HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il cinghiale e gli occhiali da sole


giovedì 5 novembre 2015
    
E’ una giornata calda, impensabile per i primi giorni di novembre quando apre la caccia al cinghiale. L’autunno è sceso sui boschi che circondano la zona stabilita con i colori dell’arcobaleno: macchie rosse  e gialle tra l’intenso marrone delle foglie morte ancora su gli alberi, il grigio nero dei lecci e il verde di qualche pino.
E’ già tardi e il sole splende abbagliando i miei occhi miopi e stanchi per l’estate da poco lasciata, mi metto gli occhiali scuri per proteggerli.
Insieme con la piccola squadra di cacciatori variamente composita “la disperata”, facciamo colazione prima di iniziare la caccia all’animale nero e grigio misteriosamente nascosto nel bosco,  poi ci muoviamo con le macchine per avvicinarci alla partenza. Lentamente alterniamo i posti tra gli amici della squadra, una macchina con alcuni cani resta alla casa di caccia per non portarli sul posto tutti.

Sulla mia prendono posto Maurizio e Francesco, il primo un vecchio cacciatore ospite con occhiali e baffetti bianchi da un’aria toscana sveglia e sincera, il secondo medico figlio di un caro amico scomparso, giovane e agile come un camoscio; lasciano alla casa di caccia le loro auto, altri seguono lo stesso sistema. I cani nelle loro gabbie dalle forme bizzarre, abbaiano ansiosi di partire insieme a noi per dare sfogo alla loro passione parallela alla nostra ma per loro più intensa perché dovranno trovarsi vicini ai cinghiali e più di noi rischiano le loro difese aguzze e pericolose. Nel cielo in direzione del mare si sta affacciando qualche nuvola blu scura che corona l’azzurro intenso del resto del cielo. Decidiamo dove cacciare. I canai Mauro e Luciano entrano nel bosco con i loro cani: Pippo un postvait arancio dal petto bianco, Toby un meticcio segugio provetto abbaiatore a fermo, Vespina altra meticcia di segugio italiano, Luciano con altri due o tre meticci dalle origini abbastanza improbabili e non rintracciabili. Con Maurizio e Francesco lasciamo la macchina e scendiamo a valle della strada, ci mettiamo a lato del bosco: mi piazzo a capo di una macchia di pruni, raggiungendola con un faticoso percorso sul maggese appena lavorato, Maurizio sotto alla  medesima macchia a circa 50 metri da me e molto più in fondo Francesco che in omaggio alla sua gioventù può camminare meglio di noi. Le altre poste della squadra scendono dall’estremità opposta del bosco che così circondiamo impedendo parzialmente la fuga dei cinghiali che vi si possono trovare.

Nel frattempo quel nero di nuvole che si assiepava dalla parte del mare lentamente va a coprire sempre di più l’azzurro del cielo e in lontananza si incominciano a sentire rumoreggiare i tuoni. Il destino della bella giornata va imprevedibilmente cambiando. Ho dimenticato di togliermi gli occhiali da sole lasciando sulla macchina quelli chiari. A questo punto sarebbe troppo faticoso e lungo risalire per cambiarli spero che non mi disturbino, ancora il tempo è molto sereno e anche se il sole andasse via potrei vedere lo stesso.

Ci mettiamo in attesa, in lontananza si cominciano a sentire abbaiare i cani ma il nero blu delle nuvole, evidentemente gravide di pioggia e di scariche elettriche sta avanzando velocemente coprendo completamente il cielo che rimane azzurro soltanto verso nord come una finestra di speranza. Sono seduto sul seggiolino portatile e malfermo per attendere più comodamente gli sviluppi della battuta. Sento i cani abbaiare più vicino ma il loro suono è coperto dal rombo dei tuoni e dallo schianto dei fulmini. Un temporale quasi estivo si sta avvicinando velocemente: cominciano a cadere le prime gocce che mano a mano si intensificano trasformandosi in acquazzone violento. I fulmini ormai cadono vicini, l’acqua scroscia sull’ombrello di tela cerata verde che mi ero portato dietro per cautela, il terreno si inzuppa d’acqua che lo rende marrone scuro. Intorno a me sembra calare la notte, solo schiarita dai lampi dei fulmini; comincio a pensare che sarà meglio  tornare verso la macchina. Improvvisamente un cinghiale si affaccia sulla curva della collina dirigendosi dritto dritto verso di me, le sue setole scure sono più scure per la pioggia e si confondono con il maggese bagnato. Maurizio che mi vede indifferente e preoccupato per il temporale, mi avverte gridando “Attento, attento arriva il cinghiale!!! Attento!!!”. Il cinghiale si ferma un attimo al suono inaspettato della voce, si gira immediatamente fuggendo da dove era venuto e scomparendo completamente dalla mia vista incerta ed oscurata dagli occhiali.
Dalla parte opposta del bosco due o tre spari vibrano l’aria come tuoni: forse quel cinghiale che poteva essere mio è andato a farsi sparare dall’altra parte. La pioggia corre in cielo e in terra forma dei piccoli torrenti gorgoglianti, i tuoni scuotono il terreno e il mio cuore, i fulmini picchiano vicino, cerco inutilmente di dare una voce a Maurizio che non mi sente e agli altri e mi avvio  faticosamente verso la strada. Cammino in salita tra le zolle bagnate con grande fatica, gli stivali affondano e si appesantiscano per la creta che si attacca alle suole quasi imprigionando le gambe in una massa grigia di fango. I fulmini vicini e frequenti mi danno la carica necessaria a camminare, ogni tanto mi fermo ma ad ogni fulmine riparto e faccio un passo in più, spero di arrivare presto alla strada. Penso che la macchina sia  abbastanza sicura agendo come  una gabbia di Faradayt.

Alla strada arrivano anche gli altri amici disperati e impauriti: i fucili attirano i fulmini. Ci sono anche i canai e i cani infreddoliti, bagnati e con la coda tra le gambe. Corre notizia che dall’altra parte del bosco le poste sono riuscite ad uccidere tre cinghiali, tra i quali quello che il destino aveva assegnato a me e da me perduto come tante altre cose per l’intervento del tempo e forse principalmente per gli occhiali da sole che mi hanno impedito di vederlo subito mentre si dirigeva  verso di me, anche se Maurizio mi ha urlato incautamente facendolo fuggire, ma la colpa è sempre mia: ogni azione che ci accade proviene sempre da noi stessi. A quel punto resta il problema di recuperare i tre cinghiali uccisi ma ci avremmo pensato dopo.  Nel frattempo con tutta la squadra  ci dirigemmo verso la casa di caccia dove sapevamo acceso un fuoco ristoratore da qualcuno molto previdente.
A me resta questa nuova esperienza tra le tante vissute e pagate da regalare ai cacciatori: non andate mai alla posta del cinghiale con gli occhiali da sole!

Alfredo Lucifero
Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...