Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Specie invasive, la prassi è consolidataRiflessioni sull'animalismo anticacciaLa prima beccacciaRicordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibriChioccolo, facciamo chiarezzaTortore di gioventùAltro autogol degli anticacciaIncendi, la nostra partePesticidi. Si cambia musica? Slowfood ci contaAmbientalismo alla sbarraEuropa. Una firma per la cacciaQuestione di naso...Roma, i rifiuti, i cinghiali e la PSAAnimalismo e ciberneticaIl lamento del chiurloHa da venì...Cinghiali, Parchi ed effettiva conservazioneCercando DavidStarna. La volta buona?Cominciamo dalle parole d'ordineNoi e le morte stagioniStorie semplici di uomini e animali. Una bellissima giornata di caccia alla lepreAmore beccacciaioCaccia, cane da caccia e beccacceLa lepre di Lilla - Il racconto di una vitaIl mio cane è differenteTravolti da un insolito destino nell'azzurro mare dell'ElbaLa caccia è utile o no?Ode per Lea. Amor di cacciatorePeste suina - un approccio scientifico non c'è!Cos'è la caccia oggi?A che serve?Difendo l'uovo di mia nonnaOnore ai padulini veriViva la campagna vera!Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le Beccacce

novità Bionatura: sabot, sandali, infradito

Editoriale

La piaga dei Parchi


lunedì 25 febbraio 2019
    

 
Ambiente. Perchè abbiamo dato il Paese in mano agli sciocchi? Perchè da mezzo secolo a questa parte abbiamo tutti assistito inermi a una deriva inculturale che ci ha portato a negare l'evidenza? Perchè quando si parla di squilibri ambientali e faunistici nessuno ha più il coraggio di dire le cose come stanno?

Il fenomeno cinghiali, e caprioli e cervi e animali opportunisti in genere (una volta si chiamavano nocivi), ha un periodo preciso di nascita e di sviluppo. L'esplosione in Italia dell'ambientalismo di maniera. Accanto alla elitaria Italia Nostra, alla associazione Pro-Natura (non la ricorda più nessuno), all'ENPA fondata dall'appassionato cacciatore Garibaldi, l'equivoco  delle italiche  "magnifiche sorti e progressive" (Giacomo Leopardi, La Ginestra)  del secondo dopoguerra, il tumultuoso boom economico che regalò a tutti prima la vespa poi una macchina per arrivare in tempo - dal contado - a marcare il cartellino, ci fece credere che improvvisamente da paese profondamente rurale eravamo diventati un paese moderno.

La macchina della propaganda, quella invece ancora a disposizione di pochi, cominciò a tormentarci per convincerci che eravamo anche  diventati americani, e ricchi. E consumatori. C'era bisogno quindi di cambiare quel modello culturale, sociale, che nei secoli aveva fatto di noi un popolo sparagnino, ma ragionevole. Si potrebbe dire: un popolo saggio. La caccia, ovviamente, fino ad allora faceva parte del sistema. Regolato dai cicli delle stagioni (c'erano ancora pure  le "mezze stagioni", allora), che alternavano quell'andamento meraviglioso e terribile che va dalla nascita della vita  al suo epilogo tragico, incessantemente, di cui tutti erano consapevoli e in fatale, ineluttabile coinvolgimento.

Poi venne il WWF. Un sodalizio internazionale, uno dei primi segnali della imminente e inarrestabile globalizzazione, retto da filantropi dal portafoglio gonfio e dal potere ipertrofico, che tuttavia erano preoccupati per le cause da loro stessi innestate nel sistema. Cacciatori, sì, cacciatori d'alto bordo. Proprietari terrieri sicuramente illuminati nelle loro proprietà di campagna (pubbliche o private), ma dediti alla velocizzazione dei moderni  sistemi industriali, chimica e petrolio in testa, che furono applicati anche all'agricoltura. Col conseguente stravolgimento delle pratiche agricole e delle nostre armoniose campagne. Nacque e si consolidò di conseguenza, per mano degli stessi attori, la parcomania: per consentire lo sfacelo dei nostri ameni siti, bisognava dimostrare che si faceva qualcosa per conservarne indenni almeno un po'. Il mitico obiettivo 10%. Vi si aggregarono, ai diversi livelli, i soliti opportunisti, di diversa estrazione e colore politico. Nel contempo, la pregressa disposizione che consentiva al cacciatore l'accesso ai fondi agricoli (842 C.C.) convinse i padroni del vapore che per tutti questi sconquassi c'era l'untorino ideale a cui appioppare tutte le colpe. Come tutti amaramente abbiamo potuto verificare sulla nostra pelle, il cacciatore e la caccia così com'era regolata in Italia furono oggetto di campagne di indicibile persecuzione. I referendum anticaccia ne furono lo strumento più palese. Intanto i parchi crescevano e cadevano nelle mani degli stesso apologeti. Fulco Pratesi, cacciatore poi pentito, fra i fondatori del WWF Italia,  presidente del parco d'Abruzzo (oggi PNLAM, Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise) ne fu il più fulgido prototipo.

E mentre la caccia, sotto l'attacco di quella incessante propaganda, subiva reiterati ridimensionamenti normativi, si varava una legge sui parchi che alla prova del tempo mostrava la sua inadeguatezza, visto che l'unica cosa (o quasi) che sanciva era il divieto assoluto di caccia (ma non della pesca, o di altri usi) all'interno di queste aree cosiddette protette. E anche il divieto di un prelievo coerente. Una gestione che a volte ha rasentato il demenziale, uno stipendificio per sedicenti ambientalisti (nel frattempo moltiplicatosi attraverso un esagerata proliferazione di sigle: LIPU, Legambiente, LAV, LAC, PUC, MUC, LUC..., calze autoreggenti comprese, pecorari e caproni), che ad oggi sono arrivati ahinoi! ad occupare (magari per interposta persona, a volte in plateale conflitto di interessi) tutte le stanze del potere a partire da quello ambientalista e agricolo, fino a quelli della finanza, della cultura, dell'istruzione, della comunicazione.

Eppure, di fronte al paventato (e peloso) allarme della proliferazione incontrollata di questo popolo di ungulati, già una decina d'anni fa circolavano dati scientificamente inoppugnabili sulle cause. Se la caccia già allora si paventava inefficace sui controlli, dall'altra parte si denunciava lo sciagurato effetto di questi "santuari del nulla" che di fronte a qualsiasi azione di controllo forniva esperienze trasmesse da scrofa a cinghialotto (tanto per dire) che portavano l'irsuto popolo (ma anche quello provvisto di corna o palchi) a rifugiarsi dove nessuno era in grado di arrecargli disturbo. E con caprioli cervi e cinghiali si formava e si consolidava quel popolo parallelo di  - come li vogliamo chiamare? - opportunisti che su quel "pabulum" si facevano tondi. Già alla conferenza programmatica della Regione Toscana (Arezzo 2009) ci fu qualcuno che cercò di zittire un allevatore maremmano, esasperato, che protestava perchè la figlia (pastora, mandriana?), per questo finita in analisi,  era stata fatta oggetto di cure assidue da parte di fratello lupo. E con i lupi, in questi paaradisi naturali si sono trovati bene volpi, sciacalli, orsi, nutrie, e altre creature disneyane tanto carine, se inquadrate nel cosiddetto ecosistema, ben gestite, insomma,  ma tanto pericolose se lasciate a se stesse, come vorrebbero gli eterni  riciclati, passati dai radicali di Pannella, ai Verdi di Pecoraro e di Bonelli, ai salottieri della sinistra estrema, agli oggi strimpellatori della piattaforma russeau, che non esitano a denunciare il mondo intero per misfatti che quando beccano loro con le mani nella marmellata diventano - quegli stessi misfatti -  materia di sofisticati distinguo.

E tutto torna in capo a quegli stessi manovratori, un po' ambientalisti, un po' agricoltori, un po' occulti gestori della comunicazione grazie alle mani in pasta che hanno nella finanza, nell'economia che conta, che tutto denunciano, cacciatori in cima alla piramide, tranne che constatare che questi squilibri, questi enormi danni paventati hanno una causa precisa e inoppugnabile: i parchi venuti su alla maniera italiana, le norme che li costituiscono e ne indirizzano la gestione, i tanti servi sciocchi (ambientalisti e animalisti e cortigiani spiccioli) che da mezzo secolo s'impegnano a far fare gli struzzi a  gran parte degli ignari nostri concittadini. Che miseria.

 
 

Renato Moscherini

Leggi altri Editoriali

79 commenti finora...

Re:La piaga dei Parchi

Tutte le specie fanno danni. Anche lo storno il tordo al mirto, i passeri, qualsiasi. Anche i Cervi i Daini (immessi come il cinghiale) Caprioli vogliamo sterminare tutto? O solo il cinghiale perché brutto e poco fotogenico?

da Mino 03/03/2019 20.33

Re:La piaga dei Parchi

Per eliminare i danni alla agricoltura devi sterminare tutti gli animali selvatici. Vuoi questo agricolo Luca?

da Dino 03/03/2019 19.26

Re:La piaga dei Parchi

basta Flagg torna in Inghilterra o ti hanno buttato fuori a calci in culo??? ahahah

da ahhaha 03/03/2019 19.18

Re:La piaga dei Parchi

Luca non hai capito il senso. Una parte di danni esiste di certo! Mica siamo in un ambiente sterile! Fa parte del RISCHIO DI IMPRESA!! Ne hai mai sentito parlare? In cambio gli agricoli sai che non possono nemmeno FALLIRE? La legge lo vieta! Sai che chi fa impresa in altri settori deve fronteggiare la CONCORRENZA CINESE? E gli agricoli sono invece protetti dai DAZI! Che non rompessero gli zibidei! E che non inventassero o aumentassero i danni seminando un po’ di mais qua e là senza concimare aspettando i cinghiali e il Perito amico!!! Cose normali..:

da Dario 03/03/2019 18.20

Re:La piaga dei Parchi

Sono tutti disonesti. Abituati a vivere di contributi pubblici ora diminuiti cercano di recuperare con la favola dei danni da cinghiale. Unica categoria economica protetta dai dazi contro i prodotti agricoli stranieri che farebbero risparmiare la povera gente. Danni? Balle spaziali! In galera loro e i periti corrotti

da Dino 03/03/2019 17.39

Re:La piaga dei Parchi

Luca ma parli di cose che non sai, apri bocca e lasci andare: in Toscana è un corso una inchiesta penale con avvisi di garanzia per falsi rimborsi danni da cinghiale. Quindi non inventarti le cose. Non parlare per sentito dire, non fare chiacchere da bar sport. Falla finita.

da Dino 03/03/2019 16.49

Re:La piaga dei Parchi

Egr Sign Luca io mi auguro di cuore che lei sia un Lappone che usa il traduttore automatico per scrivere in italiano altrimenti oltre a tutti gli altri problemi ne ha uno serio anche la lingua italiana...! Guardi che sono gli agricoltori che hanno chiesto più abbattimenti di caprioli e sono loro che hanno fatto più 15% di produzione Dell incongruenza chieda a loro questo è quanto accaduto ma le ricordo che i cinghiali in questo caso non erano menzionati ma vedo che lei i cinghiali li vede ovunque.... Si ripresenta il trauma infantile?.... E poi le ripeto a me tange sino ad un certo punto.... Non ho problemi x andare a caccia ne qui ne all estero..... Un consiglio si prenda una camomilla.... Auguri

da Osok 03/03/2019 14.14

Re:La piaga dei Parchi

BASTAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!! UN SE NE POLE PIÙ!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Sparisci!!!!!!!!!! 03/03/2019 12.18

Re:La piaga dei Parchi

non sono abituato a rispondere piu' di 2 volte, con questa sono 3 ,tu ai dei problemi,ma la cosa piu'evidente è che ai astio e invidia per il mondo che ti circonda,sei un suonato e un cog...ne.....stop.

da argo 03/03/2019 10.18

Re:La piaga dei Parchi

Dai Flagg smettila di rompere i cojones

da ahhaah 03/03/2019 9.13

Re:La piaga dei Parchi

Egr Sign Luca io credo che lei abbia grossi problemi in egual misura con i cinghiali e con li caccia di questo sono molto dispiaciuto spero di cuore che possa superare la cosa ....Mentre attendiamo tutti fiduciosi e con immensa speranza la invito a sforzarsi nel comprendere quello che legge ,legga piano non è difficile anche lei vi potrà riuscire vedrà....Io ho detto che per me allevatori e contadini sono la stessa cosa per quanto riguarda i danni solo che ho scritto che si privilegiano alcuni a discapito di altri per motivi di immagine ....cinghiale cattivo è brutto ,lupo bello e buono....? Lei ha detto che vive in Liguria regione dove x anni anno bloccato la caccia al cinghiale facendo i ricorsi al TAR e c'era chi ai cinghiali gli portava anche il pane ricordo simpatici servizi in TV ...e ora vi lamentate...? Ora è tardi...le ricordo anche che lei come noi tutti andiamo a caccia grazie ad una legge la 842 del 1942 su i terreni privati dove si caccia secondo delle leggi e regolamenti a cui tutti ci dobbiamo attenere e che non decide Lei. Prima o poi questo cambierà ma vede io ho dei terreni di proprietà dove oggi grazie alle attuali leggi caccio io ma anche altri un domani vorrà dire che vi caccerò solo io e continuerò ad andare a caccia all estero magari di più di quanto faccio ora. Spero che lei abbia le stesse possibilità . Auguri!

da Osok 02/03/2019 21.00

Re:La piaga dei Parchi

ooooh frofessorone ai rotto il ca..o con questa tiritera che va avanti da un bel po',abbiamo capito caccia aperta al cinghiale tutto l'anno,selecontrollori tutto l'anno,gabbie,agricoltori che sparano tutto l'anno,adesso falla finita continui a ripetere le stesse cose come un disco rotto,sei suonato o contro un cinghiale ci hai battuto la testa...

da argo 02/03/2019 10.17

Re:La piaga dei Parchi

In Toscana ci sono molti cassaintegrati e pensionati al minimo che ogni sera e ogni mattina per 365 giorni l’anno vanno all’aspetto al cinghiale. Nella sola Provincia di Firenze nel 2018 sono stati abbattuti 8000 cinghiali da soli 2000 cacciatori autorizzati. Fanno 4 a testa DI MEDIA. Mi dicono che più di uno ne ha abbattuti oltre 100. Quest’anno si sono organizzati meglio è un centro di sosta privato è aperto h24. Tempo al tempo.

da Dario 01/03/2019 19.16

Re:La piaga dei Parchi

Ma Dario ma quanti vanno a caccia x vendere la selvaggina dai siamo onesti quello che si crede furbo ci sarà sempre ma per fortuna sono pochi tutti gli altri secondo te hanno tempo di uscire tutte le sere poi trovare persone che ti danno una mano a trasportarlo poi pulirlo prepararlo... Ma fai notte fonda se tiri un capriolo la sera.... I cinghiali forse spariranno non so è più facile far sparire i caprioli... Vedremo non so io andrò a all estero a caccia ci vado ora ci andrò di più dopo pazienza il problema credo che riguarderà tutti in futuro indifferentemente dalla selvaggina cacciata.... Come andrà a finire? Come disse la rana al rospo salta chi può!

da Osok 01/03/2019 17.19

Re:La piaga dei Parchi

Poero Lio la caccia a scopo di lucro ha portato all’estinzione di ogni specie cui era rivolta in ogni parte del mondo. Il cinghiale non farà eccezione nonostante ora sembri una bestemmia affermarlo. Due/tre anni e le carabine, limati opportunamente i mirini ve le potrete mettere....nel fodero!!

da Dario 01/03/2019 16.43

Re:La piaga dei Parchi

si estingueranno prima i cacciatori dei cinghiali dormi sereno,,,

da lio 01/03/2019 16.39

Re:La piaga dei Parchi

A breve i cinghiali saranno un ricordo e le carabine ve le metterete nel....fodero!

da Dario 01/03/2019 15.33

Re:La piaga dei Parchi

Sono pienamente d'accordo ma tutte le categorie hanno le loro mele marce, da quelli che vendono la selvaggina a quelli che devono fare carniere perché hanno pagato la licenza a tutti quelli che si ritengono più furbi degli altri senza rendersi conto che sono solo dei poveracci....

da Osok 01/03/2019 14.59

Re:La piaga dei Parchi

si Dario, un lavoro per idioti , poco istruiti, mezzi morti di fame ( uno che vende la selvaggina è un miserabile ) senza scrupoli alcuni , gentaglia da bassofondo culturale !

da Pino dei palazzi 01/03/2019 14.53

Re:La piaga dei Parchi

Osok se fosse come dici te un paio di cinghiali l’anno dovrebbero pure avanzare. Il fatto è che la carne viene venduta più o meno a nero. E questa non è più caccia ma LAVORO.

da Dario 01/03/2019 13.41

Re:La piaga dei Parchi

Caro Fari Seo hai ragione anche tra i selecontrollori ci sono i furbi troppo furbi o almeno si ritengono tali io mai chiesto fascette in più e tante volte riconsegnato io vado a caccia perché mi piace andarci indifferentemente dal carniere poi ci mancherebbe un bel tiro o una bella azione di caccia è il traguardo di tutti per me indifferentemente dal trofeo e poi quando hai fatto un paio di cene con amici e parenti basta e avanza la caccia é una condivisione di passioni e la buona tavola è la conclusione e rende onore all animale che hai cacciato. Il condividere questi momenti con le persone a cui tieni è la cosa più bella....

da Osok 01/03/2019 13.28

Re:La piaga dei Parchi

I selettori, in Toscana, sono più cicciai dei cinghialai delle squadre. Un tiro uguale un cinghiale. Che significa che hanno tutti dovuto comprare un nuovo frigorifero. Ma grande, eh?!

da Fari Seo 01/03/2019 11.21

Re:La piaga dei Parchi

In Toscana il cinghiale è cacciabili all’aspetto (non parlo di selezione perché si può sparare a ogni sesso e classe di età) dal 1/1 al 31/12. Caccia a mio avviso di una noiosità unica.

da Marcello 01/03/2019 8.45

Re:La piaga dei Parchi

Sarebbe il caso, secondo me, di valutare anche i pro che costituiscono l'essenza dell'attività di caccia. Intanto, i cinghialai fanno squadra, rispettano una gerarchia, il capocaccia, il presidente, i traccini, i canai. Le famiglie sono solidali, periodicamente s'incontrano convivialmente, con vecchi e bambini, e consolidano i legami. Svolgono una ricca e positiva azione sociale. Poi, se c'è ancora un argine all'abbandono dei boschi appenninici, e ai vecchi borghi, è merito loro, che presidiano il territorio e fanno prevenzione, collaborando anche con i forestali nella tenuta dei sentieri. Anche i residui migratoristi da capanno svolgono azione ambeintale positiva. L'appostamento è un capolavoro di architettura ambientale, o meglio rurale. L'ATC, infine, svolge attività di controllo del territorio, di ricerca e di valorizzazione faunistica. E' un ente territoriale che andrebbe ancora più sviluppato e tenuto in considerazione per fini sociali. Con lo smantellamento delle province, e del corpo forestale, è poco meno poco più l'unico organismo che - insieme ai bacini imbriferi e ai consorzi di bonifica - regge il sistema complesso nella gestione del territorio. Fateci un pensierino, fra una superficialità e l'altra. Fare i Bartali è facile, ma le questioni che pensate di conoscere sono molto più complicate. E c'è anche un bicchiere mezzo pieno da considerare.

da Braveheart 01/03/2019 8.30

Re:La piaga dei Parchi

Basta parlare con un imbecille

da Renzo 28/02/2019 22.28

Re:La piaga dei Parchi

Egr Sign Luca lei è sul pianeta sbagliato nonla terra ....per favore non tiri fuori la balla del povero contadino che a sentire lei sembra un servo della gleba oggi chi fa agricoltura in modo serio per viverci ha una impresa vera e propria se non loro i loro figli sono laureati sanno muoversi tra contributi europei e defiscalizzazioni sono seguiti da commercialisti e fanno utili ! Se non facessero utili tempo 2 max 3 anni l azzienda sarebbe all asta! E io di aziende all asta tra i miei conoscenti non ne ho mai viste ! Lei confonde il vecchietto rimasto solo che vanga l orto con l agricoltore del 2019 ma dove vive in Etiopia? I produttori di vini della Toscana quest anno hanno denunciato danni immensi alla produzione a causa dei caprioli " mangiavano l uva" ......risultato produzione più 15 % su anno! Ma si documenti i si tolga sta fissa dei cinghiali...... Lei continua a paragonarsi a un tennista che pratica il suo sport ...il nostro non è uno SPORT ma lei ancora questo non lo ha ancora capito perché non è un cacciatore un cacciatore non farebbe mai questo errore .

da Osok 28/02/2019 22.18

Re:La piaga dei Parchi

non è luca è un flagg, un fanatico che non vive in Italia il tuttologo dei blog ! non perdere tempo è suonato !ahhah

da ahhah 28/02/2019 21.14

Re:La piaga dei Parchi

Lei caro Sign Luca continua a parlare di cose che non conosce ,i proprietari dei fondi se in regola con le leggi sulla caccia chiedono le fascette e tirano ai cinghiali che vogliono se non hanno la licenza richiedono l intervento delle squadre di caccia al cinghiale e queste sono obbligate ad andarci se hanno i danni possono avere i rimborsi ...cosa diversa per gli allevatori con i lupi ho conoscenti che qualche hanno fa in una stagione tra ovini e vitelli hanno perso 40 capi in un anno.....e li le spese per la distruzione delle carcasse sono a loro carico i lupi non li tocca nessuno e i rimborsi si vedranno.....ma a lei interessano solo i cinghiali ...io capisco che a lei danno fastidio le squadre quelli tabellano x la battuta e lei li a beccacce non ci può andare .....ovvio altro che balle! Ma tutto questo astio non lo capisco e' un misto di invidia del carniere di fastidio perché vanno a caccia la domenica .....per me il problema non sono gli animalisti che posso anche capire....ma quelli come lei quelli che sidefiniscono cacciatori anzi gli unici cacciatori e poi si paragonano ad un tennista o a un ciclista.....e odiano gli altri solo perché fanno un altra caccia.......

da Osok 28/02/2019 21.06

Re:La piaga dei Parchi

Quella di Moscherini, Guido, mi sembra una denuncia di una realtà, quella dei parchi come causa della proliferazione di specie opportuniste (ma in Francia le chiamano ancora nocive, per legge), che tutti fanno finta di non conoscere. Agricoltori compresi, che hanno da una parte un interesse a prendersi la carne del vituperato cinghiale (che secondo loro fa danni, e in qualche caso può anche essere), dall'altra non possono inimicarsi ambientalisti e professionisti del politically correct, ai quali scuciono protezione (ambientalisti) e soldini (politicanti). La proliferazione del cinghiale è un fenomeno europeo, in Italia un po' più marcato, forse anche per le immissioni di ceppi alloctoni, ma soprattutto perchè non c'è gestione nei parchi e l'Appennino è habitat ideale, visto che è praticamente abbandonato, dove invece in Europa monti e boschi e parchi sono "pettinati". Diverse esperienze ci dicono che la gestione si può fare (e meglio) col fucile, ma soprattutto con le braccate. Fenomeno che si sta allargando - fino a 50anni fa era una pratica esclusivamente maremmana e sarda - e comunque, con i cinghialai organizzati in squadre (che pesano sia nelle aavv sia nella politica locale, ovvero per la nomina dei sindaci) è difficile ridurli a più miti consigli. Anche se, se non si rilancia la caccia, il fenomeno si ridemnsiona da sè, thanatos incombe.

da Ermes 28/02/2019 17.48

Re:La piaga dei Parchi

con i piani di controllo i i "cacciatori???" possono uscire tutti i giorni , cacciare tutta la notte, sparare a qualsiasi cosa ceh si muove che abbia le setole, usare rilevatori termici, infrarossi, bombe a mano, mitra e possono paracadutarsi sulle zone ad alto rischio per annientare la minaccia !! ahahahahahaha

da ahahah 28/02/2019 16.57

Re:La piaga dei Parchi

Osok tutte le sere a caccia al cinghiale? Di quale crimine ti sei macchiato per dover scontate una simile punizione??!!??

da Pino 28/02/2019 16.39

Re:La piaga dei Parchi

luca ma tu sei Flagg!!! ahahah

da beccato 28/02/2019 16.38

Re:La piaga dei Parchi

Il primo errore anni fa quello commesso da chi immise cinghiali provenienti dall est poi il divieto di fare gli abbattimenti anche nelle aree protette prima che diventassero il serbatoio di questi animali e poi tutti i ricorsi al Tar contro la caccia al cinghiale delle ass ambientaliste vedi Liguria negli anni passati... ora è scoppiato il problema io ho l abilitazione per la caccia al cinghiale in selezione ma sia io che tanti come me non possiamo uscire tutte le sere e magari fare mattina io la mattina vado a lavoro e credi molti altri hanno questo problemino....forse un po' più di lungimiranza a tempo debito e togliere la sacralità ai parchi e gestirli non avrebbero creato tanti problemi.... A dimenticavo la caccia non è il ciclismo né tantomeno il tennis un "vero cacciatore" come lei non dovrebbe fare questi paragoni....attivita belle condivisibili ma che nulla hanno a che fare con la caccia....

da Osokk 28/02/2019 15.34

Re:La piaga dei Parchi

Sinceramente a me si risolvere il problema cinghiale interessa ZERO dato che per me problema non è. Chi ha questo problema si attrezzi e lo risolva. Io non ho alcun Interesse a risolverlo! Al contrario! Più animali ci sono meno argomenti anticaccia hanno i nemici. Se TUTTI i cacciatori si dedicano in esclusiva al cinghiale io ne sono ben contento: MENO CONCORRENZA!!!

da Duccio 28/02/2019 14.55

Re:La piaga dei Parchi

Insomma ma in sostanza lei Moscherini non ho capito cosa propone ??.. Ha fatto una giusta disamina ma cosa vuol fare ? Forse aprire la caccia sempre a tutto e tutti e comunque pensando in questo modo di riequilibrare l'ambiente cosi' gravemente inquinato e compromesso da questo modelo di sviluppo industriale

da guido 28/02/2019 13.17

Re:La piaga dei Parchi

Luca l’invidia è una brutta cosa. Infatti se te cacci migratoria e beccaccia che te ne frega dei cinghiali? E che te ne frega se tornano col carniere rigonfio? Vivi e lascia vivere

da Duccio 28/02/2019 12.07

Re:La piaga dei Parchi

Egregio Dott Luca vedo da quanto leggo che di problemi ne ha molti... Il primo di non capire che di specie che creano problemi all agricoltura è all allevamento ve ne sono molte dagli storni ai lupu alle nutrie ai caprioli e ai cervi vedi parco dello Stelvio qualche anno fa il problema è la gestione ottusa di anni e anni anche dei Parchi considerati inviolabili e mai gestiti e leggi inappropriate dettate più da ricatti politici che da serie politiche ma il suo problema è solo con la caccia al cinghiale ed ovvio il perché probabilmente le danno fastidio chi lo caccia nelle sue zone.... Il suo insistere sul fatto che lei si ritiene un cacciatore e gli altri no è ridicolo e il commentare ironicamente su chi va a caccia la domenica altrettanto sa c'è gente che le sembrerà strano ma va a lavoro.... Magari sono gli stessi che pagano la pensione a molti anche a quelli che nella vita hanno fatto poco o nulla..

da Osok 28/02/2019 8.11

Re:La piaga dei Parchi

UNA VOLTAENRAVI NEL BOSCO E RESPIRAVI IL PROFUMO DELLE FOGLIE , DEI PRODOTTI DEL SOTTOBOSCO, ERA UN TRIONFO DI ODORI ORA C'E' UNA PUZZA DA FAR VOMITARE!! E SARA SEMPRE PEGGIO CON QUESTO GOVERNO.

da IL SAGGIO 28/02/2019 7.38

Re:La piaga dei Parchi

Anche MarcoC contribuisce a picconare una categoria di cacciatori. Avanti così verso l’estinzione....

da Dario 28/02/2019 7.36

Re:La piaga dei Parchi

Purtroppo Luca ha ragione. Il problema Cinghiale è sfuggito di mano a chi lo ha foraggiato per anni e per interessi economici. Complice anche la Parcomania sfrenata priva di gestione seria e vera del territorio eccessivamente e ingiustamente sottratto all'attività venatoria. Il Porco peloso, in Cinghiale appunto ha devastato la caccia nobile Italiana eradicando in diverse zone ciò che di stanziale era rimasta. Questo in concorso con altre specie nocive e opportuniste come la Volpe e i Corvidi, specie di cui è tabù parlare di controllo e riduzione. Ma non solo, chi andrebbe a fare riduzione alla Volpe, nessuno. Questo perchè la "ciccia" non è di interesse come invece lo è quella del porco peloso. Purtroppo in questo Luca ha ragione, la vera colpa assieme alla troppa parcomania sfrenata e fuori controllo è dei cicciari della domenica, che si erigono a grandi cacciatori quando nella realtà non sono che sparacelletti riciclati a cicciari.

da MarcoC 28/02/2019 4.57

Re:La piaga dei Parchi

Luca sono settimane che ci frantumi gli zibidei con i tuoi teoremi da settimana enigmistica. Abbiamo capito come la pensi. Sai che ti dico? Chi se ne frega!!

da Donato 27/02/2019 22.48

Re:La piaga dei Parchi

Carissimo Sign Luca anzi a questo punto credo che sia più opportuno chiamarla Dott Luca visto l esposizione dei problemi e le soluzioni che da sul problema cinghiale che lei continua a chiamare " porco" in modo dispregiativo dimostrando ancora una volta una grande ignoranza venatoria.....libri e libri sono stati scritti sulla caccia al cinghiale e immagini di tale caccia le troviamo come decorazioni su vasellame e antiche tombe e' questa una caccia che si perde nella notte dei tempi e da sempre e' stata occasione di aggregazione e di mille storie di personaggi unici sia canai che incredibili cani ....nulla di simile si trova di altre forme di caccia se non nella falconeria " enciclopedia dell arte medievale "....ora però arriva Lei e chiuderemo tutto .......vorrà dire che noi che pratichiamo questa caccia staremo a casa e lei girerà l Italia a salvare le coltivazioni di ulivi dagli storni e a risolvere i problemi che questi recano in città come Roma da anni....ma evidentemente questi non sono problemi.... A dimenticavo le ricordo che in tutte le strade dove vi è la possibilità di attraversamento di fauna selvatica ci sono dei cartelli che avvisano del pericolo ma che vengono puntualmente ignorati lo dico perché lo riscontro personalmente e non per sentito dire....strade di montagna asfaltate percorse a velocità folli anche per la sicurezza di persone e animali domestici.....per quanto riguarda i danni è vero ci sono ma tutte le volte sono realmente come descritti ..? E i danni dei lupi agli animali Dall evamento? Perché non parla anche di quelli..?

da Osok 27/02/2019 21.20

Re:La piaga dei Parchi

Luca che si improvvisa tecnico faunistico è uno spasso!

da Dino 27/02/2019 20.57

Re:La piaga dei Parchi

io vado solo a beccacce e sinceramente i cinghialari non mi danno alcun fastidio, basta cacciare il lunedì il giovedì e il sabato e da noi non li incontri neanche. Al contrario posso dire in positivo che se in provincia di Genova trovi qualche sentiero ancora praticabile è solo merito loro che provvedono alla pulizia.

da Luca (GE) 27/02/2019 16.24

Re:La piaga dei Parchi

Caro Luca I mirini laser li hai visti nei film di 007.....credo che tu faccia un po' di confusione o meglio continui ad attaccare chi fa altre cacce senza sapere di cosa stai parlando la caccia al cinghiale in Toscana si è sempre fatta anche da prima degli Etruschi. Ora bisogna smettere perché lo dici tu? Ti sei divertito a tordi e beccacce sono felice per te quindi scusa se non hai problemi che fastidio ti danno quelli che vanno a caccia al cinghiale....

da Osok 27/02/2019 16.13

Re:La piaga dei Parchi

Luca sei fuori di testa! Ma pensa a fare la tua caccia e fregatene di chi va a cinghiali. Ma pensi di essere bravo solo te? Lo sai che le beccacce vengono abbattute alla posta per oltre l’80%? Ma di che blateri? Falla finita che danneggintutti!!!

da Dino 27/02/2019 16.08

Re:La piaga dei Parchi

Si può dire la stessa cosa che il 99% degli incidenti sugli sci sono causati dai fuori pista illegali. Quindi chiudiamo la possibilità di fare fuoripista. La stessa cosa si trasferisce alle altre attività. Il bicchiere è sempre mezzo pieno e mezzo vuoto dipende da cosa fa comodo.

da Marco1 27/02/2019 15.53

Re:La piaga dei Parchi

Il problema nelle battute al cinghiale sono i " problemi" causato da quelli che sino a ieri tiravano agli uccelletti con il piombo del 10 poi dato che non trovano più nulla e non gli danno le famose Deroghe si inventano cacciatori al cinghiale comprano la carabina senza capire una cippa di balistica e del potenziale che hanno in mano il prolificare di calibri esagerati in battuta ne è testimone....

da Osok 27/02/2019 14.51

Re:La piaga dei Parchi

Ci sono ancora imbecilli di cacciatori del kaiser che continuano a chiedere di chiedere le cacce praticate da altri per poter avere più ciccia da vendere. Siete la rovina della caccia!

da Dario 27/02/2019 14.37

Re:La piaga dei Parchi

si informi che poi ne riparliamo...

da carlo 27/02/2019 14.37

Re:La piaga dei Parchi

è bello dare dei numeri a caso

da marco1 27/02/2019 13.53

Re:La piaga dei Parchi

in battuta 99% degli incidenti mortali … chiudere subito la battuta !!

da Carlo 27/02/2019 13.48

Re:La piaga dei Parchi

anche a me è capitato di leggere e vedere morti ammazzati sui campi di sci, in auto, in bici, andando allo stadio, in montagna e in tanti altre situazioni, ogni occasione dove l'uomo ha un attività di lavoro o di svago, è buona x morire.-

da marco1 27/02/2019 13.14

Re:La piaga dei Parchi

Si anche a me a caccia al fagiano con la differenza che un 30/06 è letale anche a 1500 m un cal 12 con piombo del 6 no...ma non mi sembra il caso di fare la conta degli incidenti qui si sta parlando di sentirsi superiori ad alte a prescindere perché si fa un altra caccia e usare termini offensivi.

da Osok 27/02/2019 12.53

Re:La piaga dei Parchi

mi è capitato di leggere di morti ammazzati nelle battute!!!

da Carlo 27/02/2019 12.44

Re:La piaga dei Parchi

Caro Sign Luca mi è capitato ma sarà capitato anche a Lei di denunce x utilizzo di mezzi di richiamo elettronici ma mai di denunce x punti rossi... Dato che sono legali, mi è capitato di sentire di denunce per aver superato il numero di capi abbattuti a certi cacciatori ma mai a squadre di caccia al cinghiale quindi come vede il male non sono sempre gli altri....

da Osok 27/02/2019 11.41

Re:La piaga dei Parchi

oGNI CACCIA è BELLA SE PRATICATA CON MODERAZIONE E INTELLIGENZA. TROPPI CINGHIALI? PROBABILEMNTE SI, MA IN TUTTO IL MONDO LI CACCIANO IN BRACCATA, IN OGNI CASO LA NOSTRA CULTURA VENATORIA MEDITERRANEA LI CACCIA COSì, DA TREMILA ANNI ALMENO. LA SELEZIONE è POCO PIU' CHE UNA MACELLERIA. C'è CONFLITTO? SI. FRA BRACCAIOLI E SELETTORI, E FRA CINGHIALAI E CACCIATORI DI ALTRO GENERE. COMINCIA A MANCARE UN PO' DI SAGGEZZA, QUELLA SI' E QUESTE POLEMICHE NE SONO LA RIPROVA. UNA VOLTA, IN CASCINA ABITAVANO MOLTE FAMIGLIE E SI RITROVAVANO IN UN'UNICA AIA O CORTILE PER TUTTI. NON C'ERA TUTTO QUESTO CASINO. CI VUOLE UN'UNICA ASSOCIAZIONE. CHE POI I CONTADINI SI LAMENTINO PER I DANNI, CI CREDO POCO. LO FANNO PERCHè FORSE GIUSTAMENTE DAL LORO PUNTO DI VISTA VORREBBERO ESSERE PADRONI A CASA PROPRIA. 842, INSOMMA. E I SERBATOI DEI PARCHI FANNO COMODO A TUTTI, CACCIATORI DI OGNI GENERE E COMPAGNIA BRISCOLA

da COMPAGNIA BRISCOLA 26/02/2019 18.18

Re:La piaga dei Parchi

Tutti rompono involontariamente le scatole ma occorre sopportare un minino. Tutti vorrebbero cacciare da soli in una riserva ma siamo tanti e tutti hanno soliti diritti. Quindi fatela finita e non insistete a dire che siete gli unici veri cacciatori

da Dario 26/02/2019 17.36

Re:La piaga dei Parchi

Parcomania.....Bah!

da Geronimo 26/02/2019 16.52

Re:La piaga dei Parchi

hai scritto bene SENZA ROMPERE LE SCATOE A NESSUNO!! allora perché chiudete una fetta di montagna e la devastate due o tre volte la settimana nel periodo del passo ? quando tra piani di controllo e caccia di selezione e battute cacciate tutto l'anno ??? E TU VIENI A DIRE A NOI DI NON ROMPERE MA VAI AL DIAVOLO.. ahahhah

da ahhah 26/02/2019 15.02

Re:La piaga dei Parchi

Fate la vostra caccia è state zitti senza pensare di essere voi i veri cacciatori. Se ognuno andasse alla propria caccia IN SILENZIO E SENZA ROMPERE LE SCATOLE A CHI NE PRATICA ALTRE saremmo a posto. E invece no! Duri come i sassi si continua a spalare CONCIO sui colleghi!

da Dario 26/02/2019 14.35

Re:La piaga dei Parchi

Duccio... se hai letto bene a me non da fastidio nessuno e i veri selvatici sono solo i migratori e la sua caccia è una delle più belle e in Italia prima di circa venti anni fa era l'unica caccia ...poi sono arrivati gli ungulati...i loden...i corsi da idiota...i cani con la patente ... le carabine da suonati ... ed è cambiato tutto. Di colpo chi andava a tordi veniva quasi deriso dai SELEIDIOTI , la gente si è riempita la bocca di gestione, prelievo, abbattimento selettivo, piano di abbattimento, densità biotica, terzo premolare, una mare di cazzate che si imparano assieme a qualche vecchio cacciatore seguendolo per una stagione di caccia. sono arrivate le squadre ( non l Inter o Milan) ma per andare a caccia di cinghiali e qui è crollato tutto! di colpo tutti gli sfigati che non prendevano un tordo al volo nemmeno se cadeva con un infarto hanno saltato il fosso e ci siamo liberati della zavorra.... ho scritto che a me non da fastidio nessuno ma le squadre devono IMPARARE L'EDUCAZIONE anche a rischio di scontro fisico sono molti ma quando cade il primo vedi gli altri come scappano...è gia successo ed ora tutti in amore e d'accordo... IMPARATE L'EDUCAZIONE ahahha

da ahhaha 26/02/2019 13.43

Re:La piaga dei Parchi

Leggere qua sotto vien da piangere! Ognuno si ritiene il VERO CACCIATORE il FENOMENO a chiacchere ovviamente. Ma dove lo avete preso il diploma di SUPERCACCIATORE? Ve lo ha dato lo scemo del villaggio? Dove sta scritto che il MIGRATORISTI è il vero cacciatore? Chi lo ha detto che non esistono fagiani selvatici? E perché mai chi va a cinghiali in battuta dovrebbe essere di serie C? Il vero male della caccia è dei cacciatori italiani è proprio la loro ottusità il loro voler far credere (a se stessi forse....) di essere -almeno a caccia!- un fenomeno. Sarebbe l’ora di farla finita che siete il tumore della caccia italiana!

da Duccio 26/02/2019 13.26

Re:La piaga dei Parchi

Bravi bravi...a leggere i commenti si vede che ancora non avete capito che quello che rovina noi cacciatori è proprio il fatto che ci facciamo la guerra tra di noi cinghialari o migratoristi se non ci uniamo saremo tutti destinati alla stessa fine.

da Luigi cacciatore di Roma 26/02/2019 12.56

Re:La piaga dei Parchi

immettere lepri non autoctone fa un bel danno come le pernici ( il nostro territorio era da starne che sono sparite) che non sono la nostra selvaggina . Le pernici ma quali ? la rossa? il Chukar ? la pernice gola grigia? la pernice sarda? addirittura sono state liberate le coturnici in pianura!!! CACCIA VERA!!! ma di cosa stiamo parlando !! l'unica vera selvaggina è la migratoria il resto sono SURROGATI !! e poi diciamola tutta cacciare un capriolo è quasi pensoso ! come un cinghiale ! il cervo fa una puzza da far venire il voltastomaco come il daino! che se li caccino i SUPER CACCIATORI con la carabina e il loden ( ahahah ) però a me non danno fastidio , neppure li vedo o li sento. Se ci troviamo dentro un battuta son cazzi per loro noi la scaccia la facciamo lo stesso e se passiamo noi i cinghiali se ne vanno prima ... noi siamo sempre una decina ben messi e non ci fanno certo paura quattro vecchi cinghialari con la mitraglia ! ne abbiamo fatte di battaglie tanto che adesso ci telefonano la sera prima e prendiamo accordi! CI SI DEVA FARE RISPETTARe CON LE BUONE O LE CATTIVE... ma una ovlta chiarito tutto fila via liscio! stammi bene e fregatene

da ahhaah 26/02/2019 12.17

Re:La piaga dei Parchi

stanziale? si polli colorarti, starne ( dove??) le lepri sono ungheresi quasi al 70% corrono la meta delle lepri italiche ,( ma per voi tiratori di serie Z vanno bene) bhe se questa è la vera caccia siamo a posto! di tutte queste salvo solo la caccia alla lepre in solitaria senza cane QUESTI SONO VERI CACCIATORI ... ma di solito viene cacciata tipo battuta al cinghiale ( uno schifo ) oltre a questo ,i VERI CACCIATORI fanno una vera e propria mattanza di lepri ( strage) a Bologna hanno dato GIUSTAMETE le fascette ( troppe ) io ne darei al massimo tre per cacciatore sono già sufficienti per questi stragisti senza cuore per la selvaggina che fino a quando non vedono il fondo non si fermano e - sti delinquenti - si lamentano . Nel mio terreno hanno cacciato fino all'ultimo giorno all'ultima ora , hanno battuto in ogni buco ,vicino alle case, sulle strade, nei parchi, nei riservini, FANNO SCHIFO ! io la chiuderei la caccia alla lepre con il cane solo a piedi senza cane. ma sono anche contento io gli stanzialisti li ritengo una catergoria di veri sfigati e mi fanno ridere quando li vedo bardati come gli idioti per tirare selvaggina di ALLEVAMENTO ahahahahah la vera caccia ahahahhahahaahahah

da ahahah 26/02/2019 8.30

Re:La piaga dei Parchi

Nel post sotto 25/02/2019 12.58, rileggendo ho scritto in'ascoltati al posto di inascoltati senza apostrofo, chiedo venia.

da jamesin 25/02/2019 20.34

Re:La piaga dei Parchi

luca RILASSATI La migratoria si è specializzata se non sei al top lascia perdere , devi saper sparare bene, conoscer i posti buoni, dei attrezzarti per tordi, colombi, anatre ,e cc. e i risultati ci sono eccome… io sparo più colombi qui che in Scozia !! però , la stanziale- abbi pazienza- fa un po' sorridere ma se uno si diverte lascialo fare che te frega! come chi fa le battute ma che te frega lasciali convinti della sua "superiorità" che te ne frega! riguardo la gnocca, Ricordati che il toro tromba tutte le vacche se non riesci sono problemi tuoi!!!

da Arturo 25/02/2019 20.28

Re:La piaga dei Parchi

luca la legge non prevede le deleghe da parte di nessuno, ne di giorno ne di notte, le tue considerazioni sul fatto dei bambini da sfamare non possono certo autorizzarti a fare quello che da solo giudichi x buono. la legge è quella e finchè non si cambia la dobbiamo rispettare con 2 o più figli a carico, sperando che un domani non sia un giudice a spiegarcelo solo perchè prima non l'abbiamo capito da soli.-

da marco1 25/02/2019 16.55

Re:La piaga dei Parchi

Luca,questo tuo esagerato astio verso chi effettua la caccia collettiva al cinghiale non riesco proprio a spiegarmelo. Ma cosa ti è successo ? Forse sei stato bocciato all'esame per l'abilitazione alla caccia al collettiva al cinghiale o peggio ancora qualche cicciaio, "(come tu li chiami, ed io sono uno di questi) ha osato insidiare le virtù di qualche componente della famiglia? Perché in questo caso, ma bada bene solo in questo caso,potrei capire ed essere solidale con te.

da Frank 44 25/02/2019 16.27

Re:La piaga dei Parchi

Ma questi interessanti editoriali ,vengono pubblicati e letti fuori da questa pagina di Big Hunter?. Mi permetto di far notare al sig Luca.. per rinnovare il,PDA bisogna superare due visite mediche .una valuta per quanto possibile anche l'aspetto PSICOLOGICO

da ....T el C 25/02/2019 15.33

Re:La piaga dei Parchi

i proprietari o conduttori dei fondi sono già abilitati al controllo ed il parere dello scrivente non ha niente a che fare ed è del tutto ininfluente.

da marco1 25/02/2019 14.15

Re:La piaga dei Parchi

Complimenti, ma occorre anche evidenziare l’assemza Delle associazioni venatorie

da Castelval 25/02/2019 13.10

Re:La piaga dei Parchi

Complimenti, ma occorre anche evidenziare l’assemza Delle associazioni venatorie

da Castelval 25/02/2019 13.10

Re:La piaga dei Parchi

Il lupo è l'antagonista del cinghiale : questo secondo il mio punto di vista lo può dire chi con molta superficialità giudica il comportamento animale, forse senza mai aver visto come si difende un cinghiale dal lupo. Secondo me il lupo da quanto è stato largamente provato preferisce le pecore e gli animali da allevamento dove è certo che non può farsi male, e sono soldi anche del povero contribuente che pagano i danni fatti dal lupo. Ma qua nessuno vuole l'estinzione del lupo anche se tempo fa i nostri nonni li avevano debellati quasi completamente proprio per rottura di palle. Forse è vero il fatto che ci sono dei cicciai che portano da mangiare ai cinghiali per farli ingrassare e prolificare ma a questi secondo me pescati con le mani nel sacco dovrebbero togliere il porto d'armi per almeno 2 anni !! considerato che per colpa di questi animalacci stanno morendo delle persone. I parchi non c'entrano con il proliferare dei cinghiali ? E dai su... Che stiamo difendendo l'indifendibile, sono di enorme estensione i parchi ! Anche di questo qualcuno dovrebbe informarsi come dovrebbe sapere che non abbiamo mai detto di eliminare i parchi ma bensì di farli rientrare nelle aree effettivamente da proteggere e non come è stato fatto fino ad ora di sforare oltre la legge 394 sui parchi che prevede dal 20 al 30 % di area protette in ogni provincia. Ed anche per questo abbiamo scritto fiumi di parole fino ad ora in'ascoltati da chi come le AAVV tutte dovrebbero prendere la rullina in mano e andare a fare due misure ! Pace e bene fratelli d'Italia.

da jamesin 25/02/2019 12.58

Re:La piaga dei Parchi

In Italia non riusciremo mai ad affrontare seriamente nessun problema ne tanto meno a risolverlo finché non avremo superato la cultura del " benaltrismo ".Infatti ad ogni tentativo di provare a discutere seriamente di qualcosa, salta sempre su qualcuno che dice : sì,però vi è ben altro di cui occuparsi. Vero Luca ?

da Frank 44 25/02/2019 12.01

Re:La piaga dei Parchi

Ottima analisi.Ma purtroppo quello che ci manca, a noi e a una buona parte degli agricoltori ( in quanto attori principali), è una coscienza culturale che ci permetterebbe di ribaltare la situazione.

da Eraldo 25/02/2019 10.50

Re:La piaga dei Parchi

Condivisibile, ma manca il rimedio alle sciocchezze fatte in questo trentennio da questi falsi sciocchi, parlo dei padroni del vapore dell'animalambientalismo che i loro casi se li sono fatti e continuano a farseli, poi ci sono i servi sciocchi la manodopera, quelli che vanno davanti al Ministero Ambiente con cartelloni, scritte, fischietti e le immancabili telecamere che tanto mettono paura ai politici, 4 gatti perché quelli sono eppure hanno trovato come ottenere dalla politica ed hanno ottenuto, ma chi veramente si trova sul terreno dell'agricoltura e dell'allevamento se la passa sempre più male, ma nessuno mette una buona parola, solo i cacciatori lo fanno perché sanno, tutti gli altri tacciono.

da giusva 25/02/2019 10.29

Re:La piaga dei Parchi

Complimenti vivissimi!!!

da Arrabbiato 66 25/02/2019 10.11