Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Meglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Emergenze o indulgenze?


lunedì 29 luglio 2019
    

Controllo faunistico modifica 157

 


In questi ultimi tempi si susseguono ipotesi, proposte, idee, per aggiornare l'ormai vetusta e sbrindellata 157/92, croce e delizia di tutti noi, appassionati di questa meravigliosa attività che è la caccia. Addirittura, c'è chi ha lanciato una specie di inchiestina sul web, per capire  se i tempi sono maturi per l'abrogazione dell'842 del C.C. (che consente l'accesso dei cacciatori nei fondi agricoli), richiamata da sempre in tutte le proposte di legge (anticaccia e non) che si sono succedute o alternate alle richieste di referendum abrogativo della caccia tout court.
 
Fino a una recentissima proposta extraparlamentare, un po' più organica, che si è fatta carico di interpretare il malessere del mondo agricolo per - si dice - gli ingenti danni che soprattutto i cinghiali (ma anche i cervi, i caprioli, i daini, gli storni, le nutrie) provocano alle imprese che danno da mangiare e da bere a tutti noi, non solo in Italia, essendo l'agroalimentare un comparto che contribuisce non poco al ricco export nostrano.

In questa proposta, si prova timidamente a denunciare l'impianto legislativo filo-ambientalista ("è del tutto evidente che le attuali politiche, orientate  alla mera conservazione   della fauna dimostrano la loro totale inadeguatezza a governare questi processi ed a contenere i danni"), senza tuttavia fare riferimento alla legge (la 394/91 sulle aree protette)  che questi fenomeni ha favorito. Alla quale ci si dovrebbe come minimo collegare, per un coordinamento utile a superare gli equivici di cui le nostre istituzioni del diritto abbondano. Buona tuttavia l'idea di sostituire il concetto di "protezione" con quello di "gestione", che però nascerebbe monca se dovesse limitarsi alla 157/92, ovvero se non comprendesse appunto la normativa parallela che sovrintende alla tutela degli ambiti ove la stessa fauna in genere sussiste, cioè la sopracitata 394/91. Anche se, è giusto rilevarlo, si fa cauto riferimento all'azione di controllo su tutto il territorio, comprese le aree protette, usufruendo se necessario delle competenze di "operatori formati", muniti di licenza di caccia.

Più farraginosa l'idea di riesumare il defunto (almeno nei fatti) Comitato Tecnico Faunistico e Venatorio, che invece a parere di altri - che vivono la materia grazie a una visione più ampia - potrebbe essere sostituito da un organismo più "tecnico" sulla scorta dell'efficiente e funzionale esperienza dell'Uffico francese della caccia (ONCFS), entro cui inglobare quella branca dell'ISPRA (ex INFS), con finalità più specifiche di quelle odierne. Più tecniche, cioè, e più distribuite sui territori. Insomma: "a servizio" della "gestione" e non "al servizio" delle associazioni animaliste che ormai fanno il bello e il cattivo tempo al Ministero dell'Ambiente e non solo.

Necessaria, a parere di molti, invece, di provvedimenti ben più incisivi la casistica pratica, che - qui appare più chiaro ancora - punta a mettere in mano agli agricoltori la gestione degli "equilibri" faunistici, affidando il tutto, quasi in contraddizione, alla giurisdizione della Presidenza del Consiglio, invece che del Ministero dell'Agricoltura.

Quello che manca è, come al solito, quel po' di coraggio per dire le cose come stanno, e per affidare alla caccia quel ruolo insostituibile di comprimario, almeno, nella gestione moderna del rapporto fra territorio, attività agricole e salvaguardia del patrimonio faunistico nel suo insieme. Una piccola chiosa al riguardo, per come, quasi alla chetichella, si reintroduce il termine "nocivi", che la legislazione in atto ha assolutamente cancellato dal vocabolario.

Del tutto assente, anche nelle premesse, e questo è grave, un riferimento alla tutela, alla riqualificazione e al recupero di quelle  forme di caccia  della tradizione italiana, che la 157 e le sue successive modifiche hanno sempre più penalizzato e che sicuramente aiuterebbero a ricostituire quei legami fra caccia e società, a tutto vantaggio della tutela complessiva del nostro patrimonio ambientale. E per questo, sarebbe determinate un corposo contributo al dibattito da parte delle associazioni venatorie, che al momento brillano soprattutto per i bisticci fra chi si schiera a favore o contro l'abrogazione di quel famigerato articolo del codice civile (il citato 842), che potrebbe essere messo in cantina, alla chetichella, da certi provvedimenti impliciti, insiti in quelle acclamate emergenze di cui da tempo si riempiono i giornali e che sempre più ricordano il noto scisma di qualche secolo fa.

 

Leonardo Conti

Leggi altri Editoriali

19 commenti finora...

Re:Emergenze o indulgenze?

Contento te, antoine64. Probabilmente ho qualche anno più di te, e di codesti discorsi ne ho sentiti tanti. Via via che passava il tempo ho visto ingigantire il capitale, diventato di stato, proprio in quei paesi che promettevano la terra ai contadini, e immiserire le competenze dei singoli, dei reietti. Con la differenza che in alcune aree la fame è stata sconfitta per decisione dei pochi (quelli dell'occidente capitalista, che gestivano il denaro da casa loro) e in altre aree la fame ha distrutto intere nazioni di lavoratori. Che tuttavia più lavoravano e più precipitavano nella disperazione. Non è così come dici. E in Italia poi, non può essere la strada che potremo percorrere. Del resto, se continuiamo a dare ragione ai due fenomeni che oggi guidano il nostro paese, c'è poco da sperare. Al massimo diventeremo magrebini, o messicani, sempre più emarginati in un mondo sempre più globalizzato. C'è un'alternativa? E' sempre possibile, ma fino a che non ci si rende conto che la libertà che tu aneli è morta e rinata sotto altre forme, tutte da esperimentare, e da condividere, vedremo centinaia di migliaia di giovani, italiani, fuggire dal paesello (l'Italia) col fagotto in spalla per cercare miglior fortuna. Auguri.

da Nonno Libero 02/08/2019 8.11

Re:Emergenze o indulgenze?

CARO"QUANDO IL DENATO TRIONFA".......ALLORA COSA FACCIAMO CI TIRIAMO GIU' I PANTALONI? HAI SCRITTO TANTO E NON HAI DETTO NULLA DI CONCRETO! TI RIBADISCO CHE LA TERRA DEVE ESSERE DI CHI LA LAVORA E NON DEI PADRONI O DELLE MULTINAZIONALI OA ADDIRITTURA ANCRONISTICAMENTE ANCORA DEI NOBILI.......PERTANTO LIBERA CACCIA IN LIBERO TERRITORIO.

da ANTOINE64 01/08/2019 14.18

Re:Emergenze o indulgenze?

CARO"QUANDO IL DENATO TRIONFA".......ALLORA COSA FACCIAMO CI TIRIAMO GIU' I PANTALONI? HAI SCRITTO TANTO E NON HAI DETTO NULLA DI CONCRETO! TI RIBADISCO CHE LA TERRA DEVE ESSERE DI CHI LA LAVORA E NON DEI PADRONI O DELLE MULTINAZIONALI OA ADDIRITTURA ANCRONISTICAMENTE ANCORA DEI NOBILI.......PERTANTO LIBERA CACCIA IN LIBERO TERRITORIO.

da ANTOINE64 01/08/2019 14.18

Re:Emergenze o indulgenze?

Ad antonie64 consiglio pipetta frontline e spugnature di neguvon, a fine trattamento un collarino serestro....così ti suicidi e non respiri aria preziosa per la società e l'ambiente

da X° Mas 01/08/2019 12.33

Re:Emergenze o indulgenze?

Caro antoine 64, mi ricordi una canzone di Dalla: Caro amico ti scrivo... Secondo me son sogni. Però, contento te. Io credo invece che la rivoluzione (culturale: digitale)che ci sta travolgendo, con la stragrande maggioranza di noi inconsapevolmente a pecora, cambierà tutti i paradigmi, riconducendo il "proletariato" a una specie di servitù della gleba (tecnologica). Per la caccia, poi, figurati, la deriva è cominciata ormai una cinquantina d'anni fa, col "capitale" che ha fatto in modo di monetizzare tutto, anche le bellezze della campagna. Figurati te che peso ha potuto avere il mondo della caccia, che da quello stesso periodo si è diviso e arroccato su singoli privilegi, legati alle tessere che - complice l'obbligo dell'assicurazione e i finanziamenti pubblici: prima il Coni poi il Ministero del tesoro - hanno fatto la fortuna di pochi a scapito di molti. Per il numero di residui di cui disponiamo, non ci saranno comunque problemi: se ne perderemo ancora un po', altri ne arriveranno sollecitati dai privati nel frattempo diventati proprietari della selvaggina. Per la forma cambierà un po', per la sostanza (numeri, soldi) cambierà poco rispetto ad ora. Nel frattempo, non so se te ne sei accorto, gran parte di quelli che hanno mollato, vanno piacevolmente a caccia all'estero, dove il vil denaro conta anche nella caccia. Con buona pace dei "Liberi cacciatori" e dei fautori della "caccia popolare". Peccato che ci siano ancora così tanti ingenui.

da quando il denaro trionfa 01/08/2019 11.54

Re:Emergenze o indulgenze?

anche qui,,,non vogliono i cacciatori nei terreni poi si scoprono discariche abusivismo terreni con acqua inquinata drogati che campeggiano ho 60 anni vado a caccia lo stesso anche se la chiudono tanto fan tutto quello che vogliono per interessi propri..spero di non arrivare a questo ...ma...

da lory 59 01/08/2019 11.30

Re:Emergenze o indulgenze?

ARRIVERA' IL MONTE IN CUI I LAVORATORI UNITI SOTTO LA BANDIERA DELL'INTERNAZIONALISMO, SPAZZERANNO VIA PADRONI E BORGHESI, LA TERRA SARA' FINALMENTE DI CHI LA LAVORA ED ANDREMO A CACCIA IN PIENA LIBERTA'. HO DIMENTICATO DI ANNUNCIARE CHE SPAZZEREMO VIA ANCHE GLI HITLERIANO/ANIMALISTI/AMBIENTALISTI, O MEGLIO LI TRASFERIREMO NEI CAMPI DI RIEDUCAZIONE. LIBERA CACCIA IN LIBERO TERRITORIO

da ANTOINE64 01/08/2019 11.15

Re:Emergenze o indulgenze?

Johnny quale fatturato deve aumentare con l'abrogazione eventuale dell'art.842 del codice civile? Siamo già in costante calo numerico e nella malaugurata ipotesi di abrogazione dell'art.842 i cacciatori italiani scompariranno (compreso chi scrive) lasciando il posto a pochi signorotti sparatori della domenica...se questi sono gli obiettivi di qualcuno credo proprio che sbaglino strategia...

da Cecco 31/07/2019 12.11

Re:Emergenze o indulgenze?

Negli altri paesi nn vi è 842 e la selvaggina nn è patrimonio dello stato come qui.........nessuno abrogherà l’842 perché nel ns paese noi paghiamo un sacco di soldi agli agricoltori ,soldi che fanno comodo a tutti.......restringeranno ancora tempi e specie ma ,842 reggerà finché ci sarà un numero interessante di cacciatori a cui ciucciare denari e sigle ambientaliste che campano con i ns 5.16 euri.........parere personale ,nn vi è dubbio.

da Lisandru 31/07/2019 12.00

Re:Emergenze o indulgenze?

Le riserve di caccia (AFV e ATV, al massimo un 15% a livello provinciale) sono in mano ai privati che se le gestiscono a modello di impresa agricola. L'abrogazione dell'842 la sollecitano gli altri, che vorrebbero privatizzare la caccia sul resto del territorio. L'EPS (Ente Produttori Selvaggina) è una emissaria della Confagricoltura, la principale organizzazione che promosse e sostenne la stagione dei referendum e che ancora oggi fa pressione, anche attraverso i falsi animalisti, questa riforma. Che di principio non è sbagliata, tanto che in alcuni paesi (Spagna e Francia ad esempio, dove ci sono ancora ingenti masse di cacciatori: intorno al milione ciascuno) riesce ad amalgamare interessi degli agricoltori e quelli dei cacciatori. Anche in Inghilterra c'è ancora intorno al milione di cacciatori e lì i proprietari terrieri sono sovrani indiscussi. Quindi, se si vuole, si può. Il rischio sta tutto nella nostra incapacità tutta italiana a fare sistema. Il proliferare dell'animalismo nostrano nasce proprio da questo binomio: l'insofferenza per i cacciatori da parte dei proprietari della terra e il conseguente sostegno da parte loro delle associazioni ambientaliste oggi animaliste, che sono loro servite come foglia di fico per i tanti peccati che hanno commesso e commettono a danno dell'ambiente. Questo è. La divisione fra cacciatori c'è da pensare che sia frutto della stessa strategia.

da Così è se vi pare 31/07/2019 9.43

Re:Emergenze o indulgenze?

ogniuno la pensi come vuole,la caccia come la intendo io senza la 842 e' finita...chi vuole e può pagare non si pone il problema,per me la caccia è sinonimo di libertà,senza la possibilità di andare nei terreni liberi ha poco senso.

da roby pt 31/07/2019 5.10

Re:Emergenze o indulgenze?

A pensar male si fa peccato...mi domando ma se le associazioni venatorie si uniscono questa proposta contro l'abolizione della 842 non sarà perchè le riserve di caccia sono già in mano loro e con l'abolizione della 842 aumenterebbe il fatturato? Spero tanto di sbagliare

da Johnny 30/07/2019 20.15

Re:Emergenze o indulgenze?

Se aboliscono l’842 in Italia la caccia chiude. I paragoni con altre nazioni europee non reggono per vari motivi dei quali il principale è la frammentazione del territorio. La proprietà terriera italiana è estremamente frastagliata e di piccole dimensioni e chiunque potrà mettere cartelli di divieto di caccia sui propri 3.000 metri di orto. Esiste infatti una sentenza della Corte di Giustizia europea contro la Germania che aveva normato che chi aveva meno di 70 ettari non poteva chiudere la caccia. La Corte Europea ha condannato la Germania: anche chi possiede un solo metro di terra può chiudere. Poi il miraggio di guadagnare con la caccia è appunto un miraggio: gente di 70 anni che è sempre andata gratis non pagherà un centesimo! Resteranno gli appostamenti fisso fino al prossimo referendum quando saranno spazzati via

da Dino 30/07/2019 11.52

Re:Emergenze o indulgenze?

Provo a dare qualche risposta. Gratuitamente, è ovvio. Ognuno è libero di pensarla come vuole. In tutta Europa la caccia ha uno stato giuridico che non prevede norme simili all'842. Cioè, da quelle parti, direi ovunque, il proprietario terriero gestisce la caccia. E, per esempio, in almeno tre o quattro grandi nazioni dell'EU (es. Francia, Spagna, UK) l'indice venatorio è più alto (oggi, sicuramente) di quello nostrano. Soprattutto da quando il cinghiale e altri ungulati hanno occupato i nostri territori (a causa della sciagurata politica sulle aree protette), la carne fa gola a chi in qualche modo di malavoglia gli dà da mangiare (uva, grano granturco ecc,), mentre potrebbe goderne come fonte aggiuntiva del proprio reddito agricolo. Esperienze oltre confine dicono, appunto, che i cacciatori, singoli o associati, comunque pagano per accedere all'utilizzo di tale patrimonio carneo e venatorio. In pratica, questa è una risposta anche ad Oremus, che non ha capito che chi perse il tram, allora, quasi trent'anni fa, furono coloro che preferirono di non salirci. L'alternativa, appunto, e riappunto, era l'abrogazione dell'842, cosa che prima o poi, ma abbastanza prima, succederà se non troviamo una sintesi fra le rappresentanze venatorie. La caccia alla tessera può gratificare qualche singolo ras, ma fa danni inenarrabili alla caccia. In questi trent'anni abbiamo capito che i rapporti di forze fra associazioni restano più o meno gli stessi. La Federcaccia è ancora largamente egemone, le altre rappresentano posizioni contrapposte e non riusciranno mai comunque a coalizzarsi su un programma alternativo a quello della associazione maggioritaria.

da Hai voglia che pregare... 30/07/2019 10.52

Re:Emergenze o indulgenze?

Io cmq non capisco!!ma se aboliscono la 842 chi andrà a caccia??quale è l interesse?

da Bg 29/07/2019 15.20

Re:Emergenze o indulgenze?

E' talmente trascurabile il peso politico del numero dei cacciatori che abbiamo avuto con i nostri voti senatori e deputati, anche europei. La lista presentata sui siti di caccia dei politici che all'occorrenza chiedono di essere ricordati dai cacciatori era abbastanza numerosa. Pace e bene.

da jamesin 29/07/2019 13.58

Re:Emergenze o indulgenze?

Amici cacciatori;Giustamente come sostenete voi,il nostro treno,si fermava per la migratoria come capolinea a Ventimiglia??? mentre questi proseguiva su di un'altro binario in Francia Spagna e Portogallo!!!!! un saluto

da Fucino Cane 29/07/2019 11.46

Re:Emergenze o indulgenze?

Il peso politico dei cacciatori è ormai trascurabile. Chi diede l’ok alla 157 e cioè ROSINI FIDC e FERMARIELLO ARCICACCIA firmò la condanna a morte. Tutte queste richieste del mondo agricolo e venatorio pur de giuste non passeranno MAI: troppo incistita nel corpo è la cultura animalista. Non saranno cinghiali e lupi e loro danni a poter ribaltare la situazione. Il treno è stato perso nel 1992.

da Oremus 29/07/2019 10.54

Re:Emergenze o indulgenze?

Se non ho capito male, il Conti fa cenno in chiusura a quel mercato delle indulgenze, di matrice luterana, che provocò lo scisma e la nascita della chiesa protestante. E al mercato (anche delle vacche oltre che delle indulgenze) si assiste sempre di più anche nella caccia, visto quel popò di carne che c'è a disposizione. E, visto che si deve ormai giocare questa partita se si vuol restare a galla, qualsiasi trattativa sulle emergenze ungulati sarebbe proprio bene passasse da una concessione (indulgenza?) nei confronti di noi diseredati migratoristi, ormai circondati da nazioni che consentono quello che qua è proibito o quasi.

da Pietro l'Eremita 29/07/2019 10.27