Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Punto (e virgola) sulla migratoria


lunedì 19 aprile 2021
    

 
 


Si parla sempre meno di migratoria, mentre sale l'intensità delle proteste di tutti coloro che sognano ancora di praticare  tutte quelle bellissime forme di caccia che l'alato popolo migrante ha regalato a generazioni di cacciatori, fino ad oggi, in un'epoca forse un po' troppo tecnologica.


Andiamo per punti (e qualche virgola, anche).

° Solo poco più che mezzo secolo fa, prima del boom economico, la caccia  era un'altra cosa. Soprattutto nell'Italia ancora profondamente rurale.


° La migratoria, con qualche digressione su lepri, starne, cinghiale, e selvaggina di montagna, riempiva i nostri carnieri, da nord a sud. Gran parte dei nostri genitori e nonni disponevano di pochi mezzi di trasporto, e praticavano la caccia al massimo entro i confini della regione. Molti a pochi passi da casa. Il censo, ovviamente, faceva la differenza, ma il divario classista era piuttosto evidente. Chi poteva (pochi) si spostava, chi non poteva (quasi tutti) cacciava intorno a casa.


° Col boom, con la nuova disponibilità di mezzi di trasporto - la mitica Cinquecento, anche in versione "giardinetta" e poi la Seicento, la Millecento e sù sù andando - successe come ai pellerossa con i bisonti. I nostri cacciatori cominciarono a spostarsi a sud (ma anche a est e a ovest)  a mano a mano che tordi, colombi,  beccacce scorrevano lungo lo stivale. Si sviluppò il cosiddetto "nomadismo venatorio". Nacquero contrasti anche nella categoria, fra locali e forestieri, spesso sanati grazie a una diplomazia più o meno spicciola, sotto lo scudo protettivo dell'842, nato per altri scopi, ma diventato presto un valore di matrice democratico-popolare.


° Certi repentini cambiamenti nei rapporti socio-economico-venatori provocarono reazioni a volte immotivate, anche per coprire le concrete trasformazioni agrarie, i primi accenni di incuria nei confronti del patrimonio naturale, l'abbandono delle campagne, l'industrializzazione selvaggia, gli inquinamenti, la perdita di potere d'interdizione da parte di un certo latifondo. Non ci fu risparmiato niente, anche con feroci operazioni mediatiche fatte nascere nel Nord Europa, che miravano a ben altro, per la verità.


° Qualcuno, anche in quei giorni, prima ancora che si arrivasse alla stagione dei referendum, prima dei reiterati attacchi alla caccia concepita come libera espressione della primordiale passione dell'uomo, propose soluzioni tanto semplici quanto efficaci. Una fra tutte, quella dell'appassionato cultore della caccia al capanno, Pier Carlo Santini, che suggerì di cacciare liberamente i migratori nel periodo del passo, al massimo fino a metà novembre, e poi di consentirne il proseguimento solo nella regione di residenza. Un'intuizione che probabilmente avrebbe evitato l'invenzione degli ATC e di tutte quelle pastoie che ne sono conseguite.


° L'avvento del villaggio globale, un libro teoricamente necessario, quello della Carson, che denunciava le "Primavere silenziose", causate però da ben altre ragioni, i veleni che stavano diffondendosi ovunque fra terre cieli e acque, la grandiosità del fenomeno migratorio che interessava appunto tutto l'areale euroasiatico, fecero insorgere strumentalmente  i popoli del nord, cacciatori compresi, dediti  a ben altre cacce, contro le cacce italiane che depauperano - così dissero -  il "loro" patrimonio alato.


° Il culmine della tempesta, favorita e sostenuta contro l'anello più debole della catena (perdipiù munito di un arma), per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dai veri guasti al patrimonio naturale, deflagrò appunto con la stagione dei referendum, le ripetute modifiche restrittive della legge sulla caccia, che alla fine non si ebbe più nemmeno il coraggio di definirla tale, relegandola a poco più che un'eccezione alla regola, la Direttiva Uccelli, la Direttiva Natura 2000, i trattati internazionali, le pasionarie senza pelliccia, le brigittebardot, le brambille. E non ultimi, quei simulacri di movimenti ambientalisti, che a più riprese hanno tentato di esprimersi in partito verde, prima radicalpannelliano, poi pecoraroscanico, poi bonelliano, potenti nel palazzo ma vere e proprie nullità quanto a numeri rappresentati sul territorio, in parlamento e nella società. Esigue minoranze insomma, a cui per decenni è stato dato troppo ascolto.


° Per rispetto dei fatti, a tutto questo va aggiunto quel malcelato desiderio di personalizzazione del potere, tipico male nostrano,  favorito dalle italiche istituzioni del diritto, utili a qualsiasi azzeccagarbugli per sostenere tutto e il contrario di tutto, che ci regalò lo smembramento dell'unica associazione venatoria, figlia del CONI, del cui sciagurato evento ancora oggi si patiscono i disastri. Vittime più illustri, appunto, le nostre cacce alla migratoria, per le quali in questi anni non siamo riusciti a mettere in piedi alcuna efficace difesa, salvo sguaiate scaramucce di retroguardia.

Tutto questo premesso, c'è qualche speranza di recuperare il tempo e le cacce perdute?


Mai disperare, altrimenti si fa come quelli che non riescono a far altro che lamentarsi, protestare, ma quando c'è da impegnarsi con giudizio per una causa comune si defilano, quando addirittura non remano contro. Qualche segnale c'è, per esempio l'impegno a più livelli nella ricerca, che altrimenti rimane appannaggio di un animalismo di facciata, che millanta dati scientifici, riferendosi a ricerche di altri, del tutto parziali, e soprattutto datate e collocate in contesti territoriali a noi estranei.


Una mano ce la dà la Face, la Federazione delle Associazioni dei Cacciatori Europei. La caccia alla migratoria si decide prima di tutto a Bruxelles, se non ci facciamo sentire da quelle parti, qua da noi sarà sempre più dura. Per questo, sarebbe importante che molti dei nostri parlamentari europei venissero sollecitati con un'unica voce nei loro collegi italiani, e per ottenere un po' più di attenzione, sarebbe anche bene che le nostre associazioni trovassero almeno per questo una sintesi.  E così dovrebbero fare quei pochi dei nostri amici che ogni tanto si fanno vedere lassù, in Europa, appunto.

Volendo mettere, infine, qualche virgola, auspicato un minimo di posizione comune da parte delle nostre associazioni (che invece di fare massa critica, sembra che vogliano ancora di più suddividersi), si potrebbe dire che: A) Sarebbe bene mettere la sordina alle beghe interne. B) Vista la situazione, occorrerebbe stilare e condividere un manifesto essenziale di rilancio dell'immagine della caccia, indirizzato soprattutto a un'opinione pubblica sempre più distratta (e ce ne sono le ragioni, purtroppo) su temi d'interesse generale, come la tutela del territorio, la salvaguardia delle specie selvatiche, l'impegno dei cacciatori nel volontariato, le centinaia di migliaia di ettari di ambienti naturali che sono gestiti dai cacciatori. C) Orientare la comunicazione evidenziando questi temi. D) Attivare le nostre migliori risorse per accedere a quei fondi che arriveranno per il green, che altrimenti saranno delapidati per il solito animalismo di maniera.

E non ho altro da dire su questa faccenda, come dice Forrest Gump.


O forse sì, ce l'avrei, ma semmai lo dirò un'altra volta.


Intanto fateci anche voi un pensierino.


 


Roberto Masoni

Leggi altri Editoriali

23 commenti finora...

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

x tutti noi: ma lei non è mai stato fuori dei confini nazionali a caccia? come può scrivere certe cose che non sono assolutamente vere.

da Cacciatore straniero 26/04/2021 13.40

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Egregi TUTTI NOI e FRICHTE, concordo pienamente su quello che dite, tutto il resto sono i soliti discorsi di piazza.

da Cittadino moderato 24/04/2021 21.10

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

lo stato non è altro che quello che siamo. un popolo di furbetti, che nel pubblico o nel privato crediamo di essere l'ombelico del mondo. ma il mondo è quello che è sempre stato, peccato che oggi, con la conoscenza a disposizione di tutti il nostro livello culturale sia così scaduto.

da fichte 23/04/2021 8.43

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Quanto a ingiurie insulti e perfino brindisi alla morte di un cacciatore voi animalari non siete secondo a nessuno. E le risposte non possono che essere di conseguenza.

da Cittadino cacciatore 22/04/2021 14.49

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Non è certo questione di kompagni. In Francia, in Spagna, in Inghilterra, e anche in America, cioè nell'occidente avanzato, siamo contestati più o meno per le stesse ragioni. Succederà presto anche nell'Europa dell'Est, dove intanto arrestano i furbetti italiani che per la migratoria non rispettano le regole, convinti che con i soldi si possa fare tutto. Il fatto è che la società sta cambiando rapidamente e sta succedendo quello che certi maghi del futuro già prevedevano venti trenta anni fa. Il mondo è sempre più globalizzato, i consumi si stanno omologando (siamo ormai solamente un immenso mercato di cose inutili e senza sapore), l'ambiente naturale sta piano piano scomparendo, e i colpevoli cercano un capro espiatorio a poco prezzo. Chi ci sta fregando, caro mio SPUT, non sono i comunisti ma il capitalismo globale. Quando te ne accorgerai sarà troppo tardi. E purtoppo, non solo per te. Ma per tutti noi. E la caccia di destra o di sinistra c'entra poco.

da Tutti noi 21/04/2021 17.21

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

In Spagna esiste una minimissima parte di terreno libero statale accessibile a tutti . Nel restante territorio la selvaggina è proprietà "indisponibile del proprietario o del conduttore del fondo". Paghi e cacci.....Tanti italiani ci vanno.........

da La pensata del Genio della Lampada 21/04/2021 17.14

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

In Italia mano alla tasca e devi sperare che non ti vietano di cacciare.

da LeoSA 21/04/2021 14.46

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Solo in Spagna non ti rompono i maroni, a me sembra che solo in Italia succede protezione ad oltranza in tutti gli altri paesi mano alla tasca e vai a caccia anche degli uccelli protetti senza giorni fissi ne orari e ne numero di capi.

da jamesin 21/04/2021 14.43

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Vorrei sapere come hanno fatto i Forestali a capire una volta cotti,la differenza tra la peppola,i due frosoni,ed il resto degli uccelli???

da Fucino Cane 21/04/2021 14.41

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

tra64...anche io ho fatto il lago. nella mia terra... a mie spese, morale? Forestale quasi tutte le settimane, poi volontari, provinciale, che ti controllano anche il colore delle mutande.. mi hanno dato fuoco al capanno due volte, sono in tribunale per una questione di piombo e acciaio che ancora non ho capito ( ma non mollo) aviaria ecc. Poi vedi ..nelle colline - i cacciatori di cinghiali anche in mezzo alla strada con le mitraglie e TUTTO VA BENE! la migratoria è meglio farla in Spagna , dove no ti rompono i maroni!!

da Pino 20/04/2021 7.42

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Parlando di migratoria mi vengono in mente le mitiche copertine di Lemmi. Parlando di migratoria oggi ,non posso che segnalare l'ingiustizia che regna in Italia per la non comprensione tra le specie cacciali " oca " . Qui nell Veneto orientale ed in Friuli oltre che di passo sono abbondantemente nidificanti ( quindi stanziali nemmeno piu' migranti).

da Vito Canevese 19/04/2021 21.23

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

GIUSTE RIFLESSIONI.RIMANGO DELL IDEA CHE SE C E' AMBIENTE NON C E' FAUNA,FACCIO UN PICCOLO ESEMPIO CACCIANDO UN LAGO X ACQUATICI CIRCA 4 ETTARI DI TERRENO LO PREPARIAMO X BECCACCINI E LE POSSO GARANTIRE CHE CI DIVERTIAMO TUTTO L 'ANNO.

da TRA64 19/04/2021 17.23

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

uando i carabinieri forestali all'ora di pranzo di venerdì sono entrati nella sede della Comunità montana di Valle Trompia a Gardone Val Trompia, in provincia di Brescia, c'è chi ha fatto finta di nulla, chi ha negato qualsivoglia violazione delle regole e chi, nel frattempo, «nascondeva» sotto il tavolo imbandito una padella ancora piena di uccellini pronti per essere serviti ai commensali. Vietati.In tutto, 65 esemplari protetti (tre a testa circa): tutti «fringillidi», oltre a una peppola e due frosoni, particolarmente tutelati dalle normative di riferimento....

da PER IL SALSICCIARO 19/04/2021 15.29

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Confondere la caccia con l’aucupio a scopo alimentare non è da cacciatori! Se l’opinione pubblica è a favore della caccia alla migratoria, perché temere i referendum?

da Dario 19/04/2021 15.10

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Marco: debbo cortesemente dissentire dal tuo commento. La caccia alla migratoria era praticata già a inizi 900 soprattutto da chi un cane non poteva permetterselo. Uccellatori e uccellinai erano parte importante della popolazione venatoria nazionale, in un Paese, l’Italia, che per la sua posizione geografica è attraversata dai flussi migratori da/per l’Africa. Del resto riviste del tempo (Il Cacciatore Italiano, Venatoria, Diana Venatoria..), o autori quali Trapletti, Ghigi, Ghidini (tanto per citare i più noti), e già la prima legge unitaria sulla caccia (L1420/1923) sono lì a testimoniarlo. Saluti

da Ermes74 19/04/2021 15.06

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

E' vero. Lo scritto di Roberto Masoni, purtroppo, non fa più parte dei nostri tempi. E mai lo sarà più. Però..... Su una cosa sono d'accordo: NON BISOGNA ARRENDERSI. Caro Dario, non è affatto vero che l'opinione pubblica è tutta contraria alla caccia. Conosco tantissime persone di ogni classe sociale, uomini e donne, ragazzi e anziani, che non sono affatto contrari. Gente di ogni tipo che non trova nulla di scandaloso nell'attività venatoria. Gente che vive con i piedi per terra e che non legge soltanto le favolette delle associazioni animaliste e dei fanatici dell'ambientalismo. La caccia continuerà a vivere, superando anche questo difficile periodo.

da Hunter74 19/04/2021 14.59

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Peccato che queste cose scritte chiaramente e in ordine vengono prese dai maggiori interessati da più di un ventennio come " Non ti curar di loro ma guarda e passa ". che più avanti c'è la caccia alle salsiccia e non per tutti per giunta. Peccato ! Salutiamo.

da jamesin 19/04/2021 14.22

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

e cosi è se vi pare; analisi corretta e assai comprensibile - meditate cacciatori, meditate

da ulisse 19/04/2021 11.57

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

La tradizione della caccia ai piccoli uccelli non esiste dato che essa di e’ svolta solo per 20 anni, dal 1960 al 1980, in quanto prima nessuno sprecava costose cartucce per un fringuello. Una tradizione che dura 20 anni non è una tradizione!

da Marco 19/04/2021 11.29

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

dario, per quello che riguarda la caccia, fino al referendum del 90 la caccia ha goduto del boom economico, ne fanno fede i numeri, ma è vero che il fenomeno sociale più importante del dopoguera ha avuto inzio negli anni 60. Per consolidarsi nella caccia, c'è voluto però qualche anno, per cui siamo tutti d'accordo. L'importante è riconoscere che la caccia in Italia ha subito notevoli trasformazioni, soprattutto dal punto di vista sociale. Quella di oggi, e di appena ieri, ultimi cinquant'anni, non è più la "nostra" tradizionale.

da Once upon a time 19/04/2021 11.23

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Caro Roberto la situazione che descrivi è relativa non a 50 anni fa (nel 1971 il boom economico era finito da almeno 10 anni!) ma almeno a 65 anni fa! POI, PIÙ IMPORTANTE, L’OPINIONE PUBBLICA È CONTRARIA ALLA CACCIA ALLA MIGRATORIA MENTRE TOLLERA QUELLA AL CINGHIALE. Tutto qua.

da Dario 19/04/2021 10.50

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

Beppe Grillo purtroppo è il presente. Ho visto recentementee, però, che fra il dire e il fare c'è una bella differenza. Dicono che fra i parlamentari 5S ci sia anche qualche cacciatore o filocaccia. Uno per tutti, quel Gallinella prresidente della commissione agricoltura della Camera, che recentemente ha aperto ai cacciatori. Di cosa nasce cosa. certo è che adesso, anche con Conte, i 5S hanno meno peso di prima e i loro rappresentanti in parlamento e sui media devono fare i conti con i territori. Bisogna insistere con la verità, la nostra, che è più reale e concreta della loro. Se ci sono persone ragionevoli, a prescindere dalle teorie e dai partiti di riferimento, piano piano anche certe idee si possono modificare.

da Insisterei con giudizio 19/04/2021 10.43

Re:Punto (e virgola) sulla migratoria

"...i trattati internazionali, le pasionarie senza pelliccia, le brigittebardot, le brambille. E non ultimi, quei simulacri di movimenti ambientalisti, che a più riprese hanno tentato di esprimersi in partito verde, prima radicalpannelliano, poi pecoraroscanico, poi bonelliano, potenti nel palazzo ma vere e proprie nullità quanto a numeri rappresentati sul territorio, in parlamento e nella società. Esigue minoranze insomma, a cui per decenni è stato dato troppo ascolto.

da HAI DIMENTICATO M5S E BEPPE GRILLO 19/04/2021 9.26