HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

17 settembre 2006: l' apertura


venerdì 16 settembre 2016
    
La notte non dormo mi giro e rigiro nel letto, forse sono nervoso, ricordo le tante aperture ogni anno a partire da quei tempi  indietro che non ricordo più. La macchina è già pronta. Una mitsubishi Pajero. Ho già messo sopra le cartucce ma il fucile no non si può è pericoloso lasciarlo fuori. Ma quale dovrò portare?
 
Ho un 12 semi automatico Benelli che è poi quello definitivo che adopererò tutto l’anno. Un 20 anch’esso semi automatico Benelli che porto all’inizio quando gli uccelli sono giovani e poco impiumati; ma allora che cartucce ho preso? Mi sono forse sbagliato? Nel sacchetto  sono del 12 mentre del 20 dovrei avere una cartucciera piena, di cuoio marrone da quando l’anno scorso ho riposto il fucile. Intravedo nel dormiveglia  il volto dell’amico di sempre del compagno di caccia che se ne è andato prematuramente e insieme al quale ho condiviso la maggior parte delle aperture passate, anche  i cani ...non sono più quelli. Allora ero sicuro un bracco tedesco kurshaar acquistato a Mantova dal canile dei fratelli Mazzacani, si chiamava “Astro”era perfetto, gran fisico CAC di bellezza alle mostre e un   grande naso : l’avevo fatto su quaglie, beccacce e cuturnici, infine qualche fagiano, poi scomparve per un incidente di caccia. Ciro I e Ciro II anch’essi bracchi tedeschi Kurshaar ma di diversa genealogia, infine, adesso, Setters  dal valore incerto, ambedue fatti solo su fagiani, ma uno che mi hanno regalato è sordo, “ Febo”, e l’altro “Fred” figlio di Nero del Dianella, nato con grandissimo naso l’aveva successivamente perduto per essere stato malato di leihsmaniosi, miracolosamente e totalmente guarito con una cura fortissima che però ha leso  i delicati sensori della canna nasale. Ferma ancora bene ma in corsa investe clamorosamente.

Penso, “chissà se la sveglia alle 5 suonerà”, sarà meglio stare sveglio fino a quell’ora, tanto non sono stanco” apro la finestra: piove, qualche lampo scopre nuvole bianche o nere, accavallate l’una sull’altra;  seguita a piovere quando vado a prendere i cani e li faccio salire in  macchina nella gabbia a due scompartimenti, è un anno quasi che non escono e sono eccitatissimi nonostante la pioggia;  comincio a bagnarmi anche se mi sono infilato un cappello di tela cerata in testa, siedo in macchina e parto. Per la strada  una specie di diluvio: le ruote entrano in pozze d’acqua che mandano uno scroscio fortissimo sul vetro, quasi non vedo la strada, cerco di orientarmi con  i fanali posteriori delle poche macchine che mi precedono, sono in ansia: “ succederà qualcosa”  penso “sarà meglio tornare indietro!”  Nonostante le difficoltà alla  fine arrivo al bar dove ho appuntamento con due amici: uno è il figlio dell’amico cacciatore scomparso, l’altro un compagno di caccia di questi ultimi anni, tanti.

Anch’essi sono arrivati superando a stento l’acquazzone ed il temporale, appoggiati al bancone del bar sembrano due naufraghi superstiti da un affondamento di una nave.

Intanto il cielo stà diventando chiaro per un alba livida e piovosa. In quel bar sono riuniti molti cacciatori con i cappellacci in testa e avvolti in impermeabili di gomma,  imprecano contro il tempo maligno e dispettoso;  infatti il giorno prima era bellissimo e caldo, un prolungamento di un’ estate  che sembrava non dover finire mai. Tutti fanno colazione: cappuccini e brioches, molti  attendono a farla, aspettando altri amici, tanto non c’è fretta,  non occorre più essere nei campi a sparare al primo fagiano dell’alba.  Parlano e gesticolano a voce alta:  di caccia, del tempo e a volte di politica anche se in quel contesto non c’entra per niente. Anch’io con gli amici ci raccontiamo alcuni episodi trascorsi, poi ricordo di aver visto alcuni fagiani al pascolo in un prato lungo la strada, grigio di girasoli tagliati giorni indietro, proprio dove avevamo deciso di fare l’apertura. Ora la pioggia è un poco diminuita e decidiamo di andare a dare un’occhiata sul posto. Un gruppo di cacciatori pensando di fare meglio si sono seduti intorno ad un tavolino ordinando un fiasco di vino e si sono messi a berne un goccetto per tirarsi su e mangiare   voluminosi panini con prosciutto e formaggio, ridendo e scherzando ad alta voce.

Arriviamo sul posto stabilito, uno degli amici decide di andare, si veste da palombaro  coprendosi fino agli occhi con un mantello di gomma, scende davanti ad un boschetto che parte dal bordo del torrente  La Sterza. Con l’acqua i campi di girasole tagliato appaiono sempre più grigi; piove ancora io e l’altro amico non ce la sentiamo, si resta in macchina e si torna al bar tanto alla televisione c’è una corsa in moto per il titolo mondiale con Valentino Rossi.

Giro l’auto più avanti dove la strada si allarga : ci sono ferme altre macchine con accanto  capannelli di cacciatori in attesa in piedi sotto la pioggia, riparati da grandi ombrelli verdi o marroni e uno, forse della moglie, rosso, che risalta tra il verde vivo, umido, dei prati e delle foglie degli alberi che gocciolano piccoli rivoli d’acqua chiara. La caccia verrà dopo, abbiamo ancora cinque mesi, una vita, per camminare e cercare le prede nei prati, nei boschi, all’aspetto, nei sogni.
 
 
Alfredo Lucifero
Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...