HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

GLI AIRONI DI TEO


giovedì 21 gennaio 2016
    
Cacciatore per passione, tassidermista per hobby e ortolano per mestiere, possedeva alcuni orti a ridosso del mare, dove erano sparsi acquitrini e pozze d’acqua, nei quali preparava all’occasione degli appostamenti temporanei per la caccia ad anatre e trampolieri. Nei mesi fra settembre e novembre quei chiari fra gli orti erano frequentati dagli aironi cenerini che, giunti da lontano, dopo aver attraversato il mare, si abbassavano di quota per atterrare fra gli specchi d’acqua, dove c’era buona pastura. Teo salutava con gioia soprattutto l’arrivo dei grandi trampolieri. Ma gli aironi gli davano da vivere perché amava imbalsamarli per poi venderli. Erano molti i committenti che ambivano quei simulacri impagliati per farne mostra nei salotti. Possedeva anche una bretoncina che gli era sempre accanto, soprattutto  da quando, inspiegabilmente, era stato abbandonato dai figli e dalla moglie. La disinteressata fedeltà di Black compensava l’isolamento in cui l’uomo viveva.

All’arrivo dell’autunno quindi salutava con gioia l’arrivo di anatre, aironi e chiurli, in coincidenza della raccolta degli ortaggi. L’attività venatoria gli forniva qualche soldo con la vendita della selvaggina a chi aveva bisogno di carne a buon prezzo, in quei primi anni del dopoguerra. Non appena abbatteva qualche airone si portava nel laboratorio di tassidermia, adattato in modo approssimativo, e subito a sviscerare intestini e ricostruire scheletri ferrei per ricavarne sagome parlanti di ardeidi dai becchi acuminati e dall’aspetto vivo e vero. Era molto bravo nel ridare espressioni significative pur nell’atteggiamento statico del selvatico impagliato.

Putroppo quel detto latino: “Sic transit gloria mundi” valse anche per lui. E proprio quando aveva in mente di acquistare una nuova doppietta che sostituisse il vecchio schioppo ereditato dal nonno paterno, a cani esterni e tanto malandato che era costretto durante la caccia e dopo lo sparo, a riordinare percussori e grilletti, i numerosi stuoli di aironi non si videro più. Passava settembre, sopraggiungeva ottobre e i selvatici che arrivavano dal mare, diminuivano. Di aironi ne abbatteva veramente pochi, una decina a stagione, non riuscendo a soddisfare le richieste di imbalsamazione. Teo, di buon mattino, scrutava il cielo, soprattutto verso il levante e non si spiegava quelle assenze. Spesso si appostava anche di notte, all’umido e al freddo, Black vicino, a fargli compagnia e a condividere tristezze e malinconie. Ma nelle notti lunari, nelle ombre celesti, nulla percepiva o appariva.

Gli anni passavano inesorabilmente e il ricordo della moglie e dei figli s’era fatto lontanissimo. Negli occhi di Teo si poteva intravvedere una difficile esistenza al tramonto, mentre in quegli di Black si percepiva una speranza inconscia di vita. Eppure ciò che gli arrecava più sconforto, a deprimerlo nello spirito, era l’assenza delle prede. Gli aironi lo avevano abbandonato e più non pasturavano negli orti che erano rimasti incolti per le precarie condizioni di salute di Teo. Un mattino d’aprile si ripetè il miracolo. L’uomo sentì guaire Black che lo avvertiva di qualcosa. Erano aironi di passo. Quel lamento cagnesco non lo poteva tradire, lo conosceva fin troppo bene; tante volte lo aveva percepito e altrettante volte la bretoncina lo aveva invitato alla caccia e al lavoro.

Uno stuolo di una ventina di cenerini gridava nel cielo. E questa volta quei gridi rauchi lo impaurivano. Ad aprile la caccia era chiusa, e i guardiacaccia lo aveno ammonito a non azzardare fucilate, perché sarebbero sopraggiunti di corsa alla capanna per punirlo. E Teo questo lo sapeva. Ora sofferente nel letto presagiva la fine, accarezzando il cane. Eppure i grandi uccelli erano lì ad attenderlo come a rispetto del dolore umano. Teo non aveva più la forza di lavorare. Gli si parava dinanzi agli occhi l’immagine della morte. E solo un cane era presente a quel trapasso. Quando la bara fu portata all’ultima dimora, nell’alto del cielo due stuoli di aironi si incrociavano, lanciandogli il grido d’addio, mentre sulla terra solo Black gli rendeva l’estremo saluto.


Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:GLI AIRONI DI TEO

Spesso la passione della caccia si intreccia con la vita e il lavoro. Ed infatti molti cacciatori passati erano uomini umili che univano l'utile al dilettevole e per loro l'arte della caccia rappresentava anche lavoro e guadagno. Spesso accompagnavano i nobili sulle vie della selvaggina per ricevere qualche compenso. E come nel racconto quegli uomini e quella caccia sono finiti. E per noi oggi c'è solo da attingere al passato per conservare realtà ed umiltà nei confronti della natura.

Voto:

da Amante della natura. 22/01/2016 15.43