Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzello Il ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Una storia comune


giovedì 31 agosto 2017
    
Quando ero ragazzo, ero solito andare in giro per campagne e boschi con mio padre e più spesso con mio nonno.

Al mattino presto, insieme a mio nonno, andavo nel nostro terreno a tirar su terrazzamenti, seminare, potare e infine raccogliere.

Ricordo che quel terreno l’ ho sognato per anni, quando lo prendemmo, era in uno stato di totale abbandono, i rovi crescevano fitti, addirittura coprivano gli alberi e tornavano giù per far radici. Era così intricato che non lo si poteva attraversare, la vasca di raccolta dell’acqua ed i canali per l’irrigazione erano stati disgregati dal tempo ed i terrazzamenti erano quasi tutti franati per via delle intemperie e dell’incuria.

Mio nonno, con tanta pazienza e dedizione, mi aiutò a renderlo nuovamente rigoglioso e produttivo, tanto che in un estate, pulimmo, innestammo gli alberi affetti da malattie, ricostruimmo terrazze e impianto di irrigazione con tanto di motore per la captazione dell’acqua e addirittura riuscimmo a costruire una casetta con tanto di letto, per conservare gli attrezzi, riposare e ripararsi dalle intemperie.

Invece con mio padre andavo per campagne a gustar limoni pane e sederci di fronte al mare a chiacchierare ed ascoltare i suoi racconti.

La domenica invece eravamo soliti andare nella campagna di mio zio, Diego, il più piccolo dei cinque fratelli di mio nonno, che insieme alla moglie faceva il pane, curava galline e conigli ed era sempre in giro a lavorar la terra.

Ricordo l’odore dell’impasto e del pane fresco, ricordo lo scrocchio della crosta appena spezzata e l’odore dell’olio sul pane caldo, ricordo l’odore del pollaio, degli alberi, dei frutti;  e mai li dimenticherò. Ricordo che mio zio, sedeva con noi a mangiar pane caldo con olio e pepe, tra un boccone e l’altro diceva che più su, un posto chiamato Petracca, per la grossa roccia che lo distingueva, era bruciato e che non era rimasto più un filo d’erba o un albero.

I miei contemplavano e, dispiaciuti, si domandavano il perché a certa gente piaccia fare cose così terribili e vili come appiccare un incendio.

Poi continuava: “è piovuto niente quest’anno, la siccità ha fatto seccare i limoni e devo dargli l’acqua 2-3
volte alla settimana.”

I miei ascoltavano e mio nonno replicava dicendo che questi anni così capitano. Lo incitava a non preoccuparsi più di tanto, perché presto sarebbe arrivato l’autunno e che l’inverno nuovo sarebbe stato
migliore.

Poi dava qualche consiglio di agronomia gustandosi il pane e insieme godevamo della compagnia e della serenità.

Io ascoltavo, imparavo e mangiavo, mai sazio di quel pane così croccante e soffice, così caldo e gustoso e mi sentivo fortunato di essere lì.

Avrei voluto vivere una vita intera di quei momenti, ma mio zio doveva lavorare; allora, dopo esserci organizzati per la domenica successiva, salutavamo e andavamo via per campagne in cerca di finocchietto selvatico, limoni verdelli e cicoria.

Il pranzo domenicale era rigorosamente organizzato dalla nonna; noi arrivavamo in paese nell’ora in cui la gente usciva per andare in chiesa, le famiglie con il vestito della festa uscivano per recarsi alla messa e prendere il caffè al bar. I bambini erano felici, giocavano e si rincorrevano, il sole splendeva alto, i passeri cinguettavano e l’acqua della fontana, nonostante la siccità, scorreva fredda e con forza.

Dopo la rigorosa bevuta, percorrevamo insieme la strada di paese che portava a casa della nonna. In testa mio nonno, io subito dietro e infine mio padre che ogni tanto si fermava con amici e conoscenti per
condividere e raccogliere informazioni sulla domenica successiva. Il profumo delle polpette fritte preparate tutte le domeniche dalla nonna, si sentiva già a distanza, io alzavo il passo, superavo mio nonno e correvo in casa per gustarne una, prima che loro arrivassero. Avevo trovato il modo per mangiarne un’altra con loro dopo aver sistemato raccolto e attrezzi.

Insieme, seduti sul portico davanti casa, parlavamo, mangiavamo una polpetta, ridevamo e scherzavamo fino a quando venivamo chiamati per il pranzo. Così, l’ultima Domenica mattina prima dell’apertura scorreva via serena.

Era ovvio che non avremmo frequentato il posto bruciato, era ovvio che gli animali non avrebbero e non hanno mai risentito degli incendi e della siccità, perché sono animali, sono nel loro habitat, sanno dove
trovare l’acqua ed hanno le zampe per spostarsi in caso di pericoli come l’incendio.

Era ovvio che avremmo prelevato solo il necessario, era ovvio che avremmo disprezzato a vita chi appicca gli incendi e non rispetta la natura.

E’ ovvio, siamo persone di cultura rurale, siamo persone che provano rispetto per la natura e gli animali, è altrettanto ovvio che eravamo e siamo cacciatori!

In bocca al lupo a tutti per la prossima stagione venatoria!
Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...