HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
ETICA O ETICHETTA? DUE CHIOSE ALLO STORICO CARTA VINCE CARTA PERDE Cacciatori e no L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

PIU' VIVA E PIU' AMATA


lunedì 8 settembre 2014
    

Vabbè, c’abbiamo i grillini. Ce l’abbiamo in Parlamento, ce l’abbiamo adesso anche a Bruxelles e per guadagnarsi un po’ di visibilità a buon mercato, spesso fanno come i Verdi e gli ambientalisti ormai sempre più animalisti. Sparano a palla incatenata sulla caccia i cacciatori. è un sintomo, grave, a mio parere, della loro pochezza. Non sono all’altezza di affrontare i grandi temi e allora ripiegano  sulla Croce Rossa. Ma anche lì, spesso e volentieri, la tirano di fuori. Non hanno capito che darci addosso porta male. Guarda quella povera Brambilla, che cerca di riciclarsi con un nuovo look più decoroso (dai cani ai bambini, come se ne capisse qualcosa, ha scritto recentemente Alex Corlazzoli), visto che i suoi colpi di scena mediatici (prima inventa Dudù, poi gli trova la fidanzatina) non hanno portato granchè bene. Nè a lei, nè a chi le ha dato credito. Una vicenda che qualcosa potrebbe insegnare. Potrebbe essere materia di riflessione, per i grillini o forse per una sola parte di loro, perchè sulle questioni ambientali vere, masticano amaro. A Parma, per esempio. Avevano impostato una campagna contro l’inceneritore, probabilmente meritoria, ma poi, a Comune conquistato, il sindaco Pizzarotti, pur bravo, ha dovuto fare marcia indietro.

Secondo me, tutti questi, grillini, Brambilla, pecorari, zannuti vari di complemento, non hanno capito che, al di là delle apparenze, la caccia è ancora viva, radicata nei territori, forte di una cultura e di una tradizione che la gente vera, quella italiana doc, tanto ruspante quanto genuina ma che conosce e usa i nuovi mezzi di comunicazione, “social” compresi, riconosce come propria, vicina al comune sentire di chi non dimentica le proprie radici rurali, sane, che vivaddio sono e saranno quelle che ci aiuteranno a uscire da questo lungo tunnel che una politica sciagurata ci impone da ormai troppo tempo.

I segnali? Ottimi e abbondanti. Purtroppo, lo dobbiamo riconoscere, la crisi ha fatto capire ai molti ignari che i problemi, dell’ambiente e non solo, sono altrove. E che, comunque, il nostro mondo ci sta mettendo del suo nel testimoniare che al di là di tutto la caccia è forte, è positiva. Con il successo delle manifestazioni, prima di tutto. Tutte in crescita, dall’Hunting Show al Game Fair, alle tante, innumerevoli altre, che da un po’ di tempo nascono come funghi. E tutte benedette da folle di entusiasti. Una miriade di giovani, di donne, di appassionati, che non si affacciano solo per curiosare sui nuovi modelli di schioppi o sugli stivali ultimo grido.  No, partecipano, sperimentano, vivono intensamente la giornata. S’informano, discutono, dicono la loro con competenza e con passione.

C’è ancora un forte senso di appartenenza alla bandiera, è vero,  però è nato e cresce il bisogno di condividere, di stare insieme, di insistere sull’unità. Alle prove generali non si assiste solamente in Toscana, ma anche in Lombardia, in Veneto. Alle fiere, le diverse associazioni si propongono in stand unitari, organizzano dibattiti con spirito corale. Organizzano eventi, anche minimi, condividono gli obiettivi, si distribuiscono i compiti.

Una mano, lo dobbiamo dire, ce la danno le nostre donne, le tante massaie ma anche le giovani che sempre con maggiore entusiasmo prendono la licenza e primeggiano in conoscenza e competenza.

La caccia è viva. è più viva di prima. La gente nemmeno se ne accorge, ma la ricchezza della nostra fauna selvatica dà sostanza anche al loro palato. Non c’è bottega, drogheria, mercato rionale o fiera di paese, trattoria, locanda, osteria, ma anche ristorante pluristellato, che non offra qualcosa che sappia di cacciagione. I grandi chef, ormai da tempo, non disdegnano di cimentarsi con ricette anche rivoluzionarie con selvaggina, che fanno invidia alla grande tradizione gastronomica francese, inglese o mitteleuropea. Vedete al proposito www.bighunter.it alla voce Cucina. Dalla beccaccia al cervo, dal cinghiale alla lepre, dal germano alla pernice, ormai è un tripudio neorinascimentale. Recentemente, ho avuto il piacere di assaggiare fra l’altro “il cinghiale va al mare”, preparato per un pubblico superselezionato, competente, da Igles Corelli, grande gastronomo, grande innovatore. Sapori unici, intensi, quasi una provocazione, a conferma che anche con un prodotto antico, tradizionale, si può fare innovazione. Non è stato da meno Bruno Barbieri, ormai star della televisione, che introdotto da Matteo Marzotto (famiglia di appassionati cacciatori), ha dato il via all’ultima edizione del Game Fair. Tanto per rinverdire i fasti di una kermesse che fin dalla nascita, ormai una vita fa, fece della cultura gastronomica una delle sue carte vincenti.

Breve digressione: Chi scrive, ormai anzianotto (ma a me, al mattino quando mi faccio la barba davanti allo specchio, piace ancora vedermi come un...diversamente giovane...), come molti di voi sanno ha un ricordo di prima mano. E qualche nostalgia. Nostalgia del primo impatto a Chambord, con Gianni Bana e Pino Foccoli (Beretta France), quando con Nicolas Noblet, Federico Odescalchi e la dinamicissima Sophie Galeras decidemmo di tentare con quella favolosa kermesse anche in Italia. Sulle rive del Lago di Bracciano. Nostalgia di quel mondo della caccia italiana, ai tempi eroici dei referendum, quando Rosini, Mingozzi, Fermariello, Cardia, aderirono entusiasti all’idea e al progetto. Nostalgia di quei banchetti formali al Castello, o dei pranzi misto-vip  di Principi & Butteri, ma anche di quelle serate sotto un pergolato con i ragazzi - più o meno - dello staff (e Benedetto Barberini, e Saverio Patrizi, e Fausto il capocaccia di Vigna Grande) a passare la notte cantando, davanti a una griglia sempre ben alimentata. E le proposte gastronomiche, anche nuove (petti di colombaccio), del giovanissimo Federico Cenci introdotto da quel matto geniale di Roberto Fidanzi; il “piccionaccio alla leccarda” degli amici di Amelia, i rigatoni al sugo di folaga di Giovanni Franceschi, i tanti laboratori del gusto, con variante al sapore/afrore selvatico, gli spuntini col prosciutto di cinghiale o con la porchetta ruspante, salsicce e salamini che sapevano di caccia già appena li adocchiavi. (Scusate l’inciso, ma mi piace ricordare che con la proposta della gastronomia come vessillo della nostra cultura, veniamo da piuttosto lontano).

E i giovani? I tanti giovanotti acqua e sapone che si alzano prima dell’alba, sfidano le intemperie, la pioggia, il freddo, per non mancare l’alba, per vivere una giornata all’aria aperta, magari attrezzati di tutto punto con vestimenta ipertecnologiche, ma freschi nell’anima e grati a chi, spesso il genitore, gli ha offerto l’opportunità di diventare uomo.

Sono tutti segnali, sono convinto, che ci fanno sperare in meglio per questa nostra passione. Una realtà che senza dubbio riuscirà a prevalere ancora una volta sul maleodorante rigurgito delle residue velleità tardo-verdastre, ormai sul viale del tramonto dell’ultima fanfara radicaleggiante.

In bocca al lupo a tutti.     
 
 

Leggi altri Editoriali

33 commenti finora...

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

la star non risponde...

da ah 14/09/2014 16.48

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

tieniti la tua che e' meglio. sennò come campi. anche da tutti i sondaggi solo chi ha la poltrona non vuole l'unità, il novanta per cento dei cacciatori la vuole e non capisce la frammentazione, soprattutto dopo che ha capito che chi vuol mantenere la diversità associativa ha altri interessi oltre alla caccia. spesso politici spesso proprio di poltrona. e fra questi ormai e' chiaro chi non vuole nessuna unificazione, vero?

da unification please 12/09/2014 17.02

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

SECONDO ME LA POLITICA, OGGI, HA BEN POCO DI RESIDUALE DAI VECCHI MOVIMENTI IDEOLOGICI DI UN PAIO DI DECENNI FA. I VECCHI GATTOPARDI HANNO FATTO IL LORO MESTIERE. PER CUI, LE PRINCIPALI FORZE POLITICHE ODIERNE SONO UNA SPECIE DI BIGMAC (O SUPERAMBURGER) DOVE C'E' DI TUTTO. SOCIALISTI E DEMOCRISTIANI, CHE LA FACEVANO DA PADRONE IERI, OGGI SONO ANCARA LI', RICICLATI, E DEI KOMUNISTI ORMAI NON SI SENTE PIù PARLARE. NEANCHED AL PADRINO DELLA BRAMBILLA, CHE PER LA CACCIA HA FATTO IL SUO, FORSE MOLTO PIù DI OCCHETTO E COMPAGNIA. ANCHE GRILLO RACCATTA (SEMPRE MENO, PER LA VETRITà) GLI SCONTENTI EX (DEMOCRISTIANI, COMUNISTI SOCIALISTI RADICALI), MA - COME STANNO GIà DENUNCIANDO DALL'INTERNO - CERTE VELLEITà POPULISTE, COME LA SCELTA DEI CANDIDATI VIA WEB, APRONO ALL'ACCESSO MASICCIO DI CANDIDATI ALLE ELEZIONI REGIONALI DI PROVENIENZA MAFIOSA. E ALLORA, GIà INTRUPPATI OVUNQUE I MASSONI (CHE GIRANO DA SEMPRE ANCHE NEI GIORNALI CHE CONTANO), CON LA MAFIA IL CERCHIO SI CHIUDE. TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE. SENZA DISTINZIONE DI SIMBOLO.

da Fra. M. 12/09/2014 9.38

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Grazie giusva,ma a questo punto vorrei conoscere quale sia la realtà di Gino(opposta a quella di Incerpi,ovviamente) e da cosa la deduce,oltre che dai post di geapress.

da pietro 2 11/09/2014 10.37

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

relata=realtà.

da giusva 11/09/2014 9.29

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Gino,ci potresti sottotitolare il tuo commento?Per capirlo,almeno,senza andare a pagina 777 di televideo.Ti assicuro che non si capisce(ma io sono limitato) granche';ce l'hai con Incerpi?Dici che non sia vero quello che sostiene?Sei politicamente all'opposto delle sue vedute?Ma che e' la relata?Un verbale di PG?

da pietro 2 10/09/2014 21.38

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

scusa incerti ma per me te sei fuori di testa!!io tutta sta sveglia non la vedo e sono piu giovane di te che oramai ( scusami) i tuoi giri sono quelli viziosi dei cacciatori mezz pensionati che della caccia VERA non sanno piu niente di niente ! le massaie. le donne ,l unitä MA DOVE ????? capisco che a una certa eta si vedono tuitte le cose in maniera filosofica... ma la relata e un altra...e i tuoi amici KOMPAGNI grandi responsabili ... altroche grillini BELLA SCUSDA::: AHHAHA

da Gino 10/09/2014 16.21

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

bellissimo articolo dell' amico Giuliano Incerpi. la caccia si sta riprendendo dalla pioggia di menzogne e mistificazioni di certa propaganda, e le nuove leve stanno affluendo nonostante il lavaggio del cervello cui sono sottoposti finanche -spesso- nelle scuole. La lotta sara' dura ma i nemici peggiori li abbiamo all' interno del mondo venatorio, quelli esterni si stanno sconfiggendo da soli, a forza di gridare "al lupo "....... spesso ottenendo un effetto boomerang, perche' e' proprio la propaganda criminalizzatrice di cui simo oggetto che incuriosisce molti giovani.

da Fabrizio 10/09/2014 11.33

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Claudio il mercato nero prospera perche é vietato vendere la selvaggina con la 968 era lecito se gli atc non saziano é colpa degli uomini non dell idea dello atc ...anche se non li condido

da alessandro 09/09/2014 20.19

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Caro 100%cacciatore, non ho certo l'autorevolezza di Incerpi ma ti posso comunque dire che la mia poca esperienza mi ha insegnato che la quantità non corrisponde sempre e per forza anche a qualità. E che pochi non significa per forza anche deboli. La mia idea è che tutto ruota sempre di più intorno ad una unica parola, ovvero CREDIBILITA'. E non vale certo solo per la questione caccia.

da Ezio 09/09/2014 18.34

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Condivido tutto di quanto dice il sempre piacevole Giuliano Incerpi. Personalmente nutro, però, un’ansia non indifferente: che ne sarà di noi quando la progressiva riduzione del nostro contingente numerico, che è fenomeno ormai galoppante, sia pur con intensità diverse, in ogni parte d’Italia, avrà toccato il proprio apice? http://www.lastampa.it/2014/09/05/ edizioni/cuneo/invecchiano-i-cacciatori-cuneesi- il-ha-pi-di-cinquantanni-j1HvpNLV0Fps9kNiis2YEJ /pagina.html La politica ci strizzerà ancora l’occhiolino come altre volte in passato (perché è vero che spesso ci maltrattano, ma al momento buono spesso trovano ancora il modo di salvarci in corner, vedasi l’ultimo decreto legge su richiami e caricatori) oppure, non rappresentando più il nostro un bacino di voti sufficientemente interessante, al contrario di quello animal-ambientalista, verremo lasciati al ns. destino? Saremo capaci di camminare con le nostre gambe, finalmente e definitivamente? Essendo ancora un under 30, la questione mi preoccupa non poco e vorrei sentire un parere autorevole come appunto quello di Giuliano Incerpi.

da 100%cacciatore 09/09/2014 17.33

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Alessandro, la 157 ha di fatto resa privata la caccia,ma in maniera distorta. Solo che i soldi per abbattere la fauna non vanno ai proprietari dei terreni dove la fauna si alimenta e fa danni.Ma in parte allo stato,e in parte per mantenere gli ATC.Il massimo è la vendita dei pacchetti di giornate e dei cervi con tanto di tabelle.Più privata di così !

da Antico Cacciatore Toscano 09/09/2014 16.23

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Alessandro, non voglio intavolare un dialogo che probabilmente annoierebbe molti di coloro che potrebbero a buon diritto voler intervenire sull'argomento dell'editoriale. Diciamo che la mia battuta sull'art. 842 c.c. è una provocazione, perché gli ATC non sempre hanno, come avrebbero dovuto, conciliare e bilanciare interessi e istanze provenienti dai soggetti interessati e dalla società civile. E la tua è la rappresentazione di quello che dovrebbe essere ma spesso non corrisponde alla realtà. Di fatto la filiera della carne è solo sulla carta e il mercato nero prospera, a vantaggio di pochi. Gli agricoltori non vedono vantaggi (salvo alcuni) nella presenza degli ungulati. I cacciatori sono divisi e solo una minoranza non si lamenta ed è soddisfatta della situazione. Degli ambientalisti meglio non parlare. Non mi pare che vada tutto bene...

da Claudio Nuti 09/09/2014 15.59

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Claudio,anche te con codesta fissa dell'842..Certo che siete capoccioni forti..La 157 ha di fatto superato l'842 con la nascita degli atc che sono organismi di gestione semi-privata di II grado,se non paghi non scendi dall'auto,combia solo il prezzo con la riserva,ma tra un po' i costi si bilanceranno.In piu' non puoi legare la proprieta della fauna al fondo,e' proprieta dello stato,dovresti modificare il libro terzo della proprieta, del codice civile Italiano.Lo stato non svendera mai la sua proprieta per 4 baiocchi a privati.Si puo' arrivare a farla modificare da legge di protezione a legge di gestione la quale e' affidata alle regioni e atc,superando oggi le provincie..La carne oggi gia' e' in filiera,come non vedo perche' devo pagare x fare un favore all'agricoltore uccidendogli gli ungulati,casomai e lui che mi paga per ucciderli.

da alessandro 09/09/2014 15.41

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Alessandro, non è detto che ciò che non fa parte delle tradizioni dell'Italia peninsulare non possa un giorno diventare, per una serie di motivi sui quali ben poco possiamo incidere, la caccia maggiormente praticata. Quanto alla gestione...purtroppo hai ragione. Ma si torna sempre lì, all'art. 842 del codice civile che di fatto, purtroppo, impedisce una effettiva gestione e valorizazione della fauna selvatica. I danni andrebbero ripagati con i proventi della commercializzazione della carne e delaa vendita dei capi assegnati ai cacciatori ospiti, non con le quote di iscrizione dei residenti. In ogni caso, poiche come giustamente afferma Giuliano Incerpi, si intravedono segnali di una inversione di tendenza, occorrerebbe completare l'opera con l'unità delle associazioni venatorie ed una vera e completa riforma legislativa.

da Claudio Nuti 09/09/2014 15.28

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Ci sono cacce che uno ha nel cuore ed altre no. Un po' come la passione per le bionde piuttosto che per le brune o viceversa. Tutto è moooolto personale e personalmente il giorno che non potrò più cacciare beccacce con il cane da ferma probabilmente smetterò di andare a caccia o ci andrò altrove. Già trovo scandaloso che io debba pagare 650 euro l'anno di tasse e tesserini per cacciare pochi giorni l'anno una specie che non incide in alcun modo sulla gestione di atc e ca. Però le passioni ci fanno fare cose che di razionale han ben poco e pertanto amen. Tutto, anche il NON senso, però ha un limite, questo è certo.

da Ezio 09/09/2014 14.50

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Claudio ti parlo da selecontrollore,non e' gestione, ma facciamo solo esclusivamente contenimento per completare il piano d'abbattimento,in Italia selezione pura non e' mai iniziata e ne esistita....Se i migratoristi esisteranno sempre ti dico di si,per il semplice motivo che sono loro,in percentuale maggiore, a sostenere economicamente gli atc e la successiva erogazione fondi da danni,se i migratoristi scompaiono,si dovra usare l'esercito per ammazzare gli ungulati..Molti di noi la selezione la fanno solo per sfizio o per riempitivo della stagione venatoria....Non e' una caccia tradizionalmente sentita in Italia...

da Alessandro. 09/09/2014 12.25

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

farsi carico delle specie emergenti non è compito del cacciatore, apposta vi chiamate selecontrollori, farsi carico delle specie emergenti si fà modificando la Legge 394 sulle aree protette ed aprire la caccia al loro interno eliminando il sovraffolamento ed i danni in agricoltura è da lì che proviene questo esubero, che poi se vogliamo si può eliminare facendo delle semplici battute coi cani, solo che ormai stò giochetto piace a molti che vorrebbro farlo passare come caccia tradizionale a scapito delle vere cacce tradizionali.

da giannirm 09/09/2014 12.05

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Eugenio Barisoni, Nello Adelmi grandi cacciatori e non solo. Non usiamo il loro nome in modo strumentale. Ho cacciato anche fringuelli, conosco la storia e non mi permetterei mai di ridicolizzare le cacce altrui, anche se non le pratico più. Non ho mai affermato che le cacce tradizionali vanno abolite. Ho solo detto che si salveranno grazie alle nuove.

da Claudio Nuti 09/09/2014 11.58

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Ale, il singolo potrà anche non adeguarsi e ne ha sicuramente tutto il diritto, ma ritengo che avrà la possibilità di farlo solo se la Caccia in generale sarà in grado di sintonizzarsi col nuovo e di farsi carico della gestione delle specie selvatiche emergenti.

da Claudio Nuti 09/09/2014 11.44

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Caro Nuti, tu se vuoi divertiti con i tuoi caprioli, ma lasciaci sognare. Per me vale più un fringuellino che quaranta corna. Che ci vuoi fare, sono fatto così. Se invece tu capissi che la caccia non è solo loden ma anche storia cultura e tradizione, allora faresti un piccolo passo avanti e forse ci daresti una mano a salvare il nostro mondo che, forse non l'hai ancora capito, è anche ...il tuo.

da Eugenio B. 09/09/2014 11.38

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Caro Nuti, tu se vuoi divertiti con i tuoi caprioli, ma lasciaci sognare. Per me vale più un fringuellino che quaranta corna. Che ci vuoi fare, sono fatto così. Se invece tu capissi che la caccia non è solo loden ma anche storia cultura e tradizione, allora faresti un piccolo passo avanti e forse ci daresti una mano a salvare il nostro mondo che, forse non l'hai ancora capito, è anche ...il tuo.

da Eugenio B. 09/09/2014 11.38

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Claudio non credo proprio che io dabba adeguarmi a fare un favore a chi ha causato questa esplosione di ungulati...Dal mio punto di vista possono anche morire di vecchiaia.

da Ale 09/09/2014 11.18

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Ma, scusate, dal 1992 l'ambiente si è trasformato. Specie animali che prima quasi non esistevano ora hanno preso prepotentemente possesso del territorio. Abbiamo lupi e talvolta orsi alla porta di casa, oltre che cinghiali, cervidi e bovidi in quantità. Senza stare ad analizzare le cause di tutto ciò, secondo voi la caccia ed i cacciatori non dovrebbero adeguarsi al nuovo, anche se non piace?

da Claudio Nuti 09/09/2014 10.40

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

PENSO ANCH'IO CHE LA CACCIA ITALIANA SIA SOPRATTUTTO QUELLA ALLA MIGRATORIA.SE NON SIAMO RIUSCITI A DIFENDERLA PER QUELLO CHE ERA, LE RAGIONI SONO INFINITE. A ME HANNO INSEGNATO CHE QUANDO HO UN PROBLEMA LA PRIMA COSA CHE DEVO FARE E' CHIEDERMI 1- DOVE HO SBAGLIATO , 2 - COSA POSSO FARE PER RECUPERARE.ALLA PRIMA DOMANDA, LE RISPOSTE SONO PURTROPPO ALTRETTANTO INFINITE. LA PIù IMPORTANTE CORRISPONDE ALLA LITIGIOSITà E FRAMMENTAZIONE DELLE AAVV. SUBITO DOPO VIENE L'INCAPACITà A RAPPORTARSI CON UN MONDO CHE CAMBIA RAPIDAMENTE (OVVERO, CI SIAMO ARROCCATI SU POSIZIONI NON PIù SOSTENIBILI; LA CAUSA POTEVA ESSERE GIUSTA, MA L'APPROCCIO E' SEMPRE STATO DI RETROGUARDIA: RADICALEGGIARE E' ENTUSIASMANTE, CI SI SENTE PROTAGONISTI, EROI, PRECURSORI, MA SI RIMANE ELITE' SI RACCOLGONO SCARNI RISULTATI). INFINE - DISTRATTI DAL "PARTICULARE" DI OGNUNO, NON SIAMO STATI CAPACI DI DIMOSTRARE CHE ALDILà DELLE RIVENDICAZIONI, IL NOSTRO APPORTO ALLA TUTELA DELLA FAUNA E DEL TERRITORIO E' SOCIALMENTE IMPORTANTISSIMO. RINCORRERE IL FRINGUELLO, SENZA AGGANCIARSI A PROPOSTE SOCIOCULTURALI VALIDE PER TUTTI, E' STATA LA NOSTRA TOMBA. SE NON VOGLIAMO CONTINUARE A FARE GLI ZOMBI, DOBBIAMO LAVORA SULLA PROPOSTA, NON SULLA PROTESTA. GLI UOMINI E - SOPRATTUTTO - LE DONNE DI BUONA VOLONTA' CI FACCIANO UNA BELLA RIFLESSIONE. SLOGAAN: BARBARE DI TUTTO IL MONDO UNITEVI!!!

da carlo m. 09/09/2014 10.12

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

La mia sensazione invece è che si voglia riciclare il cacciatore migratorista in una delle tre tipologie che ho precedentemente elencato, troppe volte si è sentita la storiella della caccia necessaria, su specie problematiche o della caccia ecocompatible su specie riproducibili, finora chi c'ha rimesso di più è stato solo il migratorista con il beneplacito di quasi tutte le AAVV e questo la dice lunga sulle intenzioni future, ritengo che se non si lavora per la caccia in toto non sia necessario che in futuro si continui ad andare a caccia e se in altri Paesi non si cacciano piccoli uccelli sono affari loro, ogniuno si veda le proprie tradizioni nel mediterraneo la caccia è sopratutto migratoria.

da giannirm 09/09/2014 9.56

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Queste cose le ho già lette nel bellissimo catalogo BIGHUNTER 2014. Tanti prodotti per cacciatori e non, fungaioli, outdoristi e faidatè. Bello rileggerle anche sul sito. Quanto alla nostalgia, anche quella serve. Soprattutto se a evocarla sono diversamente giovani entusiasti e con cose da raccontare. O da ricordarci. A quanto ricordo, la 157 faceva parte del pacchetto. Concordato con agricoltori e forze politiche. Dara la situazione, tutti erano d'accordo, perchè l'alternativa, era la privatizzazione della caccia. Cosa che fu deciso di evitare, in prima fila i produttori di caccia (fucili e cartucce). Poi ognuno recitò la sua commediola,ad usum delphini. Il PCI (Occhetto) era contro (voleva andare a votare), Fermariello da ultimo un po' più possibilista. Confagricoltura per la privatizzazione (fu fra i fautori del referendum insieme ai radicali, ma allo stesso tempo, essendo gran parte dei confagricoltori anche confindustriali, contrari alla limitazione dei prodotti chimici in agricoltura), le frange estreme dei cacciatori che si stracciavano le vesti, ma non volevano rinunciare a scorazzare liberamente grazie all'842. Insomma, i soliti pasticci all'italiana. Ma, ripeto, se non ricordo male, la 157 era nei patti, e fu la salvezza della caccia così come l'aveva inventata il Duce. Oggi, siamo ancora qui, a rintrogolarci nel fango, ma il problema piuttosto è un altro: la cultura metropolitana (anticaccia) dilaga perchè crescono le popolazioni di città a discapito dei campagnoli, la nostra cultura è vecchia (e non è solo questione di età dei nostri cervelli) e non è ancora riuscita a metter in pista quella che Asimov chiamava "La Fondazione". Forse un po' di fantascienza non guasterebbe, sia ai nostri dirigenti attuali (vecchi nell'anima, prima che ne corpo) e ai nostri giovani. Ce ne sono, ma anche secondo me hanno bisogno di quel colpo d'ala, evocato da Rosini almeno trent'anni fa, ma mai battuto.

da Nello A. 08/09/2014 15.18

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

La nostra grande passione la CACCIAAAAAAA!!!

da Marco 08/09/2014 15.09

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Bell'editoriale! E' vero, ci sono segnali che il vento sta cambiando, complice la crisi economica. Ma anche i cacciatori devono cambiare. Affermare che l'unica caccia vera è quella alla migratoria è un errore. Sarebbe come dire che in tanti paesi europei dove non ci si sogna neppure di cacciare i piccoli uccelli e magari neppure colombi o beccacce e dove addirittura si va a caccia di galli con la carabina, la caccia vera non esiste. Se avremo la possibilità di conservare alcune cacce tradizionali alla migratoria, lo dovremo in futuro sicuramente a porcastri e cervidi... Un saluto.

da Claudio Nuti 08/09/2014 15.07

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

I capelli bianchi significano due cose;esperienza e saggezza....certo,siamo diversamente giovani,ma abbiamo insegnato e tramandato al meglio la nostra passione....qualche rimpianto e qualche incertezza dovuta solo alla nostra età,non certamente al futuro di questa nostra grande passione. La nostra storia e millenaria...i nostri denigratori non hanno nessuna storia e non avranno nessun futuro.

da Nordio Riccardo. 08/09/2014 14.51

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Un po' di ottimismo ogni tanto riscalda il cuore. Giuliano Incerpi mi manca la tua DIANA e mi mancano gli anni 80 .....

da Gionny 08/09/2014 14.11

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

Ciao diversamente giovane,belli i ricordi di cui vivono tutti i cacciatori.Purtroppo siamo troppo divisi ognuno sotto una bandiera diversa,e questo sarebbe il male minore,se poi quando si deve agire fossimo uniti come un sol uomo.Ma ci salveranno le donne,una Nobildonna tedesca sta prendendo il porto d'armi in Italia,roba quasi al limite dell'impossibile.Sperando in tempi migliori,un caro saluto.

da Vico 08/09/2014 12.33

Re:PIU' VIVA E PIU' AMATA

A quel Game Fair c'ero, vi incontrai tutti, ci portai anche mia moglie, ormai ex, fu una splendida kermesse, uno spettacolo una innovazione della caccia che apri la breccia sulla caccia per tutti, cacciatori e non, purtroppo due anni dopo gli stessi dirigenti aavv sopra elencati, che aderino al progetto game fair aderirono anche al progetto legge 157/92 che ci stroncò facendoci precipitare in quella spirale che ancora oggi ci vede annaspare nel gorgo con l'acqua al collo, si resistiamo ancora, ma per quanto ancora? Stiamo scendendo ai minimi termini, appena i "vecchiotti" appenderanno al chiodo, sarà finita "la bella caccia vagabonda" di Barisoni e che caccia sarà? Al porcastro? Al cervide? al pollastro? Senza la migratoria non sarà più caccia, spero che ciò avvenga ancora fra molto, ma la deriva è quella siamo circondati.

da giannirm 08/09/2014 10.25