Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzello Il ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Lepri di Lorenzo


lunedì 13 ottobre 2008
    

Devo essere sincero ed ammettere che di lepri ne ho ammazzate poche a differenza di mio fratello Lorenzo, che anche dopo il suo trasferimento da Volterra per lavoro, ha continuato a cacciarle uccidendone molte.
Tutti i sabati era quassù e partiva con la sua Bora. Questa cagnetta era una Kurzhaar, con il manto di color marrone scuro ed uniforme, di taglia media, mozza, una brava cagna, che gli ha fatto ammazzare tante lepri, soprattutto nella zona dell’Ulivello, podere che rimane a una decina di chilometri da Volterra. Il posto è chiamato “Corridoio”, perchè è compreso fra due riserve: la zona di ripopolamento cacciatori nella parte bassa e la riserva di Spedaletto pane alta. Posto molto accidentato, formato da vaste grotte di argilla, calanchi, canneggiolai, con qualche macchione di arbusti di spine, rovi, tante ceppite, per la maggior parte in posizione di solatio. Alla lepre questa conformazione del terreno doveva piacere molto altrimenti non ci sarebbe rimessa, inoltre era una zona non frequentata dai lepraioli per la limitatezza di spazio e nelle giornate di pioggia o di gelida tramontana la lepre preferiva la zona pulita e soleggiata del Corridoio. 
Bora è stata una cagna che a forza di trovare ed abboccare la lepre, aveva quasi smesso di cacciare il fagiano. Conosceva benissimo questo selvatico e trovata l’usta con molta calma,arrivava sino al covo puntandola. Si era accanita verso questo selvatico tanto da imparare tuffi i trucchi sulla rimessa la lepre prima di mettersi al covo fa salti a destra e a sinistra per confondere e disorientare il cane e i predatori, ciò è detto doppie e grovigli, ma si affida anche alla mimetizzazione. Ma veniamo alla cacciata. Un sabato di fine novembre decisi di fare compagnia a Lorenzo. Arrivato molto presto,ancora buio, preso un sorso di caffè, cambiato di abiti, caricata la Bora e l’occorrente si partì per l’Ulivello. 
Mi ricordo della brutta mattinata, piovigginosa e umida e con una fitta nebbia. In poco tempo arrivammo a destinazione. Mio fratello in macchina non smetteva di darmi consigli su come dovevo comportarmi, suggerendomi di tenermi più in alto di lui, di costeggiarlo, di stare a metà grotte, di non richiamare la cagna. Mi raccontava ”Specialmente se è un maschio, passandogli nelle vicinanze, si gonfia e schizza via; mentre la femmina è più restia a balzare”. Lorenzo continuava “Alla lepre piace prendere il sole del primo mattino”. Proseguiva ancora “Una delle ultime che ho ucciso, puntata dalla cagna l’ho vista a ridosso di uno spoglio ballero, fissava guardinga con gli occhi rotondi e rossastri la cagna, con il corpo rigonfio, pronta a schizzare, con un ravvicinato tiro l’ho fermata”. L’attesa fu breve. Lorenzo fece scendere la cagna e la sciolse, io presi a costeggiare quelle grotte piene di fango. La cagna all’inizio mi dava l’impressione che non avesse gran voglia di cacciare, più volte interruppe la cerca soffermandosi a guardarmi, per poi riprendere a girare. Fatta la prima grotta, con calma, osservando la cagna la vidi che incominciava a girare più spedita, fiutando tutti gli arbusti e non si perdeva più ad osservarmi. Si continuò a cacciare in basso e in alto altre grotte,ma di bazzico di lepre nemmeno l’ombra, stavo anche attento a vedere se riuscivo a scorgere le tracce, perchè nella fanghiglia è facile vederle se c’è passata. Ad un tratto in basso, sul confine del ripopolamento, vidi Bora che braccava e notai Lorenzo che imbracciò il fucile; la cagna venne lentamente da me, prese a salire annusando tutto quello che c’era di vegetazione e fu fermata sui cartelli della riserva. Si riprese a cacciare. Meno male le grotte finirono ed iniziò il prato, con tante ceppite e cespugli di ballero, posto valido per le rimesse, anche se tutto era bagnato, finalmente non pestavo più la mota. Rimaneva da cacciare la parte finale del Corridoio, quella che costeggia il piano dell’Alpino, sporca di canneggiole con i cartelli della riserva di Spedaletto che l’attraversano ed è impossibile entrare in questa fitta vegetazione. Mio fratello mi raccontava che più di una volta aveva trovato la lepre senza essere buono di sparare. Mi consigliò di salire in cima e posizionarmi proprio dove finivano le canneggiole e mettermi sul cartello, in modo da vedere anche la parte della riserva. Avevo da fare una faticosa salita, per fortuna non c’erano le grotte e il fango, così feci. Passarono dei minuti, Lorenzo lo vidi fermo in fondo, poi si alzò mettendosi a metà costa incitando la cagna. Poi vidi che si imbracciò, così feci pure io e ad un tratto sentii un gemito seguito da un abbaio di Bora e Lorenzo urlare”Eccola Domenico” .Pronto osservai tutto intorno; poi vidi muovere le canne ed apparire la lepre. Prima di sparare la feci bene entrare nel pulito, poi sparai colpendola in pieno. Arrivò subito la Bora che l’abboccò a non finire; arrivò anche Lorenzo affaticato e contento, le prime parole che pronunciò furono”Te lo avevo detto che si ammazzava”, continuando disse: “Questa è la lepre che ho trovato più volte e che da solo non sono stato buono di ammazzare, oggi ha finito di farmi confondere”.

Domenico Trovato

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...