Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Cacciarella sibillinaSperanze d'autunnoLa quercia della crocePrego, spari Lei!Babboo… la lepre!Il linguaggio della naturaIo , Aston e la " nostra " prima coppiolaLa mia avventuraLe Lodole dell'AquilaiaSapore AnticoMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Pane con l’olio


venerdì 6 luglio 2018
    

Metà Novembre, tempo di Beccacce.


Ho atteso tutta la settimana e finalmente ci siamo: è arrivato il sabato! Una leggera tramontana mi fa pure sperare che sarà un giorno fortunato.


Per la testa ho anche voglia di affrontare nuovamente la parte culinaria dell’Ars Venandi. Ovvero, cucinando in prima persona, riuscire a trovare quell’armonia di sapori che creava chi ti faceva ritrovare nel piatto quello che, dopo aver cacciato, le lasciavi sulla tavola di cucina senza più curarti di nulla e di cui adesso, purtroppo, non hai che un ricordo.


Con questa ulteriore smania, e considerato che ultimamente ho fatto anche qualche progresso in materia, parto la mattina abbastanza presto e dopo un’oretta arrivo sul “posto”.


L’ho scoperto quasi per caso: quercioli radi e ginepri, una lingua di bosco tra i due vigneti dove non ho trovato mai nessuno a “sbubbolare”.. e quasi tutte le volte ce L’ho trovata!


Parcheggio in modo abbastanza “anonimo” e mi preparo; sciolgo Dusty, il mio setter bianconero,  e mentre rivivo mentalmente gli incontri avvenuti nelle occasioni precedenti, un brivido mischiato ad una certa eccitazione mi prende come il solito, quasi provassi sempre nuove le sensazioni del “nostro” primo appuntamento.


Dusty è un cane che si è mostrato notevole fin da subito. Scorre bene, batte il terreno e rientra sempre, senza che lo chiami praticamente mai. Con lui nel bosco si caccia in silenzio assoluto; e quando la vegetazione lo nasconde alla mia vista, devo solo interpretare il suono del campano che mi segnali, in ogni momento, cosa stia succedendo; se il suono si blocca e il cane non rientra, significa che mi sta aspettando: in ferma, sul selvatico.


Inizio da lontano rispetto al punto in cui spesso L’ho incontrata, senza fretta, limitando al massimo ogni sorta di rumore che possa incrinare il silenzio ovattato del bosco e creare un qualche disturbo. 


Piano piano ci arrivo, controllando un certa emozione e aspettando solo che, da un momento all’altro, il campano smetta di suonare e mi avverta che è stata “agganciata”.


Arrivato però quasi al terminare del bosco, quando inizio a essere un po’ meno ottimista circa l’esito dell’uscita, mentre mi abbasso per passare sotto ad un ginepro, inaspettatamente mi trovo di fronte ad un …“segno”; segno  che qualcuno, preso da un bisogno impellente, ha lasciato a causa forse di una cena abbondante.

Ovviamente contrariato, cerco subito di cambiare strada ma, per un attimo, non posso fare a meno di notare che vi sono presenti dei fori, che subito mi fanno tornare alla mente una foto vista in un famoso libro sulla Beccaccia, dove si mostrava, appunto, i segni della sua pastura lasciati sul terreno bagnato; e mentre faccio questa considerazione anche supportato, ma non confortato,  da una nota letta in un libro di un famoso beccacciaio e scrittore, Ettore Garavini, che indica la predilezione della Beccaccia per terreni dove sono presenti animali bradi al pascolo, improvvisamente,... il campano del cane si zittisce. 


Alzo la testa e, ad una decina di metri, vedo Dusty in ferma, seduto, come era suo solito quando percepiva l’emanazione emessa dalla Beccaccia.


Sgombro la mente da tutto e lentamente mi avvicino in silenzio e mi piazzo.
Regge bene la ferma e posso anche trovare una discreta visuale tra i ginepri.
Finalmente parte!


D’imbracciatura piazzo una coppiola “arrabbiata”, ma quando alzo la testa La vedo sfilare giù, più in basso, incolume.


“MENO MALE !!” - mi viene da dire ad alta voce, sicuramente sollevato da un peso.


Mai una padella è stata accolta così bene.


Aspetto che il cane “bracchi” sotto al cespuglio dove si era assodata, senza muovermi; lo fischio e quando rientra, interpreto il suo sguardo come dicesse: “..andiamo, cosa aspetti?.. è là dietro, a poche decine di metri, dove vuoi che sia?...”


Allora, dopo una carezza sulla testa, gli metto il guinzaglio ed incamminandoci nella direzione opposta, gli dico:


“-Vieni, cambiamo zona, stasera a cena meglio pane con l’olio che crostini di Beccaccia”… e siamo andati via.


Marco Pampaloni

 


Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi” A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze [email protected] www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...