Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Di notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

L’ultimo colombo


venerdì 3 novembre 2017
    

L’anno scorso eri già malato. Rivedo il tuo sorriso forzato mentre dicevi: «Andate voi col cane, io non ho voglia di camminare. Preferisco stare in cima al colle, accanto alla quercia grande, per cercare di tirare a qualche colombo.»  

Gli anni precedenti ti prendevamo in giro quando cercavi di percorrere i viottoli più comodi e meno scoscesi con l’ennesima sigaretta accesa fra le labbra. Capivo, vedendo la voluttà dipinta nei tuoi occhi ogni volta che aspiravi, che non avresti mai smesso di fumare. Lo avevano notato anche gli altri. Nessuno ebbe il coraggio di farti la predica, di consigliarti ancora una volta di farla finita col fumo che ti occludeva i polmoni. Mentre scendevamo giù per la vallata alla ricerca di qualche fagiano, speravo di sentirti sparare.  Immaginai la tua faccia sofferta mentre aprivi il nuovo pacchetto di MS, dopo avere appoggiato il fucile alla grande quercia.

«Che pensi?» mi chiese Sergio, vedendomi pensieroso.


«Andiamo verso il fiume, vediamo di smuovere un po’ di colombi posticci» gli risposi.


Sergio capì che volevo farlo per te, caro Renzo,  per cercare di farti sparare almeno un colpo. Riuscimmo nell’intento. I colombi, spaventati dal cane, risalirono la collina e ti passarono a tiro. Sentimmo, nitide, le fucilate partite dalla tua doppietta. Sergio mi guardò soddisfatto. Quando, passato il fiume, gli altri iniziarono a scalare la collina che portava nella zona più lontana dalla fattoria, io tornai indietro e venni a tenerti compagnia. Mi sorridesti,  col sorriso angoscioso degli ultimi tempi, e mi mostrasti il colombo abbattuto. «Ho fatto un bel tiro, mi dicesti, questo fucile mi viene veramente bene» e guardasti la doppietta, fatta da un artigiano delle Sieci, con l’affetto che suscitano in noi le cose che più abbiamo amato e ci dispiace lasciare.   


Avevi riscosso da pochi giorni la liquidazione. Una cifra importante, una somma che ti avrebbe consentito di toglierti diverse soddisfazioni, ma non riuscivi a  gioire. Ricordo che mi dicesti: «Quest’estate, se ci sarò ancora, voglio ristrutturare la casa che ho ai Lidi Ferraresi e passarci diversi mesi con la mia donna.»


Mi raccontasti che ti piaceva andare a mangiare il pesce pescato e fritto in una di quelle costruzioni in muratura dotate di una grande rete a bilancia, sul canale che va al mare. Mi parlasti dell’ospitalità dei pescatori del luogo. Un giorno ti eri fermato per chiedere un’informazione proprio mentre stavano tirando su la grande rete e, notando il tuo interesse, ti avevano invitato a rimanere con loro a mangiare il pesce appena pescato. Avevi accettato l’invito e, dopo aver prelevato dal bagagliaio e posto sulla tavola apparecchiata un fiasco di vino del Chianti, ti eri unito alla compagnia. Avevate subito legato, regalandovi momenti di allegria. Sei sempre stato un tipo scherzoso, burlone. Il tuo caratteristico sarcasmo toscano aveva fatto breccia nel gioviale ed esuberante temperamento di quei simpatici abitanti della Romagna. Aspettavi, dunque, l’estate, con la speranza di rivivere altre giornate spensierate, ma sentivi, sapevi, che non ce l’avresti fatta, che la fermata era vicina. Eri già stato al cimitero della Rufina, ti eri informato per un posto. L’addetto del Comune ce lo disse il giorno del funerale. Ricordò che quando ti eri rivolto a lui, notando il suo stupore (gli sembravi troppo giovane per interessarti di certe cose), gli avevi detto: «Voglio sapere dove finirò, sa, ho un cancro.» In quel momento, ho rivisto il tuo strano sorriso mentre mi mostravi il colombo abbattuto e mi parlavi del mare e dei progetti per l’estate, e ho capito: era un sorriso senza luce, coperto da una greve lapide di marmo.

E’ passato un anno. Mi trovo nuovamente qui, vicino alla grande quercia. Gli altri sono più giù, dietro al cane che sta cacciando.  Un colombo ha risalito la vallata, sta  passando proprio dal tuo posto. «Sopra», mi viene spontaneo gridare, con gli occhi pieni di lacrime, immaginando che tu sia ancora lì, con la  doppietta che ti veniva così bene, e con, in bocca, l’immancabile sigaretta accesa.   



Piero Andrea Carraresi

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI
Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi”
A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze fidc.firenze@fidc.it    www.federcacciatoscana.it

 

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...