Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
CRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalisti Amici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Cos’è la caccia


lunedì 2 gennaio 2017
    

Giorgio Lugaresi, imprenditore di successo, cacciatore appassionato, beccacciaio,  narratore con stile. Con piacere pubblichiamo questo suo autorevole parere su:

Cos'è la caccia

Spiegare che cos’è la passione per la caccia a chi non ce l’ha, è come cercare di spiegare i colori a un cieco. Molte volte mi è stato chiesto di descrivere, di cercare di far capire che cosa provavo andando a caccia, quale fosse la molla che può spingere una persona ad alzarsi presto la mattina per poi battere le campagne in cerca di prede.

A questa domanda, non sono mai riuscito a dare una risposta compiuta perché per parlarne ci vuole tempo, ma soprattutto ce ne vuole per raccontare la passione che mi è nata nel cuore di ragazzo e che va vista senza superficialità. La caccia, per tanti, è un modo di vivere e d’intendere la propria vita.

Alcuni poi vivono confrontandosi ogni giorno con questa passione nel loro ambiente di lavoro, con gli amici al bar o in armeria, il “confessionale” come mi viene spontaneo chiamarla da quando ci sono i reality show. Altri, invece, durante la settimana non ne parlano affatto e anzi quasi la dimenticano, ma poi nel weekend: doppietta, tascapane e via per i monti.

Questa passione mi ha rincorso per tutta la vita. Fin da bambino, piccolissimo, ero affascinato dal setter che mio padre portava a caccia. Un maschio, Jack. Nel cortile di casa, a volte lo scrutavo per lungo tempo mentre, in ferma sui passeri che venivano a mangiargli il resto della zuppa, tentava con scatti inutili di afferrarli. Loro erano molto scaltri e rapidi, e riuscivano a fuggire sempre in tempo.

Un giorno mi misi a seminare un po’ di pane attorno alla ciotola, fino a portarlo a ridosso di Jack che fingeva di sonnecchiare. Mi misi su una sedia sotto il fico che era il mio rifugio sull’isola dei pirati. I passeri dopo un po’ arrivarono saltellando. Dapprima guardinghi, si dimostrarono poi ingordi di tutto quel ben di Dio, abbassarono l’attenzione dal setter, che invece, carico come una molla, ne prese uno tra le piume che svolazzavano in aria. Avevo assistito a una perfetta azione di caccia, anzi ne ero stato il fautore e Jack, che aveva nel suo DNA il senso del rapporto col padrone “capobranco”, me lo portò in mano a fior di labbra.

Così sono diventato cacciatore? Oh no, molto prima. Il 24 giugno a Cesena è San Giovanni, la festa del patrono, e mio padre ogni anno mi ci accompagnava per passare un pomeriggio assieme e per farmi uno dei tre regali annuali: uno per l’Epifania, uno per il mio compleanno e uno appunto per San Giovanni. Lì la mia fantasia s’inaridiva in un unico desiderio: un fuciletto a tappi.

Fu così per tre o quattro anni, ma poi arrivò la carabina ad aria compressa, sempre a tappi di gomma, naturalmente. Per arrivare alla Diana del 16 con i pallini di piombo, dovetti prendere la licenza di terza media. Quel diploma nel 1968 aveva un significato importante in casa mia perché in quegli anni l’analfabetismo era ancora ben presente in Italia; sulla RAI per esempio c’era una trasmissione seguitissima che si intitolava Non è mai troppo tardi dove insegnavano a scrivere a chi non aveva mai preso una matita in mano. Del rest
o alle elementari iniziavi con il pennino, l’inchiostro, il calamaio e un’infinità di aste.

La mia prima vera arma da caccia è stata una fionda di legno fatta con gli elastici ricavati dalla camera d’aria di una ruota di bicicletta e un pezzetto di cuoio come sede del sasso-proiettile.

Con quell’arnese ero diventato precisissimo, come molti miei compagni della banda. Abitavo nella prima periferia di Cesena, oggi è zona centralissima, dove la campagna era rigogliosa e un fiumiciattolo, la Cesuola, era la nostra riserva di caccia. Cacciavamo lucertole soprattutto, ma anche topi nel fiume, passeri e pipistrelli.

Con questi ultimi ero un vero specialista, perché avevo inventato un modo particolare per caricare la fionda; usavo sassolini facilmente reperibili ai bordi di una strada appena asfaltata, in modo da avere l’effetto rosata, e calcolando il giusto anticipo riuscivo sempre a fregarne qualcuno.

Le lucertole le cacciavamo anche tirando vecchie scarpe dei nostri genitori, ma poi l’etica c’impose di usare solo le fionde e le cerbottane. Con quest’ultime i risultati erano deludenti, ma le battaglie tra noi erano fantastiche. Tutti quanti eravamo specialisti nel fabbricarle e nel fare i proiettili di carta con una rapidità incredibile; quando invece si andava a caccia ci infilavamo i “piruletti” di carta fra i capelli per essere sempre pronti a replicare ai colpi con rapidità. Che divertimento!

In estate col tempo buono, si andava a caccia o si giocava a pallone. La mattina andavamo a caccia, il pomeriggio disputavamo interminabili partite. Che sudate e che gambe scorticate! Come se non bastasse il dolore per quelle sbucciature, mia madre mi “dava il resto”, come si dice da noi, perché ero troppo sudato e malridotto.

La sera poi, le rare volte che riuscivo a vedere mio padre prima di crollare a letto, gli raccontavo della caccia. Lui, cacciatore, mi capiva e mi prendeva sulle sue gambe sul divano e io esageravo nella quantità delle prede e delle loro dimensioni e lui rideva e ogni volta mi diceva: “Domenica vieni a caccia con me”. E con quella promessa crollavo come morto.

Ero stato molte altre volte a caccia di passeri con mio padre e avevo fatto sempre il “cane da riporto” con soddisfazione, soprattutto quando i passeri feriti cercavano di sfuggirmi tra l’erba o la terra lavorata dei campi.

La sera prima lo aiutavo a preparare le cartucce nella cartucciera di cuoio che emanava un odore caratteristico che, ancora oggi, quando preparo la mia, evoca in me quei dolci ricordi. Avevo circa quattordici anni, quell’età buffa in cui un ragazzo non è ancora né carne né pesce. La barba è solo una peluria che non ne vuol sapere di crescere, alcuni tuoi amici sono già raddoppiati e hanno una voce diversa dalla tua e le tue amiche non ti considerano… che strano periodo!

In quell’estate ero cresciuto di quindici centimetri e mia madre era stata costretta ad allungarmi i pantaloni ogni settimana e quindi non ero più l’ultimo della fila a scuola nell’ora di educazione fisica.

Mio padre scarica l’automatico dei cinque colpi, ne ricarica uno e mi dice: “Tira tu”. Per qualche minuto i passeri erano spariti dal cielo e io con il fucile in mano ero emozionato, ma non temevo né il colpo né il rinculo. Non volevo sbagliare: solo questo contava. M’interessava solo colpirlo con quell’unico colpo. Venne giù con le ali aperte, frullando un po’ come un aquilone senza vento.

Volevo andarlo a raccogliere, ma il babbo fu più veloce di me e me lo riportò con gli occhi che gli brillavano dalla gioia. Mi fece sparare ad altri passeri. Alcuni li presi, altri no, ma fu bellissimo. Era un passereto, uno dei luoghi in cui i passerotti vanno a dormire. I cacciatori all’attesa serale erano altri cinque o sei, più due in uniforme che si erano materializzati alle nostre spalle.

Mio padre mi prese il fucile dalle mani, ma loro gli dissero che quello era il modo giusto per insegnare ai ragazzi come maneggiare un’arma, con un colpo alla volta e con lui alle spalle, pronto a coprire un mio eventuale errore. La passione per la caccia mi conquistò per la vita, e così anche il rispetto per le due guardie di quei tempi, anni in cui, non sempre a dire il vero, il buon senso aveva il sopravvento sulla rigidità delle regole.

Ho cacciato molto coi miei cani soprattutto in Italia, ma tanto anche all’estero, in Paesi misteriosi, e potrei raccontare di avventure e di emozioni uniche. Anche per questo motivo ho deciso di pubblicare queste pagine, questo “mio brogliaccio”.

Se penso a ciò che mi ha fatto vedere e provare la passione per la caccia e dovessi rispondere con una risposta secca a chi mi chiedesse di dire qual è la cosa che più mi ha dato, non avrei dubbi su cosa rispondere: gli amici, ho conosciuto tanti amici.

 
Giorgio Lugaresi

Leggi altri Editoriali

16 commenti finora...

Re:Cos’è la caccia

Ho già scritto che mi ci ritrovo in tutto nel profilo tracciato dal Sig. Lugaresi . Cos'è la caccia, cosa rappresenta per ognuno di noi. Ognuno può dare una risposta diversa,con sfaccettature diverse...è normale. Non mi sembra normale, a mio sommesso giudizio, come alcuni vivono la caccia. C'è sempre stato antagonismo, invidie, fa parte delle debolezze umane, ma la passione può diventare Ossessione? Si può vivere la caccia, essere cacciatore con una fissa in Testa? È passione Quella? Per me la caccia è relax, vivere in un ambiente sano -forse, pulito sia dal punto di vista ambientale ma sopratutto umano,i rapporti con gli altri, la cordialità e l'etica. Oggi assisto sempre più ad un degrado di questi valori e questo mi rattrista. Si guardano i numeri, si raschia il barile, si deve fare tabula rasa e questo non mi piace...non è la caccia...come la intendo io.

da Carlo rm nord 09/01/2017 9.34

Re:Cos’è la caccia

Sig. Giorgio, ha raccontato una storia che per me è Vangelo, emozioni indimenticabili, che sentirei mille volte..... W la caccia. Un saluto al Sig Lugaresi con stima

da Alfonso 04/01/2017 20.12

Re:Cos’è la caccia

E' come rivivere parte della mia vita. E' piacevole e commovente perchè ricorda tempi passati e persone con le quali si sono vissuti momenti irripetibili. Grazie Giorgio

da bretone 04/01/2017 20.04

Re:Cos’è la caccia

Giù il cappelo signor Lugaresi,con semplici parole,mi ha ricordato come ho iniziato ad andare a caccia,fionda e cerbottana,poi solo molto dopo con babbo il primo colpo di fucile,poi ancora molto dopo,con anni da tirocinante cane riportatore,il primo giorno di licenza ed il primo storno abbattuto. Silenzio siamo cacciatori e ne andrò sempre fiero.Questa è caccia.

da Massimiliano 04/01/2017 17.31

Re:Cos’è la caccia

Ho 32 anni e sono cresciuto in Sicilia, Sig.Giorgio, è incredibile ma io ho vissuto le stesse identiche cose. Leggendo ricordavo i momenti con gli amici a caccia di lucertole, grilli, topi e passeri (questi ultimi rigorosamente spennati e mangiati arrosto), e gli interminabili pomeriggi passati a giocare al pallone, mamma mia che ricordi, pazzesco!!! Purtroppo della mia generazione sono l'unico ad essere diventato un cacciatore, passione di cui vado fiero, gli altri sono stati assorbiti dall'urbanizzazione che inghiotte tutto e tutti, portando le persone distanti anni luce dalla realtà rurale carica di valori e sapere.

da Danilo Micali 04/01/2017 11.03

Re:Cos’è la caccia

Sig. Giorgio,quello che ha descritto del suo vissuto è la fotocopia di molti di noi.E non potrebbe essere altrimenti,siamo una generazione del passato...quella buona.

da agostino 03/01/2017 19.55

Re:Cos’è la caccia

Praticamente la fotocopia di me....ma anche di tanti altri datati come noi. Peccato per i ns giovani...si sono persi qualcosa, oggi la vivono in un clima da competizione e aggressivo.

da Carlo rm nord 03/01/2017 14.37

Re:Cos’è la caccia

Nn curatevi di lui .....e ' come parlare di matematica con uno che nn Sa contare.........anche io mi rivedo in quello che ha raccontato l'autore......bei tempi,belle esperienze .......adiosu

da Lisandru 03/01/2017 9.55

Re:Cos’è la caccia

Il massimo della libidine è mangiare vegano selezionando piatti che si chiamano come quelli a base di carne e che hanno anche lo stesso sapore. Che per ottenerli (produzione trasformazione, preparazione) provocano più danni all'ambiente e agli esseri viventi (animali compresi) di quelli che qualsiasi cacciatore può causare. E che ne dite di quegli scimuniti, e scimunite, che vegani/e, vegetariani/e, fruttariani/e (come se una pera o una carota non fosse un essere vivente) favoriscono la produzione (quando non li producono direttamente, magari in quel del lecchese) di mangimi per cani e per gatti, notoriamente carnivori, con rifiuti della macellazione, quando non con cani e gatti (sfortunati) "trasformati" in crocchette. Ridicolo. Al proposito rileggetevi tutti il vangelo di Grillo o di Di Battista, ormai uomini-marketing (con Casaleggio Jr.)di un sistema che per esorcizzare la morte (nostra e dei nostri simili) inventa storie assurde. Sicuramente INNATURALI.

da Leibnitz 03/01/2017 9.36

Re:Cos’è la caccia

ho fatto tutte ma proprio tutte le stesse cose che ha fatto Giorgio, sembra che le cose dei ragazzi di allora fossero le stesse per tutti, ricordo che anche tanti amici che poi non sono diventati cacciatori le facevano, quindi era la normalita, a chi blatera ignoranza e stupidaggini, dico quanto vi siete persi nella vostra giovinezza, mi dispiace per voi, quindi ammazzatevi come vi pare, ma non rompeteci le palle.

da giusva 03/01/2017 7.41

Re:Cos’è la caccia

caro Giampi il perbenismo e il buonismo di oggi non ha portato a grandi risultati,mi sembra che il rispetto e il senso dell' amicizia rispetto a quegli anni non sia certamente migliore,credimi non ti scandalizzare se un bambino faceva azzannare un passero al proprio cane ,ma se vuoi fare del moralismo scandalizzati che se per fare una pertita di calcio ci vuole lesercito altrimenti tra simili si ammazzano.

da mb 02/01/2017 23.19

Re:Cos’è la caccia

sempre per giampi.il tuo commento fa venire il vomito perchè sicuramente sei troppo giovane per sapere cosa facevano i ragazzi di allora e hai la presunzione di criticare

da fausto 02/01/2017 20.30

Re:Cos’è la caccia

Giampi ,poverino te,è meglio che i ragazzi si facciano le canne poi passino all'ecstasy che passino il loro tempo libero a chattare a stuprare le loro coetanee e fare tutte quelle cazzate che fanno i ragazzi di oggi ai quali però piace il gattino da coccolare ,il cagnolino da vestire col cappottino il berrettino .spero anche che ti chiudano tutti i supermercati così morirai di fame.preferisco di gran lunga il quadretto di Lugaresi è più reale del tuo.

da fausto 02/01/2017 20.22

Re:Cos’è la caccia

Giampi ,poverino te,è meglio che i ragazzi si facciano le canne poi passino all'ecstasy che passino il loro tempo libero a chattare a stuprare le loro coetanee e fare tutte quelle cazzate che fanno i ragazzi di oggi ai quali però piace il gattino da coccolare ,il cagnolino da vestire col cappottino il berrettino .spero anche che ti chiudano tutti i supermercati così morirai di fame.preferisco di gran lunga il quadretto di Lugaresi è più reale del tuo.

da fausto 02/01/2017 20.22

Re:Cos’è la caccia

Ma che bel quadretto: bambini che fanno azzannare passeri al proprio cane, divertiti. O che per gioco ammazzano lucertole, passeri, topi e pipistrelli a sassate. E genitori i cui occhi brillano dalla gioia perché il figlio (minorenne, tra l’altro), ha tirato giù un passero con una fucilata. Che bello quando si andava in barba alle regole rigide... peccato che il mancato rispetto delle leggi non si chiama buon senso, ma in altra maniera. E poi gli amici, eh sì gli amici: perché come fa uno a farsi degli amici senza tirare fucilate a qualche animale??? Chissà! Bel quadretto davvero.

da Giampi 02/01/2017 19.52

Re:Cos’è la caccia

Grande Lugaresi

da fabry 02/01/2017 19.41