HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Nella poesia dei ricordi


venerdì 8 luglio 2011
    

Nel cuore del grande bosco viveva Francesco, don Ciccio per gli amici. Abitava una masseria inghiottita dal verde di querce secolari. Anima solitaria e cacciatore, amico soprattutto dei beccacciari e sempre disponibile al dialogo e ad elargire tanta saggezza naturale. Figura patriarcale d'uomo d'altri tempi. Si distingueva per la lunga barba bianca e folta, la pipa, i pantaloni alla cavallerizza e gli stivaloni di cuoio. Leggeva nel libro immenso della natura, fatto di foglie e colori, pioggia e vento, di silenzi e voci arcane e capiva i misteri del bosco, nell'alternarsi degli eventi del cielo e della terra, nel flusso delle migrazioni e all'arrivo dei selvatici. Dava insegnamenti soprattutto ai neofiti, perché conosceva le abitudini dei selvatici, dal tordo al colombaccio, dalla volpe al tasso, ma sapeva profondamente di lei, che nella sua terra se la faceva da regina, ospite svernante. Ne intuiva i misteriosi comportamenti, ritenendo non solo selvatico bello, ma istintivamente intelligente, con quell'astuzia congenita, in perenne lotta con l'uomo e il cane.


Oggi, nei ricordi del beccacciaro c'è lei, don Ciccio e l'altro, il grande maestro: suo padre e poi tanti cani, ma soprattutto Friz, il cane della giovinezza e delle primavere passate e perdute. Quella caccia si svolgeva in un paradiso naturale. Padre e figlio alla continua ricerca dello scolopacide. Qualche volta si accompagnava lui, don Ciccio.


Lei doveva esserci, negli angoli ambiti, al sicuro da pericoli e alla ricerca di sapidi lombrichi. E le intuizioni del maestro sortivano stoccate magistrali, a volte lasciate alla prorompente giovinezza del figlio, già neofita esperto alle dipendenze delle iniziazioni del genitore. Fra quei querceti, le albe e i tramonti come pure i mezzodì e le controre non erano segnati da un comune orologio, ma dalle ansie e dai palpiti dei cacciatori, dai battiti accellerati dei loro cuori, dagli improvvisi frulli della regina, ed infine dalla stoccata che rompeva il silenzio, ma breve. Perché subito la quiete si ricomponeva, mentre si percepiva il continuo scampanellio del cane. Poi di nuovo il momento della ferma. Taceva il campanaccio e i cacciatori, padre e figlio, di nuovo a lezione: da una parte il maestro, di contro l'allievo, figlio attento di Diana. E la lezione si concludeva con il voto: il più delle volte positivo e buono, a volte ottimo, ma di tanto in tanto non mancava lo scarso e l'insufficiente. Perchè nella caccia alla regina più che l'intelligenza logico - discorsiva, vale l'intuizione prammatica, la percezione istintiva del possibile frullo e della via che seguirà lei, l'impenitente delle sorprese, con la sua astuzia alata.


Così la storia infinita dei due beccacciari, e poi il ritrovo alla masseria e sul tavolo le beccacce abbattute e in più il camino dove si alimentava la fiamma perenne a riscaldare quelle pareti arabescate da tele di ragni. Ora don Ciccio non c'è più e nemmeno il grande maestro e padre. Solo il figlio ne è testimone e cacciatore narrante a vivere nell'attualità del presente e alla luce della memoria storica del padre. A caccia ancora della regina che nel grande bosco, ai primi freddi dell'autunno, riappare portata dai venti migratori, a ripetere la lotta antica e sempre nuova col cane e il beccacciaro. E lei non accetta compromessi perchè è rimasta identica a se stessa: unica grande maestra. Ma anch'essa ha la sua memoria storica perchè pare che la prima beccaccia, giunta al grande bosco dalla lunga migrazione, al crepuscolo, prima di lasciare le sue alcove naturali per involarsi verso la pastura, esegua un mezzo giro di ricognizione alla ricerca del fantasma di don Ciccio , e poi si avvii con quel magico volo felpato e silente, per i cieli della grande quercia a salutare l'ombra del maestro e del suo Friz. 
 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:Nella poesia dei ricordi

E così anche il grande bosco del racconto fa parte del Parco dell'Alta Murgia che ha espropriati dalla caccia tanti cacciatori pugliesi.Si cacciavano tordi, beccacce e colombacci. Oggi altro non c'è che il ricordo e il rimpianto di territori non più recuperabili alla nostra passione. E grazie all'amico che ce li riporta nella memoria.

Voto:

da Da : amanti della migratoria. 12/07/2011 16.31

Re:Nella poesia dei ricordi

Gli ambiti di caccia descritti nel racconto fanno parte,oggi, del Parco dell'Alta Murgia,nella provincia di Bari. Quivi,quando arriva la regina, a novembre, vive solitaria e più non trova l'ombra del suo spasimante: il cacciatore! Al passo inesorabile del tempo tutto si trasforma e, ahimè!, si perde.

Voto:

da Da : Il figlio di Diana. 10/07/2011 7.30

Re:Nella poesia dei ricordi

E'la narrazione lirica di nostalgie di prospettive perdute. Traspare, come in altre narrazioni dell'autore, l'irriducibile eterna umana aporia tra l'attaccamento a momenti pienamente vissuti e la consapevolezza del tempo che passa,trascinando e modificando il tutto.

Voto:

da Da damianodottore 09/07/2011 13.31