HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

A caccia, alla ricerca del tempo perduto


martedì 23 luglio 2013
    

La memoria sfuma i ricordi non più limpidi che si confondono in immagini di realtà ormai perdute. Gli stuoli di migratori raccontavano storie  di andata e ritorno nella ripetizione di felici e fischiettanti trasvolate. Ora non più. A mala pena inseguono le rotte, sostando in ansia alla ricerca della patria smarrita. Poi  fuggono. Al tempo della caccia è subentrato il tempo della memoria, quando allodole infinite sciamavano alla vista del provvido seminatore, abbagliate dal sole. Fra allegri e felici pigolii. Poi l’ora del silenzio e del riposo, quando appariva sorella lepre, sicura dell’assenza dell’uomo nell’incombere di una quiete arcana. Solo qualche volpe poteva insidiarla.

Dopo l’impressionante fuga l’orecchiona scompariva. Nel primo pomeriggio riappariva l’allodola, per qualche pigolio ancora alla ricerca dell’ultimo seme, per poi sollevarsi nell’alto cielo e picchiare invisibile fra i segreti della terra, nell’attesa della notte, annunciata dall’immenso globo del sole al tramonto. La notte stellata ottobrina a significare l’arrivo del tordo signore, zirlando sottile e sibilando per le vie celesti, fino alla silente quiete delle terre del sud, felici e beate lande di svernamento, dove appena si percepiva il lento soffrire del contadino al lavoro, mano all’aratro tirato dal paziente cavallo e sulla bocca il canto dell’amore perduto.

Nulla lasciava pensare al desolante domani, quando masse sconsolanti di cemento e pietrisco avrebbero ricoperto le vermiglie cavità di antiche radici. E il tordo fugge quel domani che s’è fatto desolante oggi perché ha sentito il veleno sul terreno dove beccuzzava l’oliva e il vermetto. E’ scomparso. Ha deciso di non tornare più. Meno uno,due,tre, e così via; e il numero si assottiglia.


Campi di lussureggianti ulivi dismessi dall’anima trasformatrice del tempo. Insania umana violenta e irriflessa, senza poesia, che solo vede nel cemento la sicurezza dell’oggi e del domani, non più nel rispetto di Madre Natura. Abbiamo computerizzata l’anima e dimenticato il lamento della tortora alla ricerca di un raggio di sole sempre più raro e avaro perché più in alto, al di sopra delle lente e demenziali teorie di auto semoventi per un fine settimana di favola che, lo si augura, non si trasformi in tragedia e lutto. E così anche le livide tortore si sono rarefatte nella memoria di primavere perdute, quando dalle assolate spiagge africane sferravano la potenza e la partenza migratrice verso l’Europa e i cieli si riempivano di stuoli lunghi e alterni dall’alba al tramonto, alla scoperta di verdi lande, ricche di fiumi ed acquitrini, di forre impenetrabili dove tentare la riproduzione della specie tra folti folletti di verdi rami, al ritmo di lamenti appena percepibili. Anch’esse hanno smarrito la memoria biologica  di rotte primitive, fra lo scempio di metropoli invadenti e divoratrici dove l’uomo da vivo è meno che un numero, se morto è scomparso nella polvere,introvabile,senza degna sepoltura.

Tortora addio! Il tempo della tua caccia è finito, non c’è più. Ma anche tu hai smesso il lamento perché hai fretta di fuggire, con i tuoi voli a saetta, oggi ancora più imprevedibili.

Quanti e tanti i trampolieri lungo le spiagge. Chiurli, pettegole, totani, pivieri, gambette, aironi, garzette, ecc.ecc.  Grande famiglia dispersa dai veleni catramati, dove alligna solitaria la morte. Non più ad immergere i becchi alla ricerca di chioccioline e pesciolini. Dove, se ovunque c’è pericolo d’inquinamento! E il mare cosa trascina con sé, se non ruderi bruciacchiati e buste di plastica e bottiglie senza più messaggi di speranza. Ahimè,  anche la vostra caccia è al tramonto.. Fa parte della storia e della memoria. Dov’è mai l’acuto fischio del chiurlo, il paradisiaco lamento del piviere, il chiò – chiò allegro della pantana, il ciarliero vocio della pettegola, il sommesso pio pio del piro piro, e così via. E’ la vita che arretra dove si nasconde la morte. E’ questo il destino dell’uomo cacciatore? Scomparire nelle metropoli! Distruggersi per le pazzesche velocità sulle autostrade, languire dopo le insane nottate nelle discoteche , disperdersi nei meandri delle tenebre per smarrire la libertà di essere.

Ma ci sarà una palingenesi della storia e della natura? Se l’uomo delude è inutile reagire con la rabbia nell’anima. Conviene in silenzio ricomporre gli elementi della propria coscienza e attendere con attiva speranza di cambiare il destino della storia anche e soprattutto per dare giustizia a chi ogni giorno langue e muore di fame. 

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:A caccia, alla ricerca del tempo perduto

Profonde riflessioni e considerazioni sul tempo passato,irrimediabilmente perduto, anche per un cacciatore.Ed è la realtà che cambia a danno della natura in nome di un sedicente ed errato pèrogresso che ci rende tutti colpevoli nei confronti di Madre natura.

Voto:

da Titti. 26/07/2013 12.36

Re:A caccia, alla ricerca del tempo perduto

Ho letto di un'elegiaca lode alla nostalgia, sentimento tipicamente umano misto di tristezza e dolcezza; emblema della irriducibile aporia dell'essere uomini consapevoli: una sfida di coraggio, ormai solo per pochi. Ma chissà....

Voto:

da Damiano Rana 26/07/2013 8.27

Re:A caccia, alla ricerca del tempo perduto

Anche la caccia fa parte della memoria storica di ciascun cacciatore, soprattutto quando la si è praticata per tanto e tanto tempo. Sfuma nei ricordi delle belle giornate con le attese, sopratutto dei migratori. Ma in quello scrigno psicologico ci sono anche le delusioni, le speranze irrealizzate, i tiri mancati, ecc. Insomma ogni storia di caccia diviene cultura e si inserisce nella nostra autentica vita di viventi a contatto con Madre Natura.

Voto:

da L'Amante della Natura. 25/07/2013 8.26