduttore che come sempre riesce ad esprimere ciò che io e tanti altri teniamo dentro di noi e quando lo leggiamo lo viviamo allo stesso tempo. Complimenti e un cordiale saluto.

da Gimessin 26/07/2010 15.33

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Grazie amici, mi è perfino difficile esprimere un concetto, ribadire ai vostri commenti che spesso valgono come un editoriale, ispirare nuove idee mi sembra il massimo che ho potuto fare e ringrazio Nato C., sicuro che poi potrò leggere il suo di editoriale. Parlare dei nostri cari è necessario, fin'ora abbiamo parlato di quelli del passato, parlare ora di quelli del futuro crea un'occasione di confronto, realistico e più diretto perché ci è più vicino, sul futuro di questa attività tanto amata ma anche tanto contestata. Auguri a tutti quelli che avranno qualcosa da dire..... e da fare nell'ambito della propria famiglia. Io sto guardando le prime reazioni da quando è entrato in casa un fucile, e già rido sotto i baffi.

da Fromboliere 26/07/2010 15.31

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Comunicazione per l'utente "nato cacciatore": al momento non ci risulta una sua mail. Ci scriva all'indirizzo redazione@bighunter.it.

da REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE 26/07/2010 15.17

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Ogni vero cacciatore si rispecchia in Fromboliere,e se non ha il suo cervello, la sua poesia, il suo modo di esternare le emozioni e la sua cultura; sicuramente ha lo stesso amore, la stessa passione e le stesse emozioni. Io però, commentando lo stato familiare in materia di caccia del caro amico Fromboliere, ho agito differentemente. Una moglie col terrore degli animali, tre figli, 27,20,14 anni che oggi amano e rispettano la parola caccia. Ai primi due, per far sì che la mamma non li (rovinasse), gli ho imposto di venire a caccia con me, il primo quando veniva con me recuperava le allodole e nell'attesa gli mostravo i falchi gli aironi e gli insegnavo le loro caratteristiche e l'utilità della loro presenza nella natura. La seconda, che mi accusava di sparare agli uccellini, dopo averla portata qualche volta con me ha capito il vero significato della parola caccia e il rispetto e l'amore che un cacciatore ha per la natura. L'ultimo, è la mia sveglia della domenica ed ha acquisito la mia passione. Mia moglie stravede per i miei due Breton, urla più di loro quando è ora che devono mangiare e devono uscire, li guarda con ammirazione e rispetto e loro avendo intuito che non riceveranno da lei mai una carezza, le stanno rispettosamente a distanza e fanno in modo di non infastidirla. LA MORALE E'QUESTA: Se ognuno, pur conservando la propria ideologia, passerebbe qualche giornata a caccia, sono sicuro che per la caccia ci sarebbe tanto rispetto in più. Io ho imposto i cani a mia moglie che ha il terrore per gli animali e mia moglie si è resa conto che non era come lei pensava. Il primo attualmente ha la passione per la fidanzata, stessa cosa per la seconda, il terzo ha la passione per la caccia, me ne sono accorto quando seguiva il cane mentre era in ferma sulla beccaccia, e dopo lo sparo mi ha raccontato dell'emozione che provava in quel momento e di come gli batteva il cuore.....

da Gimessin 26/07/2010 14.43

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Servono racconti come questi e se mi è permesso ben più... i racconti fanno parte del passato...per vivere il futuro e creare nuovi racconti serve unità di intenti, dati scientifici, e gente con le palle a tutelarci.. i racconti fanno parte di memorie passate io a mio figlio vorrei trasmettere la voglia tramire discussioni sul cosa farò domani.

da Diego 26/07/2010 13.58

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Ciao Frombo, come sempre sei grande, con il tuo editoriale mi hai dato lo spunto per un mio modesto contributo, e parte proprio da te ed i tuoi cari, e che ho già provveduto ad inviare alla redazione, spero che abbia i requisiti per essere pubblicato. Un caro saluto

da Nato cacciatore 26/07/2010 13.54

Re:PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)

Per salvare la caccia, la sua immagine, il suo futuro, ci vogliono cervelli di questo genere, modello Fromboliere. Ce ne avremo abbastanza? In ogni caso non ce ne saranno mai troppi! Diamoci da fare per produrli almeno fra le nuove generazioni.

da Pestalozzi 26/07/2010 11.51