HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Caccia al cinghiale e … misteri


giovedì 3 dicembre 2015
    
La giornata di caccia era incominciata bene, un sole invernale pigro temperava il freddo pungente della tramontana che scompigliava gli alberi intirizziti dal freddo, mostravano i rami spogli e rigidi per le foglie cadute che coprivano il terreno; le pozze d’acqua erano bianche dal ghiaccio di una nottata lunga e fredda. Infatti metà dicembre le giornate sono le più corte dell’anno. Con la piccola squadra di amici decidemmo di cacciare i cinghiali sul grande fosso fitto di rovi che tagliava in due i campi già verdeggianti per il grano e le favette spuntate dal terreno ondulato delle colline che si stendevano fin sotto la città di Volterra di cui si vedeva in lontananza il profilo in ricordo dell’antica Etruria e dello scorrere dei secoli.

I canai battevano il canale e le poste mobili alternavano le posizioni a seconda dell’avanzare dei cani; ogni tanto qualche raro abbaio, poi una canea fitta che si allontanava nei grandi boschi sovrastanti, ma era una volpe a trascinare i cani e non il cinghiale. In attesa del ritorno dei cani, nel frattempo chiamati a gran voce dai canai, decidemmo di esplorare due piccoli boschetti allargati in alto sulla e lungo la strada sterrata che si snodava a poca distanza dal canale. Così fu fatto: mi posizionai insieme all’amico Stefano dove pensavo che eventualmente uscissero i cinghiali.

Il canaio Luciano, piccolo con occhi azzurri pungenti come spilli, aveva con se ancora il proprio cane e scorreva dentro e sopra uno dei boschetti: con un volo diretto e planante qualche raro fagiano, il cane uscì lungo il bordo del boschetto e scendendo si fermò un attimo davanti ad un cespuglio più folto, fece un breve abbaio, poi proseguì oltre la sua ricerca. Da sopra Luciano gridò:” Attenti c’è il cinghiale!” interpretando così il segnale lanciato dal suo cane; fummo subito pronti, ma niente uscì verso di noi; sentimmo però subito dopo una serie di fucilate uscire dal lato opposto, ci domandammo cosa fosse accaduto e se qualche cinghiale fosse stato ucciso dagli altri amici della squadra. Corremmo a vedere: erano usciti quattro cinghiali grossi, ma erano stati tutti padellati, solo uno più piccolo, uscito a parte, giaceva riverso sulla collina. Da sopra in alto, qualcuno gridò: “Uno dei cani giace morto o ferito”. Immediatamente tutti ci riunimmo a vedere e commentare: in effetti la cagna Foresta era stata colpita da una fucilata alla testa ed era morta sul colpo. Dissi “Basta, a questo punto con questa disgrazia, la cacciata è finita. Ma chi è stato così incosciente a colpirla?”. Nessuno rispose, tutti negarono di aver commesso il grave errore.

La Foresta, un piccolo segugio italiano a pelo duro, era il cane più bravo, nessuno ebbe il coraggio di confessare, ciascuno diceva di non aver sparato in quella direzione; uno disse: “ho sparato al cinghiale molto sopra e la cagna  non c’era per niente” e un altro “ho sparato al cinghiale dentro al bosco, con quel colpo in testa la cagna non sarebbe potuta arrivare dove è stata trovata”. Il padrone, il canaio Mauro, grosso e di solito con un’aria serena, singhiozzava forte con la cagna in braccio e diceva fra un singhiozzo e l’altro: “era meglio se non la richiamavo dall’inseguimento alla volpe, povera Foresta era la più brava ed era così buona; e ora a caccia come facciamo?”. Montò in macchina e fece per andare via: “me la porto a casa, arrivederci”, lo convincemmo a restare tra noi e ci fermammo a mangiare qualcosa, poi se ne andò con un altro amico per recarsi dal veterinario e capire come fosse stata uccisa. Si sarebbe dovuta anche ricostruire la posizione della cagna quando è stata trovata, così si  poteva dimostrare chi l’avesse uccisa, ma qualcuno sostenne che era stata spostata perché c’era poco sangue dove era adagiata tra le ruvide erbe dell’inverno. Infatti era stata fulminata sul colpo, e la sua direzione poteva dimostrare chi avesse sparato risalendo alla varie posizioni tenute dai cacciatori.

Suggerii di non indagare sul tipo di proiettile e su chi avesse sparato e di pensare solo che l’avesse uccisa il cinghiale per evitare amarezze e contrasti tra amici.
Dopo un po’ Mauro telefonò dicendo che per il dolore del cane aveva dimenticato di aver visto un cinghiale che entrava in uno dei boschetti gravemente ferito e a quest’ora era senz’altro morto.
Nonostante fosse quasi buio lo andammo a cercare. Infatti sul lato alto del boschetto riuscimmo a vedere una grande macchia di sangue: il cinghiale doveva essere dentro e morto. S’infilò Luciano nella macchia incurante delle spine e cominciò a seguire le macchie di sangue,  finché grido:” E’ qui morto ora lo tiro fuori” e così fece.
Era ormai scuro, il cielo terso era illuminato da una falce di luna ancora pallida, mentre verso il tramonto una lunga striscia rossa ricordava il sole e il sangue dei cinghiali uccisi e quello della cagna Foresta che aveva pagato con la vita la sua fedeltà al padrone Mauro, l’obbedienza e la sua passione per la caccia al cinghiale.


Alfredo Lucifero
Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...