Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitario La vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

IL POSSESSO DELLA PREDA


martedì 28 febbraio 2017
    

C'è una ragione per la quale l'uomo sin dagli albori della sua esistenza ha avuto nei confronti della natura un atteggiamento di ricerca e di possesso che lo ha costretto ad inventarsi dei mezzi per possedere ciò che osservava. Mezzi fra i quali armi rudimentali che si sono evolute fino ai più sofisticati fucili da caccia.

Così si è scoperto cacciatore non tanto per vivere, quanto per sopravvivere. Senza mezzi di caccia e di difesa probabilmente i primi umani sarebbero scomparsi. Oggi sembra ridicolo parlare di possesso della preda per la sopravvivenza, ma resta legittimo parlare del piacere della preda che è componente fondamentale dell'essere umano. Tale piacere a livello istintivo esiste in quasi tutte le attività. L'agricoltore porta in sè il piacere della raccolta, il pescatore vive compiacendosi della pesca, il cacciatore preleva la selvaggina col desiderio di possederla e di consumarla. E se vogliamo anche nell'attività sportiva esiste un piacere che si sublima nel possesso della vittoria. L'atleta lotta contro la forza del vento per vincere con i suoi muscoli, lo sciatore deve aggredire la neve per il piacere di violentarla con gli sci, il calciatore deve possedere il pallone e travolgere l'erba per vincere e non subire la sconfitta, lo stesso pilota di formula uno deve consumare energie interiori ed esteriori nella lotta per il primato. E così via. E' chiaro che tutti questi comportamenti vanno contestualizzati nel rispetto di limiti e leggi che non danneggino la natura e la stessa vita sul pianeta.

Così nella caccia questo ineliminabile istinto di preda va vissuto nei limiti delle disponibilità che la stessa natura può offrirci, ma non può essere mai abolito pena il proliferare di bracconieri e usurpatori che metterebbero a rischio la sopravvivenza di specie anche rare e in via di estinzione. Ed allora si pone l'autocoscienza dei limiti che la natura stessa ci impone. Se non è più possibile tornare a casa con carnieri cospicui e consistenti, deve essere senz'altro accettabile anche il possesso di pochi selvatici abbattuti che qualifichi e non quantifichi l'acquisizione della preda.

La natura per sopravvivere ai limiti che lo stesso uomo le ha imposto col potere di sottrazione e di devastazione, ha affinato nelle sue creature una forza di sopravvivenza forse sconosciuta fino a a qualche tempo. Non esistono più tordi che si abbattono facilmente con un abbozzato richiamo. Anche nella caccia alle allodole, se vogliamo conservare il rispetto della specie, dobbiamo limitarci all'antico fischietto di latta dei nostri avi, senza ricorrere a mezzi dove la nostra nobiltà di essere cacciatori si degrada. E solo così potremo fare la nostra parte per riequilibrare rapporti perduti con la natura, con la speranza che l'intera umanità prenda coscienza della situazione in cui si trova l'intero pianeta. Il rapporto uomo-natura va contestualizzato in una visione di sobrietà di interventi e di predazione che l'uomo consuma anche e soprattutto a danno di sè stesso, perché l'umano è natura nella natura.

Non c'è nessun segno di sedicente progresso che non derivi da trasformazioni di elementi naturali. Nessun dominio ci è stato dato sull'oggettività che percepiamo fuori di noi, se non un uso moderato come usufruttuari, rispettando i doveri che abbiamo anche nei confronti del Creatore. E allora se dopo ore di paziente attesa in un ambiente umido dove scorre il silenzio degli elementi e il tempo sembra farsi eterno, al mutare degli elementi e portata dalle ali del vento, arriva un'alzavola che abbattiamo sotto la spinta di questo nobile e incancellabile piacere di preda, dovremmo compiacerci con noi stessi e con Madre Natura che non ha annullato per sempre in noi cacciatori la speranza di essere. Anche tornando a casa col carniere vuoto, la speranza non muore mai, soprattutto quella di vivere; e così un germano che scorre sotto i nostri occhi con quei colori imperdibili e quelle inconfondibili tonalità grigie, deve essere una ragione per un domani da vivere.

E se nelle attese ottobrine, quando dovrebbero concretizzarsi i passi dei colombacci, dei tordi, delle allodole, attenderemo speranzosi quel giorno di passo che ci sarà sempre, e comunque i colombacci sono passati in numero consistente ma non hanno dato retta ai nostri allettamenti, e i tordi hanno creduto soltanto allo zirlo dei consimili senza credere minimamente alle nostre ansie canore e le allodole hanno tirato avanti verso le piane dell'entroterra, stanche delle notti migranti, e siamo tornati con pochi capi; in noi, senza rimorsi e rimpianti si è consumato il nobile piacere della preda, sapendo che domani sarà un altro giorno. E allora andiamo avanti così, con nobiltà e orgoglio, fino alla fine, quando, fuori dalle apparenze, ritorneremo nel piacere di essere.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:IL POSSESSO DELLA PREDA

L'attività venatoria come piacere di predazione e possesso nei limiti delle leggi dell'uomo e della natura è un fatto del tutto naturale.Siamo natura nella natura. Non dimentichiamolo mai.Viva la caccia!

Voto:

da Amante della Natura. 02/03/2017 7.42