Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

IL CINGHIALE DEI POVERI


mercoledì 7 gennaio 2015
    

Pompeo decise di cacciare tordi quella mattina. Amici di caccia gli avevano riferito di nutriti stuoli di sasselli che a causa delle abbondanti nevicate avevano abbandonato le zone pedemontane per portarsi verso le colline, fra boschi e ulivi. Da qualche anno in pensione dalle ferrovie dello Stato, in quel giorno feriale non aveva rintracciato nessun amico disponibile. La moglie era lì a dissuaderlo, ma da buon migratorista Pompeo non volle ascoltare ragioni. Lasciò in fretta la casetta di campagna che abitava nelle vacanze natalizie e durante l’estate, e decise di percorrere qualche chilometro a piedi per raggiungere i primi boschi. Un sentiero agevole lo avrebbe condotto fra querce e antichi ulivi incolti. Una volta raggiunto il luogo di caccia, da buon chioccolatore, avrebbe scelto l’albero di buttata e un appostamento d’occasione. Nel mentre saliva, osservava sasselli scomparire fra le querce, senza far ritorno alla pastura.

Vi giunse, si fermò, attese gli eventi, e di sasselli nemmeno l’ombra. Li sentiva però cicalare fra querce e ulivi. Chioccolò per una decina di minuti, alternando il gorgheggio del bottaccio allo striscio del sassello. Nessun volatile si fece vivo. Rivide le precedenti decisioni e si portò nel bosco, sperando di tirare a qualche uccello allo schizzo. Così pensava e sperava. Ma nulla di nulla. I volatili erano inquieti e scomparivano non appena lo intravvedevano. L’antica doppietta gli pesava e gli intrighi del bosco lo stancavano. Sedette su di un masso e aspettò. Fischiò magistrali stridii di sasselli, ma non ebbe risposta alcuna  e rimase lì fermo a ricapitolare la propria esistenza. Ma ecco percepire uno sfrascare di foglie e rami per l’arrivo silente di una grande ombra nera. Gli si appannò la vista e l’ombra si fermò ad una decina di metri.

Poi un raggio di sole fugò le ombre e apparve lui, il cinghiale che lo sbirciava con sospetto, pronto a dileguarsi. Pompeo aveva caricato la doppietta col nove, per i tordi.

 Ed ora cosa fare? Sparargli? Un pò di cinghiale a Natale sarebbe stato più che opportuno. La bestia mosse appena il grugno, pronto a fuggire. Pompeo realizzò di sparargli al cuore, a suo dire. Partirono due colpi in rapida successione. Il cinghiale parve tramortire, ma si allontanò celermente. L’uomo venante s’inoltrò nella selva illudendosi di recuperarlo. Il cinghiale infatti era stato colpito mortalmente e quella corsa nel bosco era una fuga verso la morte. Finì le sue forze nello spazio di una radura dove il pastore Torquato con pecore e montoni era solito pascolare. La bestia si presentò moribonda come massa nera ad impaurire il gregge che pascolava tranquillo; inclinò sulla destra e cadde privo di forze e di vita. I montoni saltarono e le pecore si scomposero disperdendosi per ogni dove. Torquato lo osservava per terra. Lo conosceva da tempo, e spesso l’aveva intravisto nel folto, dileguarsi. E quante volte l’aveva  immaginato scotennato a sopperire ai magri pranzi del lungo inverno. In quella settimana natalizia lo spirito dei boschi avrebbe gratificato il pastore che da anni si aggirava fra quelle macchie. Torquato aveva udito i due colpi lontano, senza farci caso, ma ora capiva.

Doveva aspettare il legittimo proprietario o nasconderlo per poi trascinarlo fino agli stazzi dove trascorreva la notte con agnelli e capri?

Il desiderio di quel possesso divenne così forte che, pur non avendo mai rubato, si fece ladro per l’occasione. Con fatica trascinò la preda in un vicino avvallamento, la coprì con frasche e fogliame e tornò a ricomporre il pascolo, riunendo intorno a sè, pecore, capri e montoni. Ma Tacito vagava impaziente, appoggiandosi riflessivo all’antico bastone, Qualche capro lo guardava strano, come a interrogarlo. Anche un grosso ramarro in letargo si scompose al tonfo dei pesanti scarponi. Attese il tramonto per riportare il gregge negli stazzi e nel contempo percepiva passi che sfrascavano tra foglie e rami. Gli indicavano che qualcuno era in arrivo. Ed era Pompeo che allo scampanellio dei capri al pascolo, gli si avvicinò.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:IL CINGHIALE DEI POVERI

Racconto piacevole a significare che il cinghiale è una preda ambita la cui caccia va eseguita con preparazione e intelligenza. L'Italia è piena di cinghiali e penso che non ci sarebbero problemi ad allungarne di tempi di prelievo.Viva il cingiale e viva la caccia.

Voto:

da Il figlio di Diana. 10/01/2015 15.02