HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Per un pugno di beccaccini


martedì 13 dicembre 2016
    

Nella mia giovinezza venatoria ho praticato un po' tutte le cacce come quella al tordo, alle allodole, ai trampolieri , alla lepre quando conoscevo i terreni battuti dal selvatico. Se qualche amico mi invitava ad accompagnarlo nei boschi o nelle pinete per la caccia alla beccaccia, approfittavo dell'occasione per mettermi alla prova con le difficoltà che comportava quel tipo di caccia. Mi sentivo un allievo ad eseguire gli ordini del maestro che mi iniziava all'università della caccia a cui non tutti possono accedere, ed io ero tra quei non tutti.

Ho amato ed amo ancora la caccia nella pienezza della sua libertà, tenendo comunque presente il contesto etico di tale passione; ma devo confessare che entrare in un bosco o in una pineta col cane, mi ha creato spesso un po' di ansia; percepivo un vago senso di smarrimento e disorientamento, confortato solo dal sentire il campanaccio del setter e dal sapere che era presente l'amico che mi guidava. Se il cane era in ferma facevo di tutto, con l'amico, per completare l'opera e abbattere il selvatico. Comunque nel bosco mi sono sempre sentito un cacciatore costretto dall'ortodossia dei comportamenti e degli atti che sono dovuti, non del tutto libero, e quindi poco propenso a laurearmi beccacciaro. Simulavo, fingevo, ma dovevo accettare gli inviti dovuti soprattutto per rispetto dell'amicizia.
Cacciatore quindi io normodotato e non d'eccezione, dopo il lavoro e i doveri di padre e di marito, fuggivo verso le mie libertà campestri con o senza amici, per gustare lo zirlo del tordo, il pio pio delle allodole, i fischi ammalianti dei trampolieri, e poi col semiautomatico completare l'opera del prelievo e presentire il gusto delle carni cotte, a tavola.

Un vecchio cacciatore mi sentenziò “Se vai a caccia devi consumare la selvaggina che abbatti, altrimenti no”. E' un'affermazione anche discutibile, ma che ha un fondo di verità'. E se si spara il selvatico senza la volontà di recuperarlo, come ho visto fare in qualche rientro, allora è bene e corretto dedicarsi al piattello e lasciare la caccia.

Nelle giornate libere volavo verso la Murgia, oggi Parco Nazionale, per dedicarmi a fine ottobre, inizio novembre, non solo alle allodole, ma soprattutto ai pivieri, e attirarli con la mia modesta capacità di fischio, ed il piviere che fra l'altro ha carne di cavaliere, se si è occasionalmente ben nascosti, viene a sacrificarsi a Diana. Ritornare a casa con due o tre pivieri dorati e una decina di allodole era una soddisfazione enorme che mi caricava ad affrontare i cimenti del lavoro che nella scuola sono faticosi.. E quando nei primi di novembre si presentavano giornate velate da nebbie, mi trasferivo verso i confini della Basilicata dove, fra le stoppie marce dei grani, si insinuavano rigagnoli che ospitavano vari beccaccini. E di frequente mi capitava di incontrare cacciatori cinofili già all'opera. Non mi intromettevo, ma aspettavo. E assistevo alle corse sfrenate dei cani che mettevano in fuga i piccoli scolopacidi, e alle irose bestemmie dei proprietari cacciatori che vedevano fuggire beccaccini come farfalle alla velocità della luce e loro impotenti e rassegnati.

E quando gli altri avevano finito di cacciare, mi si preparava il campo di battaglia del tutto libero, sapendo che alla spicciolata i selvatici sarebbero rientrati, picchiando dalle altezze celesti a godersi pasture e solitudini, nell'ovattato silenzio della nebbia. Ed io maniaco cacciatore senza l'amico a quattro zampe. Cosa avrei dovuto o potuto fare? Rammentavo qualche rivista venatoria dove avevo letto che se non si possiedono cani ben preparati per il beccaccino, è meglio cacciarli senza, zigzagando lentamente e attentamente tra le stoppie bagnate dai rigagnoli o dalle piogge e sperare nella fuga ravvicinata del re dell'acquitrino.

E così dopo aver atteso il rientro dei vari uccelli , mi mettevo all'opera con paziente lentezza e di tanto in tanto, sgneccando appena, lo scolopacide partiva e di frequente, ma non sempre, riuscivo ad abbatterlo. Bisognava cercarlo subito, perché, se ferito, l'uccello scompariva, e così recuperavo quasi tutti i beccaccini che avevo abbattuto. Quando i selvatici al laccio raggiungevano il numero di quattro o cinque, stanco per aver scarpinato per ore fra le reste del grano, decidevo di lasciare il mondo in pace, o di abbattere qualche allodola con tiri meno impegnativi e più riposanti.


Oggi quei terreni sono stravolti. Non c'è più la stoppia che viene immediatamente eliminata da incendi o diserbanti vari; le piogge sono diminuite per i cambiamenti climatici e quei rigagnoli sono stati bonificati o alterati dalla cementificazione selvaggia. Nei nostri giorni qualche beccaccino può ancora trovarsi, ma non più come nei tempi andati, e battere terreni aridi oggi è come amare una donna senz'anima. E allora bisogna continuare a sperare nei migratori più comuni, come tordi, allodole, merli, cesene, ecc. Anche questi non più abbondanti come una volta. Ma la caccia deve continuare, anche se gli anni passano, per non morire da vivi, e continuare a vivere per sempre.

 

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Per un pugno di beccaccini

Un pugno di beccaccini è sempre per il cacciatore un pugno di gloria.Racconto molto piacevole.

Voto:

da Figlio di Diana. 14/12/2016 8.35

Re:Per un pugno di beccaccini

La caratteristica fondamentale del beccaccino è stata da sempre quella del suo volo improvviso, imprevedibile e a modo di freccia impazzita che nell'aria on sa dove andare a parare.Ciò lo ha reso amato e odiato dal cacciatore.a bisogna tener presente che le difficoltà nel tiro che ti offre il selvatico, sono il sale della nostra passione. Guai se tutto fosse facile! La nostra passione non avrebbe senso.

Voto:

da Amante della natura. 14/12/2016 7.33