Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Specie invasive, la prassi è consolidataRiflessioni sull'animalismo anticacciaLa prima beccacciaRicordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibriChioccolo, facciamo chiarezzaTortore di gioventùAltro autogol degli anticacciaIncendi, la nostra partePesticidi. Si cambia musica? Slowfood ci contaAmbientalismo alla sbarraEuropa. Una firma per la cacciaQuestione di naso...Roma, i rifiuti, i cinghiali e la PSAAnimalismo e ciberneticaIl lamento del chiurloHa da venì...Cinghiali, Parchi ed effettiva conservazioneCercando DavidStarna. La volta buona?Cominciamo dalle parole d'ordineNoi e le morte stagioniStorie semplici di uomini e animali. Una bellissima giornata di caccia alla lepreAmore beccacciaioCaccia, cane da caccia e beccacceLa lepre di Lilla - Il racconto di una vitaIl mio cane è differenteTravolti da un insolito destino nell'azzurro mare dell'ElbaLa caccia è utile o no?Ode per Lea. Amor di cacciatorePeste suina - un approccio scientifico non c'è!Cos'è la caccia oggi?A che serve?Difendo l'uovo di mia nonnaOnore ai padulini veriViva la campagna vera!Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le Beccacce

novità Bionatura: sabot, sandali, infradito

Editoriale

Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri


lunedì 25 luglio 2022
    
 
 
Era l’autunno 1982, avevo vent'anni e da poco più di un anno era finito il liceo, che a suo modo mi era piaciuto, mi ero iscritto a Medicina e Chirurgia ed avevo già dato tre esami, poi … un’estate indimenticabile: una mora non alta ma formosetta e con occhi taglienti mi aveva folgorato, ma io non avevo folgorato lei! L’Italia con una escalation magica, aveva vinto i Mondiali di Calcio a Madrid battendo squadre fortissime e poi la Germania in finale al Santiago Bernabeu. Nell’estate, forse a inizio luglio, ero stato con Benno ad Este alla Negrello, il direttore vendite, Giorgio Rosatti “Pelo” campione incommensurabile della pedana e amico di Benno, ci diede le ultime cartucce da caccia di quella straordinaria azienda veneta: le mitiche “P” da 33 grammi e le Miura Super Caccia, di cui era rimasto solo il n. 6, che poi diedi quasi interamente al mio amico Pietro. La Negrello era in chiusura, dopo anni di successi, se ricordo bene, pare fosse stata boicottata ed aveva mancato una consegna, il fatto aveva causato il fallimento.

Ora la caccia era per me una malattia incurabile. Avevo due cani: un Bretoncino bianco forse non purissimo per una scappatella galante della nonna, con un setter, si chiamava Axel degli Ortensi, intelligente e vivace, gli mancava solo la parola. L’altra l’avevo trovata in mezzo alla strada, cucciolona, solo da poche settimane. Zara era una Setter Laverack, bianco-nera, timida. Era dolce come il miele, trovati padrone, un accordo e certificato del LOI, era divenuta mia ufficialmente, era la mia Zara, vero nome "Silla" della dinastia “Del Reginin” e “Del Trivellano”.

Tutto accadeva quarant'anni fa, io ero già cacciatore laureato in provincia a Bologna con lode, già da due anni.
Da tempo ero molto attratto dai vari calibri minori, me ne ero innamorato da bambino, vedendo una cartuccia decisamente più piccola dello standard tra quelle della Famiglia Cristoni.

Tutto però iniziò dopo aver ricevuto due piccole cartuccine in cartone calibro 36, dal mio amico d’infanzia Gianfranco Zecchi; erano i tempi delle ragazze appena sbocciate, della fantasia, degli entusiasmi immediati, … e dei sogni.

Da quelle cartucce sottili in cartone, che erano decisamente più piccole dei 12 e 20 che già possedevo in due semiautomatici Benelli e Beretta, scoppiò una passione fortissima, insistente, tipicamente ormonale e giovanile.

All’improvviso la mia giornata era diventata piena di ricerche volte a saperne sempre di più sul quel piccolo bellissimo calibro 36, comperavo pubblicazioni in cui se ne parlava ed in armeria o ai ritrovi serali tra cacciatori, raccoglievo informazioni, su prestazioni e caricamento delle cartucce, poi proprio in quell’anno l’articolo di Diana sul calibro 36 scritto da Antonio Granelli, il mio mito.
Le due cartuccine che Gianfranco mi aveva regalato, erano entrambe nel - già obsoleto a quei tempi - bossolo di cartone da 65 mm., con innesco 5,45 bifocale e chiuse ad orlo tondo: una del n. 8 su bossolo Fiocchi Rosso Cane e una del. n. 11 su bossolo Martignoni Lepre.

Gianfranco sapendo quanto mi piacessero, le aveva prese dalla fuciliera del fratello Daniele; ma alcune, il brigante, le aveva tagliate realizzando insieme a Bigio, una grossa castagnola, con la polvere recuperata, che era un misto di DN e Acapnia.

Eravano nei giorni centrali dell'autunno, i giorni alla metà di ottobre, cacciare era solo questione di scelta. La stanziale: lepri e fagiani, ancora abbondante, c’erano tordi e merli, allodole iniziavano a passare, ma Spadolini proprio quell’anno aveva chiuso la pispola.

Si erano già visti i colombacci, – allora rigorosamente di passo in migrazione – era possibile quell’anno sparare in deroga o per ordinanza, alle tortore dal collare che erano numerose e molto diffuse e facevano danni agricoli. Le tortore erano abituate ad uscire dal paese, andavano a pasturare sui seminati di grano e sulle stoppie del granoturco, erano numerose e già alla preapertura di agosto si erano fatti cospicui carnieri, tutti i capanni tra le stoppie o tra le zolle dei primi arati avevano sparato tutti in abbondanza.

Mi mancava il fucile, ma sapevo dove trovarlo. Per sparare la più piccola cartuccia tra i calibri da caccia, il 36, il fucile - un semplice vecchio Beretta monocanna mod. 412 - me lo diede il mio barbiere Amedeo.

Era messo maluccio quel tronchino di buona marca, i legni ancora discreti, l'esterno vissuto e perfetto, ma era l'interno della sottile canna non cromata ad essere piuttosto corroso e pieno di macchie scure. La canna era di 710 mm. ed era arabescata sulla sua parte alta dalla culatta alla volata, per evitare i riflessi durante la mira. Quel fuciletto bilanciato e leggero, sottile, pronto alla mira, che mi faceva allineare subito occhio, sulla pista zigrinata e mirino con i vari bersagli, quel fuciletto mi piaceva da impazzire lo imbracciavo e tenevo in mano per ore, con piacere e gusto.

La canna aveva una brunitura violacea, color melanzana, l'acciaio era di un tipo ben scritto sulla sua zona posteriore sinistra, "Ausonia Electric Steel". Anni dopo avrei saputo che quel misterioso "Electric" significava che il rinvenimento del tubo era stato fatto in Beretta utilizzando il precisissimo effetto di un forno elettrico. L'acciaio era semplice ma ottimo, elastico non era bilegato o trilegato, ma balisticamente dava ottimi risultati, infatti lo avrei scoperto bene nel corso del tempo, con tutti i vari calibri camerati nel monocanna Beretta di vecchia produzione e nelle doppiette modd. 409; solo non era cromato il lume interno di canna, quindi faceva la ruggine con i terribili sali di clorato di potassio e di fulminato di mercurio lasciati dagli inneschi 5,45 di allora.

La foratura era marcata sotto all'astina in legno che si toglieva dopo aver svitato e levato la maglietta porta cinghia. Camera di 65 mm. e anima forata 10,6 mm. strozzatura a 10,0 mm. quindi sei decimi ovvero una Full, in parole povere … una stella.

Il barbiere Amedeo mi diede il fuciletto piuttosto sporco e con puntini di ruggine qua e là, una mezza scatola di Fiocchi d’epoca, le prime PL1 in plastica n. 10 e 15 bossoli in ottone.
Mi disse che il fucile lo rivoleva entro una settimana...! La bobina la trovai all’armeria Pola di Finale Emilia, economica, ma in grado di fare un orlo bellissimo e sottile.

Gli inneschi 5,45 Fiocchi bifocali, me li diede Enzo, dell’Armeria Paradisi di Modena, insieme a costosissime borre Bonavita A2 ed un paio di scatoline di cartoncini Gualandi, una del tipo bianco neutro ed una del tipo numerato “8” del bellissimo vecchio tipo giallo.

Renato Baccilieri mi regalò una fustella da 10 mm. … attrezzo che si trasformò in un attrezzo per produrre cartoncini, sugherini, feltrini e spessori.

Borraggio chimico nessuna traccia, fu allora, che la grattugia a manovella della nonna Fernanda, ridusse in granulato sottile almeno 50/60 sugheri da bottiglie, presi dal cassetto in cantina del nonno Nino.

Il dosaggio della GM3, che avevo in una mezza scatola da chilo, lo presi dal Granelli, … g. 0,55x10, borraggio tradizionale ed orlo tondo in bossolo di plastica 36/65, con innesco 5,45 a due fori.

Le mie cartuccine erano ricaricate senza ricalibrare i bossoli, che comunque erano solidi nel fondello e rientravano bene nel tronchino Beretta. Pulivo i bossoli, mettevo il nuovo innesco, la dose di GM3, un feltrino bianco fustellato da suolette da scarpe, granulato di sughero a misurino, cartoncino bianco, pressatina a misura col calcone fino alla riga di livello, piombo poche del n. 10 e altre del n. 8, orlo tondo, che veniva davvero bene, e
d ero pronto per la prova pratica.

Decisi di provarlo sulle tortore dal collare, che non mancavano. L’indomani appena pranzato ero con fucile e cartucce da Vitori Sala, cognato del barbiere.

Vitori, lavorava un fondo agricolo appena fuori dalla periferia del paese e per la posizione c’erano spesso rotte di affilo di varie specie che vi passavano; molte delle tortore che uscivano dal paese a pasturare nei campi seminati a grano, passavano sulla campagna di Vitori, il punto migliore era tra il pereto e la vigna, così mi appostai proprio lì, coperto dall’ultima pianta di pere William che terminava l’ultima fila a spalliera, aprii il monocanna Beretta, feci scivolare una rossa cartuccia del n. 10, chiusa col dischetto bianco, in camera e lo richiusi delicatamente con un netto piacevole rumore metallico .

Vitori era venuto curioso di vedere in azione quel fuciletto che lui chiamava impropriamente “Flobert”, si mise coperto anche lui da una pianta al mio fianco a un paio di metri da me.

La prima tortora, stava arrivando, la vidi avvicinarsi con i soliti colpi d’ala, dissi qualcosa a Vitori e me la trovai davanti in volo frontale abbastanza veloce, non molto alta; attesi e quando arrivò a circa 18/20 metri, scattai fuori dalla pianta, la coprii con la canna stringendo; la fucilata secca e poco rumorosa fece il suo effetto chiudendola in un coreografico fiocco a mezzaria con bella spiumata, cadde pochi metri dietro a noi, sulla carreggiata di divisione tra frutti e vigna.

Fulmin ata nessuna goccia di sangue, segno che le cartucce tagliavano bene!
Vitori la stava raccogliendo e sorrideva compiaciuto, quando scorsi altre due tortore in arrivo, la linea era la stessa, con un gesto lo feci abbassare e fermare, giusto in tempo per sparare alla più vicina, anch’essa sui 20 metri, leggermente alla mia sinistra con più angolazione rispetto al primo colpo, infatti la dovetti anticipare, stesso colpo secco e tagliente, altro fiocco, che cadde tre file dentro al pereto, Vitori rideva mentre la raccolse e la affiancò all’altra alla base della sua pianta di copertura.

Decisi di provare il piombo n. 8 e così infilai nel tronchino una cartuccia contraddistinta dal dischetto giallo stampato col n., 8 in nero; stavolta passarono diversi minuti, una tortora grassa e lenta era in arrivo, ma non proprio allineata come le altre, dalla traiettoria capii che sarebbe passata più a destra, mi preparai col fuciletto mezzo imbracciato, feci un cenno al mio amico e quando vidi la mia preda nel punto più vicino della sua traiettoria la anticipai mezzo metro e sparai. La tortora cadde non fioccata, infatti l’avevo colpita leggermente dietro, l’anticipo non era stato adeguato, Vitori la raccolse e con mano esperta la spense tirandole il collo, come fosse uno dei suoi polli.
Altra cartuccia del n. 8 nel monocanna Beretta 412, che si chiudeva con un rumore metallico piacevolissimo.

Quasi subito un gruppetto di quattro tortore sopraggiunse dritto rispetto a me, ma alto, non volevo fare botti inutili e lo lascia passare, col disappunto di Vitori, che con un gesto mi chiese perché non avessi sparato.

Passarono circa 25 minuti, in ferma totale; pareva che l’aver trascurato quel tiro, mi fosse stato addebitato come mancanza di rispetto, poi un branchetto di alcune tortore apparve davanti sulla terra seminata, arrivavano alte oltre 20 metri e veloci, un tiro da calibro 12 o almeno 20.

Le lasciai avvicinare e col colpo del re sparando quasi in verticale fulminai la prima, il capostormo, Vitori ebbe una esclamazione di gioia e di riconoscimento per il bel tiro, la tortora ci cadde meno di un metro alle spalle sulla carreggiata e finì sotto al pero con le altre.

Il quinto colpo su una tortora facile ma molto angolata a destra, venne mancato clamorosamente per insufficiente anticipo; era evidente che le cartuccine a velocità modesta non appena si sparava qualche metro oltre il solito limite dei 20/24 metri, mostravano il loro limite, mancai anche la sesta in un tiro quasi gemello, … e questo mi innervosì, ma mi rifeci sulle successive tre, tutte fulminate anche a buone distanze, con anticipi abbondanti e molta attenzione messa nella massima precisione di collimazione.

Avevo capito chiaramente alcune cose, le mie cartucce andavano benone, infatti le tortore centrate erano cadute tutte, fulminate e senza o con poco sangue al becco, molto pulite. Quel piccolo fuciletto, di cui mi stavo innamorando, mostrava di avere una ottima micidialità, ma anche di richiedere precisione assoluta nel puntamento, non perdonava infatti gli errori, anche minimi.

Era ormai giunta l’ora dell’imbrunire, le tortore erano rientrate, Vitori quelle abbattute su mia insistenza le aveva portate a casa, sapevo che le avrebbe fatte pelare dalla vecchia zia che era in famiglia; stavo decidendo di andarmene, ma volevo arrivare ad otto; e l’ottava arrivò, non velocissima e a mezza altezza anche questa mi sfiancò sulla destra, la incannai portando la fucilata circa mezzo metro davanti alla mia tortora, che venne colpita con evidente spiumata ma non cadde. La seguii fino al limite della vista poi mi venne coperta dalla vigna e la perdetti.

Raccolsi la mia borsa genovese porta cartucce, contai i bossoli vuoti nella tascona posteriore della giacca da caccia, mi misi in spalla il tronchino aperto e mi avviai sulla carreggiata, tra vigna e frutteto, verso la casa colonica, quell’ultimo colpo mi aveva amareggiato.

Raggiunta la fine della carreggiata, scorsi Renzo, il padre di Vitori, arrivare seguendo l’argine del fosso di irrigazione, sapevo che c’era, perchè lo avevo sentito da lontano, parlare col loro vicino, avvicinandosi mi guardò e mi mostrò la tortora che teneva in mano, era morta e senza sangue; mi disse che gli era caduta quasi davanti ai piedi, … ne fui intimamente felice, otto tortore in volo, su dieci colpi, la media era superlativa.

La prova del calibro 36 era stata avvincente e galvanizzante ed io da quel momento seppi che avrei destinato una parte importante della mia passione ai piccoli calibri, quelle cartucce sottili e intriganti che il mio caro amico Gianfranco, scomparso ancora giovanissimo, mi aveva regalato facendo iniziare tutto questo, proprio nell'anno dei nostri vent’anni, ricordo granitico e indimenticabile del mio grande amico di scuola e di vita e della mia passione per la caccia e per le cose difficili, ma appaganti.


 
Gianluca Garolini

Leggi altri Editoriali

10 commenti finora...

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Grazie Garolini, è sempre un piacere leggere i tuoi ricordi, ci fanno rivivere momenti indimenticabili della nostra passione.

da Fabio Conti confabio62 01/08/2022 12.50

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Bellissimo racconto. Grazie

da A.le 30/07/2022 22.41

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Splendido racconto. Come sa far sempre il caro Garolini. Ricordi che riesci quasi a toccare. X H20, che a quanto pare ha perso un'altra occasione per starsene zitto: Dunque le tortore dal collare sono vietate già dall'82? Porca tro...ta. A saperlo prima.... H20, hai detto bene. Andavi a caccia. Ora fai il pentito? Cambia blog

da Hunter74 30/07/2022 1.43

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Caro Paolo io nel 1982 c’ero e andavo a caccia. E già avevano vietato il fringuello. E i limiti c’erano eccome. E c’erano pure 2.000.000 di cacciatori e te li trovavi ovunque. Non c’erano ungulati.

da H2O x il fessacchiotto qua sotto 27/07/2022 12.00

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

H2O nel 82 si sparava dalla porta di casa a tutto quello che passava , non cerano limiti, atc e idioti anticaccia come te! tutti eravamo piu buoni e meno cretini di te. ma perchè non vedi di annnaaaa da fa...ooooo

da Paolo 27/07/2022 11.25

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

H2o vedi che non è proprio obbligatorio rompere i cog..ni. Già ci pensano gli animalari a farlo. Perchè invece non ti godi il racconto che sia pur diverso sono sicuro invece assomigli a quelli che ognuno di noi può raccontare e che sicuramente questa lettura ha fatto ricordare. Grazie Sig. Garolini, per avermi fatto tornare con la mente a quegli anni ( siamo quasi coetanei io ne ho qualcuno in meno di lei ..pochissimi meno..)

da Bughiu 26/07/2022 15.48

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

x H2O se leggi bene dice su ordinanza o deroga...

da MARCELLO64 25/07/2022 16.40

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Caro Gianluca la Streptopelia decaocto era SPECIE PROTETTA pure nel 1982. Una bella storia di bracconaggio.

da H2O 25/07/2022 16.21

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Complimenti per il bellissimo racconto!

da Migratorista 60 25/07/2022 13.15

Re:Ricordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibri

Complimenti per i ricordi di tempi migliori.

da Silvio 25/07/2022 12.00