HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Profumo di resina


martedì 20 gennaio 2015
    

Il giorno, variopinto e profumato di resina, era nuvoloso,  il viottolo stretto e il bosco lo abbracciava; la neve  bassa, soffice e profumata; il vento soffiava energicamente dipingendo gli abeti rossi di candore come un velo di seta; il silenzio m’invadeva, arrossava il volto e le dita s’indurivano, la parola diventava affannata e incominciavo a sudare. Mi sentivo spogliato dei vestiti.

Il sentiero saliva verso destra, poi scendeva e si ristringeva; lasciavo la strada maestra per raggiungere l’altana che, innevata, mi attendeva.

Mentre camminavo avvistavo svolazzare dinnanzi un codirosso, un cuculo, una cincia che cinguettando ti facevano udire la loro orchestra nel silenzio della foresta alpina.

Gli abeti, immobili e bianchi, accarezzavano il manto erboso che dimorava sotto al candore, piegandosi su se stessi per il peso; conferivano profumo di resina all’aria.

La lepre bianca con le punte delle orecchie nere saltellando sfiorava la neve lasciando silenziosamente le sue orme, riparandosi immobile nel suo covo.

Il cane mi seguiva, mi guardava in silenzio; l’acqua azzurra del torrente, solitamente impetuosa era ghiacciata, quasi imbalsamata, frenata, impietrita, quasi sorpresa.

Arrivavo all’altana con i vestiti umidi in ogni loro lembo, salivo, mi sedevo, prendevo in mano il binocolo e intravvedevo tra la ramaglia del sottobosco un cervo maschio che, immobile sotto all’ abete, scuoteva il suo palco facendo scendere la neve, si riparava dal vento e dalle bufere nevose.

Osservavo le bellezze che Dio ci ha donato: il gruppo del Sella con la sua forma a ferro di cavallo, con i suoi abeti e prati innevati alla base e la roccia viva alle estremità dei monti che anch'essa innevata pareva la barba di un uomo che invecchiando diventava sempre più bianca.

Il Sella mi guardava e mi accompagnava silenzioso nel cammino; ad un certo punto intravedevo un capriolo che velocemente usciva dal bosco come se stesse scappando da un attacco, veniva a scaldarsi al sole che timidamente cercava di forare le nubi; nella radura dinnanzi, stavo lì seduto, con il cane sdraiato ai miei piedi, in silenzio.

Poi, preso dalla stanchezza, mi alzavo, scendevo dall’ altana, ritornavo indietro e andavo verso il passo Gardena.

Arrivato in prossimità della cascata del Pisciadù ammiravo estasiato tale bellezza: un'acqua cristallina che solidificandosi dipingeva il ghiaccio di azzurro.

Camminando nella neve soffice udivo il rumore delle auto in lontananza, il suono della campana della Chiesa e ammiravo il Creato.

L’imponenza di sua maestà il cervo che con un balzo saltava la viottola sulla quale mi trovavo, per poi risalire verso il monte, mi  faceva sobbalzare e battere il cuore. Continuavo la mia passeggiata in mezzo alla neve che, come una camera insonorizzata, attutiva i rumori.

Arrivavo ad una baita: il camino annerito fumava lentamente;  all'esterno,  un camoscio appeso per le corna, con una bella criniera; i cacciatori, ora all'interno, lo avevano appena abbattuto, era un bel maschio vecchio.

Entrai nella baita, sul tavolaccio un bel cappello di loden verde, adornato con una bella coda a forma di lira di un gallo forcello, nero con riflessi verdi blu; scambiai due parole e ripartii.

A poche centinaia di metri dal passo incontrai un altro cacciatore, baffuto,  con un viso che sembrava un triangolo, e con la sua mantella di loden verde, dove sotto elegantemente teneva una bella carabina che portava alla partigiana,  con la canna rivolta in avanti. Sul cappello aveva un ciuffo pettinato e ben folto di peli di camoscio, gli scarponi in cuoio con le stringhe rosse, i calzettoni di lana bianchi ricamati e i pantaloni in velluto verde che si restringevano al ginocchio con un cinturino.

Arrivati verso il passo, deviai verso sinistra e iniziai a percorrere la Val Setus per raggiungere il rifugio Pisciadù: Proseguii ed arrivai al rifugio Boé che con le sue finestre grigio a righe azzurre mi attendeva nell’ alta valle, silenziosa.

La neve aveva cessato di scendere da tempo e cominciava a luccicare, il cielo si era rasserenato, il sole era riuscito a forare le nuvole facendo la sua comparsa.

Arrivati in cima ammirai la bellezza di due camosci adulti che si rincorrevano, neri, con manto invernale, con due belle criniere.

Il tramonto stava arrivando, il sole si abbassava, la neve incominciava a colorarsi di rosa, l’insieme delle punte delle montagne sembravano una lama di una sega da legno, il silenzio ti accoglieva e il buio mi stava raggiungendo dall’orizzonte.

La cena succulenta a base di polenta e cervo mi attendeva nel rifugio in quota, la legna ardeva nel camino al suo interno e scaldava gli ambienti.

Mi coricai a letto con il cane accucciato ai miei piedi.

Il giorno seguente mi svegliai all’ alba, il cielo era sereno e il rossore del sole cedeva il suo spazio all’ azzurro.

I nevai delle montagne, man mano che il sole saliva, si notavano sempre più.

Proseguii per le alte vie con lo zaino in spalla per raggiungere il passo Pordoi.

Mentre camminavo intravidi un' arena di canto dove due galli forcelli neri come il petrolio,  in lontananza piccoli come due puntini, combattevano per contendersi la femmina.

Continuai a camminare e intravvidi lontano un cacciatore con la carabina appostato, immobile, in silenzio con il suo segugio Hannoveriano fermo sullo zaino. Arrivato al passo Pordoi, il paesaggio lunare era incantevole,  da una parte la val di Fassa e alle mie spalle la val Badia e la Marmolada che candida mi guardava come Gesù Cristo vigila sulla nostra testa tutti i Santi giorni; il cane mi guardava silenzioso e mi seguiva.

Il tratto era ripido, scivoloso e malmesso, il sole scaldava, il cielo era turchino, la neve si stava sciogliendo sul cammino, lungo e solitario.

Arrivati in paese, il cane sembrava impazzito, mi faceva le feste, mi saltava addosso, mi leccava in segno di ringraziamento per quello che erano state queste due giornate trascorse insieme!

 

Simone Marzola

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Profumo di resina

Ottimo!

Voto:

da Simone 20/01/2015 12.33