HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Un cammino senza fine


lunedì 17 agosto 2009
    

La serata nel meraviglioso albergo della valle di Fassa volgeva ormai al termine. Gli ospiti, pensando alla levataccia del giorno dopo, iniziavano a ritirarsi nelle loro camere. Ogni persona che aveva assistito ai due giorni precedenti della gara, si era fatto un’idea su chi, tra i due concorrenti finali, aveva avuto più opportunità di vincere quel prestigioso trofeo ‘Trittico su gallo forcello.’ Tre giorni di gara, lungo le meravigliose pendici delle dolomiti alla ricerca di premiare la miglior coppia: l’ausiliare più esperto e il suo conduttore.

Durante la notte due ombre furtive, la mia, piccola, allora ero un ragazzino di soli dodici anni; l’altra invece era quella di mio padre, che come il solito, non era avvezzo a far dormire il nostro magnifico pointer nel ricovero che la direzione dell’albergo riservava, o ancor meglio imponeva, ai cani iscritti alla gara, noi e Al, il nostro ‘campione’, rientrammo in camera furtivamente e ci mettemmo a dormire nei nostri rispettivi letti e lui si accovacciò sul tappeto.

Mio padre si alzò più volte, lo sentivo, anche se si muoveva con cautela, i suoi passi erano leggeri. Una volta in piedi andava alla finestra a guardare il cielo, immaginavo ciò che pensava: “Speriamo che non piova, ci mancherebbe anche l’acqua a mascherare l’emanazione di quei neri mascalzoni con la coda ad uncino.” Rimuginava sicuramente cosi passando vicino ad Al che, sentendo il suo padrone, gli porgeva immediatamente la testa per l’immancabile carezza.

Il cane nel buio della stanza non sembrava preoccupato, anzi, felice di essere accarezzato batteva la coda sul tappeto e sicuramente se avesse avuto il dono della parola gli avrebbe sussurrato: “Non ti preoccupare, dormi e vedrai che domani qualcosa inventiamo.” Quello sguardo comunicava più di mille parole. Il nostro contendente era un setter di un signorotto austriaco condotto da un dresseur italiano. Era un bellissimo cane abituato a cacciare in quelle abetaie abbarbicate su quegli impervi pendii.

Il pubblico era numeroso, oltre a quasi tutti i concorrenti esclusi dalla gara nei giorni precedenti, erano presenti molti valligiani appassionati di cinofilia. Il campo di gara si trovava in un enorme vallone molto scosceso delimitato da due boschi: uno d’abeti e l’altro di faggi. Il terreno portava ancora ricordi di recenti nevicate pur essendo già, se non ricordo male, il mese d’Aprile. I giudici, dopo aver ricordato la condotta da tenere in gara ed aver accettato le mie suppliche per restare dietro a mio padre, ordinarono il lancio dei cani. All’inizio della prova Al, non essendo molto abituato a cacciare su quel terreno con il sottobosco così fitto, si ulcerò il petto. Sulla neve si notavano tracce di sangue fresco.

Il conduttore del setter passandoci vicino ci disse: “Sì è un buon cane, ma su questo terreno ci vuole ben altro.” Mio padre annuì con un sorriso io mi tranquillizzai vedendo anche come nonostante le ferite, il sangue e il dolore quel bestione, il mio bestione, aumentava continuamente l’andatura e le falcate erano sempre più ampie. Sembrava che volasse, un arduo volo sui rododendri sfuggendo alle sue micidiali punte. Ad un tatto Al, dopo aver toccato terra dietro una macchia d’arbusti, non usci più con uno dei suoi sorprendenti balzi. Silenzio assoluto, emergeva solo la testa dritta nel vento alla ricerca di quell’emanazione che l’aveva inchiodato al terreno. Mio padre, in silenzio, alzò una mano e fece un cenno ai giudici che arrivarono con estrema calma, mentre Al era costantemente inchiodato, immobile.

Il conduttore del setter fece in modo che il suo ausiliare si avvicinasse al mio cane. Il setter, dopo un magnifico consenso al primo strappo di Al prese d’autorità l’iniziativa e perlustrò in un attimo tutto il terreno davanti a noi, senza che la sua azione rilevasse la presenza di selvatico. Il setter cessò l’andatura di sospetto e riprese la cerca normale. Al era sempre fermo. Io, preoccupato, dissi a mio padre: “Pa, siamo fuori hai visto il setter ha girato tutto e non è partito niente.” Mio padre non rispose. Uno dei giudici si avvicinò e in modo quasi sconsolato consigliò: “Leghi il cane, probabilmente il selvatico e partito da poco, non vuol dir niente rilanciamo ancora una volta.” Mio padre sottovoce senza staccare gli occhi da Al rispose: “Chiedo il punto e ora concludo.” Il componente della giuria diede una risposta laconica ed acida: “Faccia lei.” Mio padre si avvicinò ad Al lentamente e gli fece una carezza sul dorso che era teso come una corda di violino.

Al alzò la testa e, tra la sorpresa di tutti, avanzò non verso la macchia che era davanti, ma curò un cespuglio isolato proprio sopra di noi e molto arretrato rispetto alla nostra posizione. Un sommesso “brrr …” di mio padre e da quel grosso ginepro si staccò una meravigliosa femmina di gallo forcello che ci fece vincere la gara. Ora, entrambi, sono in un cammino senza fine dietro a meravigliosi selvatici.

Giovanni Merello

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"
 

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...