HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il Profumo dell’aratro


lunedì 6 aprile 2009
    

Era lì che guardava incredulo, dal sommo della collina tra il bosco di sughere e le macchie scure del lentischio, non sembravano passati tanti anni ma solo un attimo e con la mente ritornava al passato. Quella mattina Barore si era alzato presto, come sempre, la pioggia era cessata da alcuni giorni e la terra era grassa e pronta per essere arata, ma in quel momento lo sguardo si era perso nel fondo della valle, ad inseguire un merlo che chioccolando rientrava nel fitto di un costone boscoso. Si voltò e lanciò un’ occhiata verso l’amico, anch’egli con il fucile imbracciato che, in silenzio, ammirava quello spettacolo e seguiva i cani con lo sguardo.

Gli anni di colpo balzarono indietro e si ritrovò con le scarpacce vecchie e gli abiti logori a vent’anni, quando credeva di poter essere immortale e di avere il mondo tra le mani. Quello stesso mondo, che lo aveva scacciato dalla sua terra con forza e lo sbatteva tra i palazzi di una metropoli a respirare lo smog e guardare intontito i passanti che , increduli, a loro volta lo sfioravano nel loro moto perpetuo e sgomitando sghignazzavano dicendosi l’un l’altro :”L’è un terù”, sicuri del fatto che il giovanotto fosse piovuto lì da un momento all’altro da chissà quale remoto sobborgo di campagna .

La terra ce l’aveva nelle scarpe ma, se vogliamo, anche nel cervello , perché per lui la terra era linfa vitale e speranza per il futuro , anche se quella terra lo aveva cacciato via. Una stagione infame: i raccolti rovinati , i creditori che bussano alla porta ed il fallimento di una vita di sacrifici. Poi una nuova speranza , il viaggio in nave , sballottato dalle onde, poi quello in treno, accasciato sui duri sedili di legno , come un cencio. Alla stazione, la ressa, gli scambi di convenevoli degli altri passeggeri che scendevano, lo sguardo perso tra la folla e l’impressione per tutto ciò che sembrava grande, sconosciuto, terrificante.

Poi lo sguardo amico di colui che aveva avuto il coraggio di intraprendere il viaggio un paio di anni prima. Lo scambio di saluti, i complimenti per la forma fisica, i vestiti eleganti e lo stato di salute, ma dietro, il vuoto della solitudine interiore, il rimpianto per quella terra maledetta che anni prima aveva tradito anche l’amico, pure lui innamorato della sua campagna. Il lavoro in azienda paga bene, anche se la vita è monotona e le luci degli uffici sostituiscono quella del sole facendoti piombare in una sorta di catalessi vigile . Giorni , settimane, anni, sempre con gli stessi ritmi e sempre con gli stessi gesti Barore srotolava il nastro della sua vita senza curarsi più di ciò che gli piaceva e di quello che non gli andava proprio. Per chi è nato in città è semplice ma chi ha assaporato l’aglio selvatico , le more o il pirastru ( le pere selvatiche) maturo, è tutto un altro mondo.

Dopo alcuni anni aveva raggiunto una buona posizione sociale e, in ditta, godeva del rispetto dei colleghi e della stima dei superiori, ma questo non serviva a rendergli la vita più facile. Chi nasce sulla terra è lì che vuole tornare. Per chi è nato in campagna, anche i gesti più piccoli hanno un forte significato. La sera, al rientro, Barore guardava il cielo e scrutava le stelle. Le nuvole o il cielo nitido gli avrebbero predetto come sarebbe stato l’indomani.

D’autunno poi, i primi zirli facevano capire, quanto le foglie gialle, che la natura si preparava ad accogliere nuovi ospiti con la valigia sotto l’ala. Un contadino appassionato di caccia sa bene che in ottobre, oltre a ispezionare il mosto, conservare i fichi secchi, controllare le provviste dei meloni ed accatastare la legna e le vecchie balle di fieno, inservibili per gli animali , ma ancora utili per il camino, vi è un ondata di nuovi arrivi che preannuncia una stagione venatoria felice. Girando per i mais tagliati, dopo le prime piogge, trovava gli scavi dei conigli e negli spiazzi le grattatine delle lepri. Allora scendeva verso i canaletti e da lì partivano come saette i beccaccini e, dalle pozze, si alzavano pigri i germani o fulminee e silenziose le alzavole. Nei canneti echeggiavano i richiami garruli delle gallinelle o il trombettio delle folaghe. Ad un tratto, il silenzio era rotto dallo strillo acuto e chiassoso dei porciglioni, i piccoli rallidi il cui nome è quanto mai azzeccato perché il loro grido assomiglia a quello di un porcellino.

Risalendo dai rigagnoli e dalle pozze, sul sommo, guardava lontano, verso il bosco scuro e le querce e pensava che di lì a poco le beccacce avrebbero trovato degna ospitalità e stabilito la loro invernale dimora. Tutto questo d’improvviso era divenuto lontano. Ora il tempo era occupato solo dal lavoro, dalle vendite, dai contatti con i clienti e dai nuovi contratti stipulati.

La sera rientrava a casa, al decimo piano di un palazzo, in un appartamento di sessanta metri quadrati, quanto gli era più che sufficiente per vivere. Poi la tv, una cena frugale ed a letto. I ritmi della metropoli non ammettono il riposo. Tante volte il sonno tardava ad arrivare per cui, con il viso rivolto al soffitto pensava alla sua terra , ai suoi campi, ai merli chioccolanti ed ai conigli “argentati” dalla luce del sole. Pensava alla volta che sparando ad una beccaccia aveva fatto scappare un verro da un macchione ed una “compagnia” in battuta poco più distante lo aveva abbattuto ed aveva invitato Lui, il salvatore di una giornata persa , a pranzo. Quel vecchio ed inafferrabile verro aveva “saltato” le poste ed era sfuggito alla cattura.

La battuta in zona era stata organizzata, come spesso capita, per fare un favore ad un pastore del luogo, in quanto il vecchio solengo aveva preso l’abitudine di cibarsi degli agnelli neonati e, più di una volta, aveva aggredito la pecora partoriente uccidendola per nutrirsi della placenta e delle interiora. I branchi di cinghiali, come ben sapeva Barore, stanno spesso nei pressi degli ovili, anche perché molti pastori, oltre alle pecore, allevano alcuni maiali per la provvista domestica della carne. Normalmente gli assalti alle pecore non sono frequentissimi, ma quando alcune bestie prendono l’abitudine di cibarsi degli ovini, possono provocare danni ingenti. In una sorta di mutuo soccorso, i componenti delle compagnie di Caccia grossa “aiutano” il pastore a catturare la bestia pericolosa e lui organizza un pranzo in loro onore. Ma lì era tutto diverso.

Tra quelle quattro mura quei ricordi correvano sbiaditi, come nuvole dense di fumo, anche se la loro presenza era attuale. Tante volte, l’unica consolazione la sera tardi era quella di far volare il pensiero oltre le mura e proiettarsi nei ricordi. Qualche volta l’amico e compagno di caccia arrivava a cena ed allora i ricordi aumentavano e le lunghe chiacchierate li portavano lì, sul limitare del bosco o al bordo dei canali, ad inseguire le saette alate, oppure lungo i filari di rovo ad ascoltare in silenzio la canizza sempre più forte che faceva presagire, da un momento all’altro, lo schizzo di un coniglio. Ed entrambi ripensavano ai cani e ripercorrevano le singole storie. Il ricordo di quel cucciolo bastardo, le sue prime esperienze con i cani già addestrati, la volta che il coniglio gli si era sbattuto sul muso, la prima preda e così via. L’arrivo del nuovo Bracco o del piccolo Setter. Le speranze per la riuscita del nuovo acquisto, il primo riporto di uno straccio con applicate un paio di vecchie ali di beccaccia.

La prima ferma, lo scovo delle pernici, le arrampicate sulle rocce e tra le spine, con il caldo e il solleone per cercare di ribattere la “volata”. Tutto questo non c’era più ed i ricordi scavavano dentro l’anima e lasciavano i due amici con l’amaro in bocca. Quando uscivano per cenare fuori, ciascuno rientrava a testa bassa. Allargavano il nodo della cravatta, ufficialmente per rilassarsi e mangiare meglio, in realtà, per fermare quel maledetto groppo in gola che li attanagliava ogni giorno, ogni istante di più.

La solitudine sistematica e la tristezza interiore non possono essere compensate dagli abiti eleganti e da una vita agiata, per cui un giorno Barore prese la decisone, radunò le sue cose , fece alcuni acquisti e riprese la via di casa, ma prima passò dall’amico per avvisarlo e quello, più pazzo e squilibrato di lui e con il cervello pieno di grassa e concimata terra, lo seguì. Lasciare una vita sicura per un avvenire incerto è una follia e solo un folle o una persona pazzamente innamorata delle proprie radici può farlo.

La terra è, a volte prodiga ed altre avara e senza pietà. Un’annata malevola può rovinare anche il più ricco proprietario terriero . Il tempo non segue le indicazioni dell’uomo, perciò i contadini maledicono la pioggia perché rovina il loro raccolto e maledicono l’arsura perché rovina la crescita delle nuove piante. E poi i contadini maledicono la grandine, il gelo, la neve, la brina ed ogni cosa che la natura elargisce, senza curasi, Ella, dell’umano consorzio. Il tempo fa da se e le stagioni si susseguono mentre il calendario srotola il nastro dei giorni, infischiandosene di ciò che dicono gli esperti meteorologi, anzi, spesso la natura fa le bizze e si impunta come un mulo dispettoso, insensibile ai “sacramenti” inviati al suo indirizzo e consapevole che l’uomo, per sua indole, è lestro a stancarsi. Tant’ è oramai la scelta era fatta ed il rientro già programmato. Ognuno è artefice del suo destino, anche chi sceglie di scambiare il certo per l’imponderabile. Arrivati al paese, dopo un viaggio massacrante e senza illusioni per la vita che li aspettava, andarono ciascuno a casa sua, con la promessa di ritrovarsi l’indomani, per fare un giro in campagna. Il primo giorno era di riposo assoluto e per inaugurare una nuova stagione della vita si era deciso, di comune accordo, di iniziare con una battuta di caccia, visto che il momento era propizio e visto che alla metà di novembre, quell’anno, la terra emanava un profumo speciale che sembrava promettere mille gioie. Negli anni precedenti Barore non aveva perso i contatti ed un caro amico gli teneva i cani. Certo, dopo tanto tempo i suoi cani non c’erano più, ma la fortuna aveva voluto che il suo amico, appassionato quanto lui, avesse serbato con cura le linee di sangue dei cani puri ed accoppiato meticolosamente anche i meticci, per cui gli fu facile avere in prestito due validi ausiliari adulti , al massimo della forma e, grazie all’amico, anche all’apice del loro rendimento. Il merlo che aveva visto poco prima era entrato in un bosco fitto e lui, d’istinto, si era guardato le scarpe, per accertarsi che il tempo non era trascorso affatto. Gli scarponi nuovi, costruiti in “continente”, lo riportavano alla realtà. Aveva il doppio degli anni ma il bosco, la terra , il cielo erano sempre uguali. Gli occhi avevano fissato nella mente quelle immagini ed ora le riportavano, pari - pari, quasi si fossero allontanati solo per un attimo. Il fanciullo che comanda i nostri sentimenti più innocenti lo fece chinare e prendere una manciata di terra umida, sollevare la mano e guardarla da vicino, annusarla e gioire di quel profumo e pensare all’aratura, quando il babbo passava il vomere per rompere quelle zolle così morbide per la pioggia ed alla fragranza della terra arata ed al profumo dell’aratro mentre rivoltava tutto ed agli uccelli che seguivano quei movimenti e quelle cadenze. Poi guardando più in basso scorse l’amico che , fermo come un sasso, contemplava la valle e si chinava a cogliere la terra, quasi avesse lo stesso impertinente fanciullo nell’animo. “Cosa fai? Nostalgia? Adesso siamo qui! Cerca di darti una mossa e fai entrare i cani nel fitto. Anni fa , in questo periodo, era uno dei primi posti dove trovavamo le beccacce. Ti ricordi?” Sì , sì , caro Barore, si ricorda, ma adesso dovevi stare zitto, perché i cani sono in ferma e davanti a loro una beccaccia si è alzata maestosa, non ha retto, così come il tuo amico non ha retto per la felicità e prende la mira, spara e fallisce, una, due volte a la regina curva e ripiega verso il bosco e tu spari , la sbagli e gli gridi. “Ma sei un pollo, ti hai “padellato” una beccaccia grande come una casa”. Ti fermi, fissi lo sguardo e ti rendi conto che il tuo amico piange per l’emozione e per la gioia di rivivere nei luoghi dov’è nato e le lacrime, si sa, fanno spesso fallire il tiro. E lui si volta, ti guarda . “E tu allora”?, Non hai nemmeno la scusa dell’ effetto–sorpresa , dal momento che io avevo già sparato e tuavevi campo libero” . Poi ti guarda, ride, tu ti asciughi gli occhi . “Siamo a casa”. “La prossima non la sbaglio nemmeno a fucile scarico”. E si ricomincia da dove ci si era 5
fermati, venti anni prima, con il profumo dell’aratro che sale piano e le stagioni che si alternano in quell’eterno affannarsi e rincorrersi , con il fanciullo che scalcia dentro di noi , con il corpo che invecchia e con la mente che ci riporta i nostri ricordi.

Luca Davide Enna

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Il Profumo dell’aratro

Ciao Anto 63. Ti ringrazio. Il racconto fa parte del mio libro "Storie di uomini e cani" che puoi trovare su internet e richiedere direttamente a me tramite la mia e-mail: ennaluca@virgilio.it . QUi nel sito , potrai trovare altri racconti come "Il regalo di Filumena" e nel web ne troverai altri come "Cleto e Bonaparte" o "Il signore coi baffi" (Dedicato a Giovannino Guareschi), oppure come "L'omino del ghiaccio" o altri.

Voto:

da Luca Davide Enna 14/04/2010 22.29

Re:Il Profumo dell’aratro

molto bello ,

Voto:

da anto63 16/05/2009 21.24