Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La vendetta delle volpi


giovedì 11 maggio 2017
    
La natura di Quercia Alta risentiva della perdita di Baffirosa e Pellucido, due belle volpi uccise nottetempo dal bracconiere Gaspare. Ma i volpacchiotti non avevano dimenticato quella perdita e fra gli intrighi del grande bosco tramavano ai danni dell’uomo. Conoscevano il pollaio del bracconiere quando nelle notti ventose levavano il muso all'alito del vento. Erano pronti alla vendetta. Avrebbero rischiato, ma erano decisi, anche pagando con la morte. Fu organizzato l'attacco.

Occhivispi procedeva da avanguardista seguito dagli altri che erano in attesa del segnale d'attacco. Musolungo,fiutava dappertutto, mentre Sanguecaldo digrignava i denti: voleva ad ogni costo e subito fare strage delle galline di Gaspare. Mezzaluna, volpina docile e timida, era pronta a partecipare all’assalto. Pellenera avrebbe attaccato per prima. Cagnetta dimenava la coda, euforica per l’avventura in quella notte senza luna e senza stelle al soffio della leggera brezza sciroccale. L’attacco al pollaio richiedeva la massima correttezza. Quercia Alta distava dalla villa di Gaspare un paio di chilometri. Cespugli, sassi e rovi erano sparsi dappertutto. Bisognava attraversare vigneti pieni di sarmenti e di tanto in tanto evitare qualche palizzata. L’ombra del bracconiere poteva apparire da ogni parte. Il vero pericolo era lui. I sei volpacchiotti avanzavano a ventaglio, agli ordini di Occhivispi che dirigeva le operazioni, evitando ostacoli di ogni genere e acquattandosi laddove intuiva insidie. Seguiva a breve distanza Musolungo, la cui potenza olfattiva era pronta a segnalare esche avvelenate. Di tanto in tanto si fermavano nel silenzio della notte quando la percezione del pericolo è più imminente. Poi Musolungo si girava di scatto per controllare i fratelli che seguivano a distanza.

Attenti! Fermi! Mezzaluna chiedeva aiuto.

La più docile e la più timida della famiglia non riusciva ad evitare uno spineto e segnalava la difficoltà, con un appena percettibile guaito. Sanguecaldo la più forte della squadriglia, con un salto all’indietro fu subito da Mezzaluna incoraggiandola a proseguire. Pellenera scortava la retroguardia; avanzava silenziosa sbirciando di sottecchi Cagnetta, la volpina che poteva compromettere il piano d’attacco. Gli occhi verdastri fra le tenebre esprimevano rabbia, immaginando il compimento della missione punitiva: sgozzare i polli del bracconiere. Improvvisamente un volo ciarliero di tre civette lacerò la quiete della notte. Le sei volpi balzarono fulminee a nascondersi. Rimasero immobili per un bel pezzo, fino al ritorno della calma. sentivano,vicino e lontano, il grido degli uccellacci.

Ahimè, se il bracconiere sapesse!

Il pollaio era situato in un vigneto ed era conveniente circondarlo prima di sferrare l’attacco. Intanto le tre civette erano diventate cinque e volavano inquiete nel cielo. Si attendeva l’ordine di attacco da parte di Occhivispi, mentre Musolungo e Pellenera tracciavano il terreno per irrompere nel recinto. Sgozzare e fuggire erano gli imperativi della squadriglia. Le operazioni procedevano alla perfezione. Sanguecaldo teneva a bada Mezzaluna e Cagnetta. Furono subito individuati dei cunicoli che portavano al pollaio, dove in un angolo sonnecchiavano i ventidue polli di Gaspare. Qualche gallina emise un rauco ed impercettibile “cocorò” d’avvertimento, ma nessuna s’era scomposta. Stupidità dei polli!
Pronti all’attacco!

Il segnale giunse da un atavico richiamo del sangue. Occhivispi digrignò i denti invitando fratelli e sorelle all’aggressione. Fu la notte della vendetta. Le volpi, fulminee, piombarono sui polli che si dimenavano sotto i morsi mortali. Sanguecaldo, il più furibondo, scannava galli e galline a più non posso e quelli s’affievolivano rauchi e languivano. Nei cieli volavano gridando le civette. Durò un buon quarto d’ora l’attacco al pollaio di Gaspare. Occhivispi fu il primo a fuggire. Poi sgattaiolò Cagnetta, Mezzaluna e così via. I rapaci di Quercia Alta, al sentore del sangue, calavano nel pollaio come bolidi, mentre le volpi si leccavano sulla pelle i segni della lotta. Occhivispi sanguinava da un canino, tanta era stata la forza nel mordere; mai aveva sgozzato con tanto ferocia. Sanguecaldo sanguinava. Mezzaluna aveva preso beccate alla coda e allungava il muso all’indietro per leccarsi le ferite. Anch’essa aveva partecipato attivamente all’aggressione. Pellenera aveva seminato il terrore. La volpina Cagnetta portava i segni ricevuti dei galli. Così l'attacco s'era compiuto e Gaspare aveva ricevuto la giusta punizione.
 
 
Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:La vendetta delle volpi

Nella natura la lotta per la sopravvivenza si esprime anche e soprattutto con l'aggressività. A volte è coinvolto anche l'uomo che comunque fa parte della vita in natura.Racconto fantasioso e piacevole.

Voto:

da La figlia di Diana. 12/05/2017 7.18