HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

17 settembre 2006: l' apertura


venerdì 16 settembre 2016
    
La notte non dormo mi giro e rigiro nel letto, forse sono nervoso, ricordo le tante aperture ogni anno a partire da quei tempi  indietro che non ricordo più. La macchina è già pronta. Una mitsubishi Pajero. Ho già messo sopra le cartucce ma il fucile no non si può è pericoloso lasciarlo fuori. Ma quale dovrò portare?
 
Ho un 12 semi automatico Benelli che è poi quello definitivo che adopererò tutto l’anno. Un 20 anch’esso semi automatico Benelli che porto all’inizio quando gli uccelli sono giovani e poco impiumati; ma allora che cartucce ho preso? Mi sono forse sbagliato? Nel sacchetto  sono del 12 mentre del 20 dovrei avere una cartucciera piena, di cuoio marrone da quando l’anno scorso ho riposto il fucile. Intravedo nel dormiveglia  il volto dell’amico di sempre del compagno di caccia che se ne è andato prematuramente e insieme al quale ho condiviso la maggior parte delle aperture passate, anche  i cani ...non sono più quelli. Allora ero sicuro un bracco tedesco kurshaar acquistato a Mantova dal canile dei fratelli Mazzacani, si chiamava “Astro”era perfetto, gran fisico CAC di bellezza alle mostre e un   grande naso : l’avevo fatto su quaglie, beccacce e cuturnici, infine qualche fagiano, poi scomparve per un incidente di caccia. Ciro I e Ciro II anch’essi bracchi tedeschi Kurshaar ma di diversa genealogia, infine, adesso, Setters  dal valore incerto, ambedue fatti solo su fagiani, ma uno che mi hanno regalato è sordo, “ Febo”, e l’altro “Fred” figlio di Nero del Dianella, nato con grandissimo naso l’aveva successivamente perduto per essere stato malato di leihsmaniosi, miracolosamente e totalmente guarito con una cura fortissima che però ha leso  i delicati sensori della canna nasale. Ferma ancora bene ma in corsa investe clamorosamente.

Penso, “chissà se la sveglia alle 5 suonerà”, sarà meglio stare sveglio fino a quell’ora, tanto non sono stanco” apro la finestra: piove, qualche lampo scopre nuvole bianche o nere, accavallate l’una sull’altra;  seguita a piovere quando vado a prendere i cani e li faccio salire in  macchina nella gabbia a due scompartimenti, è un anno quasi che non escono e sono eccitatissimi nonostante la pioggia;  comincio a bagnarmi anche se mi sono infilato un cappello di tela cerata in testa, siedo in macchina e parto. Per la strada  una specie di diluvio: le ruote entrano in pozze d’acqua che mandano uno scroscio fortissimo sul vetro, quasi non vedo la strada, cerco di orientarmi con  i fanali posteriori delle poche macchine che mi precedono, sono in ansia: “ succederà qualcosa”  penso “sarà meglio tornare indietro!”  Nonostante le difficoltà alla  fine arrivo al bar dove ho appuntamento con due amici: uno è il figlio dell’amico cacciatore scomparso, l’altro un compagno di caccia di questi ultimi anni, tanti.

Anch’essi sono arrivati superando a stento l’acquazzone ed il temporale, appoggiati al bancone del bar sembrano due naufraghi superstiti da un affondamento di una nave.

Intanto il cielo stà diventando chiaro per un alba livida e piovosa. In quel bar sono riuniti molti cacciatori con i cappellacci in testa e avvolti in impermeabili di gomma,  imprecano contro il tempo maligno e dispettoso;  infatti il giorno prima era bellissimo e caldo, un prolungamento di un’ estate  che sembrava non dover finire mai. Tutti fanno colazione: cappuccini e brioches, molti  attendono a farla, aspettando altri amici, tanto non c’è fretta,  non occorre più essere nei campi a sparare al primo fagiano dell’alba.  Parlano e gesticolano a voce alta:  di caccia, del tempo e a volte di politica anche se in quel contesto non c’entra per niente. Anch’io con gli amici ci raccontiamo alcuni episodi trascorsi, poi ricordo di aver visto alcuni fagiani al pascolo in un prato lungo la strada, grigio di girasoli tagliati giorni indietro, proprio dove avevamo deciso di fare l’apertura. Ora la pioggia è un poco diminuita e decidiamo di andare a dare un’occhiata sul posto. Un gruppo di cacciatori pensando di fare meglio si sono seduti intorno ad un tavolino ordinando un fiasco di vino e si sono messi a berne un goccetto per tirarsi su e mangiare   voluminosi panini con prosciutto e formaggio, ridendo e scherzando ad alta voce.

Arriviamo sul posto stabilito, uno degli amici decide di andare, si veste da palombaro  coprendosi fino agli occhi con un mantello di gomma, scende davanti ad un boschetto che parte dal bordo del torrente  La Sterza. Con l’acqua i campi di girasole tagliato appaiono sempre più grigi; piove ancora io e l’altro amico non ce la sentiamo, si resta in macchina e si torna al bar tanto alla televisione c’è una corsa in moto per il titolo mondiale con Valentino Rossi.

Giro l’auto più avanti dove la strada si allarga : ci sono ferme altre macchine con accanto  capannelli di cacciatori in attesa in piedi sotto la pioggia, riparati da grandi ombrelli verdi o marroni e uno, forse della moglie, rosso, che risalta tra il verde vivo, umido, dei prati e delle foglie degli alberi che gocciolano piccoli rivoli d’acqua chiara. La caccia verrà dopo, abbiamo ancora cinque mesi, una vita, per camminare e cercare le prede nei prati, nei boschi, all’aspetto, nei sogni.
 
 
Alfredo Lucifero
Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...