Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Di un Cacciatore


mercoledì 23 luglio 2008
    

Camminava lungo la via che dal vecchio ponte, costeggiando il torrente, porta al casale e già le luci familiari del piccolo paese apparivano distanti ma nitide nella direzione in cui due ore prima era tramontato il sole. Si era attardato su nell’altopiano a parlare con quell’unico amico che aveva visto più primavere di lui, ed ora scendeva a valle con in suoi due vecchi segugi al guinzaglio.
Aveva sentito l’acqua scorrere in mille vortici ed il brusio sommesso di questa nel frangersi sui ciottoli più grandi del letto ghiaioso.
Pensava alle trote che non c’erano più.. .Le immaginava ferme tra una corrente e l’altra mentre aspettavano un insetto che, per sfortuna o per picco d’audacia, era caduto in corrente un poco più a monte, all’altezza del prato reso verde dagli acquazzoni di un autunno iniziato.
Pensò che molti insetti sarebbero caduti in acqua in quel tratto. . . Coccinelle, cavallette, grilli...
I grilli...
Li sentiva cantare ai bordi della strada, da quando al mattino, prima dell’alba, era uscito con i due segugi a cui l’incedere delle stagioni aveva incurvato la schiena e tinto di bianco il pelo del viso; era vecchio anche lui ormai, se lo ripeteva ogni giorno quando l’anca e la schiena gli dolevano e la vista al mattino era spesso annebbiata.
Così i grilli strepitavano il loro amore a quella parte di luna che ora appariva densa di luce, ed il vecchio aveva l’impressione di sentire i loro movimenti sull’erba non ancora completamente inumidita dalla prima rugiada della note. Se fosse stato più tardi, quando l’umidità scende più abbondante ed attutisce i rumori immaginari, allora non avrebbe avuto quella sensazione ed i grilli sarebbero scivolati silenziosi sui ciuffi verdi o sugli steli morti dell’erba che fu.
Ora la strada costeggiava la massicciata dove i caprioli scendevano al torrente per brucare i teneri germogli delle piante che crescono vicino alla sponda, ed uno di loro avrebbe potuto abbaiargli se già fosse stato in procinto di risalire o se comunque avesse colto il suo passo. Sciacquò le spoglie della lepre nell’acqua corrente e poco più a monte i due cani fulvi legati con un guinzaglio di corda ingiallito ed inspessito dall’umido, bevvero con soddisfazione l’acqua veloce. Non c’era cosa più onesta di quei gesti e quell’etica avrebbe dovuto conoscere chi, da un salotto buono di città, criticava quel mondo: quel modo di vivere e quelle passioni che uomini e cani sentono dentro quando l’autunno scaccia l’estate e le foglie ingiallite dal sole compiono il loro inverso viaggio dal cielo alla terra.
Il vecchio non aumentò il ritmo, non aveva fretta di arrivare.. .E non aveva freddo, forse perché aveva già immaginato ciò che fra poco avrebbe trovato, e si scaldava nel tepore dei ricordi ed in ciò che aveva vissuto.. .Vissuto e fatto vivere. Ricordava il Babbo ed il Nonno, con i quali aveva cacciato, ed i loro segugi fulvi e nero focati. Ripensò distintamente a Fiamma, una segugia del Nonno, al suo scagno lento quando era sull’usta lunga della lepre, ed a Timido, l’ultimo cane che ebbe il Babbo che alzava la testa e le orecchie quando il covo della lepre era prossimo sotto al suo naso.
E ricordò sua moglie, quando aveva capito che davvero La amava e che in tutto La desiderava come mai aveva desiderato qualcuno.
Sul timone della vita il suo polso era stato fermo. Sapeva leggere i venti ascoltando l’incresparsi sommesso delle foglie che si piegano sotto il peso dell’aria spinta dal Nord quando i tordi tornano a zirlare sui ginepri, i mirti o gli ulivi.
Già vedeva le luci delle finestre più alte del casale rompere il chiarore delicato della luna che lo sovrastava lambendo languida il profilo dei colli che contornavano la valle.
Entrò in casa ed accudì i cani; li accarezzò pizzicandogli dolcemente il sottomento, scodinzolarono sinceri e con la testa gli si strusciarono addosso, potè allora guardarli negli occhi a cui il grigio velo della cataratta aveva ormai stemperato il bel colore marrone. Asciugò il fucile dall’umido della sera e lo ripose nella rastrelliera in fondo alla stanza.
Dopo aver consumato una cena leggera accese la pipa, prese il libro e si sedette sulla poltrona dinnanzi al camino. Gli doleva la schiena.
Lesse un pò, perché anche quella era stata una sua grande passione e con la mente ripercorse i suoi studi più cari: così ripensò ai Mirmidoni ed agli Achei che avevano combattuto sotto alle vaste mura d’Ilio, alle legioni di Cesare che, uniche, al culmine dello splendore dell’impero edificarono il Vallo dell’imperatore Adriano in una terra che nei secoli non fu mai più violata ne’ dalla grandeur dei francesi, né dalle ispaniche navi dell’“Invincibile armata”, ne’ dalle truppe che un folle assassino inviò in un’operazione chiamata “Leone marino”, dove mai nessun manipolo di combattenti germanici piantò la sua bandiera, eccezion fatta per le teutoniche effigi degli Stukas abbattuti in quei cieli plumbei e gravi dagli Spitfire che fecero sì che un pugno di piloti ed eroi dividesse Hithler dalle bianche scogliere di Dover.
Pensieri e ricordi si susseguivano e si intrecciavano copiosamente e così andando a dormire portò il libro dalla poltrona al letto.
Mentre cercava di prendere sonno ricordò l’ampiezza e la magnificenza umana dei suoi nonni che insieme ai suoi genitori lo avevano allevato e curato, lavandolo nell’acqua tiepida di un catino nel piccolo cortile di una vecchia casa; od il cioccolatino che puntualmente riceveva quando alle otto della sera il campanello della porta suonava e lui, bambino, correva ad aprire precipitandosi giù per le scale incontro al nonno che con passo fiero saliva.
Ad un certo punto della notte, quando il sonno lo vinse ebbe come l’impressione di sentire un peso al petto, un groppo insostenibile che svanì in pochi istanti.
Al mattino si alzò ed apri la porta per far uscire i suoi cani. Li guardò correre verso i prati antistanti ma rimase sorpreso, notò che non avevano più il pelo imbiancato dal tempo e la loro schiena che ora appariva diritta li sosteneva in splendida forma, così uscì per meglio vederli e sentì l’aria frizzante delle albe d’autunno accarezzargli il volto. Cercò stupito di richiamare a se i cani ma udì, da prima lontano, un abbaio che ben ricordava, era Timido il cane del Babbo, si voltò e lo vide farglisi incontro festoso. Il vecchio si piegò per accarezzarlo e vedendosi la mano callosa si accorse che non era più vecchio, in quel momento sentì un inconfondibile fischio, alzò gli occhi e vide, rischiarati dalla luce intensa del primo sole, il Babbo ed il Nonno che gli si facevano incontro...

Pierpaolo Giglioni

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

15 commenti finora...

Re:Di un Cacciatore

Bellissimo e commovente!

Voto:

da Hunter 15/07/2009 17.56

Re:Di un Cacciatore

Bello, anche se un po triste.

Voto:

da Pio 24/02/2009 13.50



Voto:

da anonimo 06/09/2008 18.00



Voto:

da anonimo 31/08/2008 14.56



Voto:

da anonimo 28/08/2008 12.14



Voto:

da anonimo 27/08/2008 18.41



Voto:

da anonimo 27/08/2008 10.50



mi ha commosso. grazie

Voto:

da anonimo 26/08/2008 17.35



Voto:

da anonimo 23/08/2008 8.01



Voto:

da anonimo 19/08/2008 22.57



Voto:

da anonimo 19/08/2008 19.54



Voto:

da anonimo 13/08/2008 8.01



Voto:

da anonimo 12/08/2008 13.49



Voto:

da anonimo 09/08/2008 9.15



Voto:

da anonimo 05/08/2008 9.21