HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Diana


giovedì 21 giugno 2012
    

Lo scoppiettio del caminetto copriva leggermente il respiro affannoso  di Diana, una pointer bianca con un’unica macchia nera che gli ricopriva l’occhio destro.

Franco la fissava, mentre l’odore di fango, muschio e polvere da sparo sembrava si materializzasse ogni volta che l’uomo si abbandonava ai ricordi.

La bottiglia di rum, ormai quasi vuota, era poggiata sul grosso ceppo di quercia che arredava la piccola stanza, il bicchiere a metà.

“Zacapa centenario” invecchiato 25 anni.

Di tanto in tanto la cagna sollevava la testa, come impaurita; Franco le regalava una carezza per tranquillizzarla:- sono qua - le diceva, e lei ritornava a sognare.

La prima beccaccia l’aveva vista quando ancora doveva compiere il primo anno di età.

Avevano girato tutto il giorno lungo il fiume, ma della fata nessuna traccia. Ma lei era testarda.

Fiutava il vento, e qualcosa arrivava al suo naso, perché continuava a cercare. Ma era piccola, inesperta, la beccaccia invece è furba, maestra d’inganni.

Oltre la collina Franco vide la sagoma del fuoristrada, mancavano poche centinaia di metri alla fine di quella giornata che aveva comunque regalato ai due delle emozioni.
Si voltò per chiamarla, ma non si era accorto che il suono del campano si era zittito. Diana era ferma su un piccolo rovo cresciuto ai piedi di un solitario ulivo, si avvicinò e accarezzo il cane sulla schiena, poteva sentire il suo piccolo  cuoricino battere freneticamente.

- falla volare Diana - disse alla sua compagna, e lei lo ascoltò
La regina si  sollevò da dietro al tronco e non appena Franco la vide lasciò partire il colpo.

L’animale si rannicchiò in aria e cadde.

Diana corse a prenderla, mentre Franco si apprestava a recuperare il bossolo vuoto: un vecchio numero dieci in cartone caricato da suo nonno:-questo lo metteremo in bacheca - disse a Diana che era già ritornata con la beccaccia in bocca.

- Brava Diana…brava -

Sollevò il bicchiere e bevve un sorso. Lo avvicinò al fuoco; il calore esalta i profumi.
E i profumi erano quelli di un campo d’erba medica.

Erano a quaglie quella mattina, Franco ne aveva già incarnierate cinque.

Diana aveva tre anni, il suo sguardo era prepotente, sapeva il fatto suo. Ma a caccia, come nella vita c’è sempre da imparare, e quell’odore che pochissime volte aveva fiutato, quell’odore quasi impercettibile, ora si presentava a lei più forte, tanto forte da farla tremare.

Si fermò di fronte a qualcosa che non conosceva, ma sapeva che doveva fermarsi, l’istinto la comandava.

Franco pensò alla sesta quaglia, ma quando la “ cagnina” partì, una grossa lepre balzò davanti agli occhi dei due.

“ pum…pum”..cadde al secondo colpo, un numero sette messo li per i tiri più distanti.
La sua prima lepre.

E poi c’erano i fagiani e le starne degli sterminati campi di mais tagliato, ma, più di ogni altra cosa, c’era il legame tra l’uomo e il cane. Quel legame dettato da qualcosa di inspiegabile che alberga nei nostri cuori sin da sempre. L’uomo e il cane, compagni nella vita, compagni nella caccia.

Aggiunse legna al fuoco e riempì il bicchiere di rum.

Lo scoppiettio della legna aumentava, tanto da coprire quasi totalmente il respiro di Diana.

- maledetto tumore - imprecò Franco.

Gli stava portando via la sua amica di sempre. Tanti anni di caccia assieme, tanti anni di avventure e lunghe scarpinate nelle campagne.

- ma si può piangere per un cane? - disse Franco cercando di rifugiarsi in inutili stereotipi maschili e cercando infine il coraggio nel rum.

Ma le sue lacrime ormai scendevano copiose.

Diana riapri gli occhi per l’ultima volta e salutò il suo padrone, poi si addormentò per sempre.

Da dietro la porta della stanza, Luna, anch’essa come la madre con la chiazza nera sull’occhio emise un guaito, aveva pochi mesi, ma i cani non hanno solo un ottimo naso, hanno anche un grande cuore e forse aveva intuito qualcosa…forse aveva capito.

La vita, che aveva appena separato due amici, in quell’attimo, quasi a voler riparare al torto, stava per ricreare un’altra unione.

Diana trovò riposo sotto il solitario ulivo, quello della prima beccaccia, in quel posto che aveva dato inizio alla sua storia, in quel posto, tra la natura incontaminata dove a lungo si era sentita felice.


 

Vincenzo Mazzone

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Diana

Amante della natura,grazie per le sue parole;tanto belle quanto vere. Amore,libertà,vita,ricordi..il tutto catalizzato dalla bontà del Creatore col fine unico di creare emozioni e sentimenti che l'animo del cacciatore riesce,quasi con perfezione,a metabolizzare per trarre insegnamenti. Ancora Grazie

Voto:

da Vincenzo Mazzone 22/06/2012 15.49

Re:Diana

Racconto molto bello. Della vita e della memoria, dei ricordi che non si distruggono mai in noi cacciatori che, col cane o senza, abbiamo soprattutto amato la libertà. Quella che non si ferma nemmeno di fronte alla morte, perchè la vita è più forte della morte, perchè l'amore è più forte di ogni apparenza. Perchè i cacciatori, come gli artisti hnno sempre amato il creato, proiettandosi verso il creatore.

Voto:

da L'Amante della Natura. 22/06/2012 8.01