HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Nonno Vincenzo


domenica 30 giugno 2013
    

“..per Santa Teresa le lodole alla tesa”,  dice il proverbio.
Ma quella mattina di allodole se ne vedevano davvero poche. Colpa del forte vento di tramontana, che condizionava il passo e, costringeva gli uccelli ( quei pochi che si trovavano in volo) a restare in quota cercando luoghi di riposo e ristoro più facili da raggiungere.
Di tanto in tanto però,qualche stormo composto da sette otto elementi,spossato dalla fame e dalla stanchezza, invitato dal melodioso canto riprodotto magistralmente dal fischietto di Vincenzo, sfidava il vento, lanciandosi in picchiata verso le ampie pianure incolte, dalle quali si poteva vedere il mare.
La vecchia doppietta calibro sedici faceva sentire la sua voce e subito dopo Vincenzo lasciava la sua postazione. Qualche centinaio di metri più avanti,Ciccio, il figlio di Vincenzo, osservava la scena e ne traeva le conclusioni: un’altra allodola era caduta.
Anche lui era sapientemente nascosto nelle gronde, ma la sua attenzione non era rivolta principalmente alle allodole, lui era li più che altro per stare attento al padre, che ormai molto anziano, nella foga dell’azione venatoria poteva incorrere in qualche incidente.
“ ma come si fa a non portarlo a caccia” diceva ai parenti e agli altri figli; “ lui vive per la caccia, non preoccupatevi, ci starò attento”.
“ah..la caccia” diceva nonno Vincenzo ai nipoti, “ ti accorgi che sei vecchio quando non puoi piegarti per passare sotto un filo spinato, o che fai fatica ad andare a prendere l’anatra che ti è caduta sulla sponda opposta del lago, dove c’è il fosso che per scendere ti devi tenere con tutte e due le mani e anche con i piedi”.
“Ma io non mi arrendo” diceva fiero “e sparo quando mi regolo che gli uccelli poi mi cadranno vicino ai piedi”.
Ne aveva storie da raccontare Vincenzo, storie di quaglie, quando si volavano senza il cane, o di anatre quando si posavano nel giardino di casa.
Il lavoro, la famiglia e la caccia: i pilastri della sua vita.
Ma c’era un ombra nei suoi racconti, un’area offuscata che rasentava quasi la vergogna; benché avesse fatto ricchi carnieri, non era mai riuscito a sparare una lepre. E siccome si rendeva conto che la salute e l’età lo stavano portando all’inesorabile rinuncia della sua amata passione,questa  “ macchia” lui non riusciva proprio a digerirla.
“Mma la caccia è cosi”  diceva “la caccia è bella proprio per questo!”

Il  vento non voleva cessare, anzi, stava aumentando la sua forza. Ciccio sollevò un braccio per richiamare l’attenzione del padre, tutto quel freddo non gli faceva bene, e siccome di allodole se ne vedevano sempre di meno, aveva ritenuto che andare a casa fosse la cosa più opportuna.
Vide Vincenzo accovacciarsi, come se volesse nascondersi e tradusse il gesto come l’arrivo di un altro stormo di allodole; cosi era infatti,e quando udì il colpo e subito dopo vide il padre dirigersi verso il piano, capi che il carniere era aumentato. Si voltò per raccogliere lo zaino con le cartucce e in quel momento senti un altro colpo. Si girò in direzione del padre e lo vide correre verso la direzione opposta in cui era caduta l’allodola. Preoccupato per la situazione,raccolse velocemente la sua roba e si diresse a passo svelto verso l’uomo che sembra va intento a cercare qualcos’altro.
“La lepre” urlò. “L’ho presa … l’ho presa …” disse al figlio che ormai era giunto a pochi passi da lui.
Ma della lepre nessuna traccia!
Continuarono a cercare, ma niente. Ciccio che non voleva disilludere il padre lo assecondò nelle ricerche, ma in cuor suo si stava sempre di più convincendo che quella lepre era arrivata chissà dove.
L’età, la vista oramai non più come quella di un tempo potevano aver ingannato l’uomo, che  avendo visto il suo obiettivo cosi vicino si era lasciato sopraffare dall’emozione.
Dopo più di un’ora di ricerche, Ciccio a malincuore dovette distogliere il padre da quell’affannosa e inutile operazione.
Vincenzo, rassegnato, convenne con il figlio e i due si diressero verso la macchina.
“Quando mi ricapiterà di nuovo un’altra occasione?” pensò tra se e se Vincenzo, sempre più convinto che quella era la sua ultima stagione di caccia.
Giunti vicino al mezzo, scaricati i fucili, Vincenzo si accomodò in macchina mentre Ciccio si avvicinò ad un grosso tronco di ulivo per togliersi gli stivali e dare una sommaria pulita agli stessi sul grosso arbusto che era cresciuto intorno al piede del  vecchio albero.
E fu in quel momento che scorse i piedi della lepre, andata a morire in un luogo che per lei sembrava   sicuro; si chinò, la raccolse e la portò al padre.
“Te l’avevo detto che l’avevo presa” disse Vincenzo senza lasciar trasparire alcuna emozione.
A modo suo,Vincenzo aveva sconfitto il tempo. La sua mira e i suoi sensi sebbene non più ottimi come quando era in gioventù avevano avuto ancora la meglio.
Anche il figlio, suo malgrado, dovette convenire con se stesso, che il padre, quando si trovava sul terreno di caccia ringiovaniva, riacquistava le forze di un tempo.
“Ah  … la caccia” continuava a raccontare ai nipoti “che cosa non si farebbe per lei, ma non mi fate gridare, perché se mi sente la nonna si arrabbia e diventa gelosa”.
Quell’ombra era sparita dal suo sguardo per lasciare spazio ad un altro sentimento, molto più forte, molto più palese: era sereno.
Il suo volto splendeva di una luce diversa, la luce della consapevolezza.
E  la caccia continuava a far brillare i suoi occhi e quelli di chi ascoltava i suoi racconti, racconti dove non era lui il protagonista, contrariamente a quanto si possa e si poteva pensare, ma era la caccia la protagonista, l’amore verso essa e verso la natura, quell’amore incondizionato che spinge gli uomini, rapiti da questa passione, a vivere secondo quelle leggi che da milioni di anni governano il nostro pianeta.

 

Vincenzo Mazzone

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:Nonno Vincenzo

Mi viene la pelle d oca a leggere questo splendido racconto, CACCIA per sempre..

Voto:

da Franz 24/06/2013 20.43

Re:Nonno Vincenzo

Anch'io,con mio Padre fino a qualche tempo fà si andava a caccia insieme poi x problemi di età(86)non è più venuto,in compenso è stato sostituito da mio figlio e lui è molto soddisfatto di questo,quando rientramio dalla battuta ci aspetta ancora anzioso x sapere se c'è stato il passo dei tordi e le allodole se sono passate al posto dove si andava con lui,èhhh la caccia cosa molto MERAVIGLIOSA,FANTASTICA E PASSIONALE.W LA CACCIA UN SALUTO E UN ABBRACCIO A NONNNO VINCENZO,CIAO. voto:100

Voto:

da MARCELLO64 23/06/2013 11.19

Re:Nonno Vincenzo

Complimenti per il racconto Vincenzo,queste coseti fanno capire quanto sia colmo di sentimento il mondo della caccia........tale situazione la viviamo tutti noi,coloro che,hanno la fortuna di avere un padre cacciatore........lo vedi forte quando sei giovane,invecchiare col tempo,diventare debole in vecchiaia,sono le stagioni della vita.......Mio padre ,73 anni, mi ha confidato che,la prossima stagione,sarà x lui la chiusura con la caccia,da 16 anni che porta il fucile,ora è 3/4anni che x problemi alla schiena,nn viene più con me col cane da ferma,solo la domenica al cinghiale,una delle prime poste8x nn farlo camminare troppo!!!!!!!!!!!se penso quanto camminava prima,mi viene il magone.............Nn sò come comportarmi,se incoraggiarlo a nn mollare,oppure lasciarlo abbandonare,ma di sicuro la domenica senza di lui,nn sarà più la stessa cosa................chissà, staremo a vedere!!!!!!!!!!!adiosu!!!!!!!!!!

Voto:

da alessandro federighi 21/06/2013 17.58