HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Le anatre che non migrarono più


mercoledì 28 aprile 2010
    
Scivolava sulle ali del vento lo stuoletto delle marzaiole, guidato dal maschio che ogni tanto berciava a conferma della compattezza del gruppo. Si viaggiava a velocità sostenuta per giungere alla terra promessa che lo accoglieva ogni primavera. Le riserve di grasso erano buone per continuare il viaggio e non c'era motivo d'allarme. Ma qualcosa faceva presentire che non avrebbero trovato gli ambienti ospitali di una volta. Durante il volo di migrazione il maschio si ricordò di Pold, contadino e cacciatore, proprietario di un appezzamento di grano che ogni anno le aspettava armato di schioppo nella sua terra di Normandia, ricca di paludi e stagni, ove, ad ogni arrivo di primavera, sguazzavano marzaiole. Durante la permanenza in quelle terre gli uccelli offrivano all'uomo un modesto tributo e pochi ne rimanevano vittime.

Un bel mattino di marzo l'alba s'era annunciata limpida e fresca, con un sole splendente che faceva pensare ad una primavera ricca e feconda. Jac, alle prime luci, s'era mosso dall'angolo del pantano, anche perchè una ranocchia impertinente lo aveva disturbato per l'intera notte e non gli aveva fatto chiudere occhio. Glep, la femmina, era già pronta alle escursioni aeree. I due svegliarono tutti i commilitoni e ... via a svolazzare nell'aria tiepida, per gli acquitrini. Attenti tutti alle schioppettate di Pold! Se la botta va dritta sono guai seri!

E da tutto lo stuolo si berciò di consenso. Libertà a tutti per le acque limpida, fra grani appetitosi. Ma la femmina non mollava la coda del suo maschio. Più che pensare ad alimentarsi, Glep gli sussurrava dolci note e Jac faceva orecchio da mercante. Quel mattino, in un paradiso di vita e di primavera della Normandia, Jac e Glep dimenticarono di essere nelle terre di Pold.

Ahimè! Un'ombra grande si avvicina! E' Pold, col suo schioppo. Ormai è troppo tardi per levarci in volo, dobbiamo nasconderci nell'erba folta per disperdere le tracce. Una volta lontani ci leveremo in volo di sorpresa.

Jac e Glep scomparvero.

Passò un po' di tempo e... via in volo!

Partirono due colpi serrati dalla doppietta di Pold, ma le due marzaiole furono salve.
 
Durante il volo di migrazione verso la Normandia gli uccelli sorvolarono le coste dell'Adriatico.

Che sconcio! Guarda l'Italia, Glep, com'era verde e bella una volta! Quante costruzioni nei campi, quanti terreni incolti! E le paludi? Dove sono le paludi di un tempo?

Tiriamo avanti!

L'Italia non era più terra ospitale per le anatre. Ed ecco le valli del Po. Oh com'erano belle e ricche di mangime! Silenziose e pacifiche. Che acque sporche si notano oggi!

Nuove industrie s'erano insediate nelle terre del grande fiume. Conviene fermarsi per una sola notte, per ripartire l'indomani. Il giorno dopo, prima di levarsi in volo, bisognava tergersi bene le ali, specialmente le remiganti, per non correre dei seri pericoli durante la traversata dei cieli.
C'è una schiuma bianca!

Conviene allarmare la compagnia, diversamente lo sporco potrebbe impedirci di riprendere il volo.
Cre-cre-crec e furono tutti sulle ali.

Guarda quel cartello! Cosa c'è scritto?

Oasi di protezione!

Alla faccia della protezione!

Volarono fuggendo verso la Normandia. Il lungo volo durò quasi mezza giornata e nel primo pomeriggio si era già nelle valli di Pold.

Un cippo bianco!

Ahimè! Che il vecchio Pold non sia morto!
Abbassiamoci di quota!

Cosa c'è scritto?

Pold: 1900 – 1989.

E' morto, non è più!

Lo ricordi quel vecchio?

Sento ancora il dolore nell'ala per quel pallino, ma in fondo era un bonaccione e ci dava il benvenuto con tanta acqua e pastura.

Pochi giorni di permanenza in Normandia e le marzaiole ripartirono per i grandi fiumi dell'Europa, per tornare poi in Africa, decisi a non intraprendere più quel lungo e faticoso viaggio di migrazione per terre inospitali e inquinate.

Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

17 commenti finora...

Re:Le anatre che non migrarono più

Facile in Scozia, provi da noi in Italia se ne è capace.

Voto:

da Filippo 04/07/2012 12.04

Re:Le anatre che non migrarono più

Racconto vicino alla realtà della natura che nel nostro paese non è più propizia alla sosta dei migratori.

Voto:

da Simona Ghisoni 11/08/2010 9.01

Re:Le anatre che non migrarono più

Una triste verità

Voto:

da Ida 14/07/2010 14.01

Re:Le anatre che non migrarono più

molto carino

Voto:

da damiano de biase 13/07/2010 11.06

Re:Le anatre che non migrarono più

complimenti per il racconto!

Voto:

da Sabino 12/07/2010 18.19

Re:Le anatre che non migrarono più

è bello vedere come un semplice racconto possa far riflettere su come l'uomo sta sconvolgendo la natura.davvero incisivo!

Voto:

da Claudia Maralfa 09/07/2010 19.15

Re:Le anatre che non migrarono più

è un racconto abbastanza poetico e fantastico, specie se si rifletta sulla incrollabile passione dell'autore per questa antichissima attività umana della caccia: sorprende per l'insolita immedesimazione-ma...sino a che punto?- con le creature che restano immancabilmente sue potenziali prede...cui troncare la vita! Resta una lettura interessante forse proprio per l'intrinseca contraddizione, che accomuna tanti di noi umani.

Voto:

da Damiano Rana 17/06/2010 12.40

Re:Le anatre che non migrarono più

La chiarezza del racconto fa rivivere intensamente ciò che ormai da tempo abbiamo perduto. Questo non solo a livello ambientale ma anche di valori legati alla quotidianeità della vita. Complimenti

Voto:

da Nicola da Cremona 14/06/2010 16.49

Re:Le anatre che non migrarono più

La chiarezza del racconto fa rivivere intensamente ciò che ormai da tempo abbiamo perduto. Questo non solo a livello ambientale ma anche di valori legati alla quotidianeità della vita. Complimenti

Voto:

da Nicola Minafra da Cremona 14/06/2010 16.46

Re:Le anatre che non migrarono più

Bello e rivivere i tempi passati, avremo la fortuna di rivivere quei momenti ?.

Voto:

da Giuseppe da Palo Del Colle 04/06/2010 20.55

Re:Le anatre che non migrarono più

Molto bello e poetico è stato un emozione leggerlo.

Voto:

da Vito da Bitonto 04/06/2010 20.53

Re:Le anatre che non migrarono più

complimenti per il racconto, infonde un senso di leggerezza ma al tempo stesso ci fa pensare agli stravolgimenti verso la natura (in negativo ovviamente) di cui solo l'uomo è capace

Voto:

da Gianni 24/05/2010 15.08

Re:Le anatre che non migrarono più

molto carino :-)

Voto:

da mimmo mur 09/05/2010 11.36

Re:Le anatre che non migrarono più

Lo scrittore ha saputo affrontare con leggerezza e fantasia la condizione attuale.

Voto:

da Gianmaria 01/05/2010 20.43

Re:Le anatre che non migrarono più

Molto armonico. E' stato un piacere leggerlo!

Voto:

da Tiberia 01/05/2010 20.10

Re:Le anatre che non migrarono più

TRISTE VERITA'..................... (vedi padule di fucecchio)

Voto:

da alberto 30/04/2010 14.59

Re:Le anatre che non migrarono più

molto carino

Voto:

da giusy 29/04/2010 8.25