Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

A Folaghe sul lago


mercoledì 20 agosto 2008
    

Era la settimana di Natale di diversi anni fa. Ugo, scultore di stame per il cimitero e vecchio compagno di caccia, mi propose di andare sul lago, a folaghe, con il barchino di Mariano.
Quella mattina, nell’aria gelida e cristallina, la superficie nera del lago appariva silenziosa e immota: solo leggere increspature lambivano appena i giunchi inghirlandati di ghiaccio. Il cielo era un manto oscuro su cui sembrava avessero sparato salve di schioppettate dai cui buchi trasparivano miriadi di stelle lucenti.
Mariano ci aspettava alla capanna di pesca, nell’ansa al di là di uno sperone roccioso che si spingeva nell’acqua come un unghione preistorico. Il fuoco era già acceso e ci scaldammo prendendo il caffè bollente aromatizzato con la grappa fatta in casa. Fuori era ancora notte: parlammo di animali d’acqua, di passo, di vecchi compagni di caccia, di “padelle” famose. Uscimmo nel buio col fiato fumoso misto a quello delle sigarette. All’orizzonte dalla parte di levante, appena sopra la cresta dei monti, si cominciava ad intravvedere un lieve barlume di luce. Sguazzammo fino al barchino, che era coperto, ad arco, con fasci di canne palustri per mimetizzarlo. L’eco del lago portava fino a noi il cicaleccio del branco delle folaghe al largo, invisibili, nere sul nero.
Prendemmo posto a tentoni: Ugo si mise i fucili di traverso sulle ginocchia, a poppa, e Mariano mi indicò di portarmi a prua. Accese un fiammifero riparando la fiamma con la mano, e tirò via una incerata. Vidi allora una vecchia spingarda col supporto fissato a un sostegno sull’impiantito e con l’affusto sporgente per la quasi totalità oltre la prua.
Sempre in silenzio, apri una cassetta di lamiera che stava li vicino e ne tirò fuori una grossa cartuccia di cartone che infilò nella culatta, forzandola con un mazzuolo di legno per farcela entrare, dato che l’umidità l’aveva gonfiata deformandola. Chiuse la culatta e sottovoce mi spiegò che quel tipo di cartuccia non si trovava più in commercio, per cui lui se le ricaricava da sé con polvere nera. Mi raccomandò che dovevo mirare per prendere il branco d’infilata e tirare il grilletto solo quando me lo avesse ordinato. Sapeva lui quando era il momento giusto per la distanza. Piano piano cominciava a far chiaro, le rive tornavano ai loro contorni ed il lago prendeva un po’ di colore. Mariano sedette a poppa, manovrando lento il remo come fosse un lungo timone e il barchino, sfiorando le cannucce tutt’intorno, scivolò al largo puntando verso la massa nera delle folaghe. Il chiacchierio si faceva man mano più distinto; ora di lontano si vedevano le folaghe muoversi, rincorrersi, quasi tumultuando.
Il barchino sembrava un grosso ammasso di canne galleggianti ed avanzava lento, senza increspature sospette.
Io stavo inginocchiato dietro la spingarda, cercando di sfiorare la linea di mira; avevo i calzoni fradici di acqua gelida penetrata oltre il bordo degli stivali.
Dagli spazi tra le canne avanti a me vedevo le folaghe farsi sempre più vicine. Dalla riva lontana arrivavano ora i primi rumori della vita paesana, che quasi infastidivano quale turbativa di quella quiete irreale. Adesso erano veramente vicine, ed io avevo paura che si allarmassero allontanandosi. Ma Mariano era pratico di quel tipo di caccia, come vecchio uomo di lago.
Tra le fessure delle canne, le distanze mi apparivano alterate, così come quando si sta al capanno ai tordi davanti ad un’antica quercia spoglia.
Ormai era questione di secondi: vedevo il branco proprio vicino e mirai più accuratamente per prenderlo d’ infilata.
“Adesso!”. Tirai il grilletto. Ci fu uno scoppio strano, squadrato: la spingarda sputò dalla culatta, apertasi, una vampata di fumo nero e denso, e davanti al barchino, a un paio di metri, si levò una colonna d’acqua dove s’era infilata la botta.
Per un soffio, la culatta sollevandosi non mi aveva colpito sotto il mento portandomi via la faccia. Il lago tumultuava per il branco delle folaghe che battevano l’acqua per levarsi in volo: il cielo si fece nero per la gran moltitudine di animali.
Ugo e Mariano non fecero neppure l’atto di alzare i fucili; io mi ero voltato e loro mi guardavano in faccia, spaventati e stupiti. Poi, di colpo scoppiarono a ridere. Non capivo: allora Ugo, sempre ridendo, mi passò un dito sulla faccia e me lo mostrò nero di fuliggine. Dovevo sembrare uno spazzacamino!
La tensione pian piano si allentò e accendemmo le sigarette. Adesso il lago era uno scrigno di luce. Ugo ricominciò a ridere: ”Siamo venuti a caccia o a pesca?” e fece cenno a Mariano di accostare: due grosse tinche, affiorate, si dimenavano lievemente con la spina centrale rotta sott’acqua, dallo spostamento per il colpo della spingarda.
Nel capanno poi Mariano preparò con le tinche una saporita e piccante zuppa di pesce, da quelle parti chiamata “sbroscia”; noi avevano portato vino e salsicce. Non mi permisero assolutamente di lavarmi la faccia. E la spingarda, la cui cartuccia per l’umidità aveva fatto “mina” e l’aveva spaccata, si trova ancora nel mio giardino, per la gioia dei bambini che ogni tanto vengono a trovarmi.

Sergio Maria Grossi

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

5 commenti finora...



Voto:

da anonimo 06/09/2008 18.04



Voto:

da anonimo 31/08/2008 14.55



Voto:

da anonimo 31/08/2008 14.55



Voto:

da anonimo 27/08/2008 10.52



Voto:

da anonimo 20/08/2008 17.56