HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Passeggiata a caccia chiusa


mercoledì 30 marzo 2016
    
La caccia è finita e non ancora ricominciata. La campagna respira con le nuove erbe della primavera, le foglie degli alberi, come per miracolo uscite tra i rami spogli. Verdi tenere, anche dai tronchi vecchi, rugosi per il tempo e per le mille tempeste dell’inverno. Chissà da dove un grido di fagiano, richiama le compagne, piccole, compatte dai colori delle zolle, appena aperte al solco dell’aratro. Laggiù nel bosco nelle macchie folte ci sono i cinghiali in attesa dell’oscurità per uscire, lavorare i campi per cercare gustose radici o vermi succolenti. Sfrecciano nel cielo i gruccioni dai colori dell’arcobaleno emettendo gridi sommessi di richiamo, gli uni con gli altri. Volano che sembrano rondini curiose, si posano sui fili della luce che tagliano i cieli tra i campi più evidenti che nelle città dove si mimetizzano tra i muri delle case. Giù vicino al fiume qualche usignolo lancia il suo canto melodioso, si è cercato di farlo imitare dai canarini permanentemente chiusi nelle gabbie per la felicità dei cacciatori che in questo tempo non possono esercitare la loro passione anch’essa in cova come i mille abitanti delle campagne che esercitano la loro forza riproduttiva. Quante gole aperte in attesa del cibo e dei genitori che lo trasportano con l’istinto dell’amore.

Anche i cacciatori seguitano a frequentare, i campi i boschi in ricerca di quell’amore, della passione che anch’essi covano nel cuore. Il grido del fagiano è un’emozione e cercano di individuarne i colori bellissimi nascosti tra le erbe e i grani e i boschi; nel periodo di caccia si spogliano delle foglie con i  primi venti dell’autunno e riescono ad individuarli con le ultime folate calde dell’estate e allora la passione ritorna veemente nei cuori sempre in attesa del nuovo inizio della caccia.

I cacciatori veri tornano nelle campagne anche per ripercorrere i territori che abitualmente frequentano per ricordare le scene di caccia passate; ecco da quel ciglio è partita la beccaccia di cui  il cane aveva sentito il profumo con una ferma improvvisa e sicura, offrendo il modo di spararle e ucciderla anche se molto veloce passando tra i rovi spogli dell’autunno e che come per miracolo è rimasta appesa ad una forcella di un albero e sotto il cane la sentiva ma non riusciva a trovarla.
Da quella macchia di spine ora più folta e illuminata di fiori di biancospino è uscito un cinghiale spinto dai latrati della muta dei cani di varie razze marroni e rossi che si era subito avvicinata mordendolo e strappando ciuffi di pelo brinato essendo stato ucciso dal tiro preciso di una posta,  dallo stesso cespuglio è uscito un merlo così nero sul bianco del biancospino e dal volo basso e agile tra le foglie fresche.

Ora i terreni oltre il colore della primavera e dell’estate sono resi più vivi dalle tortore che svolazzano bianche e grigie con le code aperte a ventaglio; da terra parte anche qualche raro colombaccio che ha deciso di non migrare costruendo qui il suo nido rozzo e informe che sembra cadere da un momento all’altro. Qualche imprevedibile quaglia canta nel grano da poco spuntato con un suo richiamo preciso “qui qui” cui risponde da lontano il miagolio del  maschio “mau mau”. Non sappiamo se sono venute dall’Africa con il loro lungo volo diritto e rasente sulle onde del mare oppure provengono da un quagliodromo vicino. Ognuno da quei terreni pensa: “la vita è solo questa: passeggiare ogni primavera estate in assenza della caccia, ricordare, forse sognare”.


Alfredo Lucifero
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Passeggiata a caccia chiusa

Come nel racconto la caccia è passione che si prolunga anche quando la legge non prevede l'esercizio venatorio. Il vero cacciatore non dimentica la natura e la vive soprattutto a primavera, la stagione che genera ogni forma di vita.Bravo.

Voto:

da Domenico 31/03/2016 7.05