HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale


venerdì 7 novembre 2014
    

La beccaccia è dovunque il terreno le sia favorevole quando arriva in Italia dall’est Europa dai luoghi gelidi della nidificazione , allora l’aria diventa frizzante come il vino novello. L’abbiamo cacciata  per il tiro di stoccata, il  piacere di scovarla: di ammirarla quando si staglia bellissima contro il cielo, perseguitata come alimento squisito, regina del bosco e maestra di cani prudenti in un ambiente umido dove l’acqua lascia lievi tratti  di luce nelle pieghe oscure della terra e dove nei grandi boschi di faggi le foglie marciscono intorno ai tronchi tra gli spazi profondi delle radici.

Le guidate straordinarie dei setter che scattano e per farlo si fermano più volte cercando di individuarla quando pedina  svelta con la sua  andatura oscillante  e poi le pose emozionanti e scultoree dei kurzhaar  dai  corpi e le teste  protese in avanti agili e potenti  nel vento delle luci dell’alba. La cerca a volte dilagante sulla  pastura e l’azione dei cani che nella loro strada di emanazioni si incontrano ,  si guardano e fermano, di naso e di consenso,  mentre il brivido della passione percorre i loro corpi tesi verso il profumo della beccaccia  che ad un certo momento spingono ad alzarsi da terra  con il volo leggero e  sterza tra gli alberi alti o vola bassa e silenziosa tra l’erica già fiorita di rosa, timorosa  di mostrare la sua bellezza incomparabile dominata dal  becco lungo che sembra tagliare il vento di ricordi inesorabili. Quei  cani che la fermarono ora sono morti come la vita trascorsa e con loro il desiderio e la capacità di scovare il selvatico favoloso fra le gole scoscese che circondano i torrenti congelati dalla  brina che traspare tra  i cespugli al primo calore di un sole pallido di nebbia. Le beccacce   certo ci sono ancora,  loro, passate e future  le stesse abitudini nascoste; annoiate e sopraffatte dai fagiani e dai cinghiali,  prendono il volo non più protagoniste di un mistero e di una passione preziosa ma solo casuali volatrici improvvise e spigolose . Qualcuno grida : “guarda una beccaccia?!   Chissà dove si rimette mi piacerebbe cacciarla”. Sono sconosciute ai nuovi cacciatori,  se non incontrate in fotografia su qualche rivista, intenti  alle nuove cacce più semplici, la maggior parte  spinti dalla passione per il  cinghiale, re delle notti e dei boschi.

Questi sono gli stessi cercati e frequentati  dalle beccacce, ma la situazione  è cambiata,  non c’è più quel silenzio che amavamo  e  dominava sicuro, rotto solo dal fruscio del vento e dalla guidata dei cani struscianti a terra come serpenti  e dal loro  ansimare che si univa  al battito del nostro cuore,  lo stesso  per l’emozione dell’attesa e della vista del cinghiale che fugge veloce seguito da un manipolo di cani  abbaianti, molto rumorosi per spingerlo ad uscire dal suo covo di spine e di foglie.

Oltre a tutto ciò con gli anni che vengono addosso insospettati e incerti il desiderio di scorrere colline, boschi e maggesi diminuisce e più volentieri si sta’ alla posta, in piedi o provvisoriamente seduti su un seggiolino di fantasia e di fortuna.

Non  ricordiamo  se l’emozione sia uguale o meno  a quella dell’ attesa del frullo della beccaccia con l’incognita delle possibili direzioni che il volo ovattato potrebbe prendere o a  quella dell’ attesa di vedere la sagoma del cinghiale apparire dentro i trottoi del bosco o all’uscita di questo, fornendo un bersaglio irripetibile di un mantello scuro brinato accompagnato dagli abbai sempre più feroci e forti di cani di vari colori e dimensioni che serpeggiano agili e tesi.

Ecco la similitudine:  un’unica emozione,  un solo cuore che batte veloce per  i due misteriosi abitanti dei boschi, scuri e selvaggi, orgogliosi dei loro titoli di regina e di re.  Intorno gli alberi mostrano i colori dell’autunno e dell’inverno: emergono  i castagni colmi di ricci acuminati, i lecci, i cerri produttori di ghiande cibo preferito dai cinghiali e dai colombacci; tutti pennellano di colori straordinari, giallo, marrone,  rosso, nero, un’ ambiente di favola  per momenti straordinari che non vorremo perdere mai. Ricordiamo i  cani che ci hanno accompagnato tutta la vita, è cambiato solo il tipo di razza: prima da ferma e quindi da seguito; ambedue  hanno  attitudini diverse ma in ogni caso sono gli stessi amici che abbiamo sognato di possedere e che ci sono stati compagni dove e quando siamo riusciti ad essere liberi dallo studio, dal lavoro, dalla famiglia. Il mistero è lo stesso, le stesse incognite: ma sempre dovremmo possedere  un’anima intrepida mossa dalla passione e dall’emozione che solo questi gnomi dei boschi sanno darci insieme al mistero più grande e potente del nostro destino  e  di quello degli animali che abbiamo cacciato e amato per una strana contraddizione dove la vita e la morte stanno insieme in un cerchio senza fine.

 

Alfredo Lucifero

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...