Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Babboo… la lepre!Il linguaggio della naturaIo , Aston e la " nostra " prima coppiolaLa mia avventuraLe Lodole dell'AquilaiaSapore AnticoMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Babboo… la lepre!


giovedì 18 aprile 2019
    

“Qui in paese c’era un cacciatore molto miope. Aveva gli occhiali con delle lenti così spesse che i suoi occhi sembravano circondati da tanti anelli bianchi come quelli di Anacleto, il gufo di Mago Merlino”.

“Quello della Disney?"

“Sì!... Preciso!"

“Uuuh!?... Fermo, fermo... allora non è mica lo stesso che la mattina a buio, quando era dentro al capanno e stava guardando se si posava il primo uccello gli si fogò la civetta? “

“Davvero! Era proprio lui. Non mi ricordavo di averti già raccontato questo episodio... Era in attesa di vedere se a bruzzico si posava un qualche merlo sulla quercia e all’improvviso gli si avventò una civetta che gli portò via gli occhiali".

“ Ma gli ritrovò?".

“Sì, sì! Quella civetta si comportò come una gazza ladra. Aveva visto brillare qualcosa e si era avventata per ghermire quella strana preda, ma li rilasciò subito perché caddero appena fuori dal capanno.”

“Forse lo aveva preso per davvero per un gufo e cercava di difendere il proprio territorio da quell’intruso.”

“Ma non finì mica lì, sai. La sera lo raccontò al bar e ci fu subito uno che colse la palla al balzo per fargli un bello scherzo. Prese la civetta imbalsamata che usava per la caccia alle allodole e andò a sistemarla sul ramo di una quercia che era dietro, poco lontana dal capanno. Lui non poteva vederla e, per due o tre volte, non riuscì a capire come mai gli uccelli dentro le gabbie svolazzassero impauriti e non cantassero… Però, poco dopo, quel mattacchione la tolse perché prima o poi quello del capanno se ne sarebbe accorto, e siccome sapeva che non erano in molti ad avere una civetta imbalsamata gli sarebbe stato facile risalire al proprietario… conoscendolo, poteva succedere qualche guaio… Dunque: questo tizio era anche un grande appassionato per la lepre. Il fatto è che nessuno lo voleva nella squadra e così dovette arrabattarsi a cacciarle da solo col proprio cane.”

“Da soloo?... Poveretto!... Mi immagino con quali risultati.”

“Già!... Meglio di nulla, marito vecchio… Poi, quando il cane morì, non gli rimase che appostarsi nelle vicinanze di quei passaggi strategici dove sapeva che ci sarebbe stata una qualche possibilità di sparare a una lepre. Suo figlio aveva sì e no quindici anni e voleva andare sempre a caccia con lui ma, una volta a caccia, non faceva altro che brontolare perché, con la scusa che i su’ babbo ci vedeva poco, avrebbe voluto tenere sempre lui il fucile per sparare a tutto quello che capitava a tiro. Una volta stavano camminando lungo una vigna che confinava con un campo di stoppie. L’uomo guardava tra un filare e l’altro con la speranza di sparare a un fagiano o una lepre. Poco distante dalla vigna c’era una bella quercia solitaria. Arrivati a una trentina di metri il ragazzo disse a bassa voce: “Babboo!... Dammi il fucile… un merlo è volato dalla vigna sopra la quercia.” – “La quercia? Quale quercia?” – “Ma come quale quercia? C’è un solo albero nel raggio di duecento metri e mi chiedi quale quercia? Non siamo mica in un bosco!... Dammi il fucile che te lo faccio vedere io dov’è il merlo… Nooo!... Buona notte... guarda come se la fila via tranquillo… vedrai che se si continua di questo passo a casa non si porterà mai nulla.” – Il poveretto capiva che suo figlio aveva ragione, ma non aveva la minima intenzione di mollare. Una volta si erano appostati in cima a una strada in salita, vicino a una vigna, con la speranza che con tutti quei cacciatori e quei cani che c’erano in giro potesse arrivare una lepre, ed erano lì, in paziente attesa, da un paio d’ore. Senza mai perdere di vista la strada il ragazzo teneva d’occhio anche i movimenti di quei cacciatori che riusciva a vedere e a bassa voce faceva la radiocronaca a i’ su’ babbo che voleva sapere tutto quello che accadeva. A un certo punto il ragazzo bisbigliò: “Babboo… la lepre!” – “La lepre? Come la lepre?... Dove?” – “È uscita da un filare... viene su a balzelli.” – “Non ti muovere e parla piano... che viene verso di noi?” – “Sì... tra poco è quasi a tiro.” – Ti lascio immaginare: quando una lepre fiuta un pericolo la prima cosa che fa, si ferma.”

“Per forza! Ha un udito così fine che c’è addirittura questo detto: L’orecchio della lepre sente l’erba crescere.”

“Infatti anche quella si era seduta e si era messa a roteare le orecchie, poi era ripartita di scatto. Il ragazzo gridò: “Babboo!... Sparaa!” - Lui sparò, ma sollevò soltanto un gran polverone dalla strada perché la lepre, con un balzo laterale, era schizzata al sicuro nella vigna. Il ragazzo non credeva ai propri occhi: “Ma come? L’hai fallita? Quella era di già nel tegame.” - Non ti dico cosa successe dopo. Il ragazzo dava in escandescenze mentre l’altro cercava di difendersi ripetendo che se non avesse gridato a quel modo la lepre avrebbe continuato ad avvicinarsi e che l’avrebbe colpita di sicuro. Uno dei cacciatori della squadra che aveva sciolto i cani nella vigna aveva sentito sparare e stava correndo affannosamente verso di loro per impedire che qualcuno cercasse di impossessarsi di una lepre che come sai, per una regola non scritta, dopo il giorno dell’apertura appartiene ai proprietari dei cani che stanno cacciando. Mentre correva la intravide nella vigna, sparò, ma la fallì. Attirati dagli spari anche i cani stavano arrivando di gran carriera da varie direzioni e abbaiando furiosamente. Forse la lepre si sentì “circondata”, fatto sta che tornò indietro. Proprio in quel momento il ragazzo era riuscito ad agguantare il fucile, ma non poteva immaginarsi di veder passare di nuovo la lepre e per recuperare l’attimo di incredulità  sparò  quasi  senza  mirare.  I’ su’ babbo,  che non si era reso conto a cosa avesse sparato, iniziò a fargli un monte di domande... Ma il ragazzo non rispondeva. Incredulo seguiva con gli occhi quella lepre che in pochi istanti si era beffata di tre cacciatori. Pochi attimi dopo arrivò il cacciatore e anche lui dovette accontentarsi di stare a guardare la lunga corsa della lepre attraverso il campo. Quando fu vicina a una oliveta ci fu uno sparo, la lepre fece una capriola e rimase in terra a scalciare per pochi istanti, a vuoto, nell’aria... Io non stavo più nella pelle dalla contentezza. Era il mio primo anno di caccia. Mai e poi mai avrei immaginato di centrare una lepre in piena corsa. Figurati! Mi ricordo che in tutto quell’anno, sparando a volo, feci scendere soltanto otto uccelli. Lo so: c’è da fare il viso rosso, anche perché non sapevo nemmeno come avessi fatto a colpirli… Era una lepre enorme. Tenendo l’avambraccio in orizzontale, così, con il gomito al fianco, fregava le orecchie per terra... Poi sentii arrivare i cani. Mi voltai e vidi che dietro di loro, molto più lontano, c’era un cacciatore che arrancava a fatica e che ogni pochi passi cercava di ricominciare a correre. Mi franò il mondo sotto ai piedi. Rimasi lì, fermo e imbambolato, ad aspettarlo. Quando fu vicino lo riconobbi. Mi disse che quella lepre era sua perché stavano cacciando nella vigna. - “Gimb… Gilberto!... Se avessi visto i cani non avrei sparato. Ecco la lepre. I’ mi’ babbo mi ha spiegato come ci si deve comportare in questi casi. Ho sparato con questa corazzata e dovresti restituirmene una.” – “Ma che scherzi? Questo si fa con chi non si conosce… fra di noi c’è ben altro.” – La prese, e dopo avermi fatto un monte di complimenti se ne tornò indietro con i cani che uggiolavano festosi, e che a ogni passo cercavano di azzannare quella povera lepre. Ci rimasi come un allocco. Mi ero comportato lealmente, ma non mi sembrava che lui avesse fatto altrettanto. Ti dirò: per un attimo pensai di essere stato preso in giro e guardai con un certo disappunto verso l’oliveta dietro di me. Se avessi preso la lepre e mi fossi infilato di corsa lì dentro sarei diventato uccel di bosco. La sera dopo, quando tornai dal lavoro, la mi’ mamma aprì il frigorifero e tutta raggiante tirò fuori un vassoio con sopra una mezza lepre arrotolata con gran cura, già spellata, pulita e con un bel rametto di ramerino adagiato sopra le costole. - “Questa te l’ha portata i’ “Gimbe”, è la metà con la testa, ti ci ha messo anche il cuore e il fegato… ha detto che spettano di diritto a chi ha fatto fare capo e culo alla lepre.”


Marco Nannoni

 

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi” A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze [email protected] www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...