Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Di notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La beccaccia si racconta


lunedì 24 novembre 2008
    

Scolopax sum. Col lungo becco succhio i sapori della terra e con gli occhi vellutati guardo le profondità celesti. Occhi dolci e profondi i miei, pieni di malinconia, fotografano i silenzi e le solitudini dei boschi. Mai si chiudono al sonno perché attività perenne è il mio vivere. Molti nemici mi fronteggiano. Sopravvivo per le astuzie di cui Madre Natura mi ha dotata. Pascolo lombricando con ossessione nei meandri del bosco, e solo di notte mi porto nei campi liberi. Al chiaro di luna scruto con estrema attenzione sorella volpe, e amica m ‘è la lepre.
Sono il volatile più bello del creato ma, sgraziata nel verso, non amo farmi sentire. I colori delle mie penne sono I ‘essenza delle dolcezze delle stagioni Innamorata dell’autunno, l‘inverno mi rende triste. Perfetto è il mimetismo che mi appartiene e mi salva dai nemici. Solo il cane cacciatore riesce a scorgermi, poche volte, tra le foglie del sottobosco, eppure si ferma a distanza; teme le imprevedibili reazioni. Si interroga perplesso al ventaglio delle lunghe mie penne. E’ l’attimo in cui mi allungo come una donnola, scorrendo fra gli sterpi per disperdere le emanazioni Pochi sono i cani da caccia che non riesco ad eludere. Scruto alla ricerca di un fosso o di qualche forra, così mi porto velocemente sul ciglio e con un capitombolo a foglia morta, sparisco, introvabile. E me la rido dei cacciatori che rimproverano con durezza gli amici a quattro zampe giudicandoli inetti ed incapaci.
Gli uomini di caccia non mi conoscono a fondo, non possono:
Scolopax sum. Non solo bella, ma gran furbona. Mi adatto ad ogni situazione, pur di salvare la pelle. Addirittura fingo di posarmi sui bassi arbusti, come fa il merlo e il tordo. I miei grandi occhi specchiano l’intero universo e scruto i movimenti del tempo e dello spazio. Ho qualche amico fra i consimili, ma sono profondamente sola.
E’ questa solitudine forza di sopravvivenza. Nel mio universo il sole non tramonto mai e la notte è piena di luce. Sono tutt’una con la natura. Posso essere abbattuta dal piombo, ma lo spirito animale che è in me si rigenera al profumo del bosco, fra gli odori del cielo e gli occhi si fanno raggi di sola Sono e non sono. Se i cani cacciatori mi percepiscono, credono dì avermi incontrata, ma si sono solo imbattuti nella mia ombra. La rosato di piombo che m’investe colpisce la mia fisicità, perché la mia anima animale rinasce, poiché sono la quint‘essenza della bellezza alare che non scompare mai. Quando lascio i boschi di svernamento per fuggire verso le terre dell‘amore, non sparisco del tutto. La mia ombra rimane ovunque mi sia posata. Sono sogno e realtà, mistero e certezza; anche vita e morte, amore e odio. Se l’uomo avrà un po’ di rispetto per la natura, sorella beccaccia non finirà mai di essere; ma se la mia genia dovesse finire, allora vi sopravviverà la mia idea- immagine, come assillo e rimorso. Lasciatemi almeno in pace nel periodo degli amori, anche se non amo tanto il maschio quanto i beccacciotti. E per proteggerli dalle insidie dei nemic4 ho frequentato la scuola dell‘Astuzia. Mi alleno a trasportare i piccoli fra le zampe più volte al giorno fino a che sono sicura di volare silente per almeno un centinaio di metri con i figlioletti stretti al petto. Mi preoccupa nemica volpe. Mi è antipatica perché è traditrice; quella presenza la percepisco dalla luce degli occhi, che appaiono e scompaiono nelle tenebre. Occhi malvagi e aggressivi; niente hanno della dolcezza dei miei. Fingo di essere ferita e quando la furbona cade nel tranello, rimane lì a cercarmi per ore, mentre sono al sicuro a più di un chilometro da lei Anche i falchi cacciatori mi preoccupano, Li scruto da lontano e non appena volano bassi, mi perdono di vista perché è il momento in cui fuggo silenziosa e radente il terreno. Ed è fatta! Mi hanno perduta per sempre. C’è poi un signore che chiamano bracconiere. Si avvicina con una fonte di luce, pronto a colpirmi col bastone. Sfuggirgli mi è facile perché gli giro intorno di pedina, e disperdo le mie tracce. Non può più ritrovarmi, attenta fino a quando quella fonte di luce si allontana. Se sono in migrazione posso soccombere alle bufere di pioggia e neve. Spesso le prevedo, ma qualche volta, spinta dalla voglia d’amore, m ‘involo incauta per lontananze abissali e, travolta dagli elementi, lascio penne e corpo in una poltiglia di fango. Tuttavia non piango la mia sventura. Rinasco rigenerata dalla terra, dalle foglie morte. Sono spirito animale, ma immortale. Abbiate fede, cacciatori! Le mie spoglie le avrete sempre grazie ai bei cani vostri amici, ma questa mia anima animale non sarà mai in vostro possesso. Appartiene a Madre Natura. E’ incedibile. Il mio essere, amore e bellezza, non è morituro.

Domenico Gadaleta

 

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...