Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Luna di novembreCacciarella sibillinaSperanze d'autunnoLa quercia della crocePrego, spari Lei!Babboo… la lepre!Il linguaggio della naturaIo , Aston e la " nostra " prima coppiolaLa mia avventuraLe Lodole dell'AquilaiaSapore AnticoMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Io , Aston e la " nostra " prima coppiola


venerdì 8 febbraio 2019
    
 
Questo è il racconto di un’azione di caccia alla beccaccia che, circa 28 anni fa, è stata realmente vissuta da me, giovane aspirante beccacciaio poco più che 20enne, mai pago di andare su e giù per le montagne in cerca di beccacce e di esperienza e dal mio giovanissimo e promettente Aston, cucciolone di Setter Inglese di allora, anch’esso, come me, alle prime armi. Aston , con il passare del tempo, con l’esperienza e dopo tantissimi incontri, visto che all’epoca le beccacce, di certo, non mancavano e le giornate che, dall’alba al tramonto, giovani e spensierati, trascorrevamo insieme nei nostri “magici” boschi di Calabria, alla ricerca della Regina di quei luoghi, non ci bastavano mai, divenne oltre al mio fedele ed inseparabile “compagno di caccia e di vita “, quello che per me, oggi, si può definire il cane da beccacce per antonomasia e cioè divenne il mio primo e vero “ cane Beccacciaro “ ed io “crebbi” e maturai esperienza insieme a lui, come cacciatore di beccacce e come uomo.

Io ed Aston ormai, crescendo insieme, eravamo diventati compagni di caccia ed amici inseparabili anche nella vita.

Abbiamo trascorso, in simbiosi, 12 meravigliosi anni di caccia e di vita, pieni di gioie, emozioni e grandi soddisfazioni venatorie e non…… come nella più bella delle fiabe.

Fino a quando un maledetto giorno di S.Stefano, causa una brutta malattia dovuta anche all’età avanzata, mentre era sdraiato sul suo materassino, nell’angolo allestito in casa apposta per lui, al mio sopraggiungere alzò la testa, aspettò che mi sedessi a terra accanto a lui e con un ultimo, intenso e profondo sguardo mi fissò dritto negli occhi e adagiando dolcemente il capo sulle mie gambe, come per chiedermi l’ultima carezza, mi lasciò….. rimanendo, comunque, per sempre nel mio cuore!!!


Io , Aston e la " nostra " prima coppiola .

Era ancora buio, erano le prime ore di una mattinata uggiosa e, da una prima occhiata data fuori dalla finestra, il cielo non prometteva nulla di buono. Comunque, incurante del tempo, spinto da esuberanza tipicamente giovanile, mi alzai convinto, mi preparai e dopo una tazzina di caffè caldo e fumante, presi fucile e cartuccera e scesi in giardino dove il mio, allora giovanissimo, Aston, più convinto di me, mi aspettava, all’interno del suo box, uggiolante e già pronto ad uscire, bramoso d’incontrare la sua prima “Regina del Bosco”. Come da consuetudine, gli aprii il cancello e lui, benché molto giovane, con il suo fare da “veterano”, percorso velocemente il vialetto che lo divideva dalla mia Fiat Panda 4X4, con balzo felino si adagiò nel suo comodo trasportino pronto a partire. Mi avvicinai, gli feci la solita carezza di approvazione, chiusi il portellone posteriore, misi in moto e ci avviammo. Percorrendo la strada tortuosa che portava in montagna e poi il lungo sterrato che terminava nell’immenso bosco di abeti, meta della mia “ cacciata” di quel giorno, nulla lasciava presagire che quello, per me e per il mio giovane Aston, sarebbe stato un giorno “speciale”.

Lungo il tragitto, la mia mente di giovane ed avido aspirante beccacciaio, come al solito, immaginava già un’altra giornata di caccia alla beccaccia ricca di emozioni, in mezzo alla natura aspra e selvaggia dei boschi delle nostre montagne Calabresi. Ripercorrevo, con il pensiero, ragionandoci sopra, quelle che erano state le tante esperienze fatte nei giorni passati, quali le positive e quali le negative, i tanti apprendimenti giusti ed i tanti errori fatti da autodidatta e, soprattutto, con il petto gonfio di orgoglio, rivivevo con la mente, i continui miglioramenti che il mio giovane “pupillo” palesava ad ogni uscita nel bosco ed il mio cuore “scalpitava” come un cavallo al solo pensiero di trovarlo per la prima volta in ferma sulla sua prima beccaccia. Intanto, lasciata la strada asfaltata ed imboccato lo sterrato, oltre alla fine pioggerellina, che mi accompagnava già da un pezzo, incontrai anche la nebbia che, più salivo, più mi addentravo nel bosco e più diventava fitta. Ciò nonostante continuai il mio percorso e, ovviamente, senza demordere, arrivai al vecchio rifugio forestale, sito in quel luogo, dove ero solito lasciare la macchina. Nel frattempo, malgrado la nebbia, si era fatto giorno…. Era ora di muoversi. Scesi dalla Panda, calzai gli stivali, sistemai nella cacciatora tutto l’occorrente per affrontare la giornata di caccia, feci scendere Aston che, ripetendo l’azione in tutte le uscite quasi fosse un rito propiziatorio, venne a sedersi avanti a me aspettando che io gli cingessi il collo con il suo collare in cuoio completo d’immancabile campano sardo e gli dessi il “via” con una carezza sulla testa. Ultimati i “riti” preparatori, accesi una sigaretta e, fucile a spalla, ci incamminammo lentamente lungo il piccolo sentiero che penetrava tra gli abeti, iniziando così la nostra giornata di caccia alla beccaccia, immersi nell’atmosfera ovattata, quasi magica, del bosco di fine novembre.

Avvolti dalla nebbia, Aston comincia ad ispezionare il bosco con cerca ampia e spedita, si spinge in profondità ai lati ma sempre molto collegato, rientra e riparte con sempre più ardore e con sempre più voglia d’incontrare la tanto agognata “Signora” di quei luoghi “incantati”. Scandita dal “batacchiare” del suo campano, la sua cerca continua avida e costante per buona parte della mattinata ed io, zigzagando tra gli abeti nel fitto della nebbia, lo seguo senza sosta, sempre con orecchio attento, “leggendo” il suo modo di perlustrare la selva attraverso il suono melodioso del suo campano. Ma ad un tratto, mentre tutto sembra procedere con assoluta normalità, succede qualcosa: un “semplice” episodio di caccia alla beccaccia con il proprio cucciolone, si trasforma in un’emozione unica ed indimenticabile. A distanza di quasi 28 anni mi sembra ancora di essere lì.....

"Il campano tace , allungo il passo in direzione del luogo dove ho sentito l'ultimo colpo di batacchio. Il solo pensiero di trovare il cucciolone in ferma sulla sua prima beccaccia mi fa salire il cuore in gola. Mentre mi avvicino, tra i vecchi abeti caduti, nella nebbia, noto una sagoma sfocata, immobile. Mi tremano le gambe dall’emozione e dalla gioia, mi avvicino ancora e quella sagoma comincia a prendere forma..... è lui, è fermo !!! Si, è Aston in plastica e spasmodica ferma che "mastica" l'effluvio. Un'occhiata fugace, cerco la posizione migliore, mi piazzo ed aspetto godendomi la scena, in "religioso" silenzio. Sono momenti interminabili, il tempo sembra essersi fermato, ma ad un tratto un frullo fragoroso mi riporta alla realtà..... non una ma, addirittura , una coppia di Regine !!! La “nostra“ prima coppiola !!! Un’emozione immensa !!! Ovviamente nemica della mira……

Due colpi nella nebbia e torna il silenzio. Silenzio "rotto" solo dal suono sordo del campano di Aston che "sparisce" nella nebbia alla ricerca dei quei due "fantasmi" svaniti nel nulla. Aspetto ascoltando le "parole" del campano.
Qualche minuto ancora e, improvvisamente, il campano "zittisce" di nuovo, solo pochi secondi, il tempo di realizzare cosa stia accadendo e, tutto a un tratto, il campano riprende a scandire, con ritmo veloce, il suo suono che sento avvicinarsi sempre di più.

Più il suono si avvicina e più, tra gli abeti avvolti dalla nebbia, intravedo Aston che viene verso di me, con passo trottante, pronto a depositarmi in mano, dopo perfetto recupero, quel " fagotto " scuro che, delicatamente, porta in bocca. Uno dei due "fantasmi" si era materializzato.... Aston mi stava riportando una beccaccia, quella delle due che, evidentemente, avevo colpito.

Io mi chino e lo aspetto, lui arriva innanzi a me, si siede, mi depone la beccaccia sul palmo della mano e, con sguardo languido, "mi chiede" ed ottiene, in quanto meritatissime, un'abbondante dose di coccole e carezze. Finalmente il desiderio mio e di Aston si era ampiamente concretizzato andando oltre ogni immediate aspettative: - Aston aveva trovato e fermato la sua prima beccaccia; - Aston aveva affettuato il suo primo e difficile recupero con conseguente perfetto riporto; - Entrambi avevamo incontrato la nostra prima coppiola; - Aston aveva trovato e fermato la sua prima coppiola ed io ero riuscito ad abbatterne una; - A quel punto, contenti e soddisfatti, entrambi, guardandoci negli occhi, con quella complicità che solo il " Beccacciaro " ed il proprio cane, fedele amico e compagno di caccia, possono avere, “telepaticamente” abbiamo pensato la stessa cosa: "Per oggi va bene cosi, domani è un altro giorno e ci aspettano nuove emozioni!!!”…".


Infatti io, felice come un ragazzino dopo la sua “ prima volta “, rimesso il fucile a spalla, m’incamminai verso la macchina con Aston che, con aria orgogliosa, mi camminava a fianco.

Quella giornata uggiosa, quegli abeti avvolti dalla nebbia e quella coppiola, seppur un “semplice” episodio di caccia alla beccaccia, in realtà, aveva segnato una svolta nella giovane vita di cane e cacciatore……i aveva fatto diventare grandi!!!
 

Giovanni Mastroianni


Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Io , Aston e la " nostra " prima coppiola

Bella storia, alla faccia di chi addita i cacciatori come maltrattatori dei loro cani!

Voto:

da Pier 08/02/2019 20.51