HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

A Folaghe sul lago


mercoledì 20 agosto 2008
    

Era la settimana di Natale di diversi anni fa. Ugo, scultore di stame per il cimitero e vecchio compagno di caccia, mi propose di andare sul lago, a folaghe, con il barchino di Mariano.
Quella mattina, nell’aria gelida e cristallina, la superficie nera del lago appariva silenziosa e immota: solo leggere increspature lambivano appena i giunchi inghirlandati di ghiaccio. Il cielo era un manto oscuro su cui sembrava avessero sparato salve di schioppettate dai cui buchi trasparivano miriadi di stelle lucenti.
Mariano ci aspettava alla capanna di pesca, nell’ansa al di là di uno sperone roccioso che si spingeva nell’acqua come un unghione preistorico. Il fuoco era già acceso e ci scaldammo prendendo il caffè bollente aromatizzato con la grappa fatta in casa. Fuori era ancora notte: parlammo di animali d’acqua, di passo, di vecchi compagni di caccia, di “padelle” famose. Uscimmo nel buio col fiato fumoso misto a quello delle sigarette. All’orizzonte dalla parte di levante, appena sopra la cresta dei monti, si cominciava ad intravvedere un lieve barlume di luce. Sguazzammo fino al barchino, che era coperto, ad arco, con fasci di canne palustri per mimetizzarlo. L’eco del lago portava fino a noi il cicaleccio del branco delle folaghe al largo, invisibili, nere sul nero.
Prendemmo posto a tentoni: Ugo si mise i fucili di traverso sulle ginocchia, a poppa, e Mariano mi indicò di portarmi a prua. Accese un fiammifero riparando la fiamma con la mano, e tirò via una incerata. Vidi allora una vecchia spingarda col supporto fissato a un sostegno sull’impiantito e con l’affusto sporgente per la quasi totalità oltre la prua.
Sempre in silenzio, apri una cassetta di lamiera che stava li vicino e ne tirò fuori una grossa cartuccia di cartone che infilò nella culatta, forzandola con un mazzuolo di legno per farcela entrare, dato che l’umidità l’aveva gonfiata deformandola. Chiuse la culatta e sottovoce mi spiegò che quel tipo di cartuccia non si trovava più in commercio, per cui lui se le ricaricava da sé con polvere nera. Mi raccomandò che dovevo mirare per prendere il branco d’infilata e tirare il grilletto solo quando me lo avesse ordinato. Sapeva lui quando era il momento giusto per la distanza. Piano piano cominciava a far chiaro, le rive tornavano ai loro contorni ed il lago prendeva un po’ di colore. Mariano sedette a poppa, manovrando lento il remo come fosse un lungo timone e il barchino, sfiorando le cannucce tutt’intorno, scivolò al largo puntando verso la massa nera delle folaghe. Il chiacchierio si faceva man mano più distinto; ora di lontano si vedevano le folaghe muoversi, rincorrersi, quasi tumultuando.
Il barchino sembrava un grosso ammasso di canne galleggianti ed avanzava lento, senza increspature sospette.
Io stavo inginocchiato dietro la spingarda, cercando di sfiorare la linea di mira; avevo i calzoni fradici di acqua gelida penetrata oltre il bordo degli stivali.
Dagli spazi tra le canne avanti a me vedevo le folaghe farsi sempre più vicine. Dalla riva lontana arrivavano ora i primi rumori della vita paesana, che quasi infastidivano quale turbativa di quella quiete irreale. Adesso erano veramente vicine, ed io avevo paura che si allarmassero allontanandosi. Ma Mariano era pratico di quel tipo di caccia, come vecchio uomo di lago.
Tra le fessure delle canne, le distanze mi apparivano alterate, così come quando si sta al capanno ai tordi davanti ad un’antica quercia spoglia.
Ormai era questione di secondi: vedevo il branco proprio vicino e mirai più accuratamente per prenderlo d’ infilata.
“Adesso!”. Tirai il grilletto. Ci fu uno scoppio strano, squadrato: la spingarda sputò dalla culatta, apertasi, una vampata di fumo nero e denso, e davanti al barchino, a un paio di metri, si levò una colonna d’acqua dove s’era infilata la botta.
Per un soffio, la culatta sollevandosi non mi aveva colpito sotto il mento portandomi via la faccia. Il lago tumultuava per il branco delle folaghe che battevano l’acqua per levarsi in volo: il cielo si fece nero per la gran moltitudine di animali.
Ugo e Mariano non fecero neppure l’atto di alzare i fucili; io mi ero voltato e loro mi guardavano in faccia, spaventati e stupiti. Poi, di colpo scoppiarono a ridere. Non capivo: allora Ugo, sempre ridendo, mi passò un dito sulla faccia e me lo mostrò nero di fuliggine. Dovevo sembrare uno spazzacamino!
La tensione pian piano si allentò e accendemmo le sigarette. Adesso il lago era uno scrigno di luce. Ugo ricominciò a ridere: ”Siamo venuti a caccia o a pesca?” e fece cenno a Mariano di accostare: due grosse tinche, affiorate, si dimenavano lievemente con la spina centrale rotta sott’acqua, dallo spostamento per il colpo della spingarda.
Nel capanno poi Mariano preparò con le tinche una saporita e piccante zuppa di pesce, da quelle parti chiamata “sbroscia”; noi avevano portato vino e salsicce. Non mi permisero assolutamente di lavarmi la faccia. E la spingarda, la cui cartuccia per l’umidità aveva fatto “mina” e l’aveva spaccata, si trova ancora nel mio giardino, per la gioia dei bambini che ogni tanto vengono a trovarmi.

Sergio Maria Grossi

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

5 commenti finora...



Voto:

da anonimo 06/09/2008 18.04



Voto:

da anonimo 31/08/2008 14.55



Voto:

da anonimo 31/08/2008 14.55



Voto:

da anonimo 27/08/2008 10.52



Voto:

da anonimo 20/08/2008 17.56