Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
La quercia della crocePrego, spari Lei!Babboo… la lepre!Il linguaggio della naturaIo , Aston e la " nostra " prima coppiolaLa mia avventuraLe Lodole dell'AquilaiaSapore AnticoMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Ricordi di cacciatore


venerdì 20 aprile 2018
    
La passione venatoria è nata in me ancora da bambino tramandata dal nonno paterno del quale sono rimasti ben vaghi ricordi, poiché avevo solo pochi anni quando morì, ma è con mio padre che alimentai la vera passione per la caccia, apprendendone le forme ed apprezzandone i rituali di questa fantastica millenaria cultura rurale che è la CACCIA!!

A quei tempi il calendario prevedeva l’apertura della stagione venatoria al quindici d’agosto. Con i primi giorni del mese iniziavamo a caricare le cartucce per la caccia: lavoro eseguito scrupolosamente a mano calibrando sia le polveri che il piombo, con bossoli di cartone riciclati, riutilizzati più volte finché non si potevano più orlare dall’usura (a mio modesto parere molto più ecologiche delle moderne in plastica che ritrovi ancora dopo anni sparse nei terreni!).


Il primo appuntamento di caccia era con le quaglie: piccolo e ambito galliforme presente nel nostro paese dai primi d’aprile fino a fine agosto, se il clima rimaneva mite, ma con le prime piogge insistenti cominciava a migrare nei paesi più caldi. In quella stagione già dalle prime luci dell’alba sentivamo il susseguirsi dei canti, il richiamo dei maschi provenire da ogni angolo, dai prati di trifoglio e dalle stoppie di frumento raccolto: il frumento, lavorato alla vecchia maniera, veniva falciato dalla mietitrice trainata da cavalli, legato in piccoli fasci ed accatastati in covoni nei campi, per poi essere trasportati in cascina dove un giorno sarebbe arrivata la trebbiatrice che lo separava dalla paglia. Ricordo che erano giorni di duro lavoro per i contadini, in piena estate, fra tutto quel frastuono e polvere che s’alzava in cielo, ma c’era comunque tanto entusiasmo e grand’allegria in cascina, con quel movimento di gente operosa e gioiosa che lavorava cantando sull’aia.

Oggi raramente si incontrano le “vere” quaglie: quei pochi esemplari che riescono a nidificare in appezzamenti incolti, devono sopravvivere ai pesticidi e veleni immessi nell’ambiente, ai mezzi meccanici sempre più evoluti, e con l’apertura della stagione venatoria ad oltre la metà di settembre, sono già migrate.

Ricordo che si poteva cacciare di tutto, esercitando liberamente ogni forma di caccia, senza ambiti territoriali ne confini di province o regioni. Con l’apertura generale si poteva cacciare anche la selvaggina stanziale come lepri e fagiani senza distinzione. Chi non possedeva un cane da caccia, improvvisava un capanno fatto di frasche e fogliame raccolti sul posto, con qualche merlo e dei passeri da richiamo in gabbia, attendeva il posarsi di qualche volatile, per poter fare un modesto carniere, a volte restando anche per tutta la giornata, infatti, per la maggior parte dei cacciatori lombardi era molto atteso il passo delle allodole che avveniva dalla metà d’ottobre alla fine di novembre.


Avevo circa sette anni e nel periodo migliore del passo non serviva andare in Calabria o in Sicilia per fare un buon carniere, bastava che il mio papà dicesse: “Domani si va a caccia!”.


La sera stessa, per non perdere tempo il mattino successivo, mi mettevo all’opera per preparare tutto l’occorrente. Per tutta la notte non riuscivo a dormire temendo che, se non mi svegliavo, mio padre mi lasciasse a casa. Si partiva alle prime ore del mattino per occupare i terreni migliori del passo migratorio, che mio papà conosceva perfettamente e frequentava da anni. Aggrappato al sellino della nostra moto Gilera portavo la bisaccia piena di cartucce, ricaricate durante le sere della settimana, ed una doppietta Berretta a cani esterni, che ancora oggi conservo gelosamente. Arrivati sul luogo di caccia ancora col buio ed infreddolito dal viaggio, il mio entusiasmo riemergeva subito quando allestivo il palo con il nostro splendido falchetto gheppio da richiamo: lo prendevo dalla sua cestina e lo legavo allo sgabello sulla sommità del palo. A quei tempi ne era consentito l’uso come per la civetta, l’allocco ed il barbagianni, sostituiti oggi da zimbelli meccanici o stampi di plastica. Con le prime luci dell’alba, appariva un bianco tappeto di gelida brina che depositata durante la notte imbiancava ogni cosa finché, dissipata la fitta nebbia, i primi raggi del sole la sciogliessero. Appena la giornata diveniva più limpida e serena, arrivavano i primi gruppetti di pispole ed allodole, apparendo ad intervalli più o meno lunghi per tutta la mattinata. Le così dette “San Martino”, varietà d’allodole più piccole, chiudevano la stagione del gran passo migratorio.


La forma di caccia che più mi entusiasmava era lo “sguass”: ricordo ancora tutte le notti passate nel capanno, seminterrato in un laghetto artificiale. Stavo appiccicato alle “spiaroule”, piccole finestrelle a pelo d’acqua, ascoltando il gracchiare delle anatre utilizzate da richiamo; con lo sguardo verso la luna piena che rifletteva il suo bagliore, illuminando tutto lo specchio d’acqua come fosse giorno. Attendevo pazientemente l’arrivo di qualche anatra selvatica fino al punto di addormentarmi. Col sorgere dell’alba, ero riposato per assistere al momento migliore: l’arrivo dei primi selvatici. Alzavole, marzaiole,  beccaccini ed a volte intere colonie di pivieri d’ogni specie che si accompagnavano alle pavoncelle; una quantità d’anatidi che oggi ritrovo solo sui libri o nei miei ricordi.


Con la scomparsa del mio papà, ho maturato diverse esperienze frequentando amici cacciatori, passando, alla fine degli anni sessanta, da migratorista a stanzialista, praticando la caccia esclusivamente con cani da ferma. Ad oggi ho addestrato una decina di cani prediligendo le razze pointer e setter con i quali, chi più chi meno bravo, ho sempre ottenuto per la forma di caccia scelta notevoli soddisfazioni.


Oggi posso affermare con certezza di essere un vero ed orgoglioso cacciatore, avendo praticato ogni stagione venatoria in tutti i suoi aspetti, quelli che la natura vissuta mi ha donato. Quello che ho sempre inteso come senso ultimo della caccia trova significato solo nel trascorrere e condividere emozioni ed appassionate avventure con gli amici, senza pensare al carniere: se c'è ben venga! Questo è per me, oggi più che mai, il significato dell’essere cacciatori. Cacciatori di occasioni vissute o mancate, sempre con la speranza che la prossima stagione venatoria sia migliore, vivendola con gran passione, nonostante le numerose regole e restrizioni. In questo modo, da oltre 50 anni d’attività venatoria, sogno e spero sempre, fin che Dio me lo concede, in nuove avventure di caccia, da ricordare e poter raccontare.

 

Federico Arici

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi” A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze [email protected] www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...