HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Un cammino senza fine


lunedì 17 agosto 2009
    

La serata nel meraviglioso albergo della valle di Fassa volgeva ormai al termine. Gli ospiti, pensando alla levataccia del giorno dopo, iniziavano a ritirarsi nelle loro camere. Ogni persona che aveva assistito ai due giorni precedenti della gara, si era fatto un’idea su chi, tra i due concorrenti finali, aveva avuto più opportunità di vincere quel prestigioso trofeo ‘Trittico su gallo forcello.’ Tre giorni di gara, lungo le meravigliose pendici delle dolomiti alla ricerca di premiare la miglior coppia: l’ausiliare più esperto e il suo conduttore.

Durante la notte due ombre furtive, la mia, piccola, allora ero un ragazzino di soli dodici anni; l’altra invece era quella di mio padre, che come il solito, non era avvezzo a far dormire il nostro magnifico pointer nel ricovero che la direzione dell’albergo riservava, o ancor meglio imponeva, ai cani iscritti alla gara, noi e Al, il nostro ‘campione’, rientrammo in camera furtivamente e ci mettemmo a dormire nei nostri rispettivi letti e lui si accovacciò sul tappeto.

Mio padre si alzò più volte, lo sentivo, anche se si muoveva con cautela, i suoi passi erano leggeri. Una volta in piedi andava alla finestra a guardare il cielo, immaginavo ciò che pensava: “Speriamo che non piova, ci mancherebbe anche l’acqua a mascherare l’emanazione di quei neri mascalzoni con la coda ad uncino.” Rimuginava sicuramente cosi passando vicino ad Al che, sentendo il suo padrone, gli porgeva immediatamente la testa per l’immancabile carezza.

Il cane nel buio della stanza non sembrava preoccupato, anzi, felice di essere accarezzato batteva la coda sul tappeto e sicuramente se avesse avuto il dono della parola gli avrebbe sussurrato: “Non ti preoccupare, dormi e vedrai che domani qualcosa inventiamo.” Quello sguardo comunicava più di mille parole. Il nostro contendente era un setter di un signorotto austriaco condotto da un dresseur italiano. Era un bellissimo cane abituato a cacciare in quelle abetaie abbarbicate su quegli impervi pendii.

Il pubblico era numeroso, oltre a quasi tutti i concorrenti esclusi dalla gara nei giorni precedenti, erano presenti molti valligiani appassionati di cinofilia. Il campo di gara si trovava in un enorme vallone molto scosceso delimitato da due boschi: uno d’abeti e l’altro di faggi. Il terreno portava ancora ricordi di recenti nevicate pur essendo già, se non ricordo male, il mese d’Aprile. I giudici, dopo aver ricordato la condotta da tenere in gara ed aver accettato le mie suppliche per restare dietro a mio padre, ordinarono il lancio dei cani. All’inizio della prova Al, non essendo molto abituato a cacciare su quel terreno con il sottobosco così fitto, si ulcerò il petto. Sulla neve si notavano tracce di sangue fresco.

Il conduttore del setter passandoci vicino ci disse: “Sì è un buon cane, ma su questo terreno ci vuole ben altro.” Mio padre annuì con un sorriso io mi tranquillizzai vedendo anche come nonostante le ferite, il sangue e il dolore quel bestione, il mio bestione, aumentava continuamente l’andatura e le falcate erano sempre più ampie. Sembrava che volasse, un arduo volo sui rododendri sfuggendo alle sue micidiali punte. Ad un tatto Al, dopo aver toccato terra dietro una macchia d’arbusti, non usci più con uno dei suoi sorprendenti balzi. Silenzio assoluto, emergeva solo la testa dritta nel vento alla ricerca di quell’emanazione che l’aveva inchiodato al terreno. Mio padre, in silenzio, alzò una mano e fece un cenno ai giudici che arrivarono con estrema calma, mentre Al era costantemente inchiodato, immobile.

Il conduttore del setter fece in modo che il suo ausiliare si avvicinasse al mio cane. Il setter, dopo un magnifico consenso al primo strappo di Al prese d’autorità l’iniziativa e perlustrò in un attimo tutto il terreno davanti a noi, senza che la sua azione rilevasse la presenza di selvatico. Il setter cessò l’andatura di sospetto e riprese la cerca normale. Al era sempre fermo. Io, preoccupato, dissi a mio padre: “Pa, siamo fuori hai visto il setter ha girato tutto e non è partito niente.” Mio padre non rispose. Uno dei giudici si avvicinò e in modo quasi sconsolato consigliò: “Leghi il cane, probabilmente il selvatico e partito da poco, non vuol dir niente rilanciamo ancora una volta.” Mio padre sottovoce senza staccare gli occhi da Al rispose: “Chiedo il punto e ora concludo.” Il componente della giuria diede una risposta laconica ed acida: “Faccia lei.” Mio padre si avvicinò ad Al lentamente e gli fece una carezza sul dorso che era teso come una corda di violino.

Al alzò la testa e, tra la sorpresa di tutti, avanzò non verso la macchia che era davanti, ma curò un cespuglio isolato proprio sopra di noi e molto arretrato rispetto alla nostra posizione. Un sommesso “brrr …” di mio padre e da quel grosso ginepro si staccò una meravigliosa femmina di gallo forcello che ci fece vincere la gara. Ora, entrambi, sono in un cammino senza fine dietro a meravigliosi selvatici.

Giovanni Merello

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"
 

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...