HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

UN’APERTURA DA FAVOLA


lunedì 14 settembre 2015
    

Quando ebbi la conferma che la nuova legge sulla caccia era stata varata e che con essa anche gli A.T.C. erano diventati una realtà, mi “sentii male”. Come un fulmine a ciel sereno, passai in un attimo dalle “stelle alle stalle”. Io che ero abituato a cacciare nel “Parco del Gran Paradiso“, mi ritrovavo a dovermi smarrire nel “deserto del Sahara”. Risiedo in Maremma, nell’Alto Lazio e con venti minuti di macchina sono in Toscana, la regione che, venatoriamente parlando, è senz’altro la numero “Uno”. L’estensione del territorio, la bellezza del suo habitat ed il profondo rispetto della cultura venatoria radicato nei toscani, fa sì che questa regione sia un paradiso per i cacciatori. E’ chiaro che io, appassionatissimo seguace di Nimrod cacciavo prevalentemente in Toscana, mentre solo di rado scorrazzavo nella mia regione di residenza. Ora, ad essere fortunato, era tutto il contrario. In un primo momento avevo quasi deciso di trasferirmi a Grosseto, ma in quel caso avrei dovuto anche cambiare lavoro (e forse la moglie!).
 
Mi fu consigliato d’acquistare almeno cinque ettari di terreno nell’A.T.C. prescelto, ma sinceramente come soluzione mi sembrava alquanto drastica e sopratutto esosa! Infine, da buon italiano, smossi mari e monti, richiamando a dovere tutte le persone che in un modo oppure in un altro mi dovevano qualche favore. Niente, tutto fu vano, non mi rimase altro da fare che mettermi in lista per il sorteggio per ottenere il permesso di averlo come secondo A.T.C., ma con poca speranza. Domato dalla cruda realtà mi dovetti rassegnare. A mali estremi, estremi rimedi. Dovevo convocare subito il consiglio di guerra con Sandro, amico del cuore e compagno di mille avventure. Ci saremmo organizzati insieme per preparare la prossima apertura in ”casa“ dato che, dalle amate macchie toscane ci avevano dato lo sfratto esecutivo. Se c’è una cosa a cui do volentieri ascolto, sono i consigli delle persone anziane.
 
Un vecchio capocaccia, purtroppo recentemente scomparso, soprannominato “Er diavoletto“, un giorno mi disse: “Il cacciatore deve essere come il carrozziere, meglio prepara la macchina e più bella verrà la verniciatura finale“. “Gli animali devono essere assestati bene prima della battuta di caccia.” Sante parole le sue. Il giorno dell’apertura non puoi pretendere di fare carniere, se prendi una settimana i cani (che assomigliano a delle mortadelle con le zampe) e li porti a fare un giretto di un’ora in un posto dove a primavera un conoscente ha sentito cantare un fagiano mentre andava a raccogliere asparagi. Il giorno dell’apertura, se vogliamo gustarci qualche bella ferma e magari tirare anche a qualche fagiano, dobbiamo preparare la “macchina“ con molto anticipo.
 
Eravamo ai primi di luglio, un sabato mattina. Sandro ed io eravamo partiti in perlustrazione. Sembravamo Clark e Lewis in territorio indiano. Meta della nostra spedizione era la bellissima zona che confina con la Tenuta del Principe Torlonia nella provincia di Viterbo. Non avevamo i cani dietro: il calendario venatorio imponeva che per l’addestramento si doveva aspettare il 15 agosto, ditemi voi se questo era giusto! Ma comunque ancora non servivano, ne avremmo fatto a meno, saremmo bastati noi due per una prima “assestata". Il fagiano è pur sempre un gallinaceo, ama parecchio pasturare, non sta mai fermo e molto tempo lo dedica alla cura del proprio corpo. Noi due, camminando nel pattume, lungo i sentieri polverosi e nelle culture annaffiate, avremmo visto facilmente le impronte, gli spolverini e qualche piuma. I maschi poi, non di rado, specialmente in prima mattina, si sentono cantare. Un aiuto fondamentale spesso lo possono dare i contadini ed i pastori che si incontrano in campagna. Chi conosce la zona meglio di loro? Io e Sandro, quando ne incontravamo uno, ripetevamo sempre la stessa storia: ”Buon giorno Maestro, abbiamo dei cuccioli da provare, in zona c’è qualche fagiano?” Ed intanto gli allungavamo un pacchetto di sigarette. La zuppa di pesce con una bottiglia di grappa gliela avremmo portata dopo l’apertura se avessimo avuto fortuna! Ripetemmo la scampagnata altre volte, con dei risultati abbastanza soddisfacenti, ma non certo eccezionali, finché un bel giorno……mentre stavo raccogliendo un po’ di finocchio selvatico incontrai Mastro Armando: “Sempre a cercar fagiani?” “Sempre”. Gli risposi “Ma purtroppo con scarso risultato. C’è poca roba in giro, abituato com’ero ad andare sempre in Toscana.” E lui continuò: “Un giorno, se non hai altro da fare, fatti una passeggiata al di là del fiume che costeggia la mia vigna perché spesso in quella zona sento i fagiani cantare”.
 
Il brav’uomo, per essere sicuro che non avrei sbagliato strada, mi disegnò persino una rudimentale cartina geografica. “Ok” gli dissi “Ci andrò sabato prossimo con i miei cuccioli”. Il più giovane aveva tre anni. Come promesso a Mastro Armando arrivai alle “Tombe“ (così era chiamata quella zona) mentre albeggiava, notando subito e con piacere che l’habitat era veramente meraviglioso. Pensai che se fossi stato un fagiano avrei voluto vivere proprio in un posto come quello. Drago, Kira e Luna erano sovralimentati con il turbo, se gli stavi dietro ti toglievano il fiato, erano in ottima forma fisica e vederli cacciare era un piacere per gli occhi oltre che per il cuore. Dopo neanche un quarto d’ora che giravamo, Luna s’inchiodò in velocità e dalla stoppia frullarono una fagiana e sei pollastroni. Mica male come inizio! Lungo il fiume alzai ancora una covata, nella spalla di falsco ne frullai un’altra e dall’ingresso di un canalone partirono tre maschi. Nel giro di due ore contai più di cinquanta fagiani. Ero Alice nel paese delle meraviglie. Tanti fagiani così lì avevo visti soltanto quando sconfinavo nell’Oasi di Ripopolamento del WWF. Non vedevo l’ora di dirlo a Sandro. Alla sera telefonai all’amico dicendogli che avevo trovato il paradiso terrestre. Gli dissi di farsi trovare l’indomani alle cinque davanti al canile che ce lo avrei portato.
 
Era ancora buio quando mettemmo in campo tutte le nostre forze: quattro setters e una breton. Con il vento a favore battemmo la stessa zona che avevo setacciato il giorno prima ritrovando più o meno gli stessi animali. Erano tutte covate compatte e poco disturbate ed io pensai che era troppo bello per essere vero, il trucco doveva esserci per forza. Vuoi vedere che nella foga della caccia non abbiamo visto le tabelle e siamo entrati in un divieto? Andammo a trovare Mastro Armando per chiedergli notizie. L’anziano viticoltore, tra una tirata ed un'altra di trinciato, ci tranquillizzò dicendoci che da quando era nato (quasi un secolo prima!) non c’erano mai state riserve in quella zona. Sostenne che se i fagiani erano tanti e tranquilli dipendeva dal fatto che quei terreni erano molto impervi e infestati di vipere. Per niente impauriti dagli avvertimenti del “Sor Armando”, ritornammo alle “Tombe” diverse volte ma senza calcare troppo la mano, giusto quel tanto per conoscere bene i movimenti dei selvatici nelle varie ore del giorno. E una settimana prima dell’apertura decidemmo che era giunto il momento di non andare più a disturbarli.
 
Possibile che, con tutte le volte che eravamo andati ad allenare i cani, non avevamo trovato mai nessun altro cacciatore? Forse era tutta una favola e Mastro Armando era come la fatina di Cenerentola? La penultima domenica di settembre io e Sandro, silenziosi come spettri e con i cani legati, aspettavamo il sorgere del sole almeno un’ora prima. Se le nostre aspettative erano esatte, nella macchietta davanti a noi doveva dormirci una covata di fagiani. Eravamo in sette: io, Sandro e…. cinque cani, uno più “arrapato” dell’altro. La giornata sì presentava chiara senza una nuvola nel cielo. Fra pochi minuti sarebbe stato giorno, ma ancora non ci si vedeva bene per poter sparare. Ad un tratto Sandro bisbigliò: ”Se aspettiamo ancora altri cacciatori ci circonderanno. Vedrai che tra poco ci sembrerà di stare alla fiera del paese. Io mi apposto e tu sbrigati a liberare i cani prima che venga troppa gente.” Come Garibaldi a Teano gli risposi: ”Obbedisco. Il capocaccia sei tu, anche se a me sembra ancora troppo buio”.
 
Liberai i cani contro luce, ebbi appena il tempo di caricare il Benelli M1 Super 90 che già erano tutti in ferma. Drago e suo fratello Argo avanti, gli altri tre dietro di consenso. Al comando: “Sotto belli” frullarono due maschi adulti e Sandro, concentratissimo, non li perdonò. Arrivai di corsa appena in tempo per veder volare quattro femmine, gli tirai male tre colpi ma ne colpii ugualmente due. Ricaricai veloce mentre marcava i punti dove si andavano a posarsi le altre. Sandro con la breton andò al recupero dei capi abbattuti, mentre io, come al solito, feci le feste ai miei bravi ausiliari. Non era ancora sorto il sole che avevamo già abbattuto quattro fagiani. Mi guardai intorno, sospettoso come un ladro, e solo allora Marco Benecchicapii che eravamo completamente soli! In tutta la mia vita non mi era mai capitata una cosa del genere, era tutto così irreale. Una spiegazione logica non riuscii a trovarla. Gli anni precedenti dove c’era qualche fagiano si rischiava di fare a schioppettate. Inoltre, strano a dirsi, non sentii neanche la mancanza delle felici aperture in Toscana. Sapevo che in futuro l’avrei sicuramente rimpianta ma quel giorno me lo sono veramente goduto. Avevo sostituito le cartucce Elite della Fiocchi con un altro tipo che non andarono troppo bene e quasi tutti gli animali che abbattei caddero feriti, ma per il resto fu una giornata indimenticabile, fu proprio un’apertura da favola. Purtroppo non posso dirvi precisamente quanti fagiani incarnierammo quel giorno. Per la cronaca furono quattro, due per ogni cacciatore, ma se avremmo potuto contare anche i cani come dei componenti della squadra, forse avremmo avuto la possibilità di abbatterne addirittura quattordici !!!!

Leggi altri Editoriali

79 commenti finora...

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

X ah ah ah: mo' sic'molto ben!

da mirko 18/09/2015 15.46

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

MirKo la tua intelligenza è pari alla tua K ah ah ah !!

da ah ah ah 18/09/2015 14.55

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Sig.Peruzzi ,credo lei sia ormai attaccato ad una fissazione .poi piu' scrive e piu' la macchia si allarga." Sudisti e nordisti..? Cosa dovrei scriverle che Venezia e la sua laguna non sono seconde a nessuno??? Mi dispiace per lei ma nel mio territorio ,c'e poco ma di tutto dalla migratoria acquatica ,alla stanziale .ed i colombacci che come da preapertura io ho cacciato..Perche' sono il piu' generico dei cacciatori,e quei fagiani e lepri che tutti hanno visto sia allenando i cani che in preapertura, c' e li cacceremo spero con dignita' e correttezza,e se mi passa sopra la testa un colombaccio le cartucce che ho nella doppietta ,andranno bene anche per esso,e le assicuro che il cane me lo riportera' festoso anche dall'acqua..

da Toni el cacciator 18/09/2015 12.15

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Mirko questa è cosa vecchia la postata per primo io su un Forum di caccia almeno 5 anno or sono ma non si può realizzare per il semplice motivo che; essendo i migratoristi la maggioranza chi mantiene gli stanzialisti, chi gli ungulatori, chi mantiene gli atc e relativi gestori, chi li paga i danni degli ungulati?

da IBAL 18/09/2015 11.54

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Mario la soluzione al problema che sollevi è quella della licenza di caccia differenziata...migratoria/stanziale/ungulati... Uno scegli e fa solo quella...te invece vorresti ottenere questo risultato col calendario venatorio...in modo che quando ti fa comodo non fai cacciare e quando invece ti fa comodo te ci vai...sii coerente e proponi la cosa giusta....

da Mirko (con la k per davvero) 18/09/2015 11.19

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Alla fine sono sempre più convinto che la caccia che abbiamo in Italia è quella che ci meritiamo..dove i cacciatori fanno un buon lavoro hanno delle soddisfazioni, dove la caccia è popolare e aperta a tutti questi sparatori della domenica cosa volete pretendere? La caccia per definizione è sempre stata impopolare..un tempo chi andava a caccia? I benestanti e quelli veramente appassionati. Poi c erano gli uccellatori ma quella è un altra categoria.dagli anni 60 questa prassi è cambiata con le orde di cacciatori che hanno invaso le campagne..senza freni ma soprattutto senza una cultura di base per affrontare questa attività che non è sportiva!! Abbiamo sotto gli occhi i risultati..l unica fortuna sono stati gli ungulati che hanno permesso una piccola crescita culturale per i cacciatori ma anche qui noi italianetti siamo capaci di tirare fuori il peggio di noi stessi...invidie e gelosie anche lì..

da little john 18/09/2015 11.13

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

o per l'amor di Dio,Luciano,che parla in romanesco.... La vergogna d'Italia.Taci che è meglio !

da toscanello 18/09/2015 9.49

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

in Toscana è giusto che vadano a caccia i toscani anzi io gli farei una licenza speciale solo per loro e che non si muovano da li..invece te li trovi a rompere le palle da tutte le parti sono un pò come gli americani a casa loro un giardino a casa degli altri terra bruciata!! A mario an vedi da anna a quer paese te e tutta la toKcana di ricchi che fanno i morti di fame!!! e quella K infilatela in quel posto ! Hai ragione solo sull'apertura generale

da Luciano 18/09/2015 9.23

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Semplicissima da spiegare la mia frase Toni. Credo che chi ha la passione per la caccia con il cane da ferma o da seguita meriti rispetto. Quel rispetto che certamente non viene loro concesso semplicemente perchè - nelle province dove è stata fatta la preapertura - a parte qualche "reduce di colombaccio" l'unica selvaggina cacciabile il 20 settembre è il fagiano o la lepre. Le sembra giusto che il 20 settembre tutta la popolazione venatoria sia "dietro" quei tre o quattro fagiani e a quelle tre o quattro lepri o forse era meglio se una parte cacciava altro (nel caso colombacci)? Nella mia provincia è così che si fa e nessuno è contento perchè la sera del 20 settembre si può lasciare il fucile in rastrelliera in attesa che cominci il passo. E' forse questa la caccia o forse è meglio usare il cervello per consentire a tutti di godere appieno questa "affascinante passione"? Per quanto riguarda la KAPPA maiuscola di TosKana è un "mio vezzo" che sta a significare la grandezza della TosKana che a differenza dei sudisti e dei nordisti non ha subito...... "invasioni barbariche".

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 18/09/2015 8.05

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Bravo little john

da nino da Bari 17/09/2015 20.53

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

little john e' tutto cosi': nelle gare amatoriali di ciclismo ci sono impiegati e operai che si dopano....

da luca 17/09/2015 20.47

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Quando sento tutta questa competizione tra cacciatori mi rallegra pensare che fra dieci anni saremo la metá..meno cacciatori =meno invidie e gelosie...non sopporto chi fa a gara del maggior carniere...siano colombacci, lepri, beccacce, cinghiali o anatre...la selvaggina non deve essere la valvola di sfogo di frustrati che per sentirsi migliori devono fare carniere a tutti i costi...questa almeno è la mia opinione

da little john 17/09/2015 19.05

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Sig.mario Peruzzi di Toskana,( gia' sta' kappa') .Forse inconsapevolmente ,ma forse .lei mi sta' offendendo!!! Mi spieghi le frase " Hanno rispetto coloro....fino a ....tre o quattro lepri"" .il migliore lei eh ,ma si vergogni!

da Toni el cacciator 17/09/2015 15.23

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Massimo. So che le battaglie da fare sono (tante) altre ma io sono capace di gestirne una per volta. Stai sereno (tuo concittadino dicet) che il mio impegno nel far si che il colombaccio sparisca dalle specie cacciabili in preapertura sarà massimo. Correrò da solo perchè il mio club ha altro a cui pensare ma la mia voce la sentirai sempre con la stessa nota con cui è partita. Nota stonata? Non credo perchè nel rispetto della discussione "UN'APERTURA DA FAVOLA", un'apertura da favola è quella fatta con passione perchè - caro Massimo - la selvaggina merita rispetto e passione. Hanno rispetto coloro che per passione hanno scelto il cane da ferma o da seguita per cacciare fagiani o lepri dall'apertura? Sicuramente no perchè dove è stata fatta la preapertura saranno tutti dietro a quei tre o quattro fagiani e a quelle tre o quattro lepri. Differentemente i pochi che hanno cacciato il colombaccio in preapertura lo avrebbero cacciato all'apertura generale lasciando a chi merita, le lepri e i fagiani. Non è un problema di etica ma di intelligenza venatoria la preapertura al colombaccio. Purtroppo nel mio club sta mancando sia l'etica che l'intelligenza al punto che sto valutando di uscire da quella che non sento più la mia casa. Quindi credo che sbagli a dire che non sono dentro l'argomento. Ci sono alla grande e non temo smentita

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 17/09/2015 11.29

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Dipende dal Barese e dal Salentino c'è persone e persone. Come leggenda è cosí, in tutti i paesi ci sono vicini ai quali vanno strette le scarpe. A volte addirittura le contrade vedi Siena.

da nino da Bari 17/09/2015 11.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Forse il Benecchi non sa che fra baresi e salentini non corre Buon sangue....un po' come fra pisani e livornesi

da wicampanili 17/09/2015 9.57

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Grazie dei complimenti, hai scelto bene soprattutto per il Salento come località di mare. Meno male che non hai menzionato più dettagliatamente i luoghi o i paesi o le spiagge, ti avrebbero attribuito altra pubblicità occulta. Ah aspetta, hai menzionato l’Ilva, sei un servitore…… dei Riva. Ahh ahh ah!!!

da nino da Bari 17/09/2015 9.39

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Cercherò di far tesoro del tuo consiglio.. Poi detto da uno di BARI.... Sono 4 anni che vengo in villeggiatura nel Salento ed ho già prenotato per il prossimo. Complimenti per la bellissima regione e soprattutto per il carattere dei tuoi compaesani. Voglio farti fare una risata.. Una volta sono venuto a Bari x lavoro (dovevo andare alla Ilva di Taranto a vedere un macchinario!) e.. Nevicava!! SalutiMarco.. Vado a pulire i cani... Un anno voglio fare il conto di quanta cacca fanno... Roba da non credere.............

da Marco Benecchi x Nino da Bari 17/09/2015 9.13

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Benecchi stai tranquillo e non ti curar di loro. In Italia sono tutti esperti commentatori, tecnici calcistici, economisti, esperti di marketing, ecc. ecc. Tutti abbiamo dei vizi, ma a volte i vizi non sempre sono una brutta cosa, per esempio chi si prende il vizio di farsi i cazzi propri si fa solo bene, a lui e agli altri.

da nino da Bari 17/09/2015 9.09

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Mi pare che in generale siamo andati fuori argomento malattia comune dei forum. Per il resto è singolare che dai tempi dei guelfi e dei ghibellini non sia cambiato molto certo era il 1200! Caro Pelo smetti di predicare nel deserto e stai un po' più sereno le battaglie da fare sono altre questo è il solito fuoco amico, ciao caro

da Badger 17/09/2015 7.59

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

intendo auto di lusso un veicolo sopra i18.000 euro e sopra i 70kw

da ippigia 16/09/2015 19.16

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Mi pare che stiamo debordando,anche in modo....Comunque quando in un sito pubblico si citano con massima precisione articoli e marche ,,ohh si e' maniaci ohh si sfruttano male le proprie possibilita' di marketing....

da Toni el cacciator 16/09/2015 19.07

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Giulio, E qui cascò l'asino. Io sono Perito Meccanico presso l'ENEL e guadagno Stipendio fisso perché gli staordinari me li faccio a casa nella mia piccola officina da armaiolo, 1850 euro al mese. Dopo 31 anni di lavoro. Non ho debiti e come detto miliardi di volte nel mio blog. HO SOLO LA CACCIA. Né partite, né settimane bianche, né scooter, né barca, né tennis NIENTE ALTRO CHE CACCIA ARMI E CANI Ho 4 setter e tre jagd terrier. Faccio una media di 2 - 3 viaggi venatori l'anno mirati sembra al "miglior rapporto qualità prezzo" Poi ho le mie conoscenze come tutti. Ci scambiamo gli inviti e così via. Per il resto NON HO MAI Dico MAI e SOTTOLINEO MAI (Motivo per cui non vado più in TV su SKY) Detto questo è meglio di quello perché me ne regalavano un campione. IN DECENNI di prove e/o consulenze, Una vola la Browning mi ha regalato una giacca ed una borsa TUTTO, ripeto TUTTO e voglio ripeterlo ancora TUTTO quel che uso me lo pago... Cercate di capirmi BENE! Anche se "Lavoro per Big Hunter"""""""""""""" A buon intenditore. Sono stato a cervi in Ungheria alcuni anni fa con lo Steyr 8 x 68 Swarovski Z 6 2 - 12 x 50..... COMPERATO CON I MIEI SOLDI A notte fonda escono i cervi.. L'accompagnatore fa spara!! Io gli dico li vedo male. E non sparo L'anno dopo ci ritorno. TUTTO UGUALE anche stesso campo. Stessa arma solo che ora ho sopra un KAHLES (COMPERATO CON I MIEI SOLDI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Cervi fatti 4!!!!! Se potessi, monterei solo KAHLES sulle mie armi E li pago... Non me li regalano ECCO CARI GIULIO & Company Puccio e così via, Io posso dire solo la mia nient'altro Quando scrivo un racconto metto tutto, Perché io vorrei leggerlo così Quando feci quella memorabile avventura cacciai col Benelli M 1 Super 90, cartucce Fiocchi Elite. Ora Caccio con un MAROCCHI Si 12 e cartucce serie speciale fagiano Maionchi Nobel Sport. TUTTO RIGOROSAMENTE COMPERATO DI TASCA MIA Se qualcuno crede diversamente mi spiace per lui e per me perché è

da Da Marco Benecchi x GIULIO 16/09/2015 17.12

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Non è poi difficile scrivere bene di fucili. E di cartucce. Un po meno facile scrivere bene di ottiche. Ma per fucili e cartucce, se ti limiti alle grandi marche, vai sul sicuro. Poi c'è l'alea del tiro, che non dipende solo dal fucile ma dal tiratore. Insomma, volendo, considerando la soggettività dell'opinione, legata a variabili quasi infinite, si può scrivere bene di tutto. Se poi a farlo è uno competente come Benecchi, anche se apparentemente preso - quando scrive - da passione venatoria che rasenta il maniacale, ma il cacciatore (vero) è quasi sempre così, tutto fila liscio. Sorprende, concordo anch'io, la sua ecletticità e duttilità. Lui riesce a trovare fantastici risultati con tutti gli stumenti che adopera, e sono tantissimi. Complimenti davvero. Ma un comune mortale, anche se cacciatore appassionato, come fa a districarsi nei menadri della tecnico-balistica venatoria che il Benecchi prospetta? Francamente c'è da perdere la testa. Mi chiedo: poichè da noi, con la palla si va nove volte su dieci a cinghiale, per non sfigurare, si deve disporre di tutte quelle armi e di quell'armamentario di cartucce che lui ci snocciola???

da Jacopo M. 16/09/2015 16.39

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Giulio A.BUONA LA PRIMA.

da ALBERTO P. 16/09/2015 15.54

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ehilà Benecchi, non vorrei che ti fossi sentito punto nel vivo. Non so se sia vero quello che scrive Puccio, però, leggendo i tuoi articoli, sembrerebbe proprio che tu indulgessi a stimoli promozionali. Non c'è volta, infatti, e scritto, nel quale tu non proponga per lo stesso selvatico quando questo, quando quello, sia fucili, sia cartucce sempre diversi. Altrove ho letto anche di ottiche. E tutto, fucili, cartucce, ottiche, accessori, tranne qualche rara eccezione (chissà perchè), tutto ottimo se non eccezionale. Passando di palo in frasca, sembra di leggere Quattroruote di una volta, quando le uscite con articoli sui modelli automobilistici, corrispondevano in proporzione alle pagine pubblicitarie delle aziende produttrici. Non ti conosco, ma penso che tu sia un benestante andante, perchè se disponi di tutto quello che promuovi, (dici spesso "il mio inseparabile" o sinonimi), non devi passartela male. Ma mi fa piacere. Ovviamente. Sono convinto che tutto quello che scrivi l'hai provato e corrisponde. Così ti aggiungo un "mi piace" anch'io. In bocca al lupo.

da Giulio A. 16/09/2015 15.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Pure a me, credimi, fa enorme tristezza leggere quello che dici Massimo. Peccato non hai letto i precedenti altrimenti non avresti scritto ciò che hai scritto. Sono profondamente deluso da te perchè l'etica è solo la parte "secondaria" del problema. I fiorentini c'entrano per il loro modo di porsi a caccia e a pesca in tutta la tosKana e non solo. Non ho paura d'essere smentito. La primaria è e resterà che chi è sordo è sordo e difficilmente capirà la differenza che passa fra avere un'apertura dove tutti vanno a tutto e un'apertura dove ognuno va a ciò che più gli piace. Tradotto affinchè non si fraintenda ancora il mio pensiero, domenica saranno tutti dietro a quei due fagiani e quelle due o tre lepri anzichè chi ha il cane goda il cane e chi ha il piccione goda il colombaccio. Ancora tradotto significa che finiti quei due o tre fagiani tutti dietro alla migratoria e alle beccacce. meno male che il cinghiale c'è mi verrebbe da dire se non poi ripensare che prima dell'inizio della battuta tutti a tutta caccia. Spero di essere stato chiaro. E' forse caccia questa? Cerchiamo di crescere appunto.

da pelo 52 Arezzo, Toskana 16/09/2015 14.56

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Puccio, Mi spiace di deluderti, ma io in 50 anni (vado per i 56 quindi da quando ho fatto la prima elementare!!) avrò letto si o no 5 - 6 rivist3 di Guns & Ammo, LETTO? Sfogliato, volevo dire perché non conosco assolutamente l'inglese ora figuriamoci in gioventù Mio unico cruccio nella vita come quello di non saper suonare uno strumento. In particolare la chitarra. Mi sono fatto grande leggendo Diana e Diana Armi, poii Armi e Tiro finchè nbon hanno cominciato a scrivere... eresie. Almeno per quanto riguardava l'uso della canna rigata a caccia!!! Io ho SEMPRE PARLATO PER ESPERIENZA PERSONALE... Come farai tu e i fanciulli la sera al bar o nelle armerie. Io purtroppo non ho tempo di frequentare né gli uni né gli altri. Quando i miei colleghi consigliavano i 300 WM e il 338 per il cinghiale. Io consigliavo il 243... E non credo che nelle riviste americane si parli molto di cinghiali. Io parlo SEMPRE per ESPERIENZA PERSONALE RIGOROSAMENTE VISSUTA. Altrimenti sto zitto ed ascolto. NESSUNO si è mai preso la briga di voler insegnare qualcosa a qualcuno. Quando mai? Se magari mi pagavano.. Una volta, lo ammetto, l'ho fatto anche a pagamento.... per dei selecontrollori Spesso mi chiedono qualche consiglio ed io, quando posso rispondo... Dico la mia, tutto qua... Ma posso anche garantirti che se ti dico una cosa, una qualsiasi, anche di aver visto volare un elefante.. Credici.. Tranquillo che non ho nè la voglia né il tempo di dire fregnacce... A quale scopo..?? Non saprei proprio. M

da Marco Benecchi x PUCCIO MAZZ 16/09/2015 13.50

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Rabdomante......attento il metano è molto infiammabile!!! Io vado solo a gasolio..... Se pensi che davvero che il mio ragionamente sia per evitare la concorrenza.......mi fai veramente pena!! Purtroppo, al nostro interno (parlo di cacciatori) abbiamo ancora troppe persone di tuo pari livello...fortuna che siete in via di estinzione!! By By

da BRETONISTA 16/09/2015 12.46

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Francamente molto di quello che leggo mi fa una enorme tristezza, siamo irrimediabilmente una categoria di immaturi. Non mi piacciono i fiorentini, mi ammazzano la stanziale, non vorrei la gente di fuori, vado mi pare e anatema sul mondo, abbasso i colombacciai etc etc Possibile che sia così da sempre? Il mondo è andato avanti ma il nostro fratello nella passione è sempre e solo un nemico antagonista. Ma non vi accorgete che il nostro punto debole è appunto l'eterna divisione? Poi la pre apertura, basta sproloqui e anatemi vari, esiste un fondamento scientifico acclarato che dimostra che il danno non esiste e se la mettiamo sull'etica basta stare a casa! Perchè se poi parliamo di etica allora vorrei essere una mosca e poter osservare tutto il resto della stagione. Via siamo seri e cerchiamo di crescere una buona volta prima di scomparire.

da badger 16/09/2015 11.52

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Il Benecchi, per i consigli su fucili e cartucce, s'ispira al giornalismo venatorio americano, credo, ma comunque se vai in armeria alla sera, lo stesso stile lo recuperi nei racconti di ognuno di noi, eterni fanciulli. poi, a proposito - di benecchi e dei fanciulli - mi viene in mente il detto: "conta più balle di un cacciatore a valle..."

da Puccio Mazz. 16/09/2015 9.01

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

siete cacciatori da riserva b...i

da 1 15/09/2015 19.57

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

SONO FAVOREVOLE A CACCIARE NEI PROPI TERRENI E NEL COMUNE DI RESIDENZA! QUANDO MI DATE 300/500 ETTARI DA GESTIRE? PERCHE' DI SOLITO CHI DICE COSI' SONO SEMPRE PERSONE CON L'ORTICELLO'' SOTTO CASA, E GLI RODONO I COGL@ON@ QUANDO QUALCUN'ALTRO PUR PAGANDO LA PROPRIA QUOTA E ABITANDO IN CITTA' GLI ARRIVA SOTTO CASA, TUTTI FENOMENI!! BRAVI!!

da ogniunperse' e Diopertutti 15/09/2015 16.34

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Via, fai il bravo Rodomonte. A proposito di ATC. Era la scelta migliore se fatta in funzione della stanziale. Purtroppo si è "dirazzato" infilandoci di tutto e di più. Perchè ATC farebbe rima con stanziale? Semplicemente perchè trovo vergognoso far godere altri dei propri "sacrifici" intendendo per tali gli sforzi che fanno coloro che si dedicano, anzi dedicavano, al controllo dei nocivi - alle catture nelle zrc per poi rilascio in terreno libero - alle colture a perdere in ambienti idonei. Oggi questo non esiste più. Oggi si prendono le AFV per la migratoria o per gli ungulati fregandosene di chi "rasenta il cartello" per il piacere di vedere il setter in ferma. Che vuoi che fermi un setter lungo un cartello di una AFV presa solo per cacciare colombacci e cinghiali? Qualche colombaccio o beccaccia ferita dentro? No ATC per la migratoria. Si ATC per stanziale e ungulati. Chiaro il concetto Rodomonte. Pure io Massimo quando ho i piccioni e il fucile al seguito cerco di "concludere". Non sono comunque un'eccezione perchè quando caccio caccio e non mi fermo a un numero chiuso considerato che son poche le giornate che ti consentono questo. Semplicemente ho detto che per chi caccia con il cane la beccaccia il cane deve essere un cane da ferma e per uno come me che caccia i colombacci, il colombaccio è sparato solo e soltanto se si posa dove voglio io. Non ho parlato di numeri nè dico che mi fermo a un certo numero. La caccia è caccia solo se è fatta secondo determinati criteri che sono anche il rispetto per il selvatico. Cosa che non fanno i pescatori con l'ormai famoso "catch and release". Quando pescavo io pescavo anche per mangiare i pesci pescati come mangio i colombacci cacciati.

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 15/09/2015 15.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ti piacerebbe eh? Meno concorrenza fa sempre comodo a chi non ci sa fare...invece la sai una cosa? Ho appena fatto l'impianto a metano alla macchina.... Con 5 euro vado e torno da Grosseto ih ih ih.... Quest'anno ci schermo fra Siena e Grosseto!

da rodomonte da Scandicci 15/09/2015 15.07

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Massimo è chiaro.....altrimenti usciremmo con la macchina fotografica!!! Ma ovviamente si stà parlando non di chi caccia ma di chi, pensando di esser più bravo degli altri, fa inutili stragi alludendo a un divertimento che....mah!! Per me, sarò un marziano, un "diverso" ecc ma....una giornata con 7-8 colombacci è una bella giornata!! Con il cane quando hai 2 beccacce nel carniere.....non conviene far ritorno alla macchina e tornare il giorno dopo?? E se poi non ce ne sono più.......ritorneranno!!! Rodomonte.....ora inizieresti a ragionare!!!

da BRETONISTA 15/09/2015 15.00

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Bretonista e perché non ognuno nel proprio giardino? Io ce l'ho condominiale bello grande e con qualche Merlo stanziale....

da rodomonte da Scandicci 15/09/2015 14.38

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Massimiliano e Bretonista, mi fa piacere se apprezzate le mie considerazioni anche se a me sembra di dire cose che dovrebbero essere abbastanza scontate per un cacciatore. Vorrei però precisare che anche io esco con il fucile per sparare e, possibilmente, incarnierare, altrimenti si crea qualche equivoco ....

da massimo firenze 15/09/2015 14.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Rabdomante....non vorrei tu confondessi il significato della parola INVIDIA con PENA!! Sai è ben diverso..... Dico anche la mia circa la "mobilità venatoria"....ognuno nel proprio atc e.....gli atc dovrebbero come confini....i confini del comune!! Si...ognuno nel proprio comune!! E che le tasse vadano all' amministrazione comunale....

da BRETONISTA 15/09/2015 14.04

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Che bella la Toscana due cacciatori .un carniere sul piu' vago possibile ,ma anche per uno scemo si capisce che e' stato sforato,nessun limite per i cani anche se mi pare che la legge dica un cacciatore due cani ,due cacciatori tre cani , l'Italia e' veramente il paese per i piu' furbi , ed e' normale vantarsene...

da Avanti cosi facciamone pure un editoriale 15/09/2015 14.02

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Il punto non è sui carnieri pingui.Fatti nei tempi consoni fa parte del gioco,sia di terra che da appostamento.Nessuno obietta.La gocciola che rende colmo il vaso è solo la PREAPERTUA AI COLOMBACCI il primo di settembre e la conseguente mattanza consentita tacitamente "per non si sa quale motivo logico ".Stop. Tutto il resto è una deriva del parlare....alla fine si và fuori del seminato. PRE si agli estatini la terza di agosto (la '157 non lo permette ma diverse cosette..poche..son state modificate negli anni..logico se il consenso è unanime da parte della Associazioni Venatori) e generale un mese dopo (la terza di settembre) a tutto.Semplicissimo return alla vecchia amata (da tanti)'968

da toskano 15/09/2015 13.48

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

..forse se tutti la pensassimo allo stesso modo, ci sarebbe un partito solo? un solo modello di auto? e una sola tipologia di donna? Non credo! rispettiamo i sogni altrui senza fare i professori, e se ha qualcuno la preapertura non piace, basta che non ci vada, ed a chi piace basta che rispetti le regole, anche se trovo d'accordo almeno per quel giorno, di non usare richiami. Saluti.

da peace and love 15/09/2015 13.44

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Possibile che quando scrive Benecchi ci debba dire marca e modello del fucile,delle cartucce degli stivali....manca solo l'indirizzo dell'armeria dove comprare questa attrezzatura,viva la pubblicità

da a.p. 15/09/2015 13.42

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ma non erari i cellettari delle deroghe ingordi, fuorilegge, sparatori, e la vergogna dell'italvenatoria? Ma non erano i ternani il flagello della caccia?A quanto leggo sono anche i toscani fior fiore dei cacciatori italiani che hanno insegnato a tutti cosa è la caccia e cacciatori TUTTI con la C maiuscola che si comportano così "eticamente". Sarà la differenza di peso e volume che gioca a favore delle mattanze.

da A però 15/09/2015 13.36

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Vedo molta invidia per chi fa buoni carnieri e richieste di divieti...ma per le cacce altrui. Il cane non posso tenerlo: abito in un bilocale al 5' piano....io cerco di arrangiarmi facendo tanti km anche a caccia chiusa...non invidiate sempre chi fa carniere...poi se no inizieranno anche voi

da rodomonte da Scandicci 15/09/2015 13.29

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Massimo, ottima analisi la tua e.....conclusione assai condivisa!! Purtroppo anche dalle mie parti ho sentito gente vantarsi del carniere di 50-60 colombacci....ovviamente tutti con racchette, cimbelli e volantini!!! Che c...o ne faranno poi di tutti quei colombacci?? Mha... Personalmente....la preapertura non l' ho fatta e.....all' apertura anche io sarò dietro al c... della breton!! Che tra l' altro ho sciolto veramente pochissime volte quest' anno! Saluti

da BRETONISTA 15/09/2015 12.40

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

MASSIMO FIRENZE...SANTO SUBITO (PER SCHERZO è ..e non in quel senso ) Un fiorentino che dirazza (abbiamo già parlato in altra sessione lo scorso anno). Complimenti per la tua radografia ineccepibile.

da ex ATC 17-Massimiliano 15/09/2015 12.32

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Premesso che di solito mi dedico più alla stanziale che al colombaccio, devo dire che mi trovo abbastanza d’accordo con quello che dice il Peruzzi riguardo alla preapertura: anche io ritengo eticamente poco accettabile cacciare questa specie il 2 Settembre quando gli stessi esemplari li troveresti più maturi e meno sotto pressione anche il 20 Settembre (io per esempio il giorno dell’apertura vado con la breton a stanziale e quindi lascio perdere i colombi). Però, visto che c’era, io la preapertura, anche soddisfacente, l’ho fatta (ATC17) e devo dire che ho visto delle cose che mi hanno lasciato di stucco perchè, mentre capisco che ci voglia dell’abilità nel far scendere un branco di colombi in migrazione, non capisco quale soddisfazione ci sia, se non quella di fare la classica marmellata di pennuti, nell’usare i piccioni per far venire i colombi dove sarebbero già venuti di suo; vi garantisco che in un’area abbastanza ristretta dove ho cacciato io c’erano ben due squadre attrezzate di tutto punto di volantini e cimbelli: ovviamente a fine giornata quella cinquantina di colombi che girellavano nella zona erano al 90% già finiti in carniera. Riguardo al carniere credo che il Peruzzi, che dice di badarci poco, sia una piacevole eccezione perchè ormai il colombo è diventato, per la maggior parte di chi fa quella caccia, obiettivo di record giornalieri e stagionali; qui dalle mie parti, e forse è per questo che siamo così mal visti, adesso le “squadre” puntano a carnieri stagionali sopra i 1000 ... Direi che come categoria qualche problemino ce l’abbiamo ....

da massimo firenze 15/09/2015 12.01

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Toh...riecco il toscano pestasfalto giramondo!! Ora si chiama....rabdomante (lo scrive male...ma questo intende)....lui che crede di aver il bastone che gli cerca la selvaggina (il cane non lo usa più.....è roba da rurali!!) Ma....a scandicci un ce li avete un po di piccioni??

da BRETONISTA 15/09/2015 11.27

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Peruzzi tu 6 un fenomeno! Te vuoi andare al colombaccio con tutta la tecnica e il gusto del bello e me mi vorresti mandare alle cornacchie! Perché un ci vai te alle cornacchie???? IL 20/9 io sarò fra vigna e bosco in attesa di una lepre...se passa bene se no pace. Dietro ai fagiani senza cane un ci vo di sicuro!

da rodomonte da Scandicci 15/09/2015 10.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ebbravo Rodomonte. Cominciamo a capirci alfine. Non so se ci riesco ma spero di "ricavare in te un buon cacciatore". E chi ha mai detto che chi ha il capanno ha invidia o odia chi non ce l'ha. E' l'esatto contrario. Io sono uno di quelli che badano poco al carniere ma molto alla sostanza che (nei colombacci) è fatto di curate e buttate. Se non curano o non si buttano, perchè ci sta anche questo, sicuramente dipende da me. Quindi cerco di migliorarmi per la prossima volta. Tornando alla preapertura al colombaccio, STRETTAMENTE LEGATA ALL'APERTURA GENERALE, continuo a dire che è un'errore madornale semplicemente perchè domenica 20 settembre nelle regioni dove è stata fatta preapertura tutti saranno CANIMUNITI dietro a quei tre o quattro fagiani lanciati poco tempo prima e miracolosamente scampati alla volpe. E' caccia questa? Sicuramente no. Non ci resta che ringraziare di questo le associazioni venatorie, CCT in testa, per aver lottato al fine di far inserire il colombaccio in preapertura e i vari Club del colombaccio che nulla hanno fatto per evitarla. Pensa Rodomonte. Per domenica 20 ci sono in abbondanza cornacchie, gazze, ghiandaie. Tutta selvaggina cacciabile ma troppo difficile da cacciare. O no?

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 15/09/2015 9.24

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ettepareva che un veniva a raccogliere funghi da noi????!!!!!! Ma qualcosa a casa vostra non siete boni a farla??!! @@

da Autopalio 14/09/2015 21.54

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

mario peruzzi non si puo' essere simpatici x forza...a proposito di pesca: sono appasionato anche di quella!! bazzico (per la pesca) proprio l'aretino ...oltre che per i funghi (senese ed aretino)....i capannai non mi hanno fatto proprio nulla...solo che invidiano sempre noi pistamentuccia che dobbiamo arrampicarci sugli specchi per far carniere...e lasciateci vivere anche noi!!

da rodomonte da scandicci 14/09/2015 20.55

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Rodomonte, Rodomonte. Beato te che hai scansato la fornero altrimenti non pensavi a una bella borsa di cartucce nè avresti sparato tante cavolate contro chi caccia i colombacci con il capanno. Ma che male ti hanno fatto? Loro aspettano l'ottobre. Loro lasciano a te l'onore di portare a casa colombacci lattanti. A noi spetta l'onere di far capire ma, credimi, è dura perchè come ragioni te ragionano le associazioni venatorie e le associazioni di categoria. Te l'ho detto tempo fa ma sicuramente non arrivi a capire cosa voleva dire aprire il colombaccio non il primo ma il venti di settembre. Purtroppo a voi fiorentini in TosKana pochi vi capiscono e ancora meno TosKani vi sopportano. Chiedi in giro. Non solo nella caccia eh. Per non parlare della pesca.

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 14/09/2015 19.14

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

rodomonte da scandicci :aggiornati e leggiti bene la legge (157-92 ndr) ! non fa distingui tra migratoria e stanziale. Non è ne mia ne tua ma patrimonio indisponibile dello stato.

da maremmano 14/09/2015 19.08

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

maremmano la migratoria e' di tutti, belli e brutti quindi anche tua....e mia!

da rodomonte da Scandicci 14/09/2015 19.04

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

rodomonte da scandicci L'ETICA E IL RISPETTO son concetti troppo difficili da comprendere ..lascia perdere ! Continua così fin tanto il tuo concittadino primoministro te lo permetterà.Quando poi cambierà (e di certo cambierà)l'appartenza della selvaggina...allora forse capirai che il solo fatto di possedere un PDA uso caccia non ti dà diritto di fare e disfare ciò che ti pare e piace.

da maremmano 14/09/2015 18.51

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

maremmano io sono cittadino del mondo...telefono, prenoto e vengo! borsa delle cartucce e fucile ad armacollo...oggi qua, domani la'....sono in regola e caccio piu' possibile dato che sono in pensione da 5 anni..

da rodomonte da Scandicci 14/09/2015 18.27

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

A volte mi chiedo ma quanti tipi di cacciatori esistono? E sopratutto sono tutti contro tutti? Quanti calendari dovrebbero esistere per far contenti tutti?

da nino da Bari 14/09/2015 18.20

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Marco io non do del bugiardo a nessuno questo lo hai pensato tu e mi dispiace molto ! Volevo solo dire che ogni volta che ti svegli da questo ricordo, resti con l'amaro in bocca pensando alla realtà di adesso. O forse non è così. Cordialità PS. Comunque, chiamalo fascetto !!

da jamesin 14/09/2015 18.16

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Col mi nonnino ne pigliamo anche 30 con un giorno poi li appendiamo dietro il cortile e li lasciamo al fresco per una settimana solo io ne mangio due arrsto e l minonno uno interio

da Filippo giuseppe 14/09/2015 18.15

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

aggiungo: Con quattro setter ed un breton in questo zoo di fagiani ???????????????? ???????????????????????? ?????????????????? ?????????????????? ?????????????????? ???????????????? ?????????????? ?????????????????

da ZERO ASSOLUTO , Inox se ne è andato a cuccia 14/09/2015 18.03

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

All'apertura diciamo quattro e non quattordici, comunque visto che la prima volta ne avete alzati "più di una cinquantina in due ore" il mercoledì dopo ed il sabato e la domenica dopo.......... belin avete riempito il freezer se non siete stati rapiti dai briganti avete fatto settimane " da favola " non solo un'apertura, belin conosco gente che se sa che c'è un fagiano impunito in cima ad una collina infestata dai coccodrilli ci va anche con la frombola a cacciarlo!

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 14/09/2015 17.54

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

arieccolo un altro fiorentino sparatutto dappertutto ! stai a casa tua prima di tutto.

da maremmano 14/09/2015 17.18

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

riecco gli egoisti capannai del colombaccio!! vi fanno gioco i colombi pasruroni nati qua eh? li volrte tutti voi egoisti che non siete altro!! non vi contentate mai eh?? quante ballate di colombacci volete mettere nel freezer ? ci volete fsre le salsicce? vergognatevi e lasciate vivere anche il prossimo...

da rodomonte da Scandicci 14/09/2015 17.09

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ma perché qualche cacciatore veramente pensa che se si riapre agli estatini ad Agosto delinquenti bracconieri incalliti non sparano/sparavano anche alla stanziale? Ma per favore? Ma dove siete vissuti? E’ la solita manfrina per salvaguardare le loro prede altro che pulli sul nido. Quando si apriva il primo di Settembre a proposito della 968, non c’erano pulli di Tortora, Quaglia, Fagiano, perfino Leprotti? Ma non fregava un c… a nessuno e non si sono mai levati scudi da parte di questi galoppini dei club per far ritardare l’apertura. Ma per favore!!! Bel racconto Marco peccato che da qualche anno tra Manciano, Turlonia, Biondi, WWF, ora gestita dalla “provincia” le tabelle di divieto si soprappongono e quel piccolo spazio sopra, la Libera Caccia ha pensato bene di farci una zac per il porcastro.

da Cacciatore ternano 14/09/2015 16.40

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Jamesin Ti ci vuole così poco per sognare? Un fascetto di fagiani "il giorno dell'Apertura"?? Quello che da sempre è il giorno più ricco? O almeno dovrebbe? Mi hai dato del bugiardo sognatore Neanche avessi scritto di aver abbattuto un Markor (sai cos'è?) una Marco Polo o addirittura una tigre del Bengala...?? Che Amarezza..... Ed io che ancora ci casco a "lavorare" per la ditta.. M

da Marco Benecchi x Jamesin 14/09/2015 16.33

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

e poi ci lamentiamo se gli anticaccia ci fanno un mazzo tanto ( esistono anche loro e sono più di noi) !!!! cerchiamo di non dar loro il pretesto,togliendo il superfluo,l'insulso e l'inutile.....preapertura la terza di agosto agli estatini ..tortore e quaglie...e poi ne riparliamo la terza di settembre a tutto!

da toskano indignato 14/09/2015 16.15

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Esatto toscano indignato, è proprio cosi! Invece.. pre apertura a tutti i costi ( per qualche tessera in più ) e lo schifo di scellerati indegni che ogni anno vanno a perpretare contro stanziale e altro.

da Cacciatore Indignato 14/09/2015 14.23

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Da me a settembre nidi pieni o polli non c'e ne.

da Angelo 14/09/2015 14.22

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Certo che manca "cacciatore indignato". Te ne sei accorto solo ora ? Mettiamo la testa sotto la sabbia per non vedere quello che accade in preapertura ? Di certo le associazioni venatorie questo fanno..e sbottano pure quando qualche cacciatore con seria cognizione,gli rammenta lo sciagurato "appuntamento" venutasi a creare. Quella della preapertura al colombaccio. Etica sparare il 02 di settembre ai colombacci con ancora i pulli sul nido ? Quando la terza decade del solito mese darebbe,se non maggiori uguali,soddisfazioni venatorie ? I nostri antenati avevano pensato bene di dedicare la preapertura agli estatini migranti(legge '968 e leggasi TORTORE) la terza domenica di agosto........ma si sa le cose si peggiorano anche per una manciata di tessere. Ritroviamo un po' di serietà noi per primi e vedrete che anche il mondo intorno vedrà con altro occhio il cacciatore gentiluomo che quando entra in proprietà altrui chiede permesso e che gestisce con parsimonia e serietà la fauna selvatica(migratoria o stanziale nulla cambia) che ello stesso và a cacciare.

da toscano indignato 14/09/2015 14.13

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro Cacciatore Serio... forse qualche pollo finirà anche i qualche riserva di qualche politico, ma ti assicuro che in due giornate di preapertura ne so morti parecchi di fagiani e Lepri. Il problema è ben altro e non solo di gestione delle risorse o del territorio. Spesso il problema e di etica venatoria che purtroppo spesso manca.

da Cacciatore Indignato 14/09/2015 13.31

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Un bel racconto, con la speranza,( che non deve mancare mai!)di una buona gestione, sempre auspicata e mai fatta..Ma come diceva mio nonno il mondo e' tondo..

da arturo 14/09/2015 13.22

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Tutto questo racconto io lo sintetizzo ": Purtroppo non posso dirvi quanti fagiani incarnierammo quel giorno." Ecco qui' voglio i commenti degli onesti dei benpensanti e di quelli in malafede....

da Toni el cacciator 14/09/2015 13.15

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Sull’apertura al colombaccio non sono d’accordo neanche io, ma sulla stanziale in puglia per esempio occorre aspettare la terza domenica di settembre. Il selvatico più gettonato è la tortora. Ma nel Lazio o in Campania non ci sono tortore all’apertura?

da nino da Bari 14/09/2015 12.53

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Ma poi quando ti sei svegliato ci sei rimasto male, non è vero ? Cordialità

da jamesin 14/09/2015 12.24

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Parole sante RM2. La vera selvaggina dell'apertura nonchè selvaggina del futuro sarà sempre più "la cornacchia, la gazza, la ghiandaia". Questo almeno fino a quando noi "cacciatori cervelloni" non useremo quel poco cervello che ci è rimasto, per imporre alle associazioni venatorie di usare loro il cervello e non svenderlo per un "pugno di tessere" in più. Ogni riferimento alla preapertura al colombaccio, che poteva essere selvaggina di tutti il 20 settembre, NON E' PURAMENTE CASUALE. Purtroppo "corrono appaiate" le associazioni venatorie e le associazioni di categoria per logica di tessera. Che invece per "costituzione" dovrebbero dare l'esempio. Comunque tutto ha un inizio come tutto ha una fine. Prima o poi.

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 14/09/2015 12.22

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Caro ATC RM2, i tuoi ma anche i miei fagiani vengono immessi nelle aziende private di qualche politico. A presto.

da CACCIATORE SERIO 14/09/2015 11.58

Re:UN’APERTURA DA FAVOLA

Beato te che trovo le covate.. quei quattro fagiani messi li hanno spolverati in preapertura.. se vuoi l'apertura te la fai a Volpi e a Cornacchie!

da ATC RM2 14/09/2015 11.51