HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale


venerdì 7 novembre 2014
    

La beccaccia è dovunque il terreno le sia favorevole quando arriva in Italia dall’est Europa dai luoghi gelidi della nidificazione , allora l’aria diventa frizzante come il vino novello. L’abbiamo cacciata  per il tiro di stoccata, il  piacere di scovarla: di ammirarla quando si staglia bellissima contro il cielo, perseguitata come alimento squisito, regina del bosco e maestra di cani prudenti in un ambiente umido dove l’acqua lascia lievi tratti  di luce nelle pieghe oscure della terra e dove nei grandi boschi di faggi le foglie marciscono intorno ai tronchi tra gli spazi profondi delle radici.

Le guidate straordinarie dei setter che scattano e per farlo si fermano più volte cercando di individuarla quando pedina  svelta con la sua  andatura oscillante  e poi le pose emozionanti e scultoree dei kurzhaar  dai  corpi e le teste  protese in avanti agili e potenti  nel vento delle luci dell’alba. La cerca a volte dilagante sulla  pastura e l’azione dei cani che nella loro strada di emanazioni si incontrano ,  si guardano e fermano, di naso e di consenso,  mentre il brivido della passione percorre i loro corpi tesi verso il profumo della beccaccia  che ad un certo momento spingono ad alzarsi da terra  con il volo leggero e  sterza tra gli alberi alti o vola bassa e silenziosa tra l’erica già fiorita di rosa, timorosa  di mostrare la sua bellezza incomparabile dominata dal  becco lungo che sembra tagliare il vento di ricordi inesorabili. Quei  cani che la fermarono ora sono morti come la vita trascorsa e con loro il desiderio e la capacità di scovare il selvatico favoloso fra le gole scoscese che circondano i torrenti congelati dalla  brina che traspare tra  i cespugli al primo calore di un sole pallido di nebbia. Le beccacce   certo ci sono ancora,  loro, passate e future  le stesse abitudini nascoste; annoiate e sopraffatte dai fagiani e dai cinghiali,  prendono il volo non più protagoniste di un mistero e di una passione preziosa ma solo casuali volatrici improvvise e spigolose . Qualcuno grida : “guarda una beccaccia?!   Chissà dove si rimette mi piacerebbe cacciarla”. Sono sconosciute ai nuovi cacciatori,  se non incontrate in fotografia su qualche rivista, intenti  alle nuove cacce più semplici, la maggior parte  spinti dalla passione per il  cinghiale, re delle notti e dei boschi.

Questi sono gli stessi cercati e frequentati  dalle beccacce, ma la situazione  è cambiata,  non c’è più quel silenzio che amavamo  e  dominava sicuro, rotto solo dal fruscio del vento e dalla guidata dei cani struscianti a terra come serpenti  e dal loro  ansimare che si univa  al battito del nostro cuore,  lo stesso  per l’emozione dell’attesa e della vista del cinghiale che fugge veloce seguito da un manipolo di cani  abbaianti, molto rumorosi per spingerlo ad uscire dal suo covo di spine e di foglie.

Oltre a tutto ciò con gli anni che vengono addosso insospettati e incerti il desiderio di scorrere colline, boschi e maggesi diminuisce e più volentieri si sta’ alla posta, in piedi o provvisoriamente seduti su un seggiolino di fantasia e di fortuna.

Non  ricordiamo  se l’emozione sia uguale o meno  a quella dell’ attesa del frullo della beccaccia con l’incognita delle possibili direzioni che il volo ovattato potrebbe prendere o a  quella dell’ attesa di vedere la sagoma del cinghiale apparire dentro i trottoi del bosco o all’uscita di questo, fornendo un bersaglio irripetibile di un mantello scuro brinato accompagnato dagli abbai sempre più feroci e forti di cani di vari colori e dimensioni che serpeggiano agili e tesi.

Ecco la similitudine:  un’unica emozione,  un solo cuore che batte veloce per  i due misteriosi abitanti dei boschi, scuri e selvaggi, orgogliosi dei loro titoli di regina e di re.  Intorno gli alberi mostrano i colori dell’autunno e dell’inverno: emergono  i castagni colmi di ricci acuminati, i lecci, i cerri produttori di ghiande cibo preferito dai cinghiali e dai colombacci; tutti pennellano di colori straordinari, giallo, marrone,  rosso, nero, un’ ambiente di favola  per momenti straordinari che non vorremo perdere mai. Ricordiamo i  cani che ci hanno accompagnato tutta la vita, è cambiato solo il tipo di razza: prima da ferma e quindi da seguito; ambedue  hanno  attitudini diverse ma in ogni caso sono gli stessi amici che abbiamo sognato di possedere e che ci sono stati compagni dove e quando siamo riusciti ad essere liberi dallo studio, dal lavoro, dalla famiglia. Il mistero è lo stesso, le stesse incognite: ma sempre dovremmo possedere  un’anima intrepida mossa dalla passione e dall’emozione che solo questi gnomi dei boschi sanno darci insieme al mistero più grande e potente del nostro destino  e  di quello degli animali che abbiamo cacciato e amato per una strana contraddizione dove la vita e la morte stanno insieme in un cerchio senza fine.

 

Alfredo Lucifero

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...