Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Le cotorne di Piano Mandorle


martedì 28 novembre 2017
    

Filippo avrebbe aggirato il costone di roccia dall’alto facendo un lungo giro ed Io mi sarei avvicinato dal basso, a passi lenti, coperto alla vista dai grandi massi di roccia che disseminavano il tragitto.


Se la manovra fosse riuscita avremmo preso la Brigata fra due fuochi.
Un fischio sommesso mi avrebbe avvisato dell’arrivo di Filippo sulla sommità del costone. Sostituii le leggere cartucce caricate col piombo n.8 con le più potenti semicorazzate armate col 5 e mi avviai.


Procedevo a passi lenti, evitando di fare rumore fra la sterpaglia che mi ostruiva il cammino. Cercavo sempre una copertura che mi celasse agli acuti occhi delle Cotorne. Se qualche tratto appariva troppo scoperto lo attraversavo carponi, quasi strisciando fra la vegetazione, mentre cardi selvatici ed ortiche mi martoriavano i palmi delle mani.


Il costone dove erano atterrate le Cotorne si faceva sempre più vicino e man mano che la distanza diminuiva sentivo accelerare i battiti del cuore per la crescente emozione.


Finalmente vi giunsi fermandomi ad una distanza di  circa 20 metri.
Mi sistemai dietro un grosso masso in spasmodica attesa che il fischio di Filippo mi avvisasse del suo arrivo alla sommità della rupe.


Ad un tratto, tra le asperità del costone, notai un impercettibile movimento. Aguzzai gli occhi ed ecco che, in tutto il loro splendore, apparvero due Cotorne. Erano due esemplari adulti, bellissimi nella loro livrea di verde cupo che dal dorso degrada verso il marrone delle ali per trionfare nelle nere striature che segnano il candido pettorale e nel rosso vermiglio del becco. Un’apoteosi di colori che solo un pennello sovrannaturale avrebbe potuto concepire.


Non potevano vedermi e, fiduciose, si inseguivano giocosamente  becchettando, di tanto in tanto, qualche bacca selvatica. Le vedevo, a tratti, irrigidire il collo e guardarsi intorno come se sospettassero qualcosa poi, rassicurate, tornavano ai loro giochi.


 Rimasi talmente rapito da quella visione da dimenticare, per qualche istante, il motivo per cui mi trovavo in quel luogo. Poi l’istinto del Cacciatore prevalse e la mano sfiorò la fida doppietta.


Ma non sparai. Certo, avrei potuto farlo, ma qualcosa dentro di Me mi diceva che non sarebbe stato onorevole concludere così, con un tiro a fermo, quell’avventura così esaltante. Non sarebbe stato giusto nei confronti di Filippo con cui non avrei condiviso quell’esperienza irripetibile; non sarebbe stato giusto nei confronti di quegli splendidi animali che, certo, meritavano una maggiore chance di sopravvivenza ed, infine, nei confronti di Me stesso e dello Spirito Sportivo che ha sempre animato la Mia passione per la Caccia.


Attesi minuti interminabili sino a quando un sommesso sibilo portato dal vento mi avvisò dell’arrivo di Filippo alla sommità della rupe.


Mi preparai allo sparo assumendo la tipica posizione del tiratore di skeet nella imminenza dello sgancio del piattello, col calcio del fucile sotto l’ascella e la canna puntata verso l’alto.


Il silenzio opprimente che mi circondava fu, d’improvviso, squarciato dal  roboante frullo di decine di ali proprio sopra la mia testa. Seguirono tre fucilate in rapida successione. Poi, per una frazione di secondo, nulla più.


Alzai gli occhi verso l’alto e, a non più di dieci metri, mi vidi sovrastare da una moltitudine di Cotorne, quindici forse venti esemplari, che in formazione compatta si lanciavano a capofitto verso il fondo della vallata.


Non esiste tiro più difficile della Cotorna in picchiata. Il riflesso dell’Uomo stenta a valutare la velocità dell’uccello che precipita, quasi a corpo morto, verso il basso. Si perdono i punti di riferimento e quasi sempre le fucilate difettano d’anticipo vanificandosi alle spalle dei selvatici.


Mirai all’ultimo della brigata che si manteneva un po’ più alto degli altri. Lo vidi cadere pesantemente portandosi dietro una scia di candide piume.


Il secondo colpo lo indirizzai al bersaglio grosso, contro il branco compatto che già aveva superato i quaranta metri. La MB bianca col piombo 5 fu molto generosa ed intravidi un uccello staccarsi dal gruppo e terminare la sua folle corsa contro un cespuglio di olivastro.


Dopo qualche minuto Filippo mi raggiunse; era raggiante per avere realizzato una splendida coppiola. Due meravigliosi esemplari facevano bella mostra di se fra le mani del Mio Amico. Un leggero pallore ed un impercettibile tremito delle mani tradivano un eccesso di adrenalina non ancora smaltito.


Recuperammo i miei due abbattimenti e, fucili in spalla, ci avviammo sulla strada del ritorno  commentando lo svolgimento  dell’azione di Caccia in tutti i suoi particolari.


Ma rimaneva un’ultima sorpresa a rendere quella giornata ancora più indimenticabile.


In ogni brigata di Cotorne che si rispetti c’è sempre “u vili” e cioè il soggetto che, in presenza di pericolo, si rifiuta di fuggire insieme  agli altri e preferisce acquattarsi al suolo attendendo che la minaccia si allontani.  Beh “u vili “ ci frullò sotto ai piedi e si beffò dei nostri fucili comodamente posti in posizione di riposo. ”Meglio cosi” commentammo, per nulla contrariati, “ha avuto coraggio e merita di vivere!”


Avevamo poco più di vent’anni, eravamo belli e forti e quel giorno rimane indelebile nella memoria, preziosa reliquia del nostro  Tempo Migliore.


Giovanni Mangione

 

 

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI
Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi”
A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze
fidc.firenze@fidc.it    www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Le cotorne di Piano Mandorle

Bel racconto!

Voto:

da 100%cacciatore 30/11/2017 23.20