Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Pane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfonia Il re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il cuore del luccio


martedì 13 febbraio 2018
    

Con l'approssimarsi della stagione di caccia, Don Giuseppe nei momenti di riposo, rileggeva qualche pagina di uno dei suoi libri preferiti: “Un castello del parmigiano attraverso i secoli” scritto dal notaio Francesco Luigi Campari, che parlava della loro terra e del loro grande fiume:    “...Il cacciatore vi scova non poche lepri, preda soventi volte delle volpi, e, a tempo, fendono l'aria quaglie, tortore, pernici dal pennaggio brizzolato, beccacce che bezzicano il terreno a mo' di crivello, e altri volatili di passo; vedi sopraccapo grandi schiere di rapidi storni: suoli d'anitre stesi d'inverno sul Po. Il biancheggiante gabbiano brilla sull’ali attento, indi piomba e ghermisce il pesce: fra i canneti s' asconde il variopinto piombino, la passera cannaiola, la gallinella acquatica e l’astuta folaga: sul fiume odi ciurlotti, scorgi aironi, pivieri, pavoncelli ed altri uccelli ripuari, rapaci falchi e roteanti poane terror delle chiocce, notturni barbagianni e silenziosi fatappi…”.
 
Invecchiando Don Giuseppe aveva smesso di seguire la politica.
Finita l'epoca delle contrapposizioni ideologiche, era subentrato un teatrino del tutto repulsivo per quello che ne poteva capire.

Pertanto non sapeva che, nell'ormai mitico decreto “ mille proroghe”, il governo di turno di centro-centro, oltre alle grandi riforme come il pagamento del canone Rai in bolletta Enel, il matrimonio tra persone dello stesso genere, la lotta al degrado ambientale con multe pesantissime a chi buttava mozziconi di sigarette a terra, e la privazione di dignità di selvatico alla nutria, aveva inserito una norma che impediva agli ultra settantenni di poter praticare la caccia se non accompagnati da altro cacciatore con meno di cinquanta primavere.

Fu il maresciallo ad informarlo ufficialmente, togliendogli la prima reazione ad una notizia negativa, l'incredulità.

Riguardo alla seconda, Don Giuseppe in effetti si arrabbiò per un paio d'ore.
La fase della contrattazione non durò che un minuto, non poteva certo per ripicca smettere di battesimare, dire messa, confessare, ordinare matrimoni, celebrare ultime esequie ed altri sacramenti. 

La quarta poi, saltata a piedi pari, figuriamoci un Don Giuseppe depresso..
Rimaneva solo l'accettazione e la ricerca della soluzione.

Qualche giorno dopo sul giornale locale, apparve un comunicato a pagamento:
Hai la licenza di caccia?  Hai meno di 49 anni? Accompagneresti un ultra settantenne nell'esercizio venatorio? Se hai risposto sì a tutte le domande chiama il 392-6247*** per saperne di più.

Dopo un mese, avevano chiamato solo perditempo, animalisti per insultare e la polizia postale che voleva vederci chiaro.

Allora Don Giuseppe decise di parlarne con il Cristo dell'altar maggiore.

“Gesù vorrei chiederVi un consiglio”.

“Cosa c'è Don Giuseppe?”

“Ma forse, con tutto il rispetto, Voi non potrete essermi utile, perché non avete mai avuto la passione per la caccia".

“Però andavo a pesca e moltiplicavo i pesci all'occorrenza.”

“Vedete Signore, il fatto è che non mi vogliono più far cacciare, almeno da solo, perché mi considerano troppo vecchio.”

“E non lo sei?”

“Non lo so, ma se non potrò più andarmene in campagna con Full e la mia doppietta, mi ammalerò e forse ne morirò.”

“Dunque non ti resta che trovare un accompagnatore.”

In quel momento entrò la perpetua per pulire la chiesa. Quando la vide Don Giuseppe le lanciò un rapido sguardo di valutazione.

Disse a bassa voce: “Grazie Gesù.”

Poi alzando il tono e rivolgendosi alla fantesca chiese con voce suadente:

“Maria Rosa hai mai pensato di andare a caccia?”

Approfittando del fatto che il presidente della Federcaccia locale, non pretese che le marche da bollo, iscrisse la perpetua anche al corso di cacciatore di cinghiale in braccata e di selezione agli ungulati (cervo compreso).

Seguì anche personalmente le lezioni. Prima degli esami ragguagliò Maria Rosa sulle domande trabocchetto che usavano fare gli esaminatori, del tipo: a che ora si spara ai pipistrelli, la richiesta di caricare il fucile con uno straccio dentro la canna, o in che mese si poteva abbattere un capriolo maschio privo di palchi.

E Maria Rosa fu promossa.

Venne il giorno dell'Aperura. Maria Rosa, da mancina, alla sinistra di Don Giuseppe e Full in centro. La prima ferma del setter, dopo pochi metri nel campo di miglio, alzò una fagiana.

“A Lei reverendo!”

“Dopo di te Maria.”


La femmina si mise in salvo. Subito il maschio provò a fare lo stesso, ma i due ancora imbracciati, lasciarono partire quasi contemporaneamente il loro colpo di prima canna e per il gallinaceo non ci fu scampo.

Ancora oggi ci si interroga su chi fu a colpire per primo. Alcuni testimoni oculari affermarono che il collo piegò dalla parte di Don Giuseppe e dunque fu Rosa a colpire per prima. Don Giuseppe invece sosteneva il contrario.

A ogni buon conto, la giornata proseguì con l'abbattimento di una lepre di un metro da parte di Rosa e di un germano per Don Giuseppe.

Come l'apertura il resto della stagione andò bene, quasi sempre Don Giuseppe e Rosa poco o molto portavano a casa, fossero anche solo tordi o merli.
Persino le beccacce non si fecero mancare.
  
Con la neve la stagione finì.

Don Giuseppe era triste e per ricordare i bei momenti, pensò di regalare a Rosa un libro che lui amava: “Un castello del parmigiano attraverso i secoli” che nel frattempo (dal 1910 ad oggi) era salito di prezzo, 75 euro o 15 sigari toscani extra, per la sua unità di misura.

“Nel fiume pescoso guizzano i barbi, tinche, lucci voraci, argentei carpi, squisiti persici dalle pinne rosse, lubriche anguille e grossi storioni che talor, tormentati da piccole lamprede, risalgono il fiume, del peso qualche volta di centocinquanta e più chilogrammi ciascuno.”

Dopo averlo letto la perpetua chiese a Don Giuseppe:

“Reverendo non è mai andato a pesca?”
 


Mirco Piccinini

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI
Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi”
A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze
[email protected]    www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Il cuore del luccio

Bel racconto;Mi sembra di rivedere il prete del mio paese,che da cacciatore insidisva alla tana un tasso, che gli mangiava sempre il granoturco, quella volta non voleva proprio uscire e lui purtoppo doveva andare a dire la messa delle Sei, abbandonò la posta per dire messa,per ritornare appena questa era finita, nel frattempo che lui diceva messa,il tasso era uscito e gli aveva mangiato ancora il granoturco, lasciandolo con un palmo di naso.

Voto:

da Il Nibbio 15/02/2018 16.38