HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

GIGI CACCIATORE


venerdì 6 marzo 2015
    
Sosteneva che solo i  nobili avessero il diritto di esercitare l’arte venatoria e spesso declamava i meriti dei suoi antenati, per non parlare dei suoi demeriti. Gli avevano fatto credere che avesse delle relazioni genealogiche con Federico II, imperatore e grande cultore dell’arte venatoria e soprattutto amante della falconeria, ovvero della caccia con i falchi. In realtà di quelle presunte nobili radici non esisteva alcun documento che ne provasse la veridicità e Gigi si illudeva, spacciandosi per nobile, solo perchè era titolare di un porto d’armi da caccia che gli permetteva l’uso di una doppietta di pregio ricevuta dal nonno.
 
In realtà Gigi aveva intrapreso la lunga e difficile via dell’arte venatoria solo per assimilazione. Furono gli amici a convincerlo di unirsi nelle escursioni domenicali di caccia. Questi spesso gli mostravano con foto alla mano, ricchi carnieri di migratori, prospettandogli anche che nella caccia, chi non riesce ad incarnierare almeno una sola lepre, non può mai ritenersi vero cacciatore, perchè per abbatterla è necessario sangue freddo e mira pronta ed attenta.
 
E così, col chiodo fisso della presunta e mai dimostrata nobiltà, snobbava tordi, allodole, anatre e trampolieri vari, per dedicarsi soprattutto alla lepre, da solo, senza cani, e fornito di qualche blanda conoscenza ricevuta dall’avo, sulla lettura delle tracce e degli escrementi lasciati dal selvatico. Se gli  amici amavano farsi fotografare con ricchi carnieri di selvaggina migratoria che in quegli anni del dopoguerra abbondava dappertutto, perchè non era ancora iniziata la sistematica distruzione della natura; e boschi e paludi  rappresentavano ricchi contenitori di migratori, lui avrebbe preferito farsi fotografare con qualche leprone abbattuto, a memoria perenne.
 
Ma non aveva mai considerato che la lepre, selvatico dotato per natura di particolare agilità e velocità, richiede maestria e sapienza balistica per essere abbattuta e soprattutto per fermarne la corsa; diversamente le padelle si susseguiranno di continuo. Gigi aveva la fortuna che nei terreni di famiglia abbondavano lepri autoctone, particolarmente veloci nello scatto, che umiliavano qualsiasi cacciatore inesperto. E proprio quando s’accompagnava con qualche amico, le sue padelle erano all’ordine del giorno.
 
E lui a giustificarsi con i  ma, i se, i  perchè e così via. Finalmente giunse il giorno in cui parve che la fortuna gli piovesse dal cielo. Avava deciso di accompagnarsi con amici allodolari e di perfezionare il tiro all’allodola con giusti anticipi, perchè anche in tale caccia ne faceva di padelle e si giustificava col dire  che l’allodola non era la sua vocazione, perchè il sevatico non valeva la cartuccia. E mentre gli amici a fine cacciata esibivano grossi carnieri di alaudidi, lui ne aveva incarnierate poche, per non dire pochissime. Quel giorno aveva deciso di non usare gli spechietti, ma di praticare la caccia vagante per tirare alla borrita. E qui avvenne il fattaccio.
 
Una lepre, messa in fuga da un contadino al lavoro, gli si avvicinò a tiro, non accorgendosi della sua presenza. Gigi, rimasto immobile per alcuni secondi, raccolse in sè le limitate risorse balistiche che possedeva, mirò bene, a suo dire, e la lepre realizzò il suo classico capitombolo. Il nostro cacciatore gli si avvicinò con infinita gioia, senza accertarsi che il selvatico fosse realmente morto. La prese per le lunghe orecchie sollevandola in alto e gridando di gioia agli amici. Ma non appena tentò di infilarla nel carniere della cacciatora, quella con un colpo di reni, gli sfuggì di mano, dileguandosi lontano. E Gigi col fucile scarico, perchè avrebbe potuto ribatterla definitivamente, rimase ancora una volta impotente, ancora una volta beffato. Qualche amico, poeta da strapazzo, gli coniò un verso d’occasione: - E Gigi rimase col nulla im nano/ a sbirciar della lepre il deretano. –

Questa volta però la disillusione fu tanta e tale che non fiatò parola. Erano gli eventi che lo giudicavano, e che possono decidere il destino di una passione, e cambiare il corso della vita, perchè nel giovane cacciatore maturava l’idea di abbandonare la caccia.
 
E il destino fece la sua parte perchè pare che Gigi sognasse il nonno, don Luigi, di cui portava il nome, che lo ammoniva, severo nell’espressione, con la mano sollevata e l’indice verso l’alto, ad indicargli lo stemma della famiglia. Il nipote credette opportuno avere chiarimenti da un famoso chiromante del paese, interprete anche di sogni, e questi gli rivelò che quanto aveva sognato era di buon auspicio, che gli avrebbe portato fortuna, ma ad una sola condizione: quella mano verso l’alto era un invito ad appendere in via definitiva il fucile al chiodo. L’interpretazione dell’indovino era la stessa volontà del nonno e poichè il nipote ci teneva alla presunta nobiltà e ad onorare la memoria del defunto, corse subito a casa a mettere tutto in ordine. Appese la doppietta sotto la foto ricordo del nonno, accanto alla quale era situato il suo ritratto nelle vesti di Pinocchio. E  con quel gesto entrò definitivamente nella gloria della famiglia.
 
Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:GIGI CACCIATORE

Si nasca o no cacciatori, è certo comunque che la caccia sin dall'inizio della passione va intuita, percepita e coltivata con molta umiltà. Oggi la caccia è un diritto di tutti, nel rispetto dei selvatici e degli stessi cacciatori. E' questo il sottile messaggio del racconto. Ed anche nell'arte venatoria vale quel detto evangelico: " Chi si umilia sarà esaltato e chi si esalta sarà umiliato." In bocca al lupo a tutti!

Voto:

da Amante della natura. 07/03/2015 8.07