Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUlivi Con le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Squadrina


mercoledì 23 luglio 2008
    

Quel giorno Ugo mi chiese di fargli compagnia alla cacciata al cinghiale nella riserva di Querceto. Di primo mattino faceva un freddo cane, tanto che una consistente coltre di brina aveva avvolto ogni cosa a perdita d’occhio. Pensavo: “Se almeno mi venisse un bel verro, poco male, il freddo si sopporterebbe anche volentieri, ma il peggio è che così ti seccano i piedi e magari del cinghiale, nemmeno il puzzo”! La zona di caccia si presentava come una vasta vallata circondata da imponenti colline dai fianchi impervi coperti da macchia alta a perdita d’occhio, spesso fitta ed impenetrabile. Questa piccola e allegra combriccola è ormai battezzata come “Squadrina di Querceto”, un tempo riservata a personalità altolocate o comunque legate alla nobiltà del Conte. Squadrina anche perchè quando le altre comitive, a chiusura di caccia, hanno sbuzzato un centinaio di cinghiali, se qui se ne sono racimolati una trentina, è tutto grasso che cola! Se poi ad una cacciata partecipano oltre venti di fucili, allora ci sentiamo una Squadra vera per davvero. Si capisce bene che con questi numeri riuscire a far bistecche in qualche cingnalaccio è difficile come pedala’ in discesa al buio. Le poste vengono assegnate dal Guardia Rolando, un vigoroso sessantenne, simpatico ed autentico esperto della braccata. A mezzogiorno, massimo alla mezzora successiva, è sempre lui che suona la corna, ereditata dal su’ povero babbo, anch’esso guardiacaccia e gran cacciatore di cinghiali. Mi raccontava che lui: “era per davvero un gran cacciatore di cignali, di quelli veri d’una volta, non quei maiali d’oggi che son boni altro a sbranarti i meglio cani, per Dio!”. Tutti siamo protetti anche da una sorta di benedizione, grazie all’assidua presenza del parroco locale: il prete Don Luciano. Una simpatica figura che in ogni momento è sempre pronto a declamare aneddoti spassosi sui vecchi cacciatori del borgo che ormai hanno appeso lo schioppo al chiodo. Appena scesi trovammo li alcuni vecchietti (Sant’omini!) che avevano allestito un bel fuoco. Fu Rolando a spronare i più restii, abbindolati tra il tepore delle fiamme, a scendere giù nel bosco. Ricordo il Toro (all’anagrafe Ivanetto), uno dei canai, che una volta, fiero, mi rivelò: “Lo vedi quello là”, indicando un cane agile e snello, a pelo raso dallo sguardo intelligente “è il meglio fico del paniere!” Rammento anche il Professore che prendendomi sott o- braccio mi confidò: “Te devi guardà sempre com‘è vestito il canaio, diffida da quello tutto bellino pulito e stirato. Il canaio bravo dev’esse sudicio e tutto strappato, perché la macchia, lui, la deve man già dietro i cignali!” In totale eravamo solo diciassette fucili. Fui lasciato di posta subito dopo Giorgio (per gli amici, Pinzagrilli), in mezzo a quel bosco alto le cui chiome, ormai già svuotate delle loro foglie, apparivano dal basso come una fitta ragnatela. Dopo una ventina di minuti percepii in lontananza i primi cani che abbaiavano. Infilai nel mio sovrapposto calibro 28 due palle Brenneke caricate tempo addietro con l’amico Sergio. Rimuginavo: “Chissà se queste suppostette riusciranno ad atterrare quelle bestiacce nere!” Di lì a poco sentii che i cani scendevano numerosi in canizza. Pochi attimi dopo colsi lo stronchio di ramaglie sopra di me. Poi il silenzio piombò improvviso tutt’intorno per una decina di secondi. Una rimbombante schioppettata di Pinzagrilli mi fece addirittura sobbalzare. Non ebbi alcun tempo di riprendermi: con un gran sfraschio mi si parò di fronte la sagoma nera e sbruffante di un grosso cinghiale, ad una decina di metri. Già imbracciato e con il cuore che mi pulsava in gola all’impazzata tanto da credere di doverlo sputare da un momento all’altro, inquadrai l’animale nella tacca di mira e schiacciai il grilletto. Ebbi la sensazione che quello sparo quasi vellutato non avesse potuto far granché a quel colosso peloso. L’animale si bloccò all’improvviso, come per comprendere se si fosse trattato di uno sparo vero e proprio, oppure dello scoppietto di una innocua scacciacani. Dopo pochi attimi il grifio del selvatico iniziò a piegarsi verso il basso, sino ad incunearsi tra le zampe anteriori. Quindi iniziò a rotolare giù, in basso, verso di me, fin quando due ceni bloccarono il ruzzolio di quel corpo inerme. Alcuni spasmi animarono ancora per qualche attimo quella massa scura, mentre dalla bocca semiaperta usciva un liquido spumeggiante di sangue e bava. Gli occhi roteavano nel vano tentativo di vedere per mano di chi era stato inferto quel colpo troppo doloroso da sopportare. Un breve lamento parve assicurarmi che ormai accettava la resa definitiva. Di lì a poco una sturba di cani di tutti i colori e di ogni genere e forma presero a mordere ovunque il corpo immobile del povero cinghiale, abbracciato alle due piante quasi a cercarvi un inutile riparo. Tremante e sudato mezzo per l’emozione ammirai incredulo quell’esile fucilino a due canne sovrapposte 28 . Mi pareva ancora impossibile aver fermato il re dei boschi con quel fuscelletto. Un calibro che per i più è considerato uno schioppino da capanno. Un episodio che ricorderò per sempre.

Enrico Del Testa

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...



Voto:

da anonimo 06/09/2008 18.04



Voto:

da anonimo 19/08/2008 22.58



Voto:

da anonimo 09/08/2008 9.16