Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sapore AnticoMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Starne


giovedì 3 maggio 2018
    
Non mi ricordo più che anno era né che età avessi, forse nove o dieci anni. Abitavo a Greve in Chianti insieme a mio padre, mia madre e mia sorella. Avevo anche una sorella maggiore che era sposata ed abitava a Castellina in Chianti. Essendo io il più piccolo della famiglia ero il più coccolato ed anche il mio cognato Tiberio, marito di mia sorella maggiore, mi voleva molto bene.

Quell’anno, per la prima volta, Tiberio sarebbe venuto a prendermi la vigilia dell’apertura della caccia che allora sarebbe stata il 15 di agosto, per portarmi a casa sua ed insieme avremmo fatto l’apertura. Mi ricordo che Tiberio venne a prendermi a Caprolo, di sera, con una moto Morini 175. Salendo verso Panzano nonostante fosse piena estate dopo cena faceva freddo; ci precedeva un camion e noi standogli dietro sentivamo un bel calduccio che purtroppo finì quando lo sorpassammo. Arrivati a Castellina andammo a dormire, io nel lettino di mio nipote e lui nel lettone con mia sorella.


La mattina dell’apertura ci alzammo alle cinque ed io, mio cognato e suo fratello Pilade, con il cane Trotti (un bastardo mezzo pointer e mezzo bracco) ci incamminammo verso la pineta, luogo preposto per l’apertura della caccia.


L’altro fratello di mio cognato, Vasco, si era alzato prima per andare a “balzellare” la lepre al rientro dalla pastura e ci avrebbe raggiunti più tardi.


Mi ricordo che per la strada verso la pineta il cane Trotti rimase in ferma vicino una macchia di ginepro. Stava albeggiando ed i fucili erano scarichi. Mio cognato incitò il cane e, dopo alcuni secondi, Trotti si tuffò nella macchia e cominciò a guaire; allora ci accorgemmo che aveva puntato uno riccio. Lo lasciammo al suo destino e continuammo verso la pineta. In tutta la mattina non trovammo altro che un piccolo fagiano che, a cane puntato, Pilade padellò.


Verso le dieci del mattino ci raggiunse Vasco che aveva nel carniere una bella lepre uccisa al rientro nel sodo del Campanaio. Alle undici ci incamminammo verso casa abbastanza delusi poiché verso mezzogiorno e mezzo ci aspettava il pranzo, un piccolo rito.


Ora, dovete sapere, che quella di mio cognato era una tipica famiglia patriarcale, anche se il padre era morto da molti anni. La famiglia era costituita dai tre fratelli con le rispettive mogli ed un figlio per ognuno, la vecchia madre e naturalmente me. Il fratello più grande, Pilade, aveva il ruolo di capoccia, gli altri due fratelli Tiberio e Vasco (che era il più giovane) erano i “mezzomo”. La vecchia madre cucinava per tutti ed  invitava  a  tavola  quando  era  pronto.  Pilade  tagliava  il  pane  e lo distribuiva ai commensali me compreso, invitava a mescersi il vino e tutti in contemporanea iniziavano a mangiare. Non si poteva lasciare avanzi nel piatto, il pane soprattutto, andava preso quello che si prevedeva di mangiare. Assolutamente non si poteva lasciare nemmeno una mollichina.


Questo anche a casa mia, infatti mio padre e mia madre non lo permettevano e lo giustificavano dicendo che il cibo non va sprecato perché nel mondo ci sono persone che non ne hanno. Tutto il contrario di quello che succede oggi; si sprecano enormi quantità di cibo giustificandolo con la società dei consumi, ma questa è un’altra storia. Continuiamo con la caccia. Nel pomeriggio mia sorella mi impose di andare a letto per riposarmi con mio grande dispiacere. Naturalmente i tre fratelli tornarono a caccia e rientrarono, mi sembra di ricordare, con tre fagiani. Durante la settimana io andavo a caccia solo con Pilade e Vasco, che lavoravano facendo i turni, mai con mio cognato che, facendo il muratore, lavorava dalla mattina alla sera.


Un pomeriggio Vasco, il fratello più piccolo, tornò da lavoro presto e mi disse: “che fai Pirimpi (così mi aveva soprannominato e non so perché) vieni a caccia con me fino a buio?”.


“Certo” risposi io tutto contento e, preso il cane Trotti, ci incamminammo verso la pineta.


In pineta, che a quei tempi era molto bassa essendo stata piantata da appena un anno, non trovammo niente, ma appena oltrepassata, entrando in “ginepraia”, il cane rimase in ferma.


Una ferma bella, statuaria, con una zampa metà alzata, il muso diritto in avanti che fiutava la preda: sembrava un quadro di Rembrandt, bellissimo soltanto a vedersi. Dopo qualche secondo Vasco lo incitò, il cane si mosse ed un branco di starne si alzò in volo. Vasco si imbracciò e lasciò partire due colpi dalla doppietta. Due starne si fermarono in volo e una cadde a terra di botto, l’altra planando. Il cane corse verso di loro e ne abboccò una rimanendo fermo sul posto; era un “difetto” del cane, ogni volta ricercava la preda abbattuta, l’abboccava, ma non la riportava mai. Corremmo verso di lui, gli prendemmo la starna e lo incitammo a ritrovare l’altra, ma nonostante tutte le ricerche non riuscimmo a ritrovarla. Vasco non si scompose e disse: “adesso facciamo un giro più largo e dopo ritorniamo qui, penso che la starna sia ferita ed abbia pedinato lontano. La ricerchiamo dopo.”


Cacciammo ancora per un’ora e ritornammo in ginepraia, ma della starna neanche l’ombra. Proseguimmo quindi verso il Poggio Butini ed arrivati li Trotti rimase nuovamente puntato. Il branco di starne si rialzò in volo ed esplosi due colpi da Vasco, cadde una sola starna. Trotti corse in avanti ma fatti pochi metri ritornò indietro e rimase nuovamente puntato. Incitato da me e da Vasco si gettò nella macchia, ma fatto il giro, ritornò al punto di prima sempre puntato. Allora Vasco capì tutto ed incitando il cane, gettò un sasso nella macchia. Trotti si rigettò dentro ed uscì con una starna in bocca. Era la starna ferita in precedenza. Essendo già quasi buio ritornammo a casa con tre starne nel carniere. Io mi rammaricavo del fatto che la seconda volta Vasco ne avesse abbattuta solo una, ma lui da vero cacciatore mi disse: “non essere mai troppo egoista, pensa che quelle rimaste il prossimo anno coveranno e formeranno altri branchi, che potremo cacciare con soddisfazione”.


La saggezza degli anziani.



Marcello Barbetti


Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi” A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze [email protected] www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Starne

ORamai per quante se ne dicano... la caccia vera e' finita!!!!Le starne son di plastica i fagiani puzzano di orina le lepri sono conigli ,ma dove la vedete piu' voi la vera caccia. Anche i cinghiali sono addomesticati e se non li spaventi coi cani li acchiapperesti con le mani!

Voto:

da Dononodon 06/05/2018 17.28