Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Di notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Aspettando l'autunno


giovedì 19 ottobre 2017
    

Settembre. La caccia si è aperta, anche se solo per poche specie. Ma per gran parte degli amanti dell'arte di Diana si attende la stagione delle foglie morte, quell'autunno che si prefigura nella mente fin dagli ultimi giorni d'agosto quando si consumano le residue speranze balneari e ti entra dentro la visione delle vacanze finite e del lavoro che incombe. Ma nello spirito del figlio di Diana (chiamiamolo così il cacciatore) si insinua sottilmente la gioia che si abbinerà al lavoro e alla fatica quotidiana e cioè il tempo da dedicare all'arte venatoria. Saranno una, due o tre giornate settimanali, a seconda delle condizioni di vita. Se si è liberi da impegni, si può andare a caccia tutti i giorni consentiti, diversamente bisogna aspettare il tempo libero che per molti coincide col sabato e la domenica.

Intanto le ansie e le attese si mutuano con immagini di piacere e di bellezza, facendo ricorso allo schematismo mnemonico che esiste in ciascuno di noi. E ritornano quindi in mente le belle giornate trascorse nel recente passato con albe serene o piovigginose, aurore di fascino ricche di brezze speranzose, tramonti e crepuscoli stanchi, con l'auspicio che domani sarà un altro giorno. Momenti di inquiete bellezze interiori che sanciscono l'inizio o la fine della giornata. Ma soprattutto si prevedono gli arrivi dei nostri ambiti migratori.

Scomparse le tortore e le quaglie, la mente rincorre speranzosa a quel succedersi di voli migranti che si verificheranno comunque, perché la migrazione è eterna, è nata con la creazione. E saranno stuoli nutriti di colombacci, oppure gruppi sparsi di tordi bottacci che già dalla prima decade del mese d'ottobre, tipicamente autunnale, si affacceranno nelle nostre terre, e noi staremo lì ad aspettarli con l'ansia e l'auspicio che qualche migratore si abbassi ai nostri richiami che adopereremo con tutte le nostre capacità possibili, nella speranza che vengano a tiro. Allora dobbiamo essere pazienti e attendisti, preparati nel fischio, senza compromettere la nostra coscienza con quanto è assolutamente vietato e ci pone a livello dei bracconieri. Ci saranno in giro chioccolatori bravi o meno bravi, ma quando i migratori arrivano ce n'è per tutti, anche per gli stonati. E a fine ottobre, primi di novembre, siamo già nel pieno autunno. Attenderemo i colombacci alle poste, oppure staremo lì, in attesa, forse dietro un grosso ceppo, e certamente saremo bravi ad abbatterne qualcuno, non dimenticando che il colombaccio è un selvatico coriaceo ed esige piombo adeguato ed abilità nel tiro. E dopo i colombi si presenterà qualche tordo, e sarà il primo di stagione che inquieterà il cacciatore desideroso di raccogliere la primizia. Ma è giornata di passo e tanti ne arriveranno fino a sera. E sarà una giornata di festa nel rispetto delle regole del gioco. Il tordo è un selvatico signore che si concede al gioco venatico e la sua cattura ci fa pregustare le saporite carni. Cacciamolo quindi con dignità e rispetto.

Ma non dimentichiamo le allodole. Sono già presenti fra le stoppie dei grani con quei voli che esprimono l'essenza della libertà alare. Ed ecco già l'impenitente allodolaro con lo specchietto o la giostra, ad insidiarle. E' caccia quella delle allodole che, anche nella sua apparente semplicità, offre al cacciatore delle soddisfazioni indicibili, e non solo nei tiri che poi non sono tanto facili come si possa credere. E quando si è stanchi di aspettarle, c'è chi mette alla prova le abilità balistiche e si cimenta con la caccia alla borrita, difficile e ricca di sorprese perché le allodole, invisibili fra le stoppie, si levano quando meno te lo aspetti e le padelle sono frequenti, poiché i tiri di stoccata mettono alla prova i nostri riflessi anche per cacce più impegnative come quelle alla beccaccia, altro migratore tardo-autunnale che ha bisogno di fine preparazione per cane e cacciatore.

Arrivano poi i beccaccini là dove è rimasta qualche landa di terra acquitrinosa e dove il sedicente progresso tecnologico non ha sparso inopinatamente inquinamento e squallore. Ed anche la caccia ai beccaccini ha bisogno di intuito ed intelligenza con tiri attenti e non avventati dal momento che i beccaccini di oggi difficilmente ritornano sulle pasture come una volta, quando con grandi e ripetuti giri a mezzaluna, si ripresentavano là dove erano stati stanati e messi in fuga. Caccia pienamente autunnale quella al beccaccino o al frullino, per cani superlativi e bravi stoccatori.

E non dimentichiamo gli arrivi di anatre come alzavole, codoni,fischioni, germani ecc. Sono cacce di fascino che richiedono un'accurata preparazione di sito e appostamento. Chi è esperto di tali cacce, sa ordinare gli stampi e posizionarli secondo le condizioni di tempo e di vento, perché possano svolgere alla perfezione la funzione di richiamo. Quelli a soffio o a bocca vanno usati con molta maestria, altrimenti sortiscono l'effetto contrario a quello desiderato. Nel corso dell'autunno e specialmente a novembre si fanno vivi anche trampolieri come chiurli, pivieri dorati e tortolini, pettegole, pantane, aironi cinerini e così via. Ma sono specie ormai da noi abolite dall'elenco delle cacciabili, anche se in Europa le cose stanno un po' diversamente. E chi nello scorrere del tempo ha praticato tali cacce, ora vive di ricordi, adattandosi alla realtà dell'oggi. La memoria e i ricordi comunque fanno sempre parte della formazione e della vita del cacciatore, della sua cultura, della sua personalità e di quanto gli è utile anche per la pratica di altre cacce, il tutto nel contesto della conoscenza e del rispetto della natura. Un filo d'erba verde fra un ciuffo di allodole e qualche foglia ingiallita fra una decina di tordi abbattuti, ci rigenera nella speranza.

Così, sempre più convinti che l'autunno è la più bella stagione della nostra vita e della nostra caccia.


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Aspettando l'autunno

In bocca al lupo a tutti! Perchè la caccia esisterà sempre, perchè abolire la caccia significa abolire l'uomo con la sua ineliminabile proiezione verso la natura.Per capire il mistero delle sue creature,possederle, usufruirne con intelligenza, pensando alle generazioni future.

Voto:

da Amante della Natura. 20/10/2017 7.27