HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa)


lunedì 22 settembre 2008
    

Me le ricordo bene quelle domeniche di fine estate, che coincidevano con l’apertura della caccia.
Ai primi di settembre, di solito, tornavo a Parma dai nonni e restavo da loro per una settimana, prima dell’inizio della scuola: sette giorni in cui riassaporavo ritmi, gusti, umori, sapori diversi e mi riappropriavo, allora inconsciamente, delle mie radici, ormai trasferite altrove.
L’estate era quasi alla fine, se ne avvertivano, inconfondibili, i sintomi: le prime nebbioline, le giornate più corte, i pullover infilati verso sera in tutta fretta, dopo qualche improvviso brivido di freddo.
E con la fine dell’estate arrivava, puntuale, l’apertura della caccia. Mio nonno era stato guardiacaccia ed aveva poi continuato come cacciatore a girare l’Appennino parmense con la doppietta a tracolla, spinto da una passione vera, semplice (come semplice era lui) e nello stesso tempo implacabile, che lo ha accompagnato fino quasi alla fine della sua lunga vita, allorché, ormai vecchio e vinto dall’inarrestabile trascorrere del tempo, pur di non mancare all’annuale appuntamento si accontentava di accodarsi ad altri cacciatori e di starsene seduto da qualche parte a sentire gli spari delle doppiette, a vedere i cani correre qua e là alla ricerca della preda abbattuta, respirando un’atmosfera che credo fosse per lui vitale come l’aria, di cui non si può fare a meno.
Ad un certo punto, a vecchiaia ormai avanzata, per non privarlo di tale gioia, sua figlia, cioè mia zia, aveva addirittura ottenuto la licenza di caccia e con lui si era messa a percorrere i sentieri delle vicine montagne, accompagnandolo nei luoghi che lo avevano visto diretto ed appassionato protagonista al tempo del suo vigore, quando con passo da montanaro esperto e con la forza della passione inseguiva le prede fin nei più scoscesi ed impossibili anfratti.
Capivo che la stagione venatoria era alle porte, perché captavo e verificavo una generale eccitazione, ogni giorno più evidente, tra coloro che abitualmente frequentavano la casa dei nonni:
all’interno e nel giardino, dove erano tenuti i cani, c’era un continuo via vai di “casadòr “(cacciatori), amici del nonno, che si scambiavano informazioni e si accordavano e decidevano la meta. “Il romano “(un arcigno docente universitario), Maggio (un bancario magro e stempiato), il serioso Dr. Reperti, i Terzi, padre e figlio, ed altri venivano a casa del nonno e passavano il tempo, eccitati come bambini, immersi in un’atmosfera di totale condivisione, a discutere, commentare, fare programmi, ripetere episodi vissuti e chissà quante volte già ricordati. I cani stessi, coprotagonisti essenziali di quel rito sacro ed immutabile, erano a loro volta irrequieti, avendo già annusato l’importanza del momento, che di lì a poco avrebbero vissuto, evidentemente consci del proprio molo.
Kira, la pointer bianca e nera del nonno, accertava con occhi pazienti le sue carezze amorevoli, avida di riceverne presto altre, ben più gratificanti, non appena avesse svolto con la solita bravura il suo dovere.
E finalmente arrivava il gran giorno.
Era ancora buio quando, nella mia stanza all’ultimo piano della villetta dei nonni, venivo puntualmente svegliata dai rumori provenienti dal piano sottostante: sentivo passi pesanti che andavano e venivano, cani che abbaiavano, voci che si rincorrevano animatamente e la nonna che preparava qualcosa di caldo per tutti, partecipando alla generale euforia. Poi silenzio, fino all’ora in cui i “casadòr” tornavano, a volte insieme, a volte in gruppi sparsi. Tutti, sempre, al di là della più o meno rilevante quantità di capi abbattuti, desiderosi di raccontare e scherzare.
C’era chi descriveva la scena dell’individuazione della preda e del perfetto comportamento del cane, che l’aveva “puntata” restando immobile fino al momento dello sparo. Chi, invece, parlava del fagiano che gli era volato via “per tanto così “, nonostante la prontezza con cui aveva sparato. Chi, ancora, si vantava dell’ottimo bottino e della propria mira infallibile.
Così per un po’ continuavano le chiacchiere, i racconti, le descrizioni, le esagerazioni, mentre fagiani, lepri e qualche rara beccaccia venivano esposti con tracotante soddisfazione, come preziosi trofei, a volte addirittura platealmente sui cofani delle auto.
E leggevo, negli occhi azzurri e buoni del nonno, una soddisfazione ed una felicità tali, che diventavo io stessa partecipe della sua gioia.
Per tutta la settimana, poi, i “casadòr” si ritrovavano per altre discussioni ed altri commenti, fino alla domenica successiva, in cui il rito si ripeteva, identico, e così per tutto il periodo di apertura della caccia.
La mia vacanza a Parma alla fine terminava ed io partivo portando con me il ricordo della “parentesi venatoria” cui avevo assistito, che per anni ho poi avuto modo di ritrovare, e che ha lasciato in me belle sensazioni, che anche oggi provo quando penso al nonno, ai suoi amici, al loro smisurato amore per uno sport praticato con passione, correttezza e semplicità.
E proprio perché ho vissuto quei momenti, sia pure da semplice spettatrice, ed ho avuto modo di conoscerne i diretti protagonisti non riesco a condividere le critiche che oggi molti rivolgono all’arte venatoria. Ma se anche ci provassi, me lo impedirebbero comunque gli occhi azzurri del nonno, raggianti di felicità.

Daniela De Petris

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa)

A volte mi ostino a cercare di far capire la bellezza di quest'arte a persone che non la comprendono...ma in effetti solo provando e vivendo determinate situazioni si può amare veramente quest'antichissima arte. Complimenti Daniela. e grazie!

Voto:

da Pasquale 07/09/2009 10.33

Re:Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa)

Complimenti carissima Daniela, degna nipote di un grande Cacciatore! Hai scritto altri racconti? In caso affermativo me li puoi spedire all'indirizzo di posta? Saluti Patrizio

Voto:

da patrizio.abboni@tin.it 26/05/2009 15.20

Re:Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa)

Con i miei più vivi complimenti. La caccia attraverso un vissuto, questo dovrebbe essere il giusto approccio per poter giudicare da parte di tutti.

Voto:

da Emilio 24/09/2008 9.52