HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Migrazione d’autunno a mare


venerdì 18 marzo 2016
    
Giornata solatia, appena baciata dalla leggera brezza del maestrale. Siamo ad ottobre, mese propizio  alle grandi migrazioni. E infatti il primo airone si porta verso il sole, mentre da levante uno stuolo proviene lento e deciso, verso la battigia. Ne puoi osservare il bianco petto, con il color cenere del dorso e delle ali. Il becco a pugnale è retratto, pronto ad allungarsi quando si poserà sulla scogliera. L’airone possiede nel becco un’arma micidiale dallo scatto repentino, a colpire soprattutto gli occhi dell’avversario, uomo o animale che sia.

Poi avverti il rauco grido di richiamo: – Craak – più volte ripetuto. E’ una segnalazione di presenza e forse anche di avvertimento. E intanto i gabbiani sono spariti dalla battigia per dare spazio agli aironi che rimarranno per qualche giorno, per poi dirigersi verso le distese solitarie, ricche di paludi e stagni. Così lungo la spiaggia, a pelo d’acqua, appare il martin pescatore, pronto ad afferrare pesci e crostacei e a far mostra di sè con quel capino che gira a destra e a sinistra, attento a chi potrebbe sottrargli la preda. Ora è fermo sullo scoglio, questo piccolo migratore inquieto. Intanto sulla marina scende il silenzio. E’ l’aurora. Il cielo ha risucchiato il sole dalle acque; e subito la voce del barcaiolo rompe l’incanto, mentre al levarsi della prima brezza si scorge lontano un volo di fischioni. Avanguardia della migrazione che avrà la sua pienezza a novembre. Lo stuolo scompare lontano fino a rendersi invisibile. E’ il momento delle beccacce di mare. Le avverti dal fischio acuto e ripetuto. Decise si portano verso gli estuari del nord. Sono le undici. Il cielo è sereno e senza nubi e fra il riverbero delle acque colpite dai raggi del sole, nel silenzio imperante, squilla acuto e potente il fischio del re dei trampolieri: il chiurlo maggiore. E’ preceduto in volo da una pivieressa; è soltanto un incontro casuale, perché sua maestà il chiurlo non ha compagni né rivali. E’ l’unico padrone della spiaggia e del mare; fra breve lo sarà della palude.
Viaggia verso le distese umide, ma si adatta a vivere anche lungo le coste isolate dove è rara, se non assente, la presenza umana. Lo osservo, gli lancio un fischio col richiamo osseo dei miei padri cacciatori. Non mi cura per niente. E’ giorno di silenzio venatorio e non avrei nessun potere nei suoi confronti. E’ vero che i migratori nei loro lunghi spostamenti sono indifferenti a qualsiasi richiamo, anche ai più sofisticati.

Intanto trascorrono le ore del primo pomeriggio. Resto sulla spiaggia fino a sera per osservare se altri migratori passeranno per le vie del cielo. E’ un autunno solatio e così, distratto dai miei pensieri, sono sorpreso da un coro di fischi. E’ un linguaggio comune, una proposizione sociale. E sono sempre loro, i chiurli maggiori. Mi sorvolano ad una quindicina di metri; gli richiamo, si girano emanando un ripetuto fischio di spavento: – cuuìì – e tornano sulle loro rotte senza più curarmi. Ed ecco che ripassa, vibrando veloce, il martin pescatore, cui brillano le piccole ali di verde – metallico. Dal primo mattino insegue i suoi piccoli sogni. Poi un altro stuolo di beccacce di mare si fa sentire. Ne percepisco i fischi solitari e monotoni. Inizia la parabola celeste col sole a ponente e ancora tre aironi cenerini mi sorvolano alti, gracchiando. Li seguo. Girano come a volersi orientare, vanno vengono, lenti e possenti. Intuiscono che sono in arrivo le tenebre e non hanno più voglia di proseguire il viaggio. Forse trascorreranno la notte sulla spiaggia, ed infatti, con lente planate a spirali, si posano ad un centinaio di metri dal mio punto di vista. Sono ora corpi immobili in attesa di un sonno vigile. Ma ecco i piro – piri, stuolo folto e ciarliero che appena avverte la presenza dei tre giganti ardeidi, fugge e scompare all’orizzonte. Infine uno stuoletto di storni, puntini neri nel cielo al tramonto, mi ricorda che la migrazione non è finita; continuerà anche di notte: e saranno tenebre serene e stellate. E chissà quali e quanti altri migratori attraverseranno le vie celesti. Anch’io mi sento un migratore e lascio la spiaggia per scomparire nell’umana marea. E come figlio di Diana sarà la notte dei miei sogni ad inseguire illusioni di voli inquieti dell’umana esistenza.


Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Migrazione d’autunno a mare

La migrazione è un mistero della natura, non ancora del tutto chiarito, che merita rispetto e attenzione da parte dell'uomo. Mistero che ci riporta al senso del nostro vivere e passare nel tempo.

Voto:

da Amante della natura 19/03/2016 8.47