HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

La vendetta delle volpi


giovedì 11 maggio 2017
    
La natura di Quercia Alta risentiva della perdita di Baffirosa e Pellucido, due belle volpi uccise nottetempo dal bracconiere Gaspare. Ma i volpacchiotti non avevano dimenticato quella perdita e fra gli intrighi del grande bosco tramavano ai danni dell’uomo. Conoscevano il pollaio del bracconiere quando nelle notti ventose levavano il muso all'alito del vento. Erano pronti alla vendetta. Avrebbero rischiato, ma erano decisi, anche pagando con la morte. Fu organizzato l'attacco.

Occhivispi procedeva da avanguardista seguito dagli altri che erano in attesa del segnale d'attacco. Musolungo,fiutava dappertutto, mentre Sanguecaldo digrignava i denti: voleva ad ogni costo e subito fare strage delle galline di Gaspare. Mezzaluna, volpina docile e timida, era pronta a partecipare all’assalto. Pellenera avrebbe attaccato per prima. Cagnetta dimenava la coda, euforica per l’avventura in quella notte senza luna e senza stelle al soffio della leggera brezza sciroccale. L’attacco al pollaio richiedeva la massima correttezza. Quercia Alta distava dalla villa di Gaspare un paio di chilometri. Cespugli, sassi e rovi erano sparsi dappertutto. Bisognava attraversare vigneti pieni di sarmenti e di tanto in tanto evitare qualche palizzata. L’ombra del bracconiere poteva apparire da ogni parte. Il vero pericolo era lui. I sei volpacchiotti avanzavano a ventaglio, agli ordini di Occhivispi che dirigeva le operazioni, evitando ostacoli di ogni genere e acquattandosi laddove intuiva insidie. Seguiva a breve distanza Musolungo, la cui potenza olfattiva era pronta a segnalare esche avvelenate. Di tanto in tanto si fermavano nel silenzio della notte quando la percezione del pericolo è più imminente. Poi Musolungo si girava di scatto per controllare i fratelli che seguivano a distanza.

Attenti! Fermi! Mezzaluna chiedeva aiuto.

La più docile e la più timida della famiglia non riusciva ad evitare uno spineto e segnalava la difficoltà, con un appena percettibile guaito. Sanguecaldo la più forte della squadriglia, con un salto all’indietro fu subito da Mezzaluna incoraggiandola a proseguire. Pellenera scortava la retroguardia; avanzava silenziosa sbirciando di sottecchi Cagnetta, la volpina che poteva compromettere il piano d’attacco. Gli occhi verdastri fra le tenebre esprimevano rabbia, immaginando il compimento della missione punitiva: sgozzare i polli del bracconiere. Improvvisamente un volo ciarliero di tre civette lacerò la quiete della notte. Le sei volpi balzarono fulminee a nascondersi. Rimasero immobili per un bel pezzo, fino al ritorno della calma. sentivano,vicino e lontano, il grido degli uccellacci.

Ahimè, se il bracconiere sapesse!

Il pollaio era situato in un vigneto ed era conveniente circondarlo prima di sferrare l’attacco. Intanto le tre civette erano diventate cinque e volavano inquiete nel cielo. Si attendeva l’ordine di attacco da parte di Occhivispi, mentre Musolungo e Pellenera tracciavano il terreno per irrompere nel recinto. Sgozzare e fuggire erano gli imperativi della squadriglia. Le operazioni procedevano alla perfezione. Sanguecaldo teneva a bada Mezzaluna e Cagnetta. Furono subito individuati dei cunicoli che portavano al pollaio, dove in un angolo sonnecchiavano i ventidue polli di Gaspare. Qualche gallina emise un rauco ed impercettibile “cocorò” d’avvertimento, ma nessuna s’era scomposta. Stupidità dei polli!
Pronti all’attacco!

Il segnale giunse da un atavico richiamo del sangue. Occhivispi digrignò i denti invitando fratelli e sorelle all’aggressione. Fu la notte della vendetta. Le volpi, fulminee, piombarono sui polli che si dimenavano sotto i morsi mortali. Sanguecaldo, il più furibondo, scannava galli e galline a più non posso e quelli s’affievolivano rauchi e languivano. Nei cieli volavano gridando le civette. Durò un buon quarto d’ora l’attacco al pollaio di Gaspare. Occhivispi fu il primo a fuggire. Poi sgattaiolò Cagnetta, Mezzaluna e così via. I rapaci di Quercia Alta, al sentore del sangue, calavano nel pollaio come bolidi, mentre le volpi si leccavano sulla pelle i segni della lotta. Occhivispi sanguinava da un canino, tanta era stata la forza nel mordere; mai aveva sgozzato con tanto ferocia. Sanguecaldo sanguinava. Mezzaluna aveva preso beccate alla coda e allungava il muso all’indietro per leccarsi le ferite. Anch’essa aveva partecipato attivamente all’aggressione. Pellenera aveva seminato il terrore. La volpina Cagnetta portava i segni ricevuti dei galli. Così l'attacco s'era compiuto e Gaspare aveva ricevuto la giusta punizione.
 
 
Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:La vendetta delle volpi

Nella natura la lotta per la sopravvivenza si esprime anche e soprattutto con l'aggressività. A volte è coinvolto anche l'uomo che comunque fa parte della vita in natura.Racconto fantasioso e piacevole.

Voto:

da La figlia di Diana. 12/05/2017 7.18