HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

IL POSSESSO DELLA PREDA


martedì 28 febbraio 2017
    

C'è una ragione per la quale l'uomo sin dagli albori della sua esistenza ha avuto nei confronti della natura un atteggiamento di ricerca e di possesso che lo ha costretto ad inventarsi dei mezzi per possedere ciò che osservava. Mezzi fra i quali armi rudimentali che si sono evolute fino ai più sofisticati fucili da caccia.

Così si è scoperto cacciatore non tanto per vivere, quanto per sopravvivere. Senza mezzi di caccia e di difesa probabilmente i primi umani sarebbero scomparsi. Oggi sembra ridicolo parlare di possesso della preda per la sopravvivenza, ma resta legittimo parlare del piacere della preda che è componente fondamentale dell'essere umano. Tale piacere a livello istintivo esiste in quasi tutte le attività. L'agricoltore porta in sè il piacere della raccolta, il pescatore vive compiacendosi della pesca, il cacciatore preleva la selvaggina col desiderio di possederla e di consumarla. E se vogliamo anche nell'attività sportiva esiste un piacere che si sublima nel possesso della vittoria. L'atleta lotta contro la forza del vento per vincere con i suoi muscoli, lo sciatore deve aggredire la neve per il piacere di violentarla con gli sci, il calciatore deve possedere il pallone e travolgere l'erba per vincere e non subire la sconfitta, lo stesso pilota di formula uno deve consumare energie interiori ed esteriori nella lotta per il primato. E così via. E' chiaro che tutti questi comportamenti vanno contestualizzati nel rispetto di limiti e leggi che non danneggino la natura e la stessa vita sul pianeta.

Così nella caccia questo ineliminabile istinto di preda va vissuto nei limiti delle disponibilità che la stessa natura può offrirci, ma non può essere mai abolito pena il proliferare di bracconieri e usurpatori che metterebbero a rischio la sopravvivenza di specie anche rare e in via di estinzione. Ed allora si pone l'autocoscienza dei limiti che la natura stessa ci impone. Se non è più possibile tornare a casa con carnieri cospicui e consistenti, deve essere senz'altro accettabile anche il possesso di pochi selvatici abbattuti che qualifichi e non quantifichi l'acquisizione della preda.

La natura per sopravvivere ai limiti che lo stesso uomo le ha imposto col potere di sottrazione e di devastazione, ha affinato nelle sue creature una forza di sopravvivenza forse sconosciuta fino a a qualche tempo. Non esistono più tordi che si abbattono facilmente con un abbozzato richiamo. Anche nella caccia alle allodole, se vogliamo conservare il rispetto della specie, dobbiamo limitarci all'antico fischietto di latta dei nostri avi, senza ricorrere a mezzi dove la nostra nobiltà di essere cacciatori si degrada. E solo così potremo fare la nostra parte per riequilibrare rapporti perduti con la natura, con la speranza che l'intera umanità prenda coscienza della situazione in cui si trova l'intero pianeta. Il rapporto uomo-natura va contestualizzato in una visione di sobrietà di interventi e di predazione che l'uomo consuma anche e soprattutto a danno di sè stesso, perché l'umano è natura nella natura.

Non c'è nessun segno di sedicente progresso che non derivi da trasformazioni di elementi naturali. Nessun dominio ci è stato dato sull'oggettività che percepiamo fuori di noi, se non un uso moderato come usufruttuari, rispettando i doveri che abbiamo anche nei confronti del Creatore. E allora se dopo ore di paziente attesa in un ambiente umido dove scorre il silenzio degli elementi e il tempo sembra farsi eterno, al mutare degli elementi e portata dalle ali del vento, arriva un'alzavola che abbattiamo sotto la spinta di questo nobile e incancellabile piacere di preda, dovremmo compiacerci con noi stessi e con Madre Natura che non ha annullato per sempre in noi cacciatori la speranza di essere. Anche tornando a casa col carniere vuoto, la speranza non muore mai, soprattutto quella di vivere; e così un germano che scorre sotto i nostri occhi con quei colori imperdibili e quelle inconfondibili tonalità grigie, deve essere una ragione per un domani da vivere.

E se nelle attese ottobrine, quando dovrebbero concretizzarsi i passi dei colombacci, dei tordi, delle allodole, attenderemo speranzosi quel giorno di passo che ci sarà sempre, e comunque i colombacci sono passati in numero consistente ma non hanno dato retta ai nostri allettamenti, e i tordi hanno creduto soltanto allo zirlo dei consimili senza credere minimamente alle nostre ansie canore e le allodole hanno tirato avanti verso le piane dell'entroterra, stanche delle notti migranti, e siamo tornati con pochi capi; in noi, senza rimorsi e rimpianti si è consumato il nobile piacere della preda, sapendo che domani sarà un altro giorno. E allora andiamo avanti così, con nobiltà e orgoglio, fino alla fine, quando, fuori dalle apparenze, ritorneremo nel piacere di essere.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:IL POSSESSO DELLA PREDA

L'attività venatoria come piacere di predazione e possesso nei limiti delle leggi dell'uomo e della natura è un fatto del tutto naturale.Siamo natura nella natura. Non dimentichiamolo mai.Viva la caccia!

Voto:

da Amante della Natura. 02/03/2017 7.42