HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

I fischietti di Romeo


lunedì 17 novembre 2008
    

Negli ultimi anni cinquanta del ventesimo secolo,forse era il 1958, arrivò in paese un giovane medico. Figlio di cacciatori, non aveva potuto esercitare la caccia come avrebbe voluto per via degli studi. Ora però, vinta la condotta, un giorno la settimana l’avrebbe dedicato alla caccia, in modo particolare alla caccia delle allodole. Certo le allodole non si cacciano a giorni fissi o pianificati, ma lui non poteva di più. Scelse il mercoledì e si trovò un sostituto. Quel primo giorno di caccia partì di buonissima ora, quando il sole ancora nicchiava: bisognava essere sul posto di buon mattino per fare ogni preparativo con calma, per dare inizio alla giornata con quella gioia dell’attesa da cui scaturisce la serenità di tutta la giornata. Ancora non era apparso il primo bagliore dell’alba che già aveva preparato ogni cosa in un campo ampio che si prestava ad erigere un capanno in direzione nord est. Glielo aveva insegnato suo padre:
un buon posto solitario con capanno ben mimetizzato, buoni richiami, aiutati da un buon zufolo, buone cartucce e fucile che tira diritto. Tutto era sistemato.
Quando spuntò l’alba s’avvide che a breve distanza sorgeva un altro capanno con poche frasche ma ben mimetizzanti. Dentro sedeva qualcuno che fumava la pipa; lo capì dalla fiammella altalenante per le frequenti riaccensioni. Provò un senso di amarezza perché sembrava tutto compromesso. Da persona educata qual’era decise di far visita al vicino per vedere chi era e magari, dicendogli di essere il nuovo dottore del paese, indurlo ad andare altrove. Si avvicinò con passo svelto al vicino e prima ancora che si alzasse, gli disse:
“ Scusi ma c’ero io qui prima di lei. Sono il nuovo medico del paese e caccio le allodole solo il mercoledì; non potrebbe andare in un altro campo?
Allora quell’uomo si alzò in piedi e avendo sentito che si trattava del dottore si tolse la pipa dalla bocca. Attese un momento prima di rispondere, quasi come se stesse mettendo in ordine i pensieri, poi guardò il giovane medico e con garbo gli disse: “ Mi dispiace ma io ho settant’anni e sto qui da quando sono nato, dunque sono arrivato prima io. Va bene, lei è il dottore, ma io per ora sto benone. Ma considerata l’età che ho potrei avere bisogno di lei fra qualche anno, forse prima, chi lo sa. Allora le faccio una proposta: perché, solo per oggi, non uniamo i capanni? C’è giusto il tempo per farlo prima che levi il sole e inizi il passo” Il medico fu sorpreso da quella via di mezzo ma per rispetto all’età del vicino decise di accettare e per mettersi reciprocamente a proprio agio rispose:
Mi chiamo Aurelio e sarei onorato se lei mi desse del tu; condividere con lei la giornata di caccia mi fa piacere, quindi accetto la sua offerta”.
fl vecchio, questa volta, si tolse il capello e gli rispose:
Sono Romeo, ma in paese mi chiamano tutti Rom, nome abbreviatomi per via del mio continuo girovagare per i campi. Non ho mai parlato con un dottore e se ci dessimo del tu, sarebbe una semplificazione. Sta bene tutto ma ti taglio il nome a metà: ti chiamerò Elio”. Subito si misero a rifare il capanno e cominciarono a studiarsi. Il vecchio Rom guardò due volte il dottor Elio e si convinse subito che l’imberbe cacciatore aveva bisogno di imparare tante cose. Tolse dalla tasca della vecchia cacciatora una collana di spago con appesi vecchi fischietti in ottone, a forma di tamburino e di diverse misure. Prima di metterli al collo li mostrò uno ad uno al dottore perché distinguesse i diversi fischi che sapeva trarne. Il dottore lo ascoltava molto attentamente: nessuno gli poteva dare miglior lezione.
li vecchio Rom godeva intensamente per l’attenzione che otteneva e azzardò un invito.
Elio, prendi i tuoi fischietti e prova ad imitare il modo di fischiare che ti ho fatto sentire io; solo se le allodole verranno al tuo richiamo sarà la prova dell’efficacia della lezione.” Le prove durarono alcune ore e verso le 11 dello stesso mattino, anche il medico riuscì a far ritornare un gruppetto di allodole cui avevano appena sparato. Il vecchio aveva un fucile calibro 16 a cani esterni, un Beretta attempato quasi come lui. Se lo era comprato grattando sul fondo dei suoi risparmi, ma ne valeva la pena. Era un’arma vecchia, ma un buon fucile, equilibrato, giusto di peso per sopportare le cartucce che Rom faceva da sé.
La pipa che stringeva fra gli ultimi denti era stata di suo padre; ma tirava ancora bene anche se spesso si spegneva perché il vecchio, preso com’era dalle allodole, si dimenticava di tirare boccate regolari. Cos’ì a quell’ora, posto il fucile in modo sicuro, abbassando i cani, accese la pipa e stette ad osservare il dottor Elio. Gli zufoli del dottore erano pure in ottone ma a forma di trombetta mentre due erano a tamburino ma di osso bianco. Rom insisteva perché Elio si specializzasse al richiamo con quelli a tamburino, “sono più convincenti, classici” diceva forse pensando ai suoi, non nascondendo un sorrisetto di piacere nel dare consigli ad un dottore. In quanto al fucile di Elio, semiautomatico Breda tutto inciso, nulla aveva da dire se non per il fatto che “ cinque colpi sono troppi, non danno tregua alle allodole perché qualcuna possa salvarsi per altri “. Il medico sparava bene, aveva il tempo giusto, forse ereditato dai suoi avi: “una vera fortuna “ diceva Rom. Altro aspetto positivo dell’unione del capanno era che il dottore, essendo molto giovane e volendo fare anche un p0’ di movimento, faceva volentieri il raccoglitore dei capi abbattuti. Verso le tredici il passo cessò totalmente ed i due decisero di tornare a casa. Elio, che era ancora scapolo, non sapeva cosa farne delle allodole prese, che erano un bel mazzetto; così decise, con piacere di Rom, che aveva famiglia, di lasciarle tutte al vecchio, primo amico della sua condotta.
Fino a San Martino, ogni martedì sera il vecchio Rom mandò a dire al dottore, che all’indomani l’attendeva al capanno, che vi andasse pure con calma perché il capanno sarebbe già stato pronto e aggiustato per loro due. Ne nacque un’amicizia venatoria sincera e fatta di reciproco rispetto.
Quell’anno ci fu un inverno freddissimo. Il vecchio Rom di legna non ne aveva molta e di coprirsi pure neanche un gran che. Le cesene arrivarono appena dopo San Martino e più faceva freddo e più passavano, anche se poche si fermavano a pasturare, proprio per il terreno gelato, curando poco lo scarno richiamo di Rom che sostava in un gelido capanno fino al primo pomeriggio.
Si buscò una tosse ostinata, che trascurò come aveva sempre fatto, facendo appello alla sua fibra di uomo temprato. Manco gli balenò l’idea di chiamare il suo nuovo amico dottor Elio: “ passerà “, diceva alzando le spalle. Ma così non fu: nella sua dignitosa solitudine una notte morì.
Quando al mattino il dottor Elio fu avvisato, accorse, ma ormai nulla potè. Rivoltosi ai parenti disse loro: “ E’ morto il mio maestro che mi ha dato tanto, cui non ho potuto rendere nulla”.
Raccoltosi per una preghiera notò su una vecchia madia la collanina di spago con gli zufoli appoggiata su di un foglietto. Si avvicinò e vide che vi stava scritto:
Se dovessi morire li lascio al mio unico amico Elio “ . I parenti vollero che prendesse quei fischietti: certo non capirono il valore di quella eredità.

Giuseppe Lauri

 

 

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

 

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...