Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Di notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Diario di una cacciatrice


venerdì 13 ottobre 2017
    

Tempo fa avevo uno zio di nome Domenico, che avevo affettuosamente soprannominato “Babbo Memo”: Babbo perché mi amava come una figlia, Memo perché era il diminutivo del suo nome.
 
 E’ un puntino rosso il sole che lentamente si affaccia da dietro le montagne. Presto sarà giorno. C’è un bagliore chiaro, che lentamente accompagna le stelle a dormire. Preparo il fucile, lo carico e mi accuccio in ginocchio sull’erba, quasi a ringraziare Dio  per l’opportunità di essere qui e per lo spettacolo che si aprirà di fronte ai miei occhi tra qualche minuto. Il cielo  sfuma dall’azzurro su in alto fino al rosa più giù e poi una sfera colorata si alza lentamente tingendo di rosso fuoco l’orizzonte: come zaffiri splendenti appaiono  da lontano le colline. Ondeggiano lentamente gli steli, son come esili ombre. Il vento leggero, che giunge da Est,  mi porta il profumo della terra umida e dell’erba  sotto di me. Mi abbasso ancora un po’ nell’attesa di veder volare qualcosa, ma rimango rapita dallo spettacolo di quest’alba, che dolcemente irrompe e mi lascio inondare  dal calore del sole.                                                   .

  Caro Babbo Memo, sono qua nei tuoi posti,  quelli in cui venivi da giovane col babbo. Chi lo sa: magari ti sei fermato proprio qui, dove sono adesso io. Sai, quando prima il vento ha soffiato, ho avuto una strana sensazione. Qualcosa mi ha attraversato e, per un attimo, ho pensato potessi essere tu.  Qualcuno non ci crede, io si. Io credo che in realtà le persone non se ne vadano mai completamente dalla nostra vita e che passioni come la caccia le facciano anzi rivivere intorno a noi e nel nostro cuore. Ti ricordi quando ti raccontavo le mie prime uscite alle allodole? Allora facevo solo il “cane da riporto”, poiché non avevo ancora preso il permesso. Venivo a trovarti e ti raccontavo con quanto più entusiasmo fossi capace tutto quello che mi accadeva. Ogni tanto facevo anche qualche foto col cellulare per renderti partecipe e condividere. Ti ricordi quella col fucile in mano? Che paura avevo. Se ci penso ora mi vien da ridere. Tu allora eri lì su quella poltrona, a stento riuscivi talvolta a camminare: non tralasciavi mai però  di accompagnarmi alla porta e salutarmi con un bacio ed un sorriso di incoraggiamento. Lo sapevi Memo, tu lo sapevi: me lo avevi letto negli occhi. Adesso son qui ad ammirare l’alba, come facevi sicuramente tu. Sono in ginocchio col fucile nella mano sinistra e il calcio appoggiato sulla fodera ripiegata in tre, perché temo che l’umido intacchi il calcio. Anche di questo momento ho una foto sai? Me l’hanno scattata proprio qualche istante fa. A riguardarla bene, con l’effetto del sole dell’alba, sul viso e intorno, sembra un quadro. In effetti forse lo è e la pennellata più bella è la tua, è l’amore che mi hai lasciato e la passione che, anche tu, mi hai trasmesso. Non sono ancora tanto brava a sparare al volo, è difficile. Sono solo al secondo anno di permesso e mi arrabbio quando non riesco a fare centro, ma imparerò. Stanne sicuro. Non dimentico l’ultima volta che ti ho visto. Non eri più lucido, ma, quando dalla finestra dell’ospedale hai visto passare quel  branchetto di piccioni domestici, ti sei come riacceso e con gli occhi che ti brillavano hai esclamato “quattro piccioni”. Sono state le ultime parole che ti ho sentito pronunciare. Non le ho più dimenticate. Mi sono rimaste dentro e così, un giorno, mentre osservavo un piccione sulla racchetta che, svolazzando, si è lasciato cadere giù, mi sono allungata in avanti con una naturalezza che ha sorpreso anche me. L’ho afferrato delicatamente e l’ho rimesso su, come fosse un gesto fatto altre mille volte. E’ stato lì che ho preso coscienza del fatto che il mio recuperare le prede degli altri e il mio alzarmi presto al mattino sussistono in realtà per un motivo. E’ stato in quel momento che  si è accesa la scintilla che mi ha illuminato il cammino; e il primo fucile che ho smontato è stato il tuo. Imparerò. La strada è ancora lunga, ma in questo  percorso ho incontrato finora cacciatori con la C maiuscola, che mi incoraggiano ogni volta che sbaglio. E che cavalieri Memo!                                             .
  Ho trovato un rispetto che altrove è difficile ricevere, perché per una donna non è mai facile affacciarsi a questo mondo. Io però Memo sono felice. Si, sono felice perché mi sono innamorata di questa vita fatta di notti a volte buie e nebbiose, fatta di cieli sereni e stelle cadenti; di sguardi che rincorrono i filari di girasoli rivolti ad oriente e che attendono l’aurora per riprendere a vivere. Mi piace, dopo aver piazzato il gioco alle allodole, aspettare il primo raggio di sole. Allora le stelle si spengono ad una ad una, come tante piccole luci del Presepe. Qualcuno mi osserva incuriosito, quando mi vede vestita mimetica. All’inizio quegli sguardi mi intimorivano, son sincera. Oggi vado a testa alta, ma non troppo, perché un vero cacciatore è un essere umile. Le mie amiche sorridono, ma cosa ci posso fare? Come beauty farm ho un appostamento; come luce dei gioielli la rugiada, che imperla i fili d’erba del campo. Il mio profumo preferito è quello del muschio intriso di pioggia, la mia musica preferita è il Vento del Nord, che scuote le foglie ai primi d’Ottobre.    Il vestito che amo di più  indossare è la mia tenuta verde, che per me è come un tenero abbraccio che mi segue ovunque io vada…oppure Memo sei  proprio tu, che mi cingi le spalle quando il sole sorge. Aspetto la prossima alba. Aspetto di sentirti qui, vicino a me, ad insegnarmi come si fa a sparare senza fare padelle. Ciao Babbo Memo! La tua nipote cacciatrice.
           
                                                                          

Emanuela Lello

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI
Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi”
A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze
fidc.firenze@fidc.it    www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Diario di una cacciatrice

bello e struggente

Voto:

da vecchio cedro 16/10/2017 9.57

Re:Diario di una cacciatrice

Complimenti per la tua descrizione delle albe di noi cacciatori.ciao grazie e complimenti per il tuo essere cacciatore con la C maiuscola.

Voto:

da Iano62 14/10/2017 22.09